Sor­pre­sa: la poe­sia af­fio­ra ne­gli al­bi il­lu­stra­ti

La me­tri­ca e l’in­ven­zio­ne so­no pim­pan­ti Cer­ca­te tra le pa­gi­ne, nel for­ma­to, nei co­lo­ri...

Corriere della Sera - La Lettura - - Il Dibattito Delle Idee - PIERDOMENICO BACCALARIO

Ipoe­ti che scri­vo­no e di­se­gna­no. C’è un bel pro­ver­bio to­sca­no, ri­por­ta­to sot­to la vo­ce «poe­sia» dal vo­ca­bo­la­rio del­la lin­gua ita­lia­na del Tom­ma­seo, che re­ci­ta: «Chi ha spi­ri­to di poe­sia me­ri­ta ogni com­pa­gnia». E si ri­fe­ri­sce a que­gli spi­ri­ti lie­ti, do­ta­ti dell’ar­te del rac­con­to e dell’im­prov­vi­sa­zio­ne che piac­cio­no al­la gen­te (al­me­no a quel­la del pro­ver­bio, per­ché in Pie­mon­te, in­ve­ce, poe­ta è si­no­ni­mo di mat­to). La poe­sia che do­vreb­be pia­ce­re a tut­ti è quel­la che sa con­den­sa­re con­cet­ti com­ples­si in po­chi pen­sie­ri lam­pan­ti, fa­ci­li da in­ten­de­re e dif­fi­ci­li da di­men­ti­ca­re. Quel­la più vi­ci­na al­le sue ori­gi­ni, che so­no l’an­ti­co ver­bo gre­co po­ieo che si­gni­fi­ca crea­re. La poe­sia, quin­di, crea, o, me­glio, con­ti­nua il vo­ca­bo­la­rio, «dà vi­ta con pa­ro­le e al­tri se­gni al­le idee e ai sen­ti­men­ti, rap­pre­sen­tan­do­li in mo­do ef­fi­ca­ce nel­la men­te e nell’ani­mo». Co­mu­ni­ca qual­co­sa di­ret­ta­men­te al­la no­stra par­te istin­ti­va, al no­stro Si­ste­ma Uno, di­reb­be­ro Kah­ne­mann e con lui di­ver­si mo­der­ni neu­ro­scien­zia­ti, e poi si con­fic­ca lì, per la­scia­re il tem­po al no­stro cer­vel­lo più ri­fles­si­vo, il Si­ste­ma Due, di tor­nar­ci e ri­flet­ter­ci con cal­ma.

Fi­no a qual­che tem­po fa ero con­vin­to che i let­to­ri e gli au­to­ri di poe­sia fos­se­ro or­mai scom­par­si, co­me que­gli ani­ma­li ra­ri che poi sfu­ma­no nel­le leg­gen­de. E in­ve­ce mi so­no do­vu­to ri­cre­de­re quan­do ho co­min­cia­to a sfo­glia­re ed ac­qui­sta­re al­bi il­lu­stra­ti, quei gran­di li­bri con­fi­na­ti ne­gli scaf­fa­li più re­mo­ti del­le li­bre­rie, all’in­ter­no dei qua­li, a vol­te, bril­la­no pa­ro­le e il­lu­stra­zio­ni di gran­dis­si­ma poe­sia. Ov­via­men­te non tut­ti gli al­bi il­lu­stra­ti rag­giun­go­no que­sto sco­po, né in­ten­do­no far­lo. Al­cu­ni so­no me­ra­vi­glio­si rac­con­ti il­lu­stra­ti (co­me Mio pa­dre il gran­de pi­ra­ta) o sfog­gi di vir­tuo­si­smo pit­to­ri­co (co­me Fiu­me len­to. Un viag­gio lun­go il Po); al­cu­ni so­no raf­fi­na­ti li­bri d’ar­te ( La vi­ta not­tur­na de­gli Al­be­ri), fi­la­stroc­che del­la buo­na not­te ( A cac­cia dell’Or­so) o sto­riel­le mo­ra­leg­gian­ti per bam­bi­ni di­sub­bi­dien­ti ( No).

