Nean­che un in­vi­to a ce­na! »

Oggi - - E, In Pieno Scandalo Weinstein, Fa Una Rivelazione -

Sta sce­glien­do i pros­si­mi con­cor­ren­ti. Il so­gno im­pos­si­bi­le? «Mi­chel­le Oba­ma bal­le­ri­na per una not­te. Ci pro­ve­rò, co­me ci ho pro­va­to per Bill Clin­ton. Non è ve­nu­to, pe­rò il suo staff si è pre­so la bri­ga di ri­spon­der­mi». Nel­la pri­ma tap­pa di Bal­lan­do on the road ave­te fat­to un pro­vi­no a Gio­van­ni Ciac­ci, lo sty­li­st di Det­to fat­to, che ha bal­la­to con un uo­mo. Po­treb­be suc­ce­de­re an­che nel pro­gram­ma? Sa­reb­be una no­vi­tà cla­mo­ro­sa. «Lo ha chie­sto lui, per­ché no?». Nel frat­tem­po, è a cac­cia di ta­len­ti e sto­rie. Quel­la che l’ha com­mos­sa di più? «ACa­ta­nia si è pre­sen­ta­to un mu­ra­to­re che do­po es­se­re ca­du­to da un’im­pal­ca­tu­ra è fi­ni­to sul­la se­dia a ro­tel­le. Era de­pres­so, poi gli ami­ci lo han­no tra­sci­na­to in sa­la da bal­lo ed è ri­ma­to: ha for­ma­to un grup­po hip hop, lui in car­roz­zel­la, gli al­tri in pie­di». Che idea si è fat­ta dell’Ita­lia? «Di­co­no che sia­mo un Pae­se de­pres­so e di­sil­lu­so, e non è ve­ro. In­con­tro per­so­ne gio­io­se, con una gran­de ve­na per l’ar­te, ca­pa­ci di tro­va­re soluzioni fai- da-te me­ra­vi­glio­se». A pro­po­si­to di Rai 1, la sta­gio­ne è in­co­min­cia­ta in sa­li­ta. Te­me per gli ascol­ti? «Il sa­ba­to se­ra è un in­fer­no di cri­stal­lo: Ca­na­le5­man­da in on­da il suo pro­dot­to di pun­ta, per non par­la­re del­le par­ti­te. Dob­bia­mo ave­re un ca­st sor­pren­den­te. E non è fa­ci­le, vi­sto che il bud­get di­mi­nui­sce ogni an­no». Asia Ar­gen­to, ex concorrente di

Bal­lan­do, è fi­ni­ta nel tri­ta­car­ne do­po aver de­nun­cia­to le mo­le­stie di Wein­stein. L’ha sen­ti­ta? «La chia­me­rò, aspet­to si cal­mi­no le ac­que. È sen­si­bi­le e co­rag­gio­sa, quel­lo che ha su­bi­to è ter­ri­bi­le». Ma lei, l’ha mai ri­ce­vu­ta una pro­po­sta in­de­cen­te? «Mai! Nean­che un in­vi­to a ce­na». Sa­rà che spa­ven­ta gli uo­mi­ni? ( ri­de) «So­no sta­ta una privilegiata. Le mo­le­stie so­no un’esi­bi­zio­ne di po­te­re». C’è qual­co­sa di lei che an­co­ra non sap­pia­mo? «Sa­pe­te tut­to di me, tran­ne che so­no ti­mi­da. Og­gi, se non ti but­ti ad­dos­so al­le per­so­ne, sei una che sta sul­le tue. No, so­no so­lo una ti­mi­da ro­man­ti­ca». Rimpianti? «Qual­che an­no fa le avrei det­to il ci­ne­ma. Ma ai tem­pi non c’era­no bei ruo­li fem­mi­ni­li, ma so­lo co­mi­ci e bellone che fa­ce­va­no la doc­cia. E sic­co­me non ave­vo vo­glia di fa­re doc­ce, ho pun­ta­to sul­la tv. Con il sen­no di poi, me­glio co­sì. I rimpianti so­no una per­di­ta di tem­po». ●

«Con­fer­mo Sel­vag­gia Lu­ca­rel­li in giu­ria: un piz­zi­co di iro­nia nei giu­di­zi ci sta, se no sa­reb­be una no­ia»

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.