QUEL SOR­RI­SO RAC­CON­TA TUT­TO

Oggi - - Antonella Clerici Si Confessa A Cuore Aperto - Mi­che­la Au­ri­ti

Ro­ma. An­to­nel­la Cle­ri­ci ha fat­to ac­qui­sti as­sie­me al suo Vit­to­rio. La cop­pia si in­con­tra pre­va­len­te­men­te nei fi­ne set­ti­ma­na, quan­do An­to­nel­la non va in on­da. «Ma nei pro­get­ti», di­ce, «c’è quel­lo di una ca­sa in­sie­me. Con il la­vo­ro vo­glio ral­len­ta­re».

to che si sa­reb­be de­di­ca­ta me­no al­la te­le­vi­sio­ne e più agli af­fet­ti. «Ho un con­trat­to con la Rai in sca­den­za a giu­gno, ve­dre­mo. Cer­to vor­rei ral­len­ta­reun­po’ i tem­pi. Per­me stes­sa, per la­mia­bam­bi­na che sta en­tran­do in una fa­se de­li­ca­ta del­la vi­ta e va ac­com­pa­gna­ta, e per de­di­car­mi al­le pas­sio­ni mie e di Vit­to­rio. So­no in un’età in cui non de­vo di­mo­stra­re più nien­te a nes­su­no: la­mia car­rie­ra è lun­ga trent’an­ni, so­no ar­ri­va­ta al top di tut­to». Ha già un’idea di quel­lo che po­treb­be­ro of­frir­le? «No. Ma cre­do che laRai, co­me le al­tre azien­de, ab­bia­no bi­so­gno di con­dut­tri­ci di espe­rien­za nel pri­me ti­me. Ul­ti­ma­men­te mi so­no li­mi­ta­ta al pro­gram­ma quo­ti­dia­no, ma ve­dia­mo co­sa mi ver­rà pro­po­sto». Do­ve s’im­ma­gi­na in un fu­tu­ro nean­che tan­to lon­ta­no? «Un po’ in cit­tà, per­ché la cit­tà si­gni­fi­ca la­vo­ro. E un po’ in cam­pa­gna, do­ve po­ter fa­re una vi­ta più ri­ti­ra­ta. Mi pia­ce­reb­be far cre­sce­re mia fi­glia in una di­men­sio­ne più pic­co­la, cre­do sia un va­lo­re im­por­tan­te». Gli im­pe­gni co­strin­go­no lei e Vit­to­rio a con­ti­nui spo­sta­men­ti tra Ro­ma, Mi­la­no e Ge­no­va. Di­ce­va di pen­sa­re a una ca­sa co­mu­ne, a che pun­to è il pro­get­to? «Aspet­tia­mo gli svi­lup­pi del­la no­stra vi­ta, ma è una co­sa che fa­re­mo di si­cu­ro». Lei ha sem­pre le­ga­to il ci­bo al ses­so. Dis­se: «Ci so­no le fac­ce da fi­let­to e quel­le da la­sa­gna». Vuol ri­pe­te­re la sua teo­ria? «Fac­ce da fi­let­to: so­no quel­li che stac­ca­no il gras­so dal pro­sciut­to, man­gia­no scon­di­to, non ama­no il vi­no. Al­lo­ra sap­pia­te che an­che il do­po sa­rà co­sì, una no­ia. Fac­ce da la­sa­gna: è il go­du­rio­so, quel­lo che ap­prez­za i pia­ce­ri del­la ta­vo­la, e quin­di... Io e Vit­to­rio sia­mo da la­sa­gna, per­ché pas­sio­na­li in tut­to». Vit­to­rio è un ro­man­ti­co. Nel li­bro lei rac­con­ta di cen­to ro­se ros­se, che le ha fat­to re­ca­pi­ta­re da una can­ta­fio­ri­sta ve­nu­ta ap­po­sta da Mi­la­no a Ro­ma. Ha in­to­na­to la sua can­zo­ne pre­fe­ri­ta... «Sì. Io vor­rei, non vor­rei, ma se vuoi, di Bat­ti­sti. È ve­ro, rac­con­ta di un amo­re fi­ni­to, ma fa ca­pi­re che gra­zie a un nuo­vo in­con­tro tut­to può ri­co­min­cia­re. Vit­to­rio mi sta­va di­cen­do che vo­le­va es­ser­ci, che mi ca­pi­va, che un nuo­vo ini­zio era al­le por­te. Non ave­vo pa­ro­le, ma cre­do