Il Co­ni al­la Fi­gc «Nuovo Sta­tu­to e nien­te ca­ri­che Che fa la Le­ga?»

●L’en­te di Ma­la­gò ha un ruo­lo di vi­gi­lan­za e ha in­via­to due se­gna­la­zio­ni

La Gazzetta dello Sport - - Calcio Verso Le Elezioni Federali - A. cat.

«Ca­ra Fi­gc, ti scri­vo...». In que­sta com­me­dia de­gli equi­vo­ci che ogni gior­no met­te in sce­na il cal­cio ita­lia­no, un pa­io di set­ti­ma­ne fa il Co­ni, esple­tan­do il suo ruo­lo di vi­gi­lan­za ad un me­se dal vo­to, ha in­via­to una let­te­ra al­la Fe­de­ra­zio­ne con due se­gna­la­zio­ni re­la­ti­ve al­la Le­ga di A.

STA­TU­TO Il pri­mo ap­pun­to se­gna­la che nel nuovo sta­tu­to della Le­ga, ap­pro­va­to dall’as­sem­blea il 16 ot­to­bre e, do­po al­cu­ne mo­di­fi­che, il 7 no­vem­bre, non ha re­ce­pi­to tut­ti i nuo­vi prin­ci­pi in­for­ma­to­ri che la Fi­gc, do­po un lun­go la­vo­ro con il Co­ni, ave­va de­li­be­ra­to nel Con­si­glio fe­de­ra­le del 13 set­tem­bre. In par­ti­co­la­re, il pas­sag­gio dei nuo­vi prin­ci­pi che man­ca nel­lo sta­tu­to della Le­ga è quel­lo re­la­ti­vo al­le mag­gio­ran­ze as­sem­blea­ri, lad­do­ve si di­ce che «... nel­le le­ghe con un nu­me­ro di as­so­cia­te fi­no a ven­ti, per l’ele­zio­ne al­le ca­ri­che di Le­ga e fe­de­ra­li, de­ve essere pre­vi­sta la mag­gio­ran­za dei 2/3 del­le aven­ti di­rit­to di vo­to. In ca­so di esi­to in­frut­tuo­so del­le pri­me due as­sem­blee elet­ti­ve, per l’ele­zio­ne al­le ca­ri­che di Le­ga e fe­de­ra­li ri­ma­ste va­can­ti, de­ve essere pre­vi­sta la mag­gio­ran­za sem­pli­ce del­le aven­ti di­rit­to di vo­to». Nel­lo sta­tu­to della Le­ga l’ab­bas­sa­men­to del quo­rum de­li­be­ra­ti­vo dai due ter­zi al­la mag­gio­ran­za sem­pli­ce non è pre­vi­sto. «L’As­sem­blea as­su­me le pro­prie de­li­be­ra­zio­ni con il vo­to fa­vo­re­vo­le dei due ter­zi del­le so­cie­tà as­so­cia­te aven­ti di­rit­to di vo­to», re­ci­ta il pun­to 6 dell’ar­ti­co­lo 9. Mai ade­gua­to dal­la Se­rie A ai nuo­vi prin­ci­pi in­for­ma­to­ri, co­me se­gna­la il Co­ni, a dif­fe­ren­za di quan­to han­no fatto, re­go­lar­men­te, Le­ga B e Le­ga

Pro.

CA­RI­CHE Nel se­con­do ri­lie­vo il Co­ni se­gna­la al­la Fi­gc che sta per an­da­re al vo­to senza che la sua com­po­nen­te mag­gio­re, la Le­ga di A, ab­bia rin­no­va­to le pro­prie ca­ri­che fe­de­ra­li e di le­ga, mo­ti­vo suf­fi­cien­te – se­con­do la te­si di Pa­laz­zo H – a crea­re un vul­nus. Se tan­to gra­ve da met­te­re in di­scus­sio­ne il pro­ces­so elet­to­ra­le, è da ve­de­re. Su que­sto pun­to, né la Fi­gc né la Le­ga di A ri­scon­tra­no un rea­le pe­ri­co­lo. Da via Ro­sel­li­ni ri­cor­da­no che già il 6 marzo, quan­do Ta­vec­chio fu rie­let­to a sca­pi­to di Abo­di, la Le­ga di A si pre­sen­tò al vo­to con le sue ca­ri­che de­ca­du­te, fat­ti­spe­cie che suc­ces­si­va­men­te por­tò al suo com­mis­sa­ria­men­to. Dun­que, non ci sa­reb­be da pre­oc­cu­par­si se an­che sta­vol­ta le ven­ti so­cie­tà di A si re­cas­se­ro al­le ur­ne senza aver pre­ven­ti­va­men­te elet­to i pro­pri rap­pre­sen­tan­ti fe­de­ra­li. Nel­la peg­gio­re del­le ipo­te­si, di­co­no, «sa­rem­mo nuo­va­men­te com­mis­sa­ria­ti». Dal­la Fi­gc, si in­ten­de.

LAP­RES­SE

Gio­van­ni Ma­la­gò, 58 an­ni, è pre­si­den­te dal 2013. Sta svol­gen­do il se­con­do man­da­to

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.