Ci so­no al­bi il­lu­stra­ti che han­no fat­to gri­da­re al­lo scan­da­lo ne­gli an­ni Set­tan­ta ( Sto­ria di Giu­lia, ap­pe­na ri­stam­pa­to) e al­tri che og­gi scan­da­liz­za­no i di­ret­to­ri crea­ti­vi del­la Rai ( Un dra­go in sa­lot­to). E poi ci so­no quel­li che An­drea Tul­lio Ca­nob­bio. pro­fes­so­re all’Uni­ver­si­tà di Mo­na­stir (Tu­ni­sia), ha de­fi­ni­to, con ar­gu­zia, gli al­bi il­lu­stra­ti «bi­co­ra­li», ov­ve­ro quel­li in cui si crea un rit­mo par­ti­co­la­re tra pa­ro­le e im­ma­gi­ni, un dop­pio co­ro, per l’ap­pun­to, per cui le pri­me han­no bi­so­gno del­le se­con­de. E vi­ce­ver­sa. La me­tri­ca sta nel­le pa­gi­ne, nel- la ve­lo­ci­tà con cui le si sfo­glia, nel for­ma­to del li­bro, a vol­te ad­di­rit­tu­ra nel­le la­vo­ra­zio­ni del­la car­ta; la poe­sia è in bi­li­co tra pa­ro­le e di­se­gni. Si trat­ta qua­si sem­pre di li­bri per bam­bi­ni, nel sen­so che li in­clu­do­no co­me let­to­ri, ma non so­no scrit­ti so­lo per lo­ro. So­no al­bi do­ve ma­ga­ri si pren­do­no a pre­sti­to le as­so­nan­ze e la ri­pe­ti­ti­vi­tà del­le fi­la­stroc­che, ma le si usa­no co­me fa­ce­va­no i can­to­ri dell’epi­ca clas­si­ca (vi ri­cor­da­te il Pe­li­de Achil­le?): rit­mo e ri­pe­ti­zio­ni ci con­du­co­no, con un don­do­lio fa­mi­lia­re, nel cuo­re poe­ti­co del­le sto­rie. Pren­dia­mo­ne uno di qual­che an­no fa: Se vuoi ve­de­re una ba­le­na di Ju­lie Fo­glia­no & Erin E. Stead (Ba­ba­li­bri). È ap­pa­ren­te­men­te un li­bro di istru­zio­ni sur­rea­li: se vuoi ve­de­re una ba­le­na «ti ser­vi­rà una fi­ne­stra» e «non de­vi gua­da­re i pel­li­ca­ni», ma il per­ché, e co­sa suc­ce­de­rà se ub­bi­di­sci, lo si ca- pi­sce so­lo guar­dan­do le ul­ti­me im­ma­gi­ni.

An­che le Re­go­le dell’esta­te di Shaun Tan (Riz­zo­li) han­no bi­so­gno di que­sta dop­pia let­tu­ra, e per giun­ta mol­to at­ten­ta. Vi si rac­con­ta­no le av­ven­tu­re di due fra­tel­li e del­le con­se­guen­ze sem­pre più fan­ta­sma­go­ri­che dei lo­ro gio­chi d’Esta­te: da quan­do de­vo­no na­scon­der­si da un im­men­so co­ni­glio ros­so ap­par­so do­po che han­no di­men­ti­ca­to ap­pe­so un cal­zi­no del­lo stes­so co­lo­re, al tor­na­do che ap­pa­re quan­do il più pic­co­lo dei due pe­sta una chioc­cio­la. Ver­rà rin­chiu­so in una pri­gio­ne guar­da­ta a vi­sta dai cor­vi, arbitri del gio­co, e qui il te­sto si di­ra­da e le pa­gi­ne si fan­no via via più cu­pe. Fi­no al­la sor­pre­sa dell’ul­ti­mo gior­no d’Esta­te, e al suo eroe in bi­ci­clet­ta.