che i miei oc­chi lu­ci­di di­ces­se­ro tut­to». Scom­met­to che il suo com­pa­gno le por­ta la co­la­zio­ne a let­to. «Qual­che vol­ta la do­me­ni­ca, quan­do sia­mo io e lui da so­li. Lo fa se mi ve­de par­ti­co­lar­men­te stan­ca e sa che la do­me­ni­ca ho bi­so­gno di sta­re a let­to tran­quil­la, ma­ga­ri fi­no al­le 10. Ma in ge­ne­ra­le sia­mo mol­to mat­ti­nie­ri. Ci al­zia­mo pre­sto, fac­cia­mo gin­na­sti­ca in­sie­me, poi co­la­zio­ne. Cer­chia­mo di fa­re in cop­pia più co­se pos­si­bi­li. E quan­do guar­doVit­to­rio è co­me se ve- des­si la mia im­ma­gi­ne ri­fles­sa nel­lo spec­chio. Sia­mo mol­to si­mi­li». Al­lo­ra è pos­si­bi­le che ab­bia­te cam­bia­to idea su un ma­tri­mo­nio «non ne­ces­sa­rio»? «Po­trà chie­der­me­lo mil­le vol­te ma la ri­spo­sta ri­ma­ne la stes­sa: il­ma­tri­mo­nio non­ci ap­par­tie­ne. Ma­ga­ri tra vent’an­ni, quan­do sa­re­mo vec­chi... ma non è co­sì im­por­tan­te nel­la no­stra vi­ta». Ep­pu­re ve­do un anel­lo con bril­lan­ti a for­ma di cuo­re al suo anu­la­re. «Ma va, è del­lo spon­sor! Nien­te anel­li nien­teim­pe­gni, seè­que­sto­che­vuol sa­pe­re. Pe­rò i gio­iel­li non­mi in­te­res­sa­no». L’aspet­ta­no la con­du­zio­ne di Te­le­thon il 16 di­cem­bre e San­re­mo young, un ta­lent per i ra­gaz­zi na­ti dal Due­mi­la in poi che si ter­rà pro­prio al tea­tro Ari­ston. Ma piut­to­sto: que­sto è un pe­rio­do di pub­bli­che con­fes­sio­ni in fat­to di mo­le­stie, lei co­me la pen­sa? «Cre­do che quan­do c’è uno stupro rea­le e la don­na è so­la, si do­vreb­be­ro ap­pli­ca­re pe­ne più pe­san­ti. Ma quan­do il pe­ri­co­lo si crea sul la­vo­ro, l’im­por­tan­te è sa­per di­re di no ed evi­ta­re di tro­var­si in cer­te si­tua­zio­ni. Vuoi par­la­re di la­vo­ro al­le 9 di se­ra nel tuo al­ber­go? Par­lia­mo­ne la mat­ti­na nel tuo uf­fi­cio, con la se­gre­ta­ria pre­sen­te! Bi­so­gna di­stin­gue­re. E non aspet­ta­re vent’an­ni per de­nun­cia­re: se in­con­tri il ma­ia­le, o lo di­ci su­bi­to op­pu­re lo rim­bal­zi e ne par­li ma­le in gi­ro. Se poi hai ta­len­to, non c’è bi­so­gno di que­ste scor­cia­to­ie: pri­ma o poi vie­ni fuo­ri. Al­la fi­ne, la gen­te di po­te­re ve­ra­men­te in gam­ba ap­prez­za di più un no. Ame è ca­pi­ta­to di dir­lo o di at­teg­giar­mi a fin­ta ton­ta. E mi han­no ri­spet­ta­to di più». Vuo­le fa­re no­mi? «As­so­lu­ta­men­te no, non so­no mai sta­ta mo­le­sta­ta in mo­do pe­san­te. E poi non esa­ge­ria­mo, sen­nò ver­ran­no vie­ta­te an­che le bat­tu­te go­liar­di­che».

IN LI­BRE­RIA

La co­per­ti­na di La mia vi­ta in cu­ci­na, il nuo­vo li­bro in cui An­to­nel­la Cle­ri­ci me­sco­la ri­cet­te, ri­cor­di e rac­con­ti. Lo tro­va­te in tut­te le li­bre­rie, edi­to da Rai Eri, al prez­zo di 18 eu­ro. «È la mia pro­va scrit­ta più riu­sci­ta», ga­ran­ti­sce l’au­tri­ce.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.