POR­TO JO­FRE’

Latitudes - - IL REGNO DEL GIAGUARO -

La Tran­span­ta­nei­ra ter­mi­na a Por­to Jo­frè. Qui ini­zia il re­gno del­le ac­que, e l’uni­co mez­zo di tra­spor­to so­no le ve­lo­ci im­bar­ca­zio­ni ca­ri­che di tu­ri­sti e fotografi che sol­ca­no il Rio Cuia­bà ed i suoi af­fluen­ti al­la ri­cer­ca del “Re Gia­gua­ro”. Ani­ma­le mi­ste­rio­so e so­li­ta­rio, il gia­gua­ro è mol­to dif­fi­ci­le da ve­de­re e del­le sue abi­tu­di­ni si co­no­sce po­chis­si­mo. Sa cac­cia­re nel­la pra­te­ria co­me nel­la fo­re­sta e le pa­lu­di; pre­di­li­ge la vi­ci­nan­za dell’ac­qua, con cui, a dif­fe­ren­za del­la mag­gio­ran­za dei fe­li­ni, si tro­va a suo agio; è un ot­ti­mo nuo­ta­to­re e cac­cia an­che pic­co­li al­li­ga­to­ri, tar­ta­ru­ghe, ol­tre ai ca­pi­ba­ra, i più gran­di ro­di­to­ri al mon­do. Il ter­mi­ne ita­lia­no “gia­gua­ro” de­ri­va da quel­lo in­dio “ya­gua­ra”, ov­ve­ro “co­lui che uc­ci­de con un bal­zo”. Il gia­gua­ro in­fat­ti non in­se­gue la sua pre­da, ma la at­ten­de in ag­gua­to e nel mo­men­to più op­por­tu­no le bal­za ad­dos­so az­zan­nan­do­le la te­sta ai due lo­bi tem­po­ra­li.

Se pe­rò fal­li­sce il col­po, qua­si mai ci ri­pro­va una se­con­da vol­ta. I gia­gua­ri abi­ta­no un ter­ri­to­rio che può esten­der­si fi­no a 300 mi­glia, e si in­con­tra­no sol­tan­to du­ran­te il ca­lo­re, ma so­no co­sì so­li­ta­ri da ir­ri­tar­si a vi­cen­da an­che du­ran­te il l’ac­cop­pia­men­to. Per in­di­vi­duar­lo, av­vi­star­lo ed an­ti­ci­pa­re i suoi spo­sta­men­ti du­ran­te i lun­ghi sa­fa­ri in bar­ca lun­go il Rio Cuia­bà ed i suoi af­fluen­ti c’è bi­so­gno del sup­por­to di una va­li­da or­ga­niz­za­zio­ne e del­le ot­ti­me gui­de lo­ca­li, co­me Oscar.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.