Il cuo­re di Na­dia «Elena mi ha det­to vai e fal­lo per me»

●La Fan­chi­ni quin­ta do­po il dram­ma della so­rel­la «Sia­mo for­ti, su­pe­re­re­mo tut­to co­me sem­pre»

La Gazzetta dello Sport - - Sci Coppa Del Mondo - Ma.po.

Na­dia Fan­chi­ni è quin­ta ed esul­ta co­me se aves­se vin­to. Na­dia ha un brac­cio con la fe­ri­ta an­co­ra non ci­ca­triz­za­ta, «mi han­no det­to che gua­ri­rà in tre an­ni, ma tan­to so­pra c’è la tu­ta che co­pre tut­to». Na­dia ha il cuo­re pe­san­te per Elena, la so­rel­la mag­gio­re che fi­no all’ul­ti­ma ga­ra, a me­tà di­cem­bre in Val d’Ise­re era la sua com­pa­gna di stan­za e che ora è a ca­sa chia­ma­ta a un’al­tra sfi­da, con­tro un tu­mo­re. «So­no con­ten­ta di que­sto ri­sul­ta­to li­be­ra­to­rio — di­ce — perché in que­sti gior­ni ero ve­ra­men­te sot­to pres­sio­ne. Con­ti­nuo a lot­ta­re an­che per mia so­rel­la Elena, lei me l’ha chie­sto e lo fa­rò. E’ difficile, è la pro­va più difficile di sem­pre. Ma su­pe­re­re­mo tut­to co­me ab­bia­mo sem­pre fatto».

PER ELENA L’im­pe­gno, la voglia, il cuo­re in pista ora so­no mol­ti­pli­ca­ti per due: «Per me e per Elena ho un so­gno da por­ta­re avan­ti. E’ stata dura in que­sti gior­ni, ho vis­su­to tut­ti que­sti gior­ni lon­ta­ni men­tre la mia fa­mi­glia era con lei». Na­dia rac­con­ta di quella so­rel­la for­te «che ap­pe­na ha sa­pu­to della ma­lat­tia ha vo­lu­to sta­re da sola per tre gior­ni, che poi però ha cam­bia­to umo­re, ha rea­gi­to. Sia­mo sta­te abi­tua­te nel­la no­stra vi­ta a do­ver af­fron­ta­re pro­ve, Elena è stata bra­vis­si­ma an­che sta­vol­ta a non far­si ab­bat­te­re, la po­si­ti­vi­tà ti fa af­fron­ta­re tut­to in un al­tro mo­do». Man­ca la so­rel­lo­na, man­ca la com­pa­gna di ca­me­ra di sem­pre: «Mi man­ca un pun­to di ri­fe­ri­men­to im­por­tan­te, è dura scia­re e non essere là con lei. Non sa­pe­vo se avrei avu­to la forza di af­fron­ta­re an­co­ra una ga­ra, non sa­pe­vo più nul­la. Non vo­le­va far­mi pe­sa­re la sua as­sen­za. Quan­do le ho det­to: non ce la fac­cio, lei mi ha ri­spo­sto: fal­lo per me. Nul­la ci ha mai fer­ma­to, non ab­bia­mo nien­te da di­mo­stra­re, vai li­be­ra». E ap­pe­na fi­ni­ta la ga­ra è ar­ri­va­ta la sua te­le­fo­na­ta: «E tu che pen­sa­vi di non po­ter­ce­la fa­re…».

PER NA­DIA Bad Klein­kirch­heim per Na­dia era so­lo la set­ti­ma ga­ra da quan­do è tor­na­ta in pista. Un an­no fa cad­de e si fran­tu­mò l’ome­ro de­stro in di­sce­sa a Al­ten­markt, un in­for­tu­nio che le è già co­sta­to due in­ter­ven­ti, perché l’os­so non si sal­da­va. «Per me que­sto quin­to po­sto va­le dav­ve­ro co­me una vit­to­ria – sor­ri­de fi­nal­men­te — so­no stata un an­no senza scia­re. Ho ri­co­min­cia­to a fi­ne ot­to­bre scor­so, ho scia­to per due gior­ni. A par­te le ga­re, ho fatto cin­que gior­ni di sci, ho sem­pre le gi­noc­chia che ti­ra­no e il brac­cio che non è an­co­ra gua­ri­to. Sta­re bene è un’al­tra co­sa». E poi man­ca­va il ri­sul­ta­to che la con­vin­ces­se a po­ter pun­ta­re an­co­ra a qual­co­sa di grande: «Non so­no una che va in pista per ar­ri­va­re quat­tor­di­ce­si­ma, non è fa­ci­le ac­cet­ta­re il fatto che non vai e ti ven­go­no tut­ti i dub­bi. A St. Mo­ri­tz ero de­mo­ra­liz­za­ta, ora in­ve­ce so che me la pos­so giocare di nuovo. Ero con­ten­ta qui, perché quan­do la pista è difficile so che pos­so sal­var­mi. Men­tre scen­de­vo non sa­pe­vo se ero ve­lo­ce o no, pen­sa­vo di aver te­nu­to trop­po, in­ve­ce è ar­ri­va­to que­sto ri­sul­ta­to che cam­bia tut­to di nuovo. Que­sta è una ripartenza che mi dà un po’ di co­rag­gio. La via è lun­ga, ma so­no tor­na­ta per que­sto». Un cuo­re grande, ora cor­re per due.

Elena e Na­dia Fan­chi­ni, 32 e 31 an­ni, que­st’an­no a La­ke Loui­se AP

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.