« Mi dan­no del cat­ti­vo per­ché non so­no ipo­cri­ta »

«SE PEN­SO UNA CO­SA, LA DI­CO, AN­CHE QUAN­DO NON DO­VREI », SPIEGAI L CON­DUT­TO­RE DE I FAT­TI VO­STRI. E SVE­LA AN­CHE IL SUOLATO PA­TER­NO :« CON LE MIE FI­GLIE SO­NO MO­DER­NO»

Oggi - - Senza Filtri Parla Il Protagonista Del Mezzogiorno - Di Ni­co­le Per­si­co

Ho 70 an­ni, una bel­la ci­fra tonda. Ma vor­rei smen­ti­re la no­ti­zia che vo­glio la­vo­ra­re fi­no a 100». Gian­car­lo Ma­gal­li è col­to, in­tel­li­gen­te e ha quel­la giu­sta do­se di sar­ca­smo e iro­nia che lo ren­de uno dei pro­ta­go­ni­sti del­la te­le­vi­sio­ne ita­lia­na e il re dei di­bat­ti­ti so­cial. Que­st’an­no ha fe­steg­gia­to i 70 an­ni d’età e i 40 an­ni di car­rie­ra. È tut­ti gior­ni in di­ret­ta al­le pre­se con la con­du­zio­ne de I fat­ti vo­stri, un pro­gram­ma che rie­sce an­co­ra a di­ver­tir­lo. Se do­ves­se pen­sa­re al suo pros­si­mo fu­tu­ro da pen­sio­na­to, co­me si ve­de? «Non ho pau­ra del pen­sio­na­men­to, fa par­te dell’or­di­ne na­tu­ra­le del­le co­se. L’idea di po­ter­mi ri­po­sa­re stan­do in sa­lu­te non mi di­spia­ce. Mi pia­ce­reb­be de­di­car­mi al­le mie fi­glie. Vor­rei viag­gia­re di più con lo­ro». A 70 an­ni si co­min­cia a fa­re un bi­lan­cio? «Fac­cio bi­lan­ci tut­ti i gior­ni e so­no sem­pre se­re­ni. C’è sta­to so­lo un pe­rio­do lon­ta­no in cui li­ti­gai con un di­ri­gen­te Rai che mi ten­ne fer­mo un an­no e mi fe­ci qual­che do­man­da. Og­gi lui è un di­men­ti­ca­to qua­lun­que e io con­ti­nuo a sta­re al mio po­sto». Qual è la qua­li­tà ne­ces­sa­ria per fa­re tv per co­sì tan­ti an­ni? «Non di­pen­de mol­to da noi. È il pub­bli­co che de­ci­de quan­do è il mo- men­to in cui de­vi an­dar­te­ne. Io so­no sem­pre pron­to ad ac­co­glie­re even­tua­li in­di­ca­zio­ni in tal sen­so, fi­no­ra non so­no ar­ri­va­te. Se uno la­vo­ra con one­stà e vo­glia di di­ver­tir­si, gli an­ni pas­sa­no. An­co­ra og­gi en­tro den­tro al­le sto­rie che rac­con­to, mi com­muo­vo, m’in­di­gno e mi emo­zio­no». Si è mai pen­ti­to d’aver det­to co­se che ma­ga­ri po­te­va non di­re? «Sì, cen­ti­na­ia di vol­te, ma non è un pro­ble­ma. Se di­co una co­sa è per­ché la pen­so, e qua­si sem­pre è ve­ra. Cer­to, so­ven­te po­trei far­ne a me­no». Si ri­tie­ne un buo­no o un cat­ti­vo? «So­no un buo­no, an­zi buo­nis­si­mo, ma so­no an­che mol­to one­sto. Se pen­so una co­sa, la di­co, an­che quan­do non do­vrei. E qual­che ne­mi­co me lo fac­cio. Il cat­ti­vo è quel­lo che di­ce co­se non ve­re per fa­re ma­le. Io di­co co­se ve­re che pos­so­no fa­re ma­le, ma cer­co sem­pre di non esa­ge­ra­re. È l’amo­re per la bat­tu­ta che mi por­ta a es­se­re un po­chi­no pun­gen­te, ma mai pri­vo di fon­da­men­to. Tra gli ami­ci e chi mi vuo­le be­ne, ho fa­ma di es­se­re ge­ne­ro­so e al­trui­sta. In tv ci so­no mol­ti miei col­le­ghi che sem­bra­no buo­ni ma in real­tà so­no cat­ti­vi». Mi ha det­to del de­si­de­rio di viag-

