Dovi: «At­tac­che­rò» Marc: «Tran­quil­lo con 16 punti di gap»

Motegi, pi­sta di pro­prie­tà Hon­da, sem­bra fat­ta per esal­ta­re le Du­ca­ti. Il for­li­ve­se: «È il mo­men­to, da­rò tut­to ma ge­sten­do». Mar­quez: «Non cam­bio la mia men­ta­li­tà»

La Gazzetta dello Sport - - Motomondiale - Pao­lo Ia­nie­ri IN­VIA­TO A MOTEGI (GIAP­PO­NE)

Nel tar­do po­me­rig­gio, quan­do or­mai il buio è ca­la­to sul cir­cui­to di Motegi, gli oc­chi di An­drea Do­vi­zio­so ini­zia­no a mo­stra­re cen­ni di ce­di­men­to. Lo sguar­do una fes­su­ra, le pu­pil­le ar­ros­sa­te, Dovi fre­na qual­che sba­di­glio, men­tre al suo fianco Marc Mar­quez par­la sen­za so­sta. Que­stio­ne di fu­so: lo spa­gno­lo lea­der del Mon­dia­le è at­ter­ra­to in Giap­po­ne mar­te­dì, in tem­po per una vi­si­ta al quar­tier ge­ne­ra­le del­la Hon­da, un gi­ro per To­kyo, ma so­prat­tut­to per ini­zia­re ad ac­cli­ma­tar­si al­le 7 ore di dif­fe­ren­za ri­spet­to all’Eu­ro­pa. An­drea in­ve­ce ha scel­to la stra­te­gia op­po­sta, è at­ter­ra­to all’ae­ro­por­to del­la ca­pi­ta­le so­lo ie­ri mat­ti­na, e da lì ha rag­giun­to di­ret­ta­men­te il cir­cui­to.

VIA AL­LA VO­LA­TA Motegi, pi­sta che in pas­sa­to ha vi­sto scri­ve­re pa­gi­ne im­por­tan­ti del mo­to­ci­cli­smo ita­lia­no — l’ot­ta­vo Mon­dia­le vin­to da Va­len­ti­no Ros­si nel 2008 («scu­sa­te il ri­tar­do» c’era scrit­to sul­la ma­gliet­ta) a un anno dall’apo­teo­si Du­ca­ti, Ca­sey Sto­ner cam­pio­ne e Lo­ris Ca­pi­ros­si per l’ul­ti­ma vol­ta vin­ci­to­re di un GP —, ma che è dol­ce an­che nel­la me­mo­ria di Marc, che qui ha fe­steg­gia­to due ti­to­li Mo­toGP: nel 2014, col fra­tel­lo Alex a ce­le­brar­lo ve­sti­to da sa­mu­rai, e 12 me­si fa, quan­do il ter­zo si­gil­lo da «gran­de» ar­ri­vò in an­ti­ci­po, gra­zie al­la ca­du­ta di Va­len­ti­no che gli spa­lan­cò la stra­da ver­so il trion­fo. «Quel­lo di un anno fa è un ri­cor­do in­cre­di­bi­le — rac­con­ta Mar­quez —. Vit­to­ria e Mon­dia­le in un col­po so­lo da­van­ti ai boss. È una pi­sta che a me pia­ce tan­to, ma do­ve in pas­sa­to ho sem­pre fa­ti­ca­to. Pe­rò un anno fa qui gui­dai for­tis­si­mo e mi pia­ce­reb­be che fos­se an­co­ra co­sì».

