DO­VI­ZIO­SO AT­TAC­CA «ADES­SO O MAI PIÙ»

La Gazzetta dello Sport - - Da Prima Pagina - BRIZ­ZI, IA­NIE­RI, SCHEMBARI

E’dav­ve­ro in­ge­ne­ro­so pen­sa­re che An­drea Do­vi­zio­so ul­ti­ma­men­te ab­bia cor­so di con­ser­va. Che si sia ri­spar­mia­to nell’ul­ti­mo GP di Ara­gon o sia sta­to un po’ trop­po ra­gio­nie­re a Mi­sa­no. La ve­ri­tà è mol­to più ba­si­ca, me­no cer­vel­lo­ti­ca: in una sta­gio­ne stre­pi­to­sa (e inat­te­sa), il for­li­ve­se ha avu­to del­le gior­na­te non all’al­tez­za del­la sua clas­si­fi­ca, ha pro­ba­bil­men­te pa­ti­to trop­po la pres­sio­ne nel gran pre­mio di ca­sa (nel qua­le si è tro­va­to in pra­ti­ca a fa­re il vi­ce-Va­len­ti­no Ros­si) e si è do­vu­to in­chi­na­re al­la fe­ro­cia di Marc Mar­quez, re­du­ce dal ri­ti­ro di Sil­ver­sto­ne e per que­sto an­co­ra più di­spo­sto a ri­schia­re. Ci sta.

Ades­so, pe­rò, one­sta­men­te la si­tua­zio­ne si è fat­ta com­pli­ca­ta. La via che può por­ta­re al Mon­dia­le Do­vi­zio­so e la Du­ca­ti pas­sa ne­ces­sa­ria­men­te at­tra­ver­so il trit­ti­co Giap­po­ne-Au­stra­lia-Ma­le­sia, pri­ma del gran fi­na­le a Va­len­cia. Il pi­lo­ta ita­lia­no si ri­tro­va a -16 dal ca­po­clas­si­fi­ca e sa per­fet­ta­men­te che do­vrà af­fron­ta­re que­sti 21 gior­ni co­me se fos­se­ro un mi­niMon­dia­le. Non è un gap in­col­ma­bi­le, cer­to, ma se de­vi ve­der­te­la con os­si du­ri co­me Mar­quez e Viñales può an­che di­ven­tar­lo. L’aria si fa bol­len­te.

«At­tac­che­rò, ma sem­pre cer­can­do di ge­sti­re», ha di­chia­ra­to ie­ri ap­pe­na ar­ri­va­to in cir­cui­to. Nul­la di nuo­vo, cer­to, per­ché il Dovi non è mai sta­to pi­lo­ta da as­sal­ti scri­te­ria­ti, ma for­se lo spi­ri­to zen po­co si ad­di­ce a que­sta cam­pa­gna asia­ti­ca se dav­ve­ro si vuol ri­por­ta­re a Bor­go Pa­ni­ga­le quel ti­to­lo vin­to da Ca­sey Sto­ner nel 2007 pro­prio su que­sta pi­sta. Non è più tem­po da pal­lot­to­lie­ri, in­som­ma. Nè da bas­so pro­fi­lo. Se vor­rà dav­ve­ro scri­ve­re la sto­ria, do­vrà da­re l’as­sal­to su­bi­to nel­la pri­ma tap­pa, a Motegi, pi­sta di pro­prie­tà Hon­da, ma ben di­spo­sta nei con­fron­ti del­le mo­to di Bor­go Pa­ni­ga­le e adat­ta al suo sti­le. Stac­ca­to­ne e poi riac­ce­le­ra­zio­ni bru­cian­ti, di me­glio non si può de­si­de­ra­re se ti chia­mi Do­vi­zio­so e gui­di una De­smo­se­di­ci. Cer­to c’è l’in­co­gni­ta del me­teo che può mi­schia­re le car­te e por­ta­re avan­ti i bri­tan­ni­ci, Jor­ge Lo­ren­zo è in gran­de cre­sci­ta e so­prat­tut­to ta­le Va­len­ti­no Ros­si è an­nun­cia­to ab­ba­stan­za in for­ma do­po la lun­ga con­va­le­scen­za «at­ti­va» tra Ta­vul­lia e il suo Ran­ch. In­som­ma, vi­sto che tan­te (trop­pe) va­ria­bi­li pos­so­no in­flui­re sull’or­di­ne d’ar­ri­vo, ascol­ta il con­si­glio, Dovi: usa­ti vio­len­za e di­ven­ta un pi­lo­ta ago­ni­sti­ca­men­te «igno­ran­te» al­me­no per que­sto wee­kend. Non per­met­te­re che per i tuoi ti­fo­si l’al­ba del­la do­me­ni­ca del Sol Le­van­te si tra­sfor­mi in quel­la del So­le... Ca­lan­te. È ap­pe­na suc­ces­so con Se­ba­stian Vet­tel e la Fer­ra­ri a Su­zu­ka e non è sta­to per nien­te pia­ce­vo­le.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.