Com’è pos­si­bi­le mo­ri­re di pre­ca­ria­to?

UN TREN­TEN­NE FRIULANO SI È SUI­CI­DA­TO E HA LA­SCIA­TO UNA LET­TE­RA DI DE­NUN­CIA VER­SO LA SO­CIE­TÀ

Oggi - - Le Domande Di Oggi - RI­SPON­DE Ma­ria Ri­ta Par­si psi­co­te­ra­peu­ta

La man­can­za di un la­vo­ro che po­treb­be con­sen­ti­re a una per­so­na gio­va­ne di rea­liz­zar­si, di espri­mer­si, di ren­der­si eco­no­mi­ca­men­te au­to­no­ma dai suoi fa­mi­lia­ri, può cer­ta­men­te es­se­re la cau­sa sca­te­nan­te di tan­ti di­sa­gi psi­co­lo­gi­ci, ma­les­se­ri e de­pres­sio­ni. Ol­tre che del­la fu­ga di tan­ti gio­va­ni che, nei pro­pri Pae­si di ori­gi­ne - co­me an­che nel no­stro - non han­no tro­va­to ri­co­no­sci­men­to ai lo­ro stu­di, al­le lo­ro ri­cer­che, fa­ti­che, aspet­ta­ti­ve, aspi­ra­zio­ni. Co­sì, quan­do un gio­va­ne, co­me il tren­ten­ne friulano Mi­che­le, ar­ri­va a sui­ci­dar­si, scri­ven­do pri­ma di mo­ri­re una let­te­ra di de­nun­cia e di ac­cu­sa nei con­fron­ti del­la co­mu­ni­tà uma­na e del­la so­cie­tà in cui è vis­su­to, a suo di­re col­pe­vo­li di aver­lo de­lu­so, ne­ga­to e «de­ru­ba­to del­la fe­li­ci­tà», quel “ma­le di vi­ve­re”, co­mu-

ne a tan­ti gio­va­ni - e non so­lo - vie­ne pe­ri­co­lo­sa­men­te “sdo­ga­na­to”. Pe­ri­co­lo­sa

men­te per­ché co­sti­tui­sce il tra­gi­co esem­pio di dar­si la mor­te per de­nun­cia­re, sen­za

com­bat­te­re fi­no in fon­do e su­pe­ra­re le tan­te ine­vi­ta­bi­li asprez­ze, dif­fi­col­tà, de­lu­sio­ni del­la vi­ta. O co­me nel ca­so di Mi­che­le, an­che per af­fer­ma­re una pro­pria vel­lei­ta­ria vi­sio­ne del mon­do e re­cla­ma­re, con in­ge­nui­tà, un di­rit­to al­la fe­li­ci­tà che nes­sun de­sti­no, in­di­vi­dua­le e col­let­ti­vo può ga­ran­ti­re agli es­se­ri uma­ni. Se non co­me splen­di­da, ne­ces­sa­ria uto­pia. Si trat­ta, per­tan­to, di un mo­do di­strut­ti­vo di por­re fi­ne a sof­fe­ren­ze, in­giu­sti­zie, il­le­ga­li­tà che, in­ve­ce, pos­so­no es­se­re af­fron­ta­te, tra­sfor­ma­te, de­bel­la­te, so­lo se gli es­se­ri uma­ni si al­lea­no e com­bat­to­no in­sie­me, nel mi­cro­co­smo co­me nel ma­cro­co­smo, per at­ti­va­re be­nes­se­re e sa­lu­te men­ta­le. E, so­prat­tut­to, per

fa­re “pre­ven­zio­ne” del do­lo­re, del di­sa­gio, del ma­les­se­re, all’in­ter­no del­le due fon­da­men­ta­li agen­zie edu­ca­ti­ve di ogni uma­na so­cie­tà: fa­mi­glia

e scuo­la. Per non con­sen­ti­re al­la pau­ra, al­la de­lu­sio­ne, al­la sfi­du­cia, all’an­go­scia di mor­te e al­la so­li­tu­di­ne di far pre­va­le­re la di­strut­ti­vi­tà.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.