ASCOLTANDO IL VUL­CA­NO

Latitudes - - ASCOLTANDO IL VULCANO - Te­sto e fo­to di Fran­co Cap­pel­la­ri © LATITUDESLIFE.COM RI­PRO­DU­ZIO­NE RI­SER­VA­TA

Ec­co­la León. Fon­da­ta da Fran­ci­sco Her­nan­dez de Cor­do­ba nel 1524 sul­le ri­ve del la­go Xo­lo­tlan, in pros­si­mi­tà del vul­ca­no Mo­mo­tom­bo, è sta­ta la ca­pi­ta­le del pae­se per ol­tre 200 an­ni. Do­po l’eru­zio­ne del 1578 fu eva­cua­ta, poi­ché si pen­sò che l’even­to fos­se sta­to una di­ret­ta con­se­guen­za dell’ira di­vi­na per la mor­te del ve­sco­vo An­to­nio Val­di­vie­so, stre­nuo di­fen­so­re del­la cau­sa in­di­ge­na. Og­gi l’an­ti­ca cit­tà è nel­la li­sta dei si­ti pa­tri­mo­nio mon­dia­le dell’Uma­ni­tà. La nuo­va León è sta­ta rie­di­fi­ca­ta ai pie­di del Cer­ro Ne­gro, il più gio­va­ne vul­ca­no del pia­ne­ta e uno dei più at­ti­vi al mon­do. La pri­ma co­sa che si av­ver­te una vol­ta ar­ri­va­ti in cit­tà è il cal­do.

Pen­sa­re a León rie­vo­ca il ri­cor­do di quel­la chia­ra lu­ce ver­ti­ca­le di mez­zo­gior­no che co­strin­ge a cer­ca­re ri­pa­ro all’om­bra. Fa­re una cam­mi­na­ta tra le sue stra­de, aiu­ta a ren­der­si con­to di ave­re i pie­di pog­gia­ti su un sot­ti­le stra­to di asfal­to, su­bi­to sot­to il qua­le il mag­ma in­can­de­scen­te ri­bol­le nel­le vi­sce­re del­la ter­ra. Pas­seg­gian­do per le cit­tà si im­ma­gi­na­no le sue stra­de, le sue au­to, i suoi gran­di edi­fi­ci in sti­le co­lo­nia­le, con i tet­ti com­ple­ta­men­te ri­co­per­ti di ce­ne­re. L’ul­ti­ma eru­zio­ne del Cer­ro Ne­gro, av­ve­nu­ta nel 1992, è du­ra­ta qua­si una set­ti­ma­na.

Si rac­con­ta che il po­po­lo por­tas­se per le stra­de sta­tue del­la Ver­gi­ne e si ri­ver­sas­se nel­le chie­se a pre­ga­re, ma al­la fi­ne, co­me sem­pre, il vul­ca­no de­ci­de­va di smet­te­re di rug­gi­re. In tut­te le cit­tà del mon­do, com­pre­sa Leòn, ci so­no an­go­li in cui “le co­se ac­ca­do­no”. León è pie­na di an­go­li in cui va­le la pe­na sof­fer­mar­si un po’, re­sta­re a guar­da­re e da cui poi pro­se­gui­re. Que­sta cit­tà, che tra­di­zio­nal­men­te or­ga­niz­za la pro­pria vi­ta in­tor­no al­la sua im­por­tan­te uni­ver­si­tà, è pie­na di at­ti­vi­tà ti­pi­che del luo­go ed è abi­ta­ta da un po­po­lo che vi­ve di cul­tu­ra. Non c’è da me­ra­vi­gliar­si che i cit­ta­di­ni di León sia­no or­go­glio­si del­le lo­ro chie­se in sti­le co­lo­nia­le, per­ché se c’è una cit­tà in Ni­ca­ra­gua che c’im­mer­ge com­ple­ta­men­te in que­sta ti­po­lo­gia ar­chi­tet­to­ni­ca, que­sta è León.

