EDI­TO­RIA­LE

SE PO­TES­SI­MO SCRI­VE­RE A NOI STES­SI DA GIOVANI, CHE CON­SI­GLI SAPREMMO DAR­CI?

Oggi - - Sommario - di Um­ber­to Brin­da­ni

Se tu po­tes­si scri­ve­re una let­te­ra di con­si­gli a te stes­so ra­gaz­zi­no, che co­sa gli di­re­sti? Qua­li sug­ge­ri­men­ti ti ver­reb­be­ro in men­te, qua­li av­ver­ten­ze per gli er­ro­ri da non fa­re, qua­li sco­gli da evi­ta­re e op­por­tu­ni­tà da non per­de­re? L’idea, bel­lis­si­ma, vie­ne svi­lup­pa­ta re­go­lar­men­te con i gran­di cam­pio­ni del­lo sport su un si­to ame­ri­ca­no ( the­player­stri­bu­ne.com), ed è sta­ta rac­con­ta­ta ma­gi­stral­men­te da Pao­lo Con­dò sull’ul­ti­mo nu­me­ro di Sport­week, il ma­ga­zi­ne del­la Gaz­zet­ta del­lo Sport di­ret­to daMat­teo Do­re. Co­sì, mi so­no chie­sto: che co­sa scri­ve­rei al mio al­ter ego di 16 an­ni?

Cer­to, la ten­ta­zio­ne di “usa­re” in ne­ga­ti­vo que­sta spe­cie di macchina del tem­po è for­te. Usar­la per esor­ciz­za­re ri­mor­si e rim­pian­ti, per esem­pio. Per av­ver­ti­re l’Um­ber­to ado­le­scen­te e non far­gli ri­pe­te­re gli sba­gli ine­vi­ta­bil­men­te fat­ti. «Non met­ter­ti con quel­la ti­pa, ti fa­rà sof­fri­re». «Im­pa­ra be­ne l’in­gle­se, ma stu­dia pu­re il gre­co, an­che se non ci cre­di ti ser­vi­rà nel­la vi­ta e nel­la pro­fes­sio­ne». «Non gio­ca­re quel­la par­ti­ta di pal­la­vo­lo, ti fra­cas­se­rai una spal­la». «Ri­scat­ta su­bi­to la lau­rea, do­po co­ste­rà trop­po». «Cer­ca di es­se­re più pre­sen­te e più dol­ce con il tuo pa­pà, ti la­sce­rà pre­sto».

Enon sia­mo den­troRi­tor­no al fu­tu­ro: l’Um­ber­to se­di­cen­ne non avrà mai l’Al­ma­nac­co spor­ti­vo di Mar­ty McF­ly per scom­met­te­re, vin­ce­re e di­ven­ta­re ric­co sfon­da­to co­me il cat­ti­vis­si­mo Biff. Non c’è il ri­schio dei pa­ra­dos­si tem­po­ra­li che han­no fat­to la for­tu­na di tan­ti ro­man­zi e tan­ti fil­m­di fan­ta­scien­za. La let­te­ra al se stes­so “da gio­va­ne” in fon­do è so­lo un gio­co, una ri­fles­sio­ne sul se stes­so “da gran­de”, un mo­do per ti­ra­re dei bi­lan­ci e for­se an­che una gui­da per in­te­ra­gi­re con i fi­gli, quel­li che in que­sto mo­men­to han­no tut­ta la vi­ta da­van­ti.

Che co­sa mi scri­ve­rei, dun­que? Pri­ma di tut­to, mi scri­ve­rei di non ave­re pau­ra, mai, di nien­te. Af­fron­ta­re le sfi­de, in pri­ma per­so­na, a pet­to in fuo­ri, sen­za ti­rar­si in­die­tro o de­le­ga­re ad al­tri, e pe­rò an­che ac­cet­ta­re le scon­fit­te. Ar­rab­biar­si e in­di­gnar­si, quan­do è il ca­so, e sa­per pian­ge­re, quan­do ce n’è bi­so­gno. Non ver­go­gnar­si dei pro­pri di­fet­ti. Fi­dar­si del­le per­so­ne an­che sa­pen­do che qual­cu­na ti tra­di­rà. Guar­da­re sem­pre avan­ti e non tra­sci­nar­si sul­le spal­le il pas­sa­to, che si chia­ma co­sì, ap­pun­to, per­ché non c’è più. Sgom­bra­re la men­te dai pre­giu­di­zi e cercare, sem­pre!, di ra­gio­na­re con la pro­pria te­sta, a co­sto di sba­glia­re giu­di­zio. Di­rei al me stes­so tee­na­ger di es­se­re ge­ne­ro­so ma non in­ge­nuo, sin­ce­ro ma non sprov­ve­du­to, astu­to ma non fur­bet­to. E gli di­rei di im­pa­ra­re ad ama­re, per­ché chi non ama non vi­ve real­men­te.

Un bel ca­ta­lo­go di buo­ni pro­po­si­ti, di­te? Sa­rà. Ma mol­te co­se si im­pa­ra­no con gli an­ni, le espe­rien­ze, le ca­du­te e le ri­sa­li­te. E cer­to il me stes­so di 16 an­ni, se aves­se ri­ce­vu­to una let­te­ra dal me stes­so di 59, cre­do che ne avreb­be fat­to te­so­ro, cer­te co­se non ca­pi­ta­no tut­ti i gior­ni… Poi, è fin trop­po ov­vio, sia­mo quel­lo che sia­mo per­ché quel­la let­te­ra non l’ab­bia­mo ri­ce­vu­ta. Co­me di­ce lo scrit­to­re ame­ri­ca­no Ro­bert Brault, «l’espe­rien­za che ho­ma­tu­ra­to a 21 an­ni sa­reb­be uti­le se aves­si di nuo­vo 21 an­ni, ma ho 71 an­ni e so­no un prin­ci­pian­te e con­ti­nuo a fa­re gli er­ro­ri di uno che ha 71 an­ni». Il mi­ti­co ex ten­ni­sta Jim­my Con­nors espri­me lo stes­so con­cet­to in mo­do più bru­ta­le: «L’espe­rien­za è una gran­de co­sa. Il pro­ble­ma è che, quan­do l’espe­rien­za ce l’hai, sei ma­le­det­ta­men­te trop­po vec­chio per far­ci qual­co­sa».

Eal­lo­ra? Non po­ten­do tor­na­re dav­ve­ro in­die­tro nel tem­po, scri­ve­re a se stes­si da giovani è sol­tan­to un eser­ci­zio inu­ti­le e an­che un po’ fri­vo­lo? Non so, a me l’idea pia­ce, e ci la­vo­re­rò so­pra. È ve­ro, co­me so­ste­ne­va Goe­the, che tut­te le co­se si po­treb­be­ro fa­re me­glio se si po­tes­se­ro fa­re due vol­te, ma l’espe­rien­za è una fac­cen­da che si può tra­smet­te­re a chi non ce l’ha. E voi, che co­sa scri­ve­re­ste al vo­stro gio­va­nis­si­mo al­ter ego?

Dal film Ri­tor­no al fu­tu­ro 2 ( 1989): Mar­ty McF­ly, in­ter­pre­ta­to da Mi­chael J. Fox (a de­stra), e il suo an­ta­go­ni­sta Biff Tan­nen, l’at­to­re Tho­mas F. Wil­son.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.