« Ho 40 an­ni e tre vi­te » (ma la­quar­ta sa­rà in Ita­lia)

Eli­sa­bet­ta Ca­na­lis «Vi rac­con­to i miei splen­di­di 40 an­ni» di Ma­rian­na Apri­le

Oggi - - Som­ma­rio - Di Ma­rian­na Apri­le fo­to Ju­lian Har­grea­ves

Su In­sta­gram, lo ha am­mes­so: «Aspet­ta­vo que­sto gior­no co­me si aspet­ta una car­tel­la di Equi­ta­lia». Il gior­no in­cri­mi­na­to era il 12 set­tem­bre scor­so, quan­do Eli­sa­bet­ta Ca­na­lis, nel­la sua ca­sa di Los An­ge­les, si è al­za­ta al mat­ti­no, ha ba­cia­to il ma­ri­to Brian, spu­paz­za­to la pic­co­la Sky­ler e... com- piu­to 40 an­ni. «Ho spe­ra­to non se ne ri­cor­das­se nes­su­no, ma già il gior­no pri­ma le mae­stre di Sky­ler mi han­no fat­to tro­va­re gli au­gu­ri nel­la cas­set­ta del­le let­te­re». Vi­sto che è pe­rio­do di pa­ce fi­sca­le, pro­via­mo a di­fen­de­re que­sta de­ca­de che spa­ven­ta tut­te. I com­plean­ni, co­me le car­tel­le di Equi­ta­lia, quan­do ar­ri­va­no dan­no le­zio­ni. Cos’ha im­pa­ra­to? «Apren­de­re sul se­rio chi di­ce di sen­tir­si sem­pre ugua­le. Io­mi sen­to 27-30 an­ni e in­ve­ce sul ca­len­da­rio il tem­po pas­sa. Spe­ro di cre­sce­re en­tro i 60. An­che per­ché so­no già al­la­mia ter­za vi­ta: la pri­ma in Sar­de­gna, la se­con­da a Mi­la­no, la ter­za ne­gli Sta­ti Uni­ti».

Ci ar­ri­vò da fi­dan­za­ta di Cloo­ney. «Ma no, so­no an­da­ta in Ame­ri­ca per­ché fin da pic­co­la, quan­do se­gui­vo mio pa­dre nei suoi viag­gi di la­vo­ro, mi so­no in­na­mo­ra­ta di quel Pae­se. Se no­me ne sa­rei ri­ma­sta in Ita­lia».

A 20 an­ni, si im­ma­gi­na­va a 40 a Los An­ge­les, mo­glie e mam­ma? «Non so­no mai sta­ta una gran­de fan dell’es­se­re ma­dre. Ho sem­pre pen­sa­to che do­ves­se es­se­re l’amo­re per un uo­mo a spin­ger­ti a vo­ler­lo di­ven­ta­re, non la vo­glia di es­ser­lo a ogni co­sto. Se non aves­si in­con­tra­to Brian, non avrei mai dav­ve­ro de­si­de­ra­to un fi­glio».

Con nes­su­no dei suoi ex ci ave­va mai pen­sa­to? «Mah… O for­se Brian è ar­ri­va­to nel mo­men­to giu­sto del­la vi­ta, chis­sà».

Ne­gli ul­ti­mi me­si, è sta­ta spes­so in Ita­lia per le ri­pre­se del­la fic­tion

L’Iso­la di Pie­tro 2, gi­ra­ta nel­la sua Sar­de­gna. Non le è ve­nu­ta vo­glia di tor­na­re? «Brian si tra­sfe­ri­reb­be in Ita­lia di cor­sa, ma per la­vo­ro non può far­lo. La­mia vi­ta ora è lì, Sky­ler stu­die­rà lì. Ma sul fu­tu­ro ab­bia­mo pia­ni mol­to chia­ri: tra 15 an­ni, tor­ne­re­mo. Non in­vec­chie­rò ne­gli Sta­tiU­ni­ti, l’Ita­lia è il mioPae­se, non­po­trà­mai es­se­re so­loun­po­sto­do­ve fa­re le va­can­ze. E poi mi ha da­to tan­to, an­che nel la­vo­ro».

Ne L’Iso­la di Pie­tro 2 re­ci­ta con Gian­ni Mo­ran­di. Nel bi­lan­cio dei suoi 40 an­ni, che po­sto ha? «Le ba­sti sa­pe­re che il co­pio­ne non pre­ve­de sce­ne co­nGiu­lia (il­mio per­so­nag­gio) e Gian­ni, e che pe­rò sul set noi era­va­mo sem­pre in­sie­me. Sce­glien­do­mi per i suoi due Fe­sti­val di San­re­mo, ha se­gna­tou­na­svol­ta im­por­tan­te­nel­la­mia vi­ta: al­lo­ra, ave­vo già fat­to tan­te co­se, ma­mi sta­vo di­sa­mo­ran­do. E lui­mi ha fat­ta “ri­par­ti­re”».

