Ri­spon­do­no:

Ma ci so­no an­che nei no­stri­ma­ri? PERORANE L ME­DI­TER­RA­NEO NON SON OSTATE TRO­VA­TE SPE­CIE LETALI, MA­LA CARAVELLA È PE­RI­CO­LO­SA

Oggi - - Sommario - RI­SPON­DE Ga­brie­le Fer­ra­ri gior­na­li­sta

Me­du­se kil­ler: ma ci so­no an­che nei no­stri ma­ri? - Do­me­ni­che­gra­tis al­mu­seo: è giu­sto abo­lir­le? - In­fer­no in au­to­stra­da: com’è po­tu­to ac­ca­de­re? - Co­me si pro­teg­go­no i bam­bi­ni­dal­la­per­tos­se? - Fi­noaog­gi la Chie­sa ha am­mes­so la pe­na di mor­te? - Ado­le­scen­ti ri­bel­li: co­sa ci vo­glio­no di­re? Ga­brie­le Fer­ra­ri; Vit­to­rio Sgar­bi; An­dreaG­re­co; Ro­ber­toBu­rio­ni; Mons. Vin­cen­zo Di Mau­ro; Ma­ria Ri­ta Par­si

Sep­pur po­ten­zial­men­te mol­to do­lo­ro­se, le me­du­se nel Me­di­ter­ra­neo non so­no qua­si mai letali: il primo (e fi­no­ra uni­co) ca­so nei no­stri ma­ri ri-

sa­le al 2010, quan­do una don­na mo­rì in Sar­de­gna per choc ana­fi­lat­ti­co in se­gui­to al con­tat­to con una caravella

por­to­ghe­se – che pe­ral­tro non è una me­du­sa ma un si­fo­no­fo­ro, una crea­tu­ra pa­ren­te del­le me­du­se e for­ma­ta dall’ ag­gre­ga­zio­ne di quat­tro or­ga­ni­smi di­ver­si. È un da­to che ha un dop­pio si­gni­fi­ca­to: la buo­na no­ti­zia è che la stra­gran­de mag­gio­ran­za del­le spe­cie di me­du­sa che abi­ta­no ilMe­di­ter­ra­neo non è mor­ta­le, e seb­be­ne sia sem­pre me­glio evi­tar­le se le si in­con­tra sott’ac­qua – o evi­ta­re di­ret­ta­men­te di fa­re il ba­gno nei pe­rio­di di esplo­sio­ne del­la po­po­la­zio­ne –, la “stri­scia­ta” di un lo­ro ten­ta­co­lo pro­vo­ca un forte do­lo­re ma non met­te qua­si mai a ri­schio la vi­ta del­la vit­ti­ma. La cat­ti­va no­ti­zia, in­ve­ce, è che la caravella por­to­ghe­se è una

spe­cie che è com­par­sa nei no­stri ma­ri so­lo di re­cen­te, mol­to pro­ba­bil­men­te a cau­sa dell’ in­nal­za­men­to del­le tem­pe­ra­tu­re glo­ba­li, e no­nè­da so­la: ne­gli ul­ti­mi die­ci an­ni gli av­vi­sta­men­ti di “me­du­see af­fi­ni” nel Me­di­ter­ra­neo

si so­no de­cu­pli­ca­ti, con il con­se­guen­te au­men­to dei ri­schi per i ba­gnan­ti, la chiu­su­ra di in­te­re spiag­ge e, ov­via­men­te, gra­vi con­se­guen­ze sull’in­du­stria del tu­ri­smo. La si­tua­zio­ne non è an­co­ra ir­re­ver­si­bi­le, e il mo­ni­to­rag­gio co- stan­te del­le no­stre ac­que da par­te de­gli scien­zia­ti per­met­te di agi­re per tem­po in ca­so di in­va­sio­ne. Gli even­ti de­gli ul­ti­mi an­ni, pe­rò, do­vreb­be­ro fun­ge­re da cam­pa­nel­lo d’al­lar­me: più sal­go­no le tem­pe­ra­tu­re più il nostro ma­re di­ven­ta una­me­ta ap­pe­ti­bi­le per spe­cie eso­ti­che e po­ten­zial­men­te letali per l’uo­mo, e il Me­di­ter­ra­neo del fu­tu­ro ri­schia di di­ven­ta­re un ma­re­mol­to più pe­ri­co­lo­so di quan­to sia og­gi.

LA CARAVELLA POR­TO­GHE­SE

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.