Che co­sa è sta­to tro­va­to nel­la pi­ra­mi­de di Cheo­pe?

SO­PRA AL TUN­NEL CHE POR­TA AL­LA STAN­ZA DEL FA­RAO­NE C'ÈUNVANO OBLUNGO. LA SUA ESI­STEN­ZA È STA­TA CER­TI­FI­CA­TA CON UN ESPE­RI­MEN­TO SCIEN­TI­FI­CO. MA, GIÀ TRENT'AN­NI FA, GLI AR­CHEO­LO­GI...

Oggi - - Le Domande Di Oggi - RI­SPON­DE Ro­ber­to Gia­cob­bo con­dut­to­re tv di Voya­ger e scrit­to­re

Quel­la del­la stan­za misteriosa tro­va­ta nel­la pi­ra­mi­de di Cheo­pe, in Egit­to,

può es­se­re de­fi­ni­ta sco­per­ta scien­ti­fi­ca, ma non è al­tro che una con­fer­ma di una sco­per­ta ar­cheo­lo­gi­ca fat­ta già 30 an­ni fa.

Pro­ba­bil­men­te, un’in­com­pren­sio­ne per man­can­za di co­mu­ni­ca­zio­ne tra scien­zia­ti, in­ge­gne­ri e ar­cheo­lo­gi. In­fat­ti, cir­ca tre de­cen­ni fa, fu­pro­prio il Pro­fes­so­reZa­hi Ha­wass - già re­spon­sa­bi­le del­la Pia­na di Gi­za e di tut­te le an­ti­chi­tà egi­zia­ne - a spie­gar­mi che

so­pra al tun­nel che por­ta al­la Stan­za del Fa­rao­ne era sta­to in­di­vi­dua­to un va­no oblungo, dal­la for­ma in­de­fi­ni­ta, for­se si­mi­le a un fa­gio­lo e lun­go de­ci­ne di me­tri.

Di si­cu­ro il va­no fu ne­ces­sa­rio per la co­stru­zio­ne: gli Egi­zi era­no­mol­to prag­ma­ti­ci e non la­scia­va­no nul­la al ca­so.

Og­gi ab­bia­mo la con­fer­ma del­la sua esi­sten­za gra­zie a un nuo­vo si­ste­ma che ha cat­tu­ra­to i muo­ni

( par­ti­cel­le ge­ne­ra­te dai rag­gi co­smi­ci, ndr) e ne ha va­lu­ta­to l’in­ten­si­tà per de­fi­ni­re l’esi­sten­za di un vuo­to all’in­ter­no di una co­stru­zio­ne. D’ora in avan­ti bi­so­gne­rà ca­pi­re co­me po­ter­ci ar­ri­va­re - ri­cor­dia­mo­ci che, in vo­lu­me, la pi­ra­mi­de di Cheo­pe può con­te­ne­re ben sei ba­si­li­che di San Pie­tro - e in­di­vi­dua­re se con­tie­ne qual­co­sa o me­no. Spe­ran­do di en­trar­ci in ma­nie­ra non in­va­si­va, sen­za de­mo­li­re par­te del­la co­stru­zio­ne. Co­me ha det­to Ha­wass, l’Egit­to ha sve­la­to so­lo il 30% dei te­so­ri sot­to la sab­bia. Im­ma­gi­na­te­vi quan­to c’è an­co­ra da sco­pri­re! Pro­prio per que­sto è uno dei te­mi a me più gra­di­ti.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.