CUL­TU­RA La scar­pet­ta per­du­ta a Na­po­li

Né il fran­ce­se Char­les Per­rault né i ger­ma­ni­ci fra­tel­li Grimm: a rac­con­ta­re per pri­mo in Oc­ci­den­te di­sav­ven­tu­re e ri­scat­to dell’eroi­na, è sta­to lo scrit­to­re cam­pa­no Giam­bat­ti­sta Ba­si­le. E ora, nel ca­po­luo­go par­te­no­peo, si vuo­le sot­to­li­nea­re il luo­go del­la

Panorama - - EDITORIALE - Di Pi­no Apri­le

Ce­ne­ren­to­la che per­se la sua scar­pet­ta a Na­po­li. Obie­zio­ne: Ce­ne­ren­to­la non è mai esi­sti­ta! E Giu­liet­ta e Ro­meo sì? E Bab­bo Na­ta­le? Ma a Ve­ro­na c’è la log­get­ta dei due ado­le­scen­ti in­na­mo­ra­ti a mor­te, in Scan­di­na­via c’è la ca­sa di Bab­bo Na­ta­le e puoi pu­re scri­ver­gli, e in Ger­ma­nia, ri­scrit­ta la fia­ba dai fra­tel­li Grimm, c’è ad­di­rit­tu­ra il ca­stel­lo di Ce­ne­ren­to­la e ci van­no mi­lio­ni di tu­ri­sti.

La fia­ba è in­ven­ta­ta (for­se), il det­ta­glio na­po­le­ta­no, in­ve­ce, è ve­ro, per­ché fu sul­la sca­li­na­ta del­la reg­gia par­te­no­pea che la si­gno­ri­na (me­no in­no­cen­te di quan­to si cre­da) la­sciò l’in­di­zio che per­mi­se al prin­ci­pe di rin­trac­ciar­la. Par­la­te con il mag­gior co­no­sci­to­re vi­ven­te di let­te­ra­tu­ra na­po­le­ta­na e ba­roc­ca, il pro­fes­sor Mi­che­le Rak, un’au­to­ri­tà in que­sto cam­po e al­tri con­si­mi­li: uno dei 13 esper­ti in­di­pen­den­ti no­mi­na­ti dal Par­la­men­to eu­ro­peo, per la pro­gram­ma­zio­ne cul­tu­ra­le del con­ti­nen­te; so­no lo­ro che scel­go­no i si­ti dell’iden­ti­tà eu­ro­pea da fi­nan­zia­re.

E il pro­fes­sor Gen­na­ro De Cre­scen­zo, cul­to­re di sto­ria na­po­le­ta­na (già al­lie­vo di Rak), ha ap­pe­na scrit­to al­la dot­to­res­sa An­to­nel­la Cuc­ci­niel­lo, di­ret­tri­ce di Pa­laz­zo Rea­le, chie­den­do se non sia il ca­so di ap­por­re sul­la sca­li­na­ta al­me­no una tar­ghet­ta che in­di­chi a tu­ri­sti e pas­san­ti che la pro­ta­go­ni­sta del­la fia­ba più dif­fu­sa del mon­do e di sem­pre sci­vo­lò in corsa su quei gra­do­ni.

Per­ché que­sti due se­ris­si­mi stu­dio­si (il se­con­do, pre­si­den­te dell’As­so­cia­zio­ne neo­bor­bo­ni­ci) so­no co­sì si­cu­ri? La fia­ba di Ce­ne­ren­to­la si per­de nel­la notte dei tem­pi. In Oc­ci­den­te il pri­mo a scri­ver­la fu Giam­bat­ti­sta Ba­si­le, di Giu­glia­no (Na­po­li), fer­ti­le scrit­to­re, ac­ca­de­mi­co con il no­me di Gian Ale­sio Ab­bat­tu­tis (ana­gram­ma del suo), ap­pas­sio­na­to di rac­con­ti po­po­la­ri, che re­cu­pe­ra­va e rap­pre­sen­ta­va per­so­nal­men­te: dal Gat­to con gli sti­va­li a Pol­li­ci­no, a La bel­la ad­dor­men­ta­ta. Sua so­rel­la rac­col­se i suoi te­sti in Lo cun­to de li cun­ti (o Pen­ta­me­ro­ne): 50 fa­vo­le per la prin­ci­pes­sa Zo­za che ave­va per­du­to il suo sor­ri­so.

