80 vol­te Raoul Ca­sa­dei

Raoul Ca­sa­dei com­pie 80 an­ni e rac­con­ta la sua mu­si­ca co­me spec­chio del Pae­se, tra Ro­ma­gna mia e Bob Mar­ley, tra Ren­zi e Ber­lu­sco­ni pas­san­do per Ma­cron. E ri­ve­la il suo fat­to­re di suc­ces­so, «su cui an­che En­ri­co Men­ta­na do­vreb­be me­di­ta­re».

Panorama - - EDITORIALE - Per com­men­ta­re #Pa­no­ra­ma Ca­sa­dei

Il «si­gno­re del li­scio» fa 80 an­ni e rac­con­ta la sua mu­si­ca co­me spec­chio del Pae­se, tra Ro­ma­gna

mia e Bob Mar­ley, tra Ren­zi e Ber­lu­sco­ni pas­san­do per Ma­cron. E ri­ve­la il suo fat­to­re di suc­ces­so, «su cui an­che En­ri­co Men­ta­na do­vreb­be me­di­ta­re».

Col “li­scio” bal­li an­che se non ne sei ca­pa­ce. Pren­de tut­ti: adul­ti, bam­bi­ni, vec­chi, ra­gaz­ze, i ti­mi­di e i gof­fi. Una me­di­ci­na so­cia­le. Ci han­no chia­ma­to per suo­na­re pu­re ai fu­ne­ra­li...». Quan­do parla Raoul Ca­sa­dei è lu­ci­do e inar­re­sta­bi­le. Rac­con­ta e ogni ri­cor­do si por­ta un mon­do. Nel­la sua «mu­si­ca so­la­re» c’è la Ri­vie­ra d’esta­te - sab­bia, cam­pi di gi­ra­so­li, not­ti d’amo­re, cuo­re, mam­me, no­stal­gia. Nel ver­so fa­ci­le di una can­zo­ne, pe­rò, è ca­pa­ce di fo­to­gra­far­ti « i sim­pa­ti­ci ita­lia­ni che han la ban­die­ra tri­co­lo­re con qual­che stel­la ame­ri­ca­na ». Più ef­fi­ca­ce di un trat­ta­to so­cio­lo­gi­co. Lui è sta­to lo scia­ma­no del ri­to col­let­ti­vo di ma­zur­che di pe­ri­fe­ria e val­zer di Ro­ma­gna: con la chi­tar­ra Gib­son con­su­ma­ta sul pal­co a for­za di se­ra­te («Ne ab­bia­mo fat­te tre­cen­to l’an­no per 15 an­ni: mi te­ne­vo su con bot­ti­glia di whi­sky e tran­quil­lan­ti»). Qui a Gat­teo Ma­re, do­ve vi­ve e Pa­no­ra­ma lo in­con­tra, gli han­no de­di­ca­to una ro­ton­da con sa­go­me di suo­na­to­ri in me­tal­lo (« Sen­za di te non si

può star... »). Su di lui Wim Wen­ders ci avreb­be gi­ra­to uno dei suoi epi­ci film mu­si­ca­li. Il 15 ago­sto Ca­sa­dei com­pi­rà 80 an­ni. Fi­si­ca­men­te ne di­mo­stra die­ci di me­no. La te­sta ve­lo­ce, pre­ci­sa, pas­sa da Bet­ti­no Cra­xi («Vo­le­va che suo­nas­si al con­gres­so dei so­cia­li­sti») a J-Ax, che lo ci­ta in un rap: l’Italia vi­sta cam­bia­re in una man­cia­ta di ri­cor­di. E poi, i gial­li di An­drea Ca­mil­le­ri e la cac­cia al tor­do sul la­go di Lè­si­na, Pu­glia («In una bot­te, ad aspet­ta­re l’al­ba sen­za spa­ra­re un col­po»). Il mon­do, ap­pun­to. Con den­tro la mu­si­ca e la fa­mi­glia. Per que­sto con la mo­glie («Pi­na, che mi sop­por­ta da 54 an­ni») ha riu­ni­to fi­gli e ni­po­ti nel­la ca­sa-co­mu­ni­tà che chia­ma «il Re­cin­to». In­sie­me quattro ge­ne­ra­zio­ni, da­to che lui è già bi­snon­no. Or­mai ha pas­sa­to il te­sti­mo­ne dell’or­che­stra al fi­glio Mir­ko («Bi­so­gna in­no­va­re: lui ha ri­fat­to i miei suc­ces­si in ver­sio­ne ska»). Raoul, pe­rò, c’è ec­co­me. No­no­stan­te a vol­te il cuo­re fac­cia le biz­ze con qual­che fi­bril­la­zio­ne, a una grap­pa non ri­nun­cia. La sor­seg­gia sul di­va­no e ac­cen­de la mi­ti­ca pi­pa. Lui va, vie­ne, cu­ra l’or­to