Lei sem­bra non per­de­re mai, no­no­stan­te l’Ocea­no, le per­so­ne cui tie­ne. Su tut­te, l’ex col­le­ga di Stri

scia, Mad­da­le­na Cor­va­glia. «Se­pa­ro co­no­scen­ze e ami­ci­zie. Co­no­scen­ze ne ho mol­te, ma so­no cau­ta, le lascio lì e non­mi aspet­to­mai­mol­to da­gli al­tri. Poi ci so­no le col­le­ghe con cui ne­gli an­ni si è man­te­nu­ta un’ami­ci­zia so­li­da: Fe­de­ri­ca Fon­ta­na, Ales­sia Mar­cuz­zi, Mad­da­le­na. Una vol­ta qual­cu­no mi­ha­det­to cheun’ami­caèu­na­per­so­na con­cui­no­n­hai­pau­ra­di ad­dor­men­tar­ti sul di­va­noe­puoi es­se­re te stes­sa. Ec­co, io con lo­ro tre­pos­so ad­dor­men­tar­mi sul di­va­no».

Fac­cia­mo un gio­co. Chiu­da gli oc­chi e pas­si in ras­se­gna i suoi 10, i

suoi 20, i suoi 30 an­ni. «A 10 pen­sa­vo di es­se­re adul­ta, per­ché pre­pa­ra­vo l’esa­me di quin­ta ele­men­ta­re, con la­mia ami­ca Ire­ne. So­no sta­tau­na­bam­bi­na fe­li­ce, so­gna­vo di fa­re la ve­te­ri­na­ria. A20, sa­pe­vo di­vo­ler sta­re­fuo­ri ca­sa, stu­dia­voLin­gue stra­nie­re al­laS­ta­ta­le diMi­la­no e fa­ce­vo ca­sting per la mo­da. Ma non mi pren­de­va­no per­ché era il pe­rio­do diKa­teMoss, era­no tut­te­ma­gris­si­me e io ero “tet­to­na”. E mi ri­fiu­ta­vo di spen­de­re un mi­lio­ne ( cir­ca 516 eu­ro, ndr) per fa­re un book. E co­sì ai ca­sting la­scia­vo fo­to e nu­me­ro di te­le­fo­no». Era pe­rio­do di mo­le­stie al­lo­ra? «La mia più gran­de for­tu­na è sta­ta in­con­tra­re Fran­chi­no Tu­zio ( scom­par­so un an­no fa, ndr), che è sta­to il mio agen­te, ap­pe­naar­ri­va­taaMi­la­no. Mi­ha mes­sa in­guar­dia su­chi­do­ve­vo evi­ta­re, mi se­gna­la­va gli agen­ti che por­ta­va­no le ra­gaz­ze a ce­ne con di­ret­to­ri di re­te, pro­dut­to­ri e pos­si­bi­li com­pro­mes­si. Mi ha in­se­gna­to che gli in­con­tri di la­vo­ro si fan­no inuf­fi­cio o a pran­zo conl’agen­te, di cer­to non a ce­na o in ho­tel. Det­to que­sto, un com­pli­men­to, se è ta­le, fa pia­ce­re a tut­te e al­le bel­le ra­gaz­ze ar­ri­va­no. Poi sta a te­de­ci­de­re see­quan­to dar se­gui­to. Sa­rà im­po­po­la­re, ma io di­co sem­pre che que­sto la­vo­ro non de­vi far­lo per for­za, quin­di puoi sce­glie­re di di­re “no”. E le di­co un’al­tra co­sa: in ba­se al­la­mia espe­rien­za, c’èmol­ta più of­fer­ta che­do­man­da, è pie­no­di ra­gaz­ze che­dan­no­per scon­ta­to­di do­ver an­da­re a let­to con qual­cu­no per ave­re un la­vo­ro. Il che si­gni­fi­ca che se è ve­ro che gli uo­mi­ni usa­no il po­te­re per ave­re don­ne che al­tri­men­ti po­treb­be­ro so­lo so­gna­re, è al­tret­tan­to ve­ro che­mol­te ra­gaz­ze usa­no la bel­lez­za per por­tar­si a ca­sa la­vo­ri che al­tri­men­ti non avreb­be­ro». Per aver se­gui­to quei con­si­gli, lei qual­che oc­ca­sio­ne l’ha per­sa? «C’è sta­to un­mo­men­to in­cui­mi è sta­to of­fer­to un la­vo­ro ed era chia­ro che nel pac­chet­to ci sa­reb­be sta­ta la­pos­si­bi­li­tà di do­ver scen­de­re a qual­che com­pro­mes­so di quel ge­ne­re, sì. È suc­ces­so in Ita­lia. Ma ho ri­spo­sto che ero fe­li­ce di quel che ave­vo, ed era ve­ro. E co­me me nel mio am­bien­te ce ne so­no tan­tis­si­me». I 30 so­no quel­li di San­re­mo. Ve­nia­mo ai 40. Ha ta­glia­to i ca­pel­li. Ave­va vo­glia di cam­bia­re? «Già da un po’, ma fin­ché non ab­bia­mo fi­ni­to le ri­pre­se non po­te­vo» Pos­so far no­ta­re che an­che il suo dé­col­le­té pa­re... ri­fio­ri­to? «Ho avu­to una... se­con­da gio­vi­nez­za, una tem­pe­sta or­mo­na­le che mi ha fat­to tor­na­re al­le for­me che ave­vo a 27

