Epen­sa­re che le si­re­ne era­no uc­cel­li!

SE­CON­DO LA LEG­GEN­DA, FU­RO­NO LO­RO A FONDARE NA­PO­LI. E PRO­PRIO ANAPOLIOGGI SI IM­MA­GI­NA ILLORO RI­TOR­NO. CO­SA C’ È DIE­TRO IL MI­TO

Oggi - - Il Mito Rivive Le Donne- Pesce Protagoniste Su Rai - Di Eri­ka Rig­gi

Pen­sa co­me sa­rà bel­lo, Ares, ave­re una fa­mi­glia in­sie­me, con tan­te si­re­net­te e tan­ti tri­ton­ci­ni». In pri­ma se­ra­ta su Rai 1, a espri­me­re il suo so­gno di fe­li­ci­tà in­so­li­to e ras­si­cu­ran­te è una don­na-pe­sce: una Va­len­ti­na Bel­lé di car­ne e squa­me, co­da e pet­to nu­do, pro­ta­go­ni­sta del­la fic­tion più au­da­ce del pa­lin­se­sto te­le­vi­si­vo. Scor­da­te Go­mor­ra. Que­sta vol­ta Na­po­li è la cit­tà del­le si­re­ne, da una si­re­na se­con­do il mi­to fon­da­ta e da quat­tro si­re­ne per fic­tion abi­ta­ta: ol­tre a Ya­ra (la Bel­lé), ci so­no la ma­triar­ca Ma­ri­ca ( Ma­ria Pia Cal­zo­ne, l’in­di­men­ti­ca­bi­le Don­na Im­ma di Go­mor­ra), Ire­ne ( De­ni­se Tan­tuc­ci) e Da­ria ( Ro­sy Fran­ze­se). Idea­ta da Ivan Co­tro­neo e di­ret­ta da Da­vi­de Ma­ren­go, la fan­ta­sy co­me­dy van­ta la pre­sen­za di Or­nel­la Mu­ti (si­re­na zia che fug­ge a Mia­mi), e di un Lu­ca Ar­gen­te­ro che par­la na­po­le­ta­no (lui co­sì to­ri­ne­se) e che ha for­se con­tri­bui­to ai buo­ni ascol­ti del­le pri­me pun­ta­te. Ap­plau­si e sor­ri­si, dun­que, dai di­va­ni di tut­ta Ita­lia: per­ché è una fic­tion ben fat­ta? Non so­lo. Se l’in­con­tro-scon­tro con il di­ver­so (ma­schi­le-fem­mi­ni­le, uma­no-ac­qua­ti­co) va in sce­na ben con­di­to da iro­nia, pia­ce an­che per­ché ci fa ri­sco­pri­re il fa­sci­no di un mi­to che è sen­za tem­po in sen­so pro­prio.

DIVORATRICI DI MARINAI

Da­gli As­si­ri Ba­bi­lo­ne­si al lo­go del­le caf­fet­te­rie Star­bucks, pas­san­do per gli av­vi­sta­men­ti in al­to ma­re e per tan­to ci­ne­ma (da Spla­sh – Una si­re­na

a Ma­n­hat­tan con Da­ryl Han­nah, a Si­re­ne, con Cher), la si­re­na è il mo­stro - dal la­ti­no mon­strum, «pro­di­gio, por­ten­to» - più pop, quel­lo cui è im­pos­si­bi­le re­si­ste­re. An­ge­li cac­cia­ti dal pa­ra­di­so, aman­ti del bal­lo e spes­so as­si­mi­la­te al­le fo­che se­con­do la mi­to­lo­gia del nord Eu­ro­pa, era­no me­tà don­ne e me­tà uc­cel­li, e non pe­sci, se­con­do gli an­ti­chi Gre­ci: con il lo­ro can­to (“sir”, “can­to”, po­treb­be es­se­re la ra­di­ce se­mi­ti­ca del no­me), at­ti­ra­va­no i marinai per far­li nau­fra­ga­re, ra­pir­li o ad­di­rit­tu­ra di­vo­rar­li.

