Nga­pe­th sem­pre de­ci­si­vo, ma Mi­la­no spe­ra

●Il fran­ce­se è mvp, ma la­scia tut­ti in ap­pren­sio­ne per l’in­for­tu­nio a una ca­vi­glia Stoyt­chev: «Er­ro­ri in con­trat­tac­co»

La Gazzetta dello Sport - - Pallavolo > Playoff: Quarti Gara-1 - Pao­lo Reg­gia­ni­ni MO­DE­NA

Det­ta­gli. Quel­li han­no de­ter­mi­na­to l’esi­to di un duel­lo che si an­nun­cia­va sul fi­lo dell’equi­li­brio. E co­sì è sta­to. Ter­za sfi­da tra Mo­de­na e Mi­la­no, ter­zo tie-break, con un leg­ge­ro van­tag­gio Azi­mut (8 set a 7) che si è tol­ta la pres­sio­ne di ga­ra-1, sem­pre pe­ri­co­lo­sa per chi co­min­cia in ca­sa. Ga­ra ti­ra­tis­si­ma, da una par­te un Ab­del Aziz in gran spol­ve­ro (33 pun­ti, 53%) a pic­chia­re for­te, dall’al­tra un Ur­naut (21, 58%) an­co­ra de­ter­mi­nan­te, con Nga­pe­th (pro­ble­mi al­la ca­vi­glia nel pri­mo set, poi è rien­tra­to) che tra al­ti e bas­si, ha in­ci­so co­me sem­pre. Poi ci so­no i det­ta­gli, la bat­tu­ta di Swan Nga­pe­th (en­tra­to al po­sto del fra­tel­lo) sul na­stro che ha chiu­so il pri­mo set, i ser­vi­zi spes­so de­ci­si­vi di Holt, la te­nu­ta di Ar­gen­ta, gli spun­ti di Ce­bu­lj e Ab­del Aziz nel se­con­do (22-19 per Mo­de­na), il mu­ro di Pia­no nel quar­to che ha ri­por­ta­to avan­ti la Re­vi­vre (17-16) do­po es­se­re sta­ta sot­to di tre (12-15), crean­do le con­di­zio­ni per ar­ri­va­re al quin­to. «Il de­sti­no di­pen­de dal­la qua­li­tà del gio­co – il com­men­to di Stoyt­chev - Mi­la­no an­che in que­sta oc­ca­sio­ne ha of­fer­to una gran­de pre­sta­zio­ne so­prat­tut­to in con­trat­tac­co. In bat­tu­ta sia noi che lo­ro sia­mo sta­ti ca­pa­ci di ot­ti­me co­se. È an­da­ta be­ne so­prat­tut­to per l’at­teg­gia­men­to che ab­bia­mo avu­to. Rim­pian­ti? Nel quar­to ab­bia­mo sba­glia­to tre con­trat­tac­chi co­mo­di». Il Pa­lapa­ni­ni è ri­ma­sto am­mu­to­li­to quan­do Ear­vin Nga­pe­th (al­la fi­ne un gran­de ab­brac­cio con il pre­si­den­te Pe­dri­ni) è ca­du­to a ter­ra av­ver­ten­do un pro­ble­ma al­la ca­vi­glia: «Gli in­for­tu­ni fan­no par­te del­la vi­ta – ag­giun­ge il tec­ni­co – e quan­do ho vi­sto Nga­pe­th a ter­ra ho pen­sa­to che non cam­bia­va nul­la. Ear­vin, re­so­si con­to che non gra­ve, vo­le­va rien­tra­re per bat­te­re: gli ho det­to di aspet­ta­re, che avrem­mo fat­to bat­te­re suo fra­tel­lo e sa­reb­be en­tra­to se non aves­si­mo fat­to pun­to. È an­da­ta be­ne».

STRI­SCIO­NE Gia­ni è sta­to ac­col­to da uno stri­scio­ne dei ti­fo­si mo­de­ne­si de­di­ca­to al­la mam­ma scom­par­sa. Il coa­ch sa che gio­can­do su que­sti stan­dard al Pa­lapa­ni­ni po­trà tor­na­re. «Il pri­mo set si è chiu­so con un pa­io di er­ro­ri no­stri, an­che di va­lu­ta­zio­ne. Da par­te di Mo­de­na ab­bia­mo vi­sto di­fe­se straor­di­na­rie: que­sto ci fa ca­pi­re che chi vuo­le vin­ce­re nei playoff de­ve la­vo­ra­re ol­tre se stes­so. Sia­mo una squa­dra che gio­ca più di si­ste­ma e me­no sul­le tro­va­te straor­di­na­rie dei sin­go­li co­me in­ve­ce può fa­re Mo­de­na, che in ogni mo­men­to è in gra­do di ti­ra­re fuo­ri dal ci­lin­dro gran­di gio­ca­te. Ma è una se­rie aper­ta e dob­bia­mo cre­de­re mol­to in quel­lo che fac­cia­mo».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.