Le me­ra­vi­glio­se il­lu­stra­zio­ni di Shaun Tan rac­con­ta­no già da so­le (e non a ca­so lui è di­ven­ta­to fa­mo­so in tut­to il mon­do per li­bro to­tal­men­te pri­vo di pa­ro­le, L’ap­pro­do, El­liot), ma so­lo se ven­go­no let­te con il con­tro co­ro del te­sto rag­giun­go­no un li­ri­smo strug­gen­te. Lui è un’ec­ce­zio­ne nell’ec­ce­zio­ne, per­ché la­vo­ra pre­va­len­te­men­te da so­lo, quan­do la re­go­la — e la par­ti­co­la­ri­tà — di que­sti al­bi è sem­mai che so­no frut­to di un la­vo­ro di grup­po. Lo si ve­de be­ne in Ciao Cie­lo di Dian­ne Whi­te & Be­th Krom­mens (il Ca­sto­ro), per il qua­le è in­di­spen­sa­bi­le la tra­du­zio­ne poe­ti­ca di Bru­no To­gno­li­ni, uno dei po­chis­si­mi au­to-

Na­sco­no qua­si sem­pre co­me li­bri per bam­bi­ni ma non so­no scrit­ti so­lo per lo­ro. Ter­re­no vergine do­ve si ce­la­no te­so­ri Tut­ti i gu­sti Scan­sio­ne e ri­pe­ti­zio­ni ci con­du­co­no, con un don­do­lio che ci suo­na fa­mi­lia­re, nel cuo­re in­ti­mo del­le sto­rie

ri ita­lia­ni che sa an­co­ra se­tac­cia­re le pa­ro­le in cer­ca di mu­si­ca. Il lo­ro è un li­bro che ci av­vol­ge di una pa­ti­na splen­den­te, la de­scri­zio­ne di un tem­po­ra­le che cul­la e ri­sto­ra, mac­chia e graf­fia, co­me fan­no i ra­mi del bo­sco quan­do ci si cor­re in mez­zo da bam­bi­ni: sen­za far ma­le.

For­se il più bra­vo e par­ti­co­la­re de­gli au­to­ri di al­bi il­lu­stra­ti è Da­vi­de Ca­lì, con­sa­cra­to­si all’este­ro, in Fran­cia, do­ve vi­ve. Se leg­ge­te Io aspet­to, il­lu­stra­to da Ser­ge Blo­ch (Ki­te Edi­zio­ni), vi tro­ve­re­te da­van­ti a un au­ten­ti­co ca­po­la­vo­ro, do­ve un lun­go fi­lo ros­so uni­sce tra lo­ro una man­cia­ta di pa­ro­le e un di­se­gno es­sen­zia­le, si in­gar­bu­glia e si sro­to­la tra le pa­gi­ne lun­ghe e stret­te, pro­teg­ge e scom­pa­re per rac­con­ta­re la vi­ta che tut­ti noi aspet­tia­mo. E in Un gior­no, sen­za un per­ché, il­lu­stra­to da Mo­ni­ca Ba­ren­go (Ki­te Edi­zio­ni), af­fron­ta con la stes­sa de­li­ca­tez­za il mi­ste­ro dell’amo­re: a un uo­mo qual­sia­si spun­ta­no due mi­nu­sco­le ali. La vi­ci­na di ca­sa pen­sa sia col­pa dell’in­qui­na­men­to e il ne­go­zian­te gli fa no­ta­re che con quel ti­po di ali ci vuo­le su­bi­to una bel­la cra­vat­ta. C’è che gli pro­po­ne di ta­gliar­le, chi gli ri­cor­da che già a un lon­ta­no pa­ren­te era suc­ces­sa una co­sa si­mi­le. Ci si po­treb­be do­man­da­re se in que­sti al­bi na- sca pri­ma il te­sto, o il di­se­gno, ma è una fal­sa do­man­da. Que­sti al­bi, mi rac­con­ta Da­vi­de, si de­vo­no im­ma­gi­na­re in­sie­me. Crea­re. Po­ieo.