SO­NO LA PRO­VA CHE AN­CHE QUEL­LO CHE CI FA PAU­RA PUÒ ES­SE­RE BEL­LIS­SI­MO

COLOMBONON CI CRE­DE­VA

Ma Ulis­se, rac­con­ta Ome­ro, per ascol­tar­ne la vo­ce sen­za su­bir­ne gli ef­fet­ti si fa le­ga­re a un al­be­ro del­la na­ve e ai marinai riempie le orec­chie di ce­ra. Un ge­sto che la di­ce lun­ga sul po­te­re di se­du­zio­ne del­la si­re­na sull’uo­mo: in am­bien­te ma­ri­no esi­ste, si sa, il tri­to­ne, fi­gu­ri­na di se­con­do pia­no con­si­de­ra­to che è all’ade­sca­men­to dell’uma­no bi­pe­de che la don­na-pe­sce è de­sti­na­ta, dal­la Sirenetta di An­der­sen al’Ar­gen­te­ro na­po­le­ta­no. Da Cri­sto­fo­ro Co­lom­bo - che di­ce­va di non cre­der­ci - in giù, era­no so­prat­tut­to gli uo­mi­ni di­ma­re a di­re di ave­re vi­sto le si­re­ne. Per ra­gio­ni di op­por­tu­ni­tà, ma an­che psi­co­lo­gi­che: qua­le mi­glio­re mi­rag­gio ses­sua­le, per un uo­mo fru­stra­to dal­la so­li­tu­di­ne del­la na­vi­ga­zio­ne, di una bel­la dea sor­gen­te dai flut­ti? A que­sti av­vi­sta­men­ti si ag­giun­ga­no quel­li dei na­tu­ra­li­sti at­trat­ti dall’in­so­li­to: le in­di­vi­dua­va­no in du­gon­ghi e la­man­ti­ni, mam­mi­fe­ri ma­ri­ni dal­le mam­mel­le pro­nun­cia­te, ma an­che in pe­sci va­ga­men­te uma­noi­di o re­si ta­li. Se nei lu­na park di ini­zio ‘900 ve­ni­va­no pre­sen­ta­te le don­ne fo­ca, af­fet­te da si­re­no­me­lia (ra­ra mal­for­ma­zio­ne che si ca­rat­te­riz­za per una fu­sio­ne del­le gam­be), c’era­no esem­pla­ri di fal­se si­re­ne nel­le Wun­der­kam­mer, le ca­me­re del­le cu­rio­si­tà dei col­le­zio­ni­sti nel Cin­que e Sei­cen­to, e an­che nei ba­rac­co­ni co­me quel­lo del ce­le­bre P.T. Bar­num(la si­re­na del­leFi­ji) e, in an­ni più re­cen­ti, co­me fal­si, an­che nei mu­sei (diMi­la­no, di Lon­dra...). Qual­cu­no li co­strui­va, unen­do bu­sti di scim­mia e cor­pi di pe­sce o ag­giun­gen­do det­ta­gli uma­noi­di a cor­pi di squa­lo; i fal­sa­ri ne fa­ce­va­no com­mer­cio.

AT­TRAE E ATTERRISCE

Nel 2009, il con­si­glio co­mu­na­le di Ki­ryat Yam ( Hai­fa) pro­mi­se un mi­lio­ne di dol­la­ri a chi aves­se pro­va­to che la don­na-pe­sce av­vi­sta­ta sul­le co­ste israe­lia­ne era una si­re­na: avreb­be ga­ran­ti­to or­de di tu­ri­sti. Tra l’or­ri­do e il me­ra­vi­glio­so, la don­na-pe­sce at­trae spa­ven­tan­do: più de­gli ani­ma­li ibri­di del­la mi­to­lo­gia, di chi­me­re, fau­ni e mi­no­tau­ri. Più de­gli es­se­ri mi­ste­rio­si del­la crip­to­zoo­lo­gia, i Chu­pa­ca­bra, i mo­stri di Lo­chNess e gliYe­ti. È il di­vi­no che ir­rom­pe e si fon­de con l’uma­no, ga­ran­ten­do, tan­to per co­min­cia­re, che il di­vi­no c’è. È la pro­va che an­che quel­lo che non ci as­so­mi­glia, e ma­ga­ri ci fa pau­ra, può es­se­re bel­lis­si­mo. Ma ci di­ce an­che che l’uo­mo è sem­pre in cer­ca di qual­co­sa di nuo­vo, mai vi­sto, per­si­no dif­for­me, ma­ga­ri stram­bo, pur­ché sia nuo­vo. An­che in tv.

Il tri­to­ne Ares scap­pa sul­la ter­ra

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.