«Di­ven­ne uno de­gli au­to­ri più tra­dot­ti e co­pia­ti nel mon­do» di­ce De Cre­scen­zo. E il pro­fes­sor Rak pun­tua­liz­za: «Al­cu­ni, co­pian­do, di­men­ti­ca­ro­no di di­re da chi». Ba­si­le mo­rì nel 1632; do­po più di mez­zo se­co­lo, Char­les Per­rault ri­scris­se Ce­ne­ren­to­la e al­tre fia­be «di Per­rault» (1697); i fra­tel­li Wi­lhelm e Ja­cob Grimm fe­ce­ro al­tret­tan­to qua­si due se­co­li do­po, nel 1812.

Se cer­ca­te su Wi­ki­pe­dia, leg­ge­re­te che i due fra­tel­li «so­no co­no­sciu­ti per aver rac­col­to e rie­la­bo­ra­to le fia­be del­la tra­di­zio­ne po­po­la­re te­de­sca», fra cui, Ce­ne­ren­to­la: «dei fra­tel­li Grimm». E la pul­zel­la pren­de ca­sa in Ba­vie­ra: il ca­stel­lo di Neu­sch­wan­stein, usa­to per quel­la e al­tre fia­be dal­la Di­sney e vi­si­ta­to fi­no­ra da 60 mi­lio­ni di per­so­ne.

E Ba­si­le? Chi? Quel­lo che per pri­mo, quan­do «im­ma­gi­nò quel­la ra­gaz­za e quel­la scar­pet­ta per­du­ta in una ma­gi­ca notte di tan­to tem­po fa, da fre­quen­ta­to­re del­la

cor­te vi­ce­rea­le», scri­ve De Cre­scen­zo al­la Cuc­ci­niel­lo, «pen­sa­va, pro­ba­bil­men­te, al­lo sca­lo­ne del Pa­laz­zo pri­ma vi­ce­rea­le e poi rea­le di Na­po­li». In­som­ma, quel­lo co­no­sce­va e su quel­lo la sua Ze­zol­la o gatta Ce­ne­ren­to­la, la pri­ma del­la no­stra let­te­ra­tu­ra, per­se la scar­pet­ta. E da quei gra­di­ni il ser­vo del re la rac­col­se: «Lo ser­ve­to­re, che non pot­te jo­gne­re la car­roz­za che vo­la­va, au­za­ie lo chia­nel­lo e lo por­ta­ie a lo re» (Ba­si­le scri­ve­va in na­po­le­ta­no, la sua lin­gua).Quin­di, se la pri­ma vol­ta che Ce­ne­ren­to­la ap­pa­re nel­la let­te­ra­tu­ra oc­ci­den­ta­le è a Na­po­li, che ci fa Ce­ne­ren­to­la nel ca­stel­lo di Ba­vie­ra eret­to do­po che i fra­tel­li Grimm ri­scris­se­ro la fia­ba? È giu­sto o no che Na­po­li si riap­pro­pri del pri­ma­to, per far­ne un uso tu­ri­sti­co e ma­ga­ri re­sti­tui­re a Ba­si­le quel che è di Ba­si­le? «Ma­ga­ri!», ri­spon­de il pro­fes­sor Rak. «Ma an­che so­lo dan­do un oc­chio al si­to del­la com­mis­sio­ne Cul­tu­ra del­la