E se cer­ca­te be­ne ne­gli scaf­fa­li con un po’ di pa­zien­za (quel­la che ci vuo­le per ve­de­re una ba­le­na), sco­pri­re­te ma­ga­ri Quel­lo spe­cia­le, di Chia­ra Lo­ren­zo­ni & Fran­ce­sca Daf­ne Vi­gna­ga (La­pis), che parla di quel­la co­sa che cam­bia sem­pre e pe­rò è sem­pre ugua­le, nes­su­no sa do­ve va a fi­ni­re ep­pu­re in mol­ti sof­fia­no via, che a vol­te puz­za un po’ e al­tre ha pro­fu­mo di vio­let­ta. Se ama­te una cer­ta ri­fles­sio­ne im­pe­gna­ta c’è Bi­so­gne­rà di Thier­ry Le­nain & Oli­vier Tal­lec (La­pis), do­ve un bam­bi­no os­ser­va il mon­do dal­la sua iso­la fe­li­ce, e per ogni co­sa brut­ta che ve­de si ap­pun­ta che bi­so­gne­rà far qual­co­sa: tra­sfor­ma­re i fu­ci­li in grep­pie per gli uc­cel­li, le­va­re quel­la ban­die­ra dal­la lu­na, con­vin­ce­re le per­so­ne a di­vi­der­si quel­lo che han­no già. Ma, pri­ma di tut­to, bi­so­gne­rà na­sce­re. Ne L’al­be­ro az­zur­ro l’ira­nia­no Amin Has­san­za­deh Sha­rif (Ki­te) rac­con­ta la sto­ria di un vec­chio al­be­ro co­sì gran­de da ave­re ra­mi den­tro a tut­te le ca­se. Quan­do un per­fi­do so­vra­no de­ci­de di uc­ci­der­lo sco­pre che, an­zi­ché ta­glia­re le ra­di­ci dei suoi in­fe­li­ci sud­di­ti, le ha ap­pe­na mol­ti­pli­ca­te per mil­le. Se sie­te una mam­ma sta per usci­re Pic­co­la Or­sa di Jo Wea­ver (Orec­chio acer­bo), con i suoi me­ra­vi­glio­si di­se­gni a ma­ti­ta. Se sie­te un pa­pà c’è P di pa­pà di Isa­bel Mi­n­hós Mar­tins & Ber­nar­do Car­va­lho (To­pi­pit­to­ri), che vi da­rà qual­che buo­na idea per guar­da­vi al­lo spec­chio.

E se poi vo­le­te sfo­glia­re un so­lo al­bo il­lu­stra­to per ac­cet­ta­re l’idea che pos­sa­no es­se­re ope­re di poe­sia, vi di­rei di ini­zia­re da Il faz­zo­let­to bian­co, di Vio­rel Bol­dis & An­to­nel­la Tof­fo­lo (To­pi­pit­to­ri), un li­bro che ogni tan­to ri­com­pro, per­ché mi osti­no a re­ga­lar­lo. È la sto­ria di una par­ten­za e di un ri­tor­no, dell’es­sen­za dell’amo­re per la pro­pria ca­sa e i pro­pri fi­gli. Quel­li che ci so­no e quel­li che an­co­ra non co­no­scia­mo, quel­li che vo­glio­no esplo­ra­re il mon­do e quel­li che pre­fe­ri­sco­no re­sta­re, e per tut­ti co­lo­ro che aspet­ta­no di im­bat­ter­si in qual­cu­no che sap­pia da­re al mon­do un po’ di poe­sia.

Sti­le e mo­del­li Si pren­do­no in pre­sti­to dal­le sto­rie per l’in­fan­zia le fi­la­stroc­che ma si usa­no co­me fa­ce­va­no i can­to­ri dell’epi­ca clas­si­ca

di PIER­DO­ME­NI­CO BAC­CA­LA­RIO

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.