CHE FRENATE La vo­la­ta del Mon­dia­le, 4 ga­re da­van­ti, Giap­po­ne, Au­stra­lia e Ma­le­sia una do­po l’al­tra, pri­ma del­la pas­se­rel­la fi­na­le di Va­len­cia, en­tra nel vi­vo sul­la pi­sta di pro­prie­tà del­la Hon­da ma che, per con­for­mi­tà del trac­cia­to, sem­bra es­se­re sta­ta di­se­gna­ta ap­po­sta per esal­ta­re le ca­rat­te­ri­sti­che del­la Du­ca­ti. Ma an­che di Do­vi­zio­so. «Le frenate vio­len­te so­no una mia spe­cia­li­tà, lo san­no tut­ti. E an­che la mia mo­to si com­por­ta be­ne quan­do si trat­ta di stac­ca­re e poi ri­par­ti­re in ac­ce­le­ra­zio­ne. Lo scor­so anno qui so­no an­da­to for­te (2o die­tro Mar­quez;

n.d.r.), sa­re­mo pron­ti», pro­met­te il for­li­ve­se. Che qua­si si­cu­ra­men­te gi­re­rà con la ca­re­na ala­ta.

AC­QUA INDIGESTA Mar­quez, Do­vi­zio­so e… Ma­ve­rick Viñales. Il Mon­dia­le è una co­sa a tre, an­che se la cor­sa è for­te­men­te sbi­lan­cia­ta ver­so i pri­mi due, 16 i punti di van­tag­gio che Marc van­ta su An­drea, men­tre Ma­ve­rick sa­rà co­stret­to a vin­ce­re sem­pre e spe­ra­re in qual­che gua­io dei due da­van­ti per re­cu­pe­ra­re i 28 punti di svan­tag­gio dal con­na­zio­na­le e rien­tra­re in gio­co con una Yamaha che de­ve ri­sol­ve­re i pro­ble­mi di con­su­mo del­la gom­ma po­ste­rio­re nel fi­na­le. Con­si­de­ran­do che il me­teo an­nun­cia pioggia si­cu­ra per la ga­ra (per la qua­li­fi­ca di do­ma­ni so­no au­men­ta­te le pro­ba­bi­li­tà di asciut­to), la stra­da si fa in sa­li­ta pro­prio per il com­pa­gno di Va­len­ti­no, che con la M1 sul ba­gna­to non è mai ap­par­so trop­po com­pe­ti­ti­vo. «Ma per di­ven­tar­lo c’è so­lo una ri­cet­ta, la­vo­ra­re e an­co­ra la­vo­ra­re, la mia mo­ti­va­zio­ne non ba­sta, dob­bia­mo tro­va­re so­lu­zio­ni», spie­ga Viñales.

AT­TAC­CO Mar­quez e Do­vi­zio­so, nel con­tem­po, pro­fes­sa­no la cal­ma dei for­ti. «Que­sto è il

mo­men­to, ma io so­no mol­to cal­mo. Ho tan­te car­te da gio­car­mi — sor­ri­de in mo­do zen il lea­der Du­ca­ti —. Il Mon­dia­le da ades­so si­no al­la fi­ne sa­rà bol­len­te. Non so­no d’ac­cor­do con chi mi ha cri­ti­ca­to per le ul­ti­me ga­re, non ci sia­mo ri­spar­mia­ti e non ho cor­so di con­ser­va. Ma ades­so è ar­ri­va­to il mo­men­to di at­tac­ca­re, pe­rò con tran­quil­li­tà, da­rò tut­to, ma ge­sten­do. Se sia­mo a que­sto pun­to, vuol di­re che sia­mo sta­ti bra­vi e io so­no iper sod­di­sfat­to di que­sta si­tua­zio­ne, ab­bia­mo fat­to dav­ve­ro un gran la­vo­ro».

TRAN­QUIL­LO «Quel­lo che mi dà tran­quil­li­tà — re­pli­ca Mar­quez —, è che fi­no­ra so­no riu­sci­to a di­fen­der­mi in tut­te le con­di­zio­ni. Ed è una bel­la sen­sa­zio­ne. E i 16 punti di van­tag­gio mi ga­ran­ti­sco­no che an­che in ca­so di er­ro­re re­ste­rò co­mun­que in lot­ta per il ti­to­lo. Qui mi aspet­to un Do­vi­zio­so con la men­ta­li­tà dell’Au­stria, la pi­sta gli pia­ce e la Du­ca­ti va dav­ve­ro for­te. An­drà all’at­tac­co. Ma io non cam­bie­rò la mia men­ta­li­tà: se pos­so pren­der­mi un pun­to in più, ci pro­vo».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.