gia­re più spes­so con le sue fi­glie. Che pa­dre è lei? «Mol­to ami­che­vo­le, af­fet­tuo­so e mo­der­no, sia con Ma­nue­la che con Mi­che­la. Mi con­si­de­ra­no un pa­dre sim­pa­ti­co. So­no don­ne in­tel­li­gen­ti. Ogni tan­to ve­do an­che le lo­ro ma­dri, le mie ex mo­gli (Car­la Cro­ci­ve­ra e Va­le­ria Do­na­ti, ndr). Non ho rot­to i rap­por­ti con nes­su­na, l’ami­ci­zia e l’af­fet­to so­no ri­ma­sti». È spes­so cir­con­da­to da don­ne. Quin­di co­no­sce­rà be­nis­si­mo il mon­do fem­mi­ni­le. «Con mia fi­glia pic­co­la mi ten­go al cor­ren­te del mon­do dei gio­va­ni, sul lo­ro lin­guag­gio, su quel­lo che pen­sa­no e do con­si­gli ge­ne­ri­ci sul­la vi­ta sen­ti­men­ta­le. Gli uo­mi­ni ora si spin­zet­ta­no le so­prac­ci­glia, si ra­do­no i pe­li del pet­to, fan­no co­se che al­le don­ne fan­no or­ro­re ( ri­de, ndr). Io so­no an­co­ra una com­pa­gnia pia­ce­vo­le per le don­ne per­ché le fac­cio ri­de­re e so­no af­fet­tuo­so». Co­me de­ve es­se­re la con­dut­tri­ce per­fet­ta? «Non c’è una con­dut­tri­ce per­fet­ta, di­pen­de dal pro­gram­ma che fa. Ma ci so­no de­gli ac­cor­gi­men­ti. Non de­ve es­se­re trop­po pre­sen­te in sce­na e se ci so­no per­so­ne più esper­te de­ve sa­per­si af­fi­da­re ai con­si­gli che le ven­go­no da­ti». Com’è la­vo­ra­re con Lau­ra Le­na For­gia, la nuo­va “val­let­ta” che l’af­fian­ca a I fat­ti Vo­stri? «Lau­ra è una per­so­na dol­ce. Ac­cet­ta i con­si­gli, sta al suo po­sto. È bel­la e in­tel­li­gen­te. È una com­pa­gna di la­vo­ro pia­ce­vo­le». Qual­che set­ti­ma­na fa, du­ran­te un gio­co te­le­fo­ni­co, è sta­to “bac­chet­ta­to” in di­ret­ta dal re­gi­sta Mi­che­le Guar­dì. Che ef­fet­to fa? «Ma non di­cia­mo scioc­chez­ze! Co­me ha am­mes­so Lau­ra, l’er­ro­re l’ave­va fat­to lei». Qual è il peg­gio­re col­le­ga con cui ha la­vo­ra­to? «Non mi vie­ne in men­te ( ri­de, ndr). Si sa con chi non so­no an­da­to d’ac­cor­do, e non vor­rei tor­nar­ci».

«A I fat­ti vo­stri, Lau­ra For­gia è una com­pa­gna di la­vo­ro pia­ce­vo­le, ac­cet­ta i con­si­gli, sta al suo po­sto».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.