bio­lo­gi­co, ri­ce­ve omag­gi, pros­si­ma­men­te an­che in te­le­vi­sio­ne. Fe­steg­gia ri­cor­ren­ze («Nel 2018 sa­ran­no 90 an­ni da quan­do mio zio fon­dò l’or­che­stra Ca­sa­dei») e si ar­rab­bia per­ché i po­li­ti­ci nel­la Re­gio­ne con­ti­nua­no a «con­si­de­ra­re que­sta mu­si­ca fi­glia di un dio mi­no­re». Lo spet­ta­co­lo co­me sem­pre, de­ve con­ti­nua­re. Pri­me me­mo­rie mu­si­ca­li? A 14 an­ni, con la chi­tar­ra. Lo zio Se­con­do suo­na­va con la sua or­che­stri­na sul­le aie. A se­guir­lo non mi ar­ri­schia­vo. Co­sì, ave­vo mes­so su un mio grup­po: la Lit­tle band che ri­pren­de­va il rock di Bill Ha­ley. Mi pia­ce­va sta­re con la gen­te. Mi chia­ma­ro­no in un lo­ca­le a Cat­to­li­ca...Ma io non so­no un suo­na­to­re vir­tuo­so. Suo­no la chi­tar­ra. Pe­rò an­che il trom­bo­ne a ti­ro, il vio­li­no. E il pia­no. Ca­pì­to lo stru­men­to, pas­sa­vo ol­tre. Ero ca­ri­no, stu­dia­vo da mae­stro ele­men­ta­re e c’era­no le te­de­schi­ne che mi pren­de­va­no in sim­pa­tia. A 16 an­ni ho scrit­to San Ma­ri­no good­bye, una can­zo­ne per­ché que­sta ra­gaz­za che sta­va con me do­ve­va tor­nar­se­ne in Ger­ma­nia. Qui ho vi­sto na­sce­re il tu­ri­smo. Che Italia era, quel­la lì? Ave­va ap­pe­na aper­to l’al­ber­go Ru­bi­co­ne. Asfal­ta­ta la stra­da, co­min­cia­va­no ad ar­ri­va­re le mac­chi­ne te­de­sche, da nord. Gli ita­lia­ni ini­zia­va­no a gua­da­gna­re, ma spen­de­va­no po­co. Ci si ri­cor­da­va del­la guer­ra. La spiag­gia, pe­rò, è di­ven­ta­ta di mas­sa. Il di­rit­to di fa­re le va­can­ze: il li­scio ha fat­to da co­lon­na so­no­ra al­la tra­sfor­ma­zio­ne. Io ero sem­pre in tour. Al­la fi­ne mi co­no­sce­va­no più in Si­ci­lia che in Ro­ma­gna. Gli al­ber­ga­to­ri ci ama­va­no per­ché nel­la zo­na gli fa­ce­va­mo il pie­no di clien­ti ne­gli ho­tel! Da quel­lo ab­bia­mo ca­pi­to che era­va­mo di­ven­ta­ti im­por­tan­ti. Il boom eco­no­mi­co dei ’60, poi il vo­stro suc­ces­so nei ’70. Un de­cen­nio dif­fi­ci­le. Il ter­ro­ri­smo, la cri­si, gli at­ten­ta­ti sui tre­ni. An­che nei lo­ca­li, qua­si ogni se­ra c’era un allarme. Ar­ri­va­va il com­mis­sa­rio du­ran­te il con­cer­to per dir­ci che ave­va­no te­le­fo­na­to: c’era la bom­ba. Al­lo­ra fi­ni­vo il bra­no e la pren­de­vo un po’ al­la lon­ta­na. Che for­se ave­va­mou­sci­re con un cal­ma pro­ble­ma­dal­la sa­la...e che bi­so­gna­vaRe­sta­vo fi­no all’ul­ti­mo:an­che per usci­re­che pau­ra!da quell’at­mo­sfe­raSi bal­la­va il li­scio cu­pa. La «sua» mu­si­ca, d’ac­cor­do. Dell’«al­tra», pe­rò, che co­sa le pia­ce? Tut­to. Mi fa im­paz­zi­re Bob Mar­ley: il reg­gae è «so­la­re» co­me il li­scio. I Ca­rai­bi... Una vol­ta ho pen­sa­to: che bel­lo sa­reb­be suo­na­re con Ti­to Puen­te. Die­ci gior­ni ed era­va­mo in­sie­me, qui in Italia! Poi amo Car­los San­ta­na, Man­go e Vi­ni­cio Ca­pos­se­la. Le can­zo­ni più bel­le per me so­no Ye­ster­day dei Bea­tles ed Emo­zio­ni di Bat­ti­sti. In ogni stan­za ten­go una ra­dio­li­na. L’ac­cen­do quan­do mi stan­co di sen­ti­re in te­le­vi­sio­ne que­sta po­li­ti­ca. A pro­po­si­to. Guar­da, mi è sem­pre pia­ciu­ta, la po­li­ti­ca. Ho ado­ra­to Berlinguer. A Bet­ti­no Cra­xi gli fa­ce­vo sim­pa­tia: mi man­dò il suo li­bro su Ga­ri­bal­di con una mac­chi­na da Ro­ma. Più di re­cen­te, c’è Sil­vio Ber­lu­sco­ni. Una ca­pa­ci­tà as­so­lu­ta di en­tu­sia­sma­re... Non gli han­no la­scia­to fa­re gran­ché, poi. La sua è una co­mu­ni­ca­zio­ne istin­ti­va e con­qui­sta. Un po’ co­me Ma­cron ades­so. Mat­teo Ren­zi? Mi ha col­pi­to per la sua vo­glia di cam­bia­re tut­to. Non m’in­te­res­sa se uno è di de­stra o di si­ni­stra. Con­ta il ca­ri­sma. E Bep­pe Gril­lo ne ha pa­rec­chio? Lo co­no­sco da tan­to tem­po: an­da­vo sem­pre ai suoi spet­ta­co­li - e sem­pre pa­gan­do, s’