Il sor­pren­den­te e ben con­ser­va­to in­tri­co di fac­cia­te di chie­se, fra cui La Re­co­lec­cion, in per­fet­to sti­le ba­roc­co, è da to­glie­re il fia­to. Sot­to il pa­vi­men­to del suo im­ma­co­la­to in­gres­so ri­po­sa­no i re­sti di Ru­ben Da­rio, la fi­gu­ra let­te­ra­ria più ce­le­bre del Ni­ca­ra­gua. La tra­di­zio­ne re­li­gio­sa po­po­la­re è un al­tro de­gli af­fa­sci­nan­ti aspet­ti di que­sta im­por­tan­te cit­tà, so­prat­tut­to du­ran­te le fe­sti­vi­tà pa­squa­li, in cui le sce­ne sa­cre ven­go­no ric­ca­men­te de­co­ra­te e splen­di­da­men­te espo­ste al pub­bli­co. Non si pas­sa per Leòn sen­za ten­ta­re l’asce­sa al Cer­ro Ne­gro. Per far­lo bi­so­gna ar­ram­pi­car­si per cir­ca un’ora lun­go un

pen­dio roc­cio­so, per poi ri­di­scen­de­re dall’al­tro ver­san­te, co­per­to da sab­bia e ce­ne­ri vul­ca­ni­che. La co­sa mi­glio­re è af­fron­ta­re il per­cor­so che con­du­ce a val­le, a pic­co­li bal­zi in li­nea ret­ta, ra­pi­da­men­te, co­sì che i pie­di pos­sa­no pian­tar­si sal­da­men­te nel ter­re­no, sen­za cor­re­re il ri­schio di ro­to­la­re giù. L’al­ter­na­ti­va per rag­giun­ge­re il cam­po ba­se è di but­tar­si a ca­po­fit­to se­du­ti su di uno sno­w­board ar­ti­gia­na­le che, sal­vo ca­du­te, ti con­sen­te di far­lo in po­che de­ci­ne di se­con­di. Ar­ri­va­re al­la ra­du­ra da cui ha ini­zio il sen­tie­ro che por­ta al Cer­ro Ne­gro non è una pas­seg­gia­ta, a bor­do di un ca­mion 4x4, per­cor­ren­do una pi­sta a dir po­co dis­se­sta­ta.

La­scia­ta Leon, la “car­re­te­ra” con­du­ce a Gra­na­da, cit­tà co­lo­nia­le per ec­cel­len­za. Per di­ver­si pe­rio­di è sta­ta tea­tro di sac­cheg­gi da par­te di pi­ra­ti e fi­li­bu­stie­ri, che han­no de­va­sta­to i Ca­rai­bi nei se­co­li XVII, XVIII, e XIX. Fon­da­ta nel 1524 dal Ca­pi­ta­no Fran­ci­sco Her­nan­dez de Cor­do­ba fra la cit­tà in­di­ge­na di Xal­te­va e le ri­ve fra­sta­glia­te del La­go Co­ci­bol­ca, è uno dei cen­tri più an­ti­chi del Con­ti­nen­te Ame­ri­ca­no, an­co­ra og­gi ubi­ca­ta nel­lo stes­so luo­go in cui è sor­ta. Un ot­ti­mo si­ste­ma per am­mi­ra­re la bel­lez­za del­le sue vi­bran­ti ar­chi­tet­tu­re è quel­lo di af­fit­ta­re una car­roz­za trai­na­ta da ca­val­li e rag­giun­ge­re il cen­tro del­la cit­tà.

Il tin­tin­nio del­le cam­pa­nel­le dei ge­la­tai, il ru­mo­re dei ca­val­li e del­le car­roz­ze, la soa­vi­tà del­la lin­gua dei lo­ca­li so­no in­di­zi ine­qui­vo­ca­bi­li. Fa­re una pas­seg­gia­ta nel tar­do po­me­rig­gio, quan­do la to­na­li­tà del­la lu­ce del so­le ini­zia a es­se­re cal­da, sa­li­re sul cam­pa­ni­le del­la cat­te­dra­le per am­mi­ra­re l’in­de­scri­vi­bi­le tra­mon­to, in­cro­cia­re il sor­ri­so del­le gio­va­ni che por­ta­no sul­la te­sta ce­ste di vi­mi­ni, ad­den­trar­si nei vi­co­li più pit­to­re­schi quan­do le por­te del­le ca­se in sti­le co­lo­nia­le co­min­cia­no a spa­lan­car­si e le per­so­ne ad af­fac­ciar­si lun­go le stra­de, ac­co­mo­dan­do­si nel­le lo­ro se­die a don­do­lo e re­stan­do a guar­da­re la vi­ta not­tur­na che si ani­ma, so­no emo­zio­ni uni­che ed ir­ri­pe­ti­bi­li.

