Bar­ba­ra d’Ur­so

«HOFIRMATOUNLUNGHISSIMOCONTRATTOCONMEDIASETEQUANDO SCADRÀ... LORINNOVERÒ», DICELASTARDELGRANDE FRA­TEL­LO. PER­CHÉ SEN­ZA LAVORONONSA STA­RE. EQUI RINTUZZA TUT­TE LE ACCUSE: DA­GLI EC­CES­SI TRASHALLEPOSTURESEXY. E SUL­LE COLLEGHE CHE NON LAAMANO...

Oggi - - Sommario - di Ir­ma Loc­ci

«Met­te­te­vi il cuo­re in pa­ce, non an­drò mai in pen­sio­ne»

Una don­na guer­rie­ra. Una On­na-bu­gei­sha del­la tv, que­sto è Bar­ba­ra d’Ur­so. Ov­ve­ro il cor­ri­spon­den­te fem­mi­ni­le dell’an­ti­co sa­mu­rai giap­po­ne­se. Per­ché non c’è bat­ta­glia te­le­vi­si­va che non la ve­da vin­ce­re. Lo di­mo­stra­no gli ascol­ti di que­sto Gran­de Fra­tel­lo (non vip) che è tor­na­ta a condurre do­po 14 an­ni, fa­cen­do im­biz­zar­ri­re ver­so l’al­to le cur­ve degli ascol­ti del­la pri­ma se­ra­ta di Ca­na­le 5. Se i suoi “ra­gaz­zi” pe­rò non ot­ten­go­no il gra­di­men­to del pub­bli­co per la lo­ro “cat­ti­va edu­ca­zio­ne”, lei re­sta in­di­scu­ti­bil­men­te la ve­ra, uni­ca, in­su­pe­ra­bi­le con­dut­tri­ce di rea­li­ty, fra una sgri­da­ta ai con­cor­ren­ti e un ve­sti­to di piz­zo rosso. Lei con­vin­ce, lo­ro me­no, ma que­sto cam­bia po­co. Per­ché Bar­ba­ra On­na-bu­gei­sha sa co­me ot­te­ne­re dai ra­gaz­zi, nel­la ca­sa più spia­ta d’Ita- lia, la giu­sta sfu­ma­tu­ra di an­tro­po­lo­gia te­le­vi­si­va che in­chio­da lo spet­ta­to­re a ca­sa da­van­ti al­la tv, an­che quan­do do­vreb­be an­da­re fuo­ri a cena.

Bar­ba­ra, gli ascol­ti la pre­mia­no, ma tan­ti l’ac­cu­sa­no di es­se­re sem­pre e so­lo tan­to tra­sh: per­ché? «Ven­go­no de­fi­ni­ti tra­sh mol­ti dei pro­gram­mi di mag­gior suc­ces­so del­la

«PRI­MA DI INIZIARE A CONDURRE QUE­STA EDI­ZIO­NE ERO TESISSIMA: NON HO DORMITO PER UN SAC­CO DI NOTTI »

tv ita­lia­na, an­che il web im­paz­zi­sce per il tra­sh in­te­so co­me tv po­po­la­re e leg­ge­ra. Tut­ti i rea­li­ty, poi, da sem­pre so­no tan­to ama­ti dal pub­bli­co quan­to de­ni­gra­ti dal­la cri­ti­ca, sia in Ita­lia sia nel mondo. Io rie­sco ma­gi­ca­men­te a pas­sa­re dall’uomo el­fo a Gior­gia Me­lo­ni, per un’in­ter­vi­sta ri­pre­sa poi da tut­ti i tg, com­pre­si quel­li del­la Rai. Il pub­bli­co sta con me: Po­me­rig­gio 5 e Do­me­ni­ca Li­ve si av­via­no a chiu­de­re una sta­gio­ne da re­cord. Pri­ma di iniziare a condurre que­sta edi­zio­ne del GF ero ter­ro­riz­za­ta, no­n­ho dor­mi­to­per un sac­co di se­re. Da quan­do lo fac­cio la pau­ra è leg­ger­men­te di­mi­nui­ta e con­ti­nuo a dor­mi­re po­co».

Il suo GF che co­sa of­fre al pub­bli­co del “caf­feuc­cio” a cui lei dà il “cuo­re”? «Si­cu­ra­men­te di­ver­ti­men­to, sto­rie in­ten­se e mol­te no­vi­tà. Of­fre so­prat­tut­to il mio es­se­re Car­me­li­ta, che è il mio mo­do per rac­con­ta­re quel­lo che sia­mo, la vi­ta ve­ra, sen­za fil­tri. È co­me una lun­ga cro­cie­ra in bar­ca a ve­la: si li­ti­ga per for­za all’ini­zio, ma poi si im­pa­ra a con­vi­ve­re nel ri­spet­to degli al­tri».

