L’eroe ti­mi­do fa il ma­go «Non gio­co? Col­pa mia» E la fe­sta è... una sber­la

●Il por­to­ghe­se si sbloc­ca in A e Gat­tu­so lo ce­le­bra a mo­do suo «Nor­ma­le che Ri­no chie­da ve­le­no, de­vo ascol­ta­re e rin­gra­ziar­lo»

La Gazzetta dello Sport - - Serie A > 28a Giornata - TOC­CHI PER ZO­NA Marco Pa­sot­to IN­VIA­TO A GE­NO­VA

Il co­lo­re è più in­ten­so nel­le zo­ne in cui ci so­no sta­ti più toc­chi di pal­la

La pa­ro­la più ri­cor­ren­te, fra i ti­fo­si ros­so­ne­ri che la­scia­no Ma­ras­si e quel­li che da ca­sa stan­no sma­net­tan­do sui so­cial, è «in­cre­di­bi­le». Ma non per­ché sia l’ag­get­ti­vo più scon­ta­to che vie­ne in men­te a chi ha ap­pe­na vis­su­to una vit­to­ria strap­pa­ta all’ul­ti­mo pal­lo­ne. La «non cre­di­bi­li­tà» del­la si­tua­zio­ne sta nell’eroe di gior­na­ta: la do­me­ni­ca di An­dré Sil­va con­fer­ma che que­sto sport ha mil­le stra­de per re­ga­la­re sor­pre­se e ri­me­sco­la­re opi­nio­ni. E co­sì nell’aria c’è la sen­sa­zio­ne di aver as­si­sti­to a un even­to: il suo pri­mo gol in cam­pio­na­to ar­ri­va quan­do l’ar­bi­tro sta per sof­fia­re nel fi­schiet­to e re­ga­la al Mi­lan tre pun­ti pe­san­tis­si­mi nel­la cor­sa all’Europa. Quel­la che con­ta, ov­via­men­te. La fa­vo­la si com­ple­te­rà se a fi­ne sta­gio­ne que­sta vit­to­ria sa­rà san­ti­fi­ca­ta sull’al­ta­re del quar­to po­sto, ma già co­sì è una sto­ria da rac­con­ta­re.

CO­RAG­GIO C’era chi ave­va or­mai per­so le spe­ran­ze di as­si­ste­re a un cen­no di vi­ta in cam­pio­na­to da par­te di An­dré. Che ave­va la­scia­to segni im­por­tan­ti sol­tan­to in Europa Lea­gue. Ot­to gol, non pro­prio ad av­ver­sa­ri sti­le Ar­se­nal, ma co­mun­que uti­li a giu­sti­fi­ca­re l’en­tu­sia­smo del club per uno dei pri­mi ac­qui­sti del su­per mer­ca­to esti­vo in­te­so co­me mer­ca­to su­per - e an­che un esbor­so non esat­ta­men­te di poco con­to: 38 mi­lio­ni, ci­fra che ha col­lo­ca­to An­dré sul ter­zo gra­di­no ros­so­ne­ro di sem­pre do­po Rui Co­sta e Bo­nuc­ci. Il pro­ble­ma è che gli al­le­na­to­ri con lui si so­no com­por­ta­ti al­lo stes­so mo­do, e quin­di non può es­se­re ca­sua­le: tan­ta pan­chi­na e di­ver­se de­lu­sio­ni quan­do han­no pro­va­to a in­ve­sti­re su di lui. Mon­tel­la e Gat­tu­so lun­go i me­si si so­no espres­si più o me­no con le stes­se pa­ro­le: è col­pa no­stra se an­co­ra non si è in­se­ri­to co­me ci si aspet­ta­va, oc­cor­re es­se­re bra­vi e co­rag­gio­si nel met­ter­lo den­tro al mo­men­to giu­sto. Ie­ri sem­bra­va il so­li­to mo­men­to sba­glia­to: un in­gres­so in­si­pi­do, con una la­va­ta di ca­po da par­te di Bo­na­ven­tu­ra, che gli ha rim­pro­ve­ra­to di na­scon­der­si die­tro l’uo­mo, e uno scam­bio di ve­du­te con Cu­tro­ne do­po una man­ca­ta in­te­sa in area.

CINQUINE Fi­no al guiz­zo vin­cen­te, che im­prov­vi­sa­men­te ha da­to un sen­so al­le pun­tu­re di Mon­tel­la e Gat­tu­so: An­dré su quel cross si è «in­za­ghia­to» e ci ha fi­nal­men­te mes­so il ve­le­no. Una re­te bel­la, pre­zio­sa e li­be­ra­to­ria, da fe­steg­gia­re se­pol­to dal­la mon­ta­gna uma­na dei com­pa­gni a po­chi me­tri dai ti­fo­si ros­so­ne­ri. Gat­tu­so ov­via­men­te l’ha ce­le­bra­to a mo­do suo: una bel­la cin­qui­na, co­me le chia­ma lui, stam­pa­ta sul­la fac­cia. Co­sa poi ri­pe­tu­ta da­van­ti al­la te­le­ca­me­re men­tre An­dré rac­con­ta­va le sue emo­zio­ni con un sor­ri­so ti­mi­dis­si­mo: «È nor­ma­le che l’al­le­na­to­re mi chie­da il ve­le­no, io de­vo so­lo ascol­ta­re, rin­gra­ziar­lo e con­ti­nua­re. So­no fe­li­ce per il gol, ma è più im­por­tan­te la vit­to­ria. So­no qui per cre­sce­re e per aiu­ta­re il Mi­lan». E ora ma­ga­ri ar­ri­ve­rà qual­che mi­nu­to in più: «Se non gio­co tan­to è per­ché de­vo la­vo­ra­re di più», spie­ga. Per poi pre­ci­sa­re: «Un buon bom­ber per se­gna­re tan­to de­ve an­che gio­ca­re tan­to». Ma non è un to­no po­le­mi­co, e poi a po­chi me­tri c’è Gat­tu­so che sta rac­con­tan­do: «È un ra­gaz­zo per be­ne che la­vo­ra mol­to, a vol­te lo dob­bia­mo fermare». In­tan­to il gol, ol­tre ai tre pun­ti, con­se­gna un’al­tra pic­co­la sod­di­sfa­zio­ne: d’ora in poi nes­su­no po­trà più dir­gli che Bri­gno­li, por­tie­re del Be­ne­ven­to, ha se­gna­to più di lui...

LAP­RES­SE

An­dré Sil­va, 22 an­ni

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.