La­scia­ta Gra­na­da, si fa rot­ta ver­so l’Ocea­no Pa­ci­fi­co, fi­no a rag­giun­ge­re San Juan del Sur, uno dei luo­ghi più tu­ri­sti­ci del Ni­ca­ra­gua. An­che qui la gen­te è ospi­ta­le e di­spo­ni­bi­le ad of­frir­vi tut­te le in­for­ma­zio­ni di cui avre­te bi­so­gno. La vi­sta dall’al­to del­le col­li­ne cir­co­stan­ti è moz­za­fia­to e ben va­le la sa­li­ta. San Juan è an­che no­ta per es­se­re il “pa­ra­di­so” dei sur­fi­sti, ci so­no in­fat­ti di­ver­se spiag­ge che of­fro­no ot­ti­me op­por­tu­ni­tà per pra­ti­ca­re que­sta di­sci­pli­na; la più no­ta è Pla­ya Ma­de­ras che di­sta cir­ca 20 mi­nu­ti dal­la cit­tà. Nu­me­ro­se an­che le pos­si­bi­li­tà di usci­re in bar­ca per pro­cu­rar­si la ce­na, piut­to­sto che com­pra­re sem­pli­ce­men­te il pe­sce o le ara­go­ste dai pe­sche­rec­ci di

ri­tor­no dal­la pe­sca. Per la se­ra­ta non re­sta che con­fon­der­si nel­la fol­la spen­sie­ra­ta dei gio­va­ni tu­ri­sti, tra ri­sto-pub e di­sco­te­che il di­ver­ti­men­to è as­si­cu­ra­to. L’in­do­ma­ni il gior­no più at­te­so, il tra­sfe­ri­men­to ad Ome­te­pe, l’iso­la la­cu­stre più gran­de del mon­do. Due am­pie mon­ta­gne con­giun­te da una sot­ti­le stri­scia di ter­ra che con­fe­ri­sco­no a que­sto luo­go par­ti­co­la­re l’aspet­to di un ot­to gi­gan­te­sco. Il no­me Ome­te­pe de­ri­va dal­la pa­ro­la in lin­gua Na­hua­tl “ome­tep­tl” che si­gni­fi­ca let­te­ral­men­te “due mon­ta­gne” e non è dif­fi­ci­le im­ma­gi­na­re, tro­van­do­si in Ame­ri­ca Cen­tra­le, che que­ste sia­no pro­prio due enor­mi vul­ca­ni, Con­cep­tion e Ma­de­ras.

A Moyo­gal­pa, i ta­xi con­flui­sco­no all’usci­ta del por­to in cer­ca di clien­ti che via via riem­pio­no i vei­co­li. Al­ta­gra­cia è la se­con­da cit­tà più im­por­tan­te del pae­se. Do­po aver per­cor­so par­te dell’uni­ca stra­da che cor­re at­tor­no all’iso­la si rag­giun­ge que­sta quie­ta cit­ta­di­na, con un bel par­co ubi­ca­to nel cen­tro del­la cit­tà, le ca­se in sti­le co­lo­nia­le e le an­ti­che scul­tu­re pre­i­spa­ni­che che fan­no bel­la mo­stra di sé nel pa­tio del­la Chie­sa di San Die­go.

Gli uc­cel­li che vi­vo­no at­tor­no al la­go vo­la­no sul­le sue ri­ve of­fren­do un pic­co­lo an­ti­ci­po del­lo spet­ta­co­lo na­tu­ra­le che ci at­ten­de nell’iso­la di Ome­te­pe, con­si­de­ra­ta una del­le ri­ser­ve na­tu­ra­li più im­por­tan­ti del Ni­ca­ra­gua. Il tem­po scor­re len­ta­men­te ed il suo rit­mo è pia­ce­vo­le e ri­las­san­te. Met­te ama­rez­za rien­tra­re, e co­mo di­rian los ni­ca­ra­guen­ses “Dea­ca­chim­ba”.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.