Ri­spet­to? Co­rag­gio­sa a par­lar­ne… «Io lo pre­ten­do. E la squa­li­fi­ca di Baye Da­me ne è la con­fer­ma».

Sal­vo poi dar­gli vi­si­bi­li­tà… «Ho vo­lu­to che en­tras­se in stu­dio sen­za trion­fi. Nel si­len­zio. Ma io so­no una che per­do­na. An­che chi uc­ci­de, se poi pa­ga, ha di­rit­to a una se­con­da pos­si­bi­li­tà. La sto­ria dei rea­li­ty ita­lia­ni è pie­na di ris­se, pa­ro­le gros­se, squa­li­fi­che. Con la di­ret­ta cer­te cose so­no im­pre­ve­di­bi­li: l’im­por­tan­te è con­dan­na­re con fer­mez­za que­sti mo­men­ti».

Ma­ria De Fi­lip­pi, ospi­te da Fa­bio Fa­zio qual­che tem­po fa, non è sta­ta esat­ta­men­te gen­ti­le con lei, pren­den­do­la in gi­ro per la sua po­stu­ra: per­ché le sue colleghe don­ne non la ama­no? «Non so­no af­fat­to d’ac­cor­do che le mie colleghe don­ne non mi ami­no. Con Ma­ra Ve­nier, per esem­pio, che è sta­ta va­rie vol­te “con­tro” di me te­le­vi­si­va­men­te par­lan­do, va­do d’amo­re e d’ac­cor­do. Mi in­vi­ta spes­sis­si­mo a cena a ca­sa sua, cu­ci­na cose buo­nis­si­me per­me, sia­mo ami­che. Ma­ria daFa­zio? So­no sta­ta ono­ra­tis­si­ma che an­che una gran­de co­me lei mi ab­bia imi­ta­ta. Mi ha imi­ta­ta chiun­que, ma lei mi man­ca­va. Ol­tre­tut­to ave­va­mo già gio­ca­to sul­la­mia po­stu­ra quan­do ero sta­ta sua ospi­te a C’è po­sta per te, do­ve mi ha vo­lu­ta per ben due pun­ta­te a di­mo­stra­zio­ne del­la gran­de sin­to­nia che c’è fra noi. Un sac­co di gen­te­mi ha det­to che è sta­ta cat­ti­va nei­miei ri­guar­di, ma la cat­ti­ve­ria sta ne­gli oc­chi di chi guar­da una co­sa e la in­ten­de cat­ti­va, io ho gli oc­chi buo­ni e que­sta co­sa l’ho vi­sta co­me una co­sa buona».

Per­ché lei si met­te in pun­ta di se­dia quan­do in­ter­vi­sta qual­cu­no? Ha del­le gam­be me­ra­vi­glio­se, lo san­no pu­re i mu­ri… «Mi sie­do co­sì per­ché è un mio­mo­do di met­ter­mi quan­do ho qual­cu­no da­van­ti: ho stu­dia­to i mo­vi­men­ti e i se­gna­li che dà il cor­po - c’ho scrit­to pu­re un li­bro - quan­do de­vo en­tra­re nel­la men­te degli al­tri e par­la­re, apren­do la cer­nie­ra dell’ani­ma di chi ho da­van­ti,

chiun­que es­so sia, un po­li­ti­co, un can­tan­te o un uomo co­mu­ne. Io mi sie­do co­sì per­ché è il “mio” mo­do di re­la­zio­nar­mi conl’al­tro. È il­mio cor­po che­mi por­ta a pren­de­re quel­la po­si­zio­ne per en­tra­re nell’ani­ma di chi ho da­van­ti».

Lei è ma­le­det­ta­men­te im­pe­gna­ti­va, co­me per­so­na, a di­spet­to di quel che fa cre­de­re: per­ché non “mol­la” un po’? Dal­la sua boc­ca non esce­mai una fra­se di trop­po. «Ma mol­la­re su co­sa? Per­ché do­vrei di­re del­le fra­si di trop­po? Non mi ven­go­no, non mi esco­no… Non rie­sco a es­se­re cat­ti­va o an­ti­pa­ti­ca, non mi vie­ne, so­no sta­ta cre­sciu­ta co­sì, i miei fi­gli an­che, sia­mo abi­tua­ti co­sì».

Il suo rap­por­to con la bel­lez­za: quan­to tem­po pas­sa da­van­ti al­lo spec­chio e, so­prat­tut­to, co­sa ve­de ri­fles­so? «Pas­so po­chis­si­mo tem­po da­van­ti al­lo spec­chio per­ché non ho tem­po per far­lo e non me ne fre­ga nul­la dell’im­ma­gi­ne ri­fles­sa di me. Mi pia­ce piut­to­sto l’im­ma­gi­ne che ho di­me quan­do mi sve­glio la mat­ti­na e ri­do nel let­to. Non ho pau­ra del tem­po, vi­vo tan­to velocemente che fac­cio 3 mi­la cose. Cer­to, for­se in­ve­ce ne ho pau­ra, pe­rò non vo­glio aver­ne e al­lo­ra fac­cio, fac­cio fac­cio, mi oc­cu­po, mi oc­cu­po, mi oc­cu­po in ogni mi­nu­to del­la gior­na­ta. Non ho il tem­po per guar­dar­mi al­lo spec­chio, ma se do­ves­si far­lo ve­drei una che ha tan­ta vo­glia di vi­ve­re, ri­de­re, sal­ta­re, gio­ca­re. E se ci so­no le ru­ghe, pa­zien­za».