an­ni… ( scop­pia a ri­de­re, ndr)». Vi­ve sot­to i ri­flet­to­ri da 20 an­ni. Le è mai pe- sa­to? «Do­po il pe­rio­do con Cloo­ney, non la vi­ve­vo be­ne, c’era gen­te che dor­mi­va sot­to ca­sa mia, un in­cu­bo. La mia fa­mi­glia è la mia iso­la fe­li­ce, non la da­rei mai del tut­to in pa­sto agli al­tri». Pe­rio­di­ca­men­te la dan­no in cri­si col suo Brian. Che ef­fet­to le fa? «Vi­vo lon­ta­na, so­no di­ven­ta­ta di una no­ia mor­ta­le, so­no spo­sa­ta, ho una bam­bi­na e i tem­pi del­le paz­zie so­no lon­ta­ni. Qual­co­sa si de­vo­no pur in­ven­ta­re. Con Brian ci ri­dia­mo su». Do­man­da di cat­ti­vo gu­sto: per quan­to un uo­mo sia fa­sci­no­so - e Brian lo è - co­me fa a non tre­ma­re ar­ri­van­do, nel­la vi­ta di una don­na, do­po Geor­ge Cloo­ney? «Se Brian fos­se sta­to il ti­po da far­si si­mi­li pa­ra­no­ie, non me ne sa­rei mai in­na­mo­ra­ta. È si­cu­ro di sé e poi­no­n­ha nul­la da in­vi­dia­re a nes­su­no». Lei si è sem­pre di­ver­ti­ta mol­to. Co­me ci è fi­ni­ta con uno “qua­dra­to” co­me suo ma­ri­to? «Mi­ca so­no an­da­ta in pen­sio­ne eh! Esco an­co­ra, ma la vo­glia di fa­re le co­se è di­ver­sa. Mi sveglio pre­stis­si­mo, so­no stan­ca, va­do a let­to al­le 21.30, an­che per­ché a Los An­ge­les si ce­na al­le 18.30. Cer­to, io e Brian sia­mo di­ver­si. So­no la quo­ta paz­za del­la sua vi­ta. Lui faun­la­vo­ro spie­ta­to, “apre” le per­so­ne, gli sal­va la vi­ta e tor­na a ca­sa col sor­ri­so. Io in­ve­ce­ma­ga­ri mi in­ner­vo­si­sco se tro­vo la ma­ni­cu­re chiu­sa. For­se en­tram­bi sia­mo, per l’al­tro, la pro­ie­zio­ne di quel­lo che avrem­mo vo­lu­to es­se­re dav­ve­ro». Non ha mai mo­stra­to il vol­to di sua fi­glia. Lo fa­rà mai? «Lo fa­rò quan­do­po­trò as­so­ciar­lo a una cam­pa­gna per i di­rit­ti dei bam­bi­ni o de­gli ani­ma­li. So che mi ac­cu­se­reb­be­ro di stru­men­ta­liz­zar­la, ma sa­reb­be per l’Uni­cef o per i di­rit­ti de­gli ani­ma­li, non per una grif­fe». Per Chi­liTv, in­ter­vi­sta di­vi di Hol­ly­wood. In Ita­lia, in­ve­ce, chi in­ter­vi­ste­reb­be? «Gian­fran­co Fi­ni, uo­mo di gran­de cul­tu­ra. Mi af­fa­sci­na­va co­me par­la­va, ave­va idee giu­ste ma non si im­po­ne­va con ar­ro­gan­za, era un pia­ce­re ascol­tar­lo. Un po­li­ti­co pu­ro che cre­de­va in quel che fa­ce­va. Pec­ca­to sia fi­ni­ta co­sì».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.