Co­mu­ni­tà Eu­ro­pea si può ve­ri­fi­ca­re che dal Sud Italia, una delle aree del con­ti­nen­te più ric­che di que­ste pos­si­bi­li­tà, e in ispe­cie dal­la Cam­pa­nia e dal­la Pu­glia, ar­ri­va­no dav­ve­ro po­chi pro­get­ti di sfrut­ta­men­to dell’im­men­so pa­tri­mo­nio cul­tu­ra­le». Ce­ne­ren­to­la è co­sì an­ti­ca che il pre

gio del­la scar­pa pic­co­la ver­reb­be dal­la tra­di­zio­ne ci­ne­se, nel­la qua­le il pie­di­no è in­di­ce di no­bil­tà (da noi, la co­sa suo­na qua­si in­com­pren­si­bi­le); ma la pri­ma ver­sio­ne del­la fia­ba, ri­por­ta­ta da clas­si­ci gre­ci, è egi­zia­na: la schia­va Ro­do­pi (guan­ce ro­sa, una cor­ti­gia­na di suc­ces­so; in­som­ma: una put­ta­na), di cui si in­na­mo­ra il fa­rao­ne Ama­sis, real­men­te esi­sti­to mez­zo mil­len­nio pri­ma di Cri­sto.

E l’ul­ti­ma ver­sio­ne co­no­sciu­ta del­la fia­ba par­reb­be ri­far­si a que­sta. La ri­cor­da­te? La pro­sti­tu­ta in­na­mo­ra­ta di un clien­te (in­na­mo­ra­to di lei) non cre­de al lie­to fi­ne

e si con­fi­da con una col­le­ga di mar­cia­pie­de: «Tu fam­mi un so­lo esem­pio di una che co­no­scia­mo al­la qua­le è an­da­ta be­ne». «Vuoi un esem­pio?», ri­spon­de quel­la. «Vuoi che ti fac­cia un no­me? Quel­la gran cu­lo di Ce­ne­ren­to­la!». Quan­do in­vi­tia­mo Ju­lia Ro­berts-Pret­ty wo­man a per­de­re una scar­pet­ta (si fa per di­re: por­ta il 40) sul­la sca­li­na­ta di Pa­laz­zo Rea­le a Na­po­li? Vi de­lu­de Ce­ne­ren­to­la mi­gnot­ta?

Fos­se so­lo quel­lo. Nel­la ver­sio­ne di Ba­si­le, è in­dot­ta dal­la mae­stra a uc­ci­de­re la ma­tri­gna; ma fi­ni­sce dal­la pa­del­la nel­la bra­ce, per­ché la mae­stra, che di­vie­ne la sua nuo­va ma­tri­gna, è peg­gio­re dell’al­tra.

Cor­ti­gia­na, as­sas­si­na, bel­lis­si­ma, ma­gi­ca, dai tem­pi dei tem­pi fa so­gna­re e so­spi­ra­re, ma sem­pre gio­va­ne, si pre­sen­ta laz­za­ra, la­ce­ra e di­vie­ne prin­ci­pes­sa e re­gi­na. E scu­sa­te, stia­mo par­lan­do di Na­po­li op­pu­re di Ce­ne­ren­to­la?

Un di­pin­to con i fra­tel­li Grimm, vis­su­ti in Ger­ma­nia tra Set­te­cen­to e Ot­to­cen­to e no­ti so­prat­tut­to per aver rac­col­to e rie­la­bo­ra­to le fia­be del­la tra­di­zio­ne po­po­la­re te­de­sca.

Ce­ne­ren­to­la per­de la sua scar­pet­ta fug­gen­do dal bal­lo del prin­ci­pe, nel ce­le­bre film d’ani­ma­zio­ne del­la Di­sney.

Lo scrit­to­re Giam­bat­ti­sta Ba­si­le (Giu­glia­no, Na­po­li, 1566-1632) è sta­to il pri­mo in Oc­ci­den­te a rac­con­ta­re la sto­ria di Ce­ne­ren­to­la.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.