Al­la sua età le don­ne van­no in pen­sio­ne, lei ha ap­pe­na fir­ma­to un nuo­vo lun­ghis­si­mo con­trat­to con Me­dia­set. Quin­di? «Quin­di io cer­co di non an­dar­ci, in pen­sio­ne. Per­ché sen­za la­vo­ro sa­reb­be com­pli­ca­to vi­ve­re, de­vo fa­re, fa­re, fa­re, co­me le ho det­to. E al­lo­ra cos’al­tro fa­rò? Se rie­sco a par­ti­re con la Dot­to­res­sa Giò a giu­gno be­ne, al­tri­men­ti po­sti­ci­pe­rò di qual­che me­se. In­tan­to ho dop­pia­to un film per la Ea­gle Pic­tu­res, Show dogs, do­ve so­no Dai­sy, la pro­ta­go­ni­sta fem­mi­ni­le che di­ce al ca­ne di cui si in­na­mo­ra: “Tu sei di­ver­so da­gli al­tri ca­ni, te lo di­co col cuo­reee”, e la co­sa fa­rà mol­to ri­de­re. In­sie­me a me c’è un ca­st di dop­pia­to­ri paz­ze­sco e il no­stro ca­chet sa­rà de­vo­lu­to per com­pra­re quin­ta­li di croc­can­ti­ni per i ca­ni­li ita­lia­nı».

Ma lei non era quel­la che ave­va ir­ri­ta­to Pier Sil­vio Ber­lu­sco­ni l’esta­te scor­sa? «L’ho tal­men­te ir­ri­ta­to che ad­di­rit­tu­ra ho fir­ma­to pri­ma dell’ini­zio del GF un lun­ghis­si­mo con­trat­to an­ti­ci­pa­to (sca­de­va a di­cem­bre). Co­sa che nel­la no­stra azien­da è dav­ve­ro fuo­ri dal co­mu­ne. Pen­si quan­to può es­ser sta­ta fal­sa que­sta notizia. C’è un rap­por­to me­ra­vi­glio­so fra noi, tant’è ve­ro che quan­do­mi ha chie­sto di fa­re il GF ho ce­du­to pro­prio per il gran­de amo­re che c’è fra me e l’azien­da. Ho do­vu­to ri­nun­cia­re e di­re di no a due me­si di di­ret­ta tut­ti i gior­ni dal­le 11 al­le 13 sui Mon­dia­li di cal­cio per­ché sa­reb­be stato trop­po an­che per­me, ma glie­lo di­co so­lo per far­le ca­pi­re quan­to de­vo aver­lo fat­to ir­ri­ta­re…».

La ac­cu­sa­no di es­se­re tutt’al­tro che spon­ta­nea, ma di cal­co­la­re ogni mi­ni­mo istan­te del suo ap­pa­ri­re in tv: de­trat­to­ri, odia­to­ri e ro­si­co­ni. Co­sa ri­spon­de lo­ro? «Po­co spon­ta­nea? Chi se ne im­por­ta di chi pen­sa che non so­no spon­ta­nea. Io so­no que­sta. Quan­do la gen­te mi fer­ma per stra­da sa che so­no que­sta, gli ami­ci san­no che so­no que­sta, chi la­vo­ra con me sa che so­no que­sta. Che io cal­co­li ogni mi­ni­mo istan­te del mio ap­pa­ri­re in tv è as­so­lu­ta­men­te ve­ro, nel sen­so che io con­trol­lo tut­to, che il pub­bli­co sia con­ten­to, ot­ten­go che sia lo­ro of­fer­to caf­fè cal­doe­me­ren­di­ne men­tre so­no in stu­dio nel­le pau­se pub­bli­ci­ta­rie, ve­ri­fi­co tut­ti i ser­vi­zi per­ché vo­glio ve­der­li pri­ma che va­da­no in on­da… È ve­ro, ogni istan­te del­la­mia tra­smis­sio­ne è con­trol­la­to da­me. Ma que­sto non­si­gni­fi­ca non es­se­re spon­ta­nea, piut­to­sto fa­re il mio la­vo­ro se­ria­men­te».

Pen­sa mai a co­sa fa­rà “do­po” que­sti an­ni che l’aspet­ta­no? «Fir­me­rò per al­tri an­ni. Ov­via­men­te a Me­dia­set».

È una per­fet­ta pa­dro­na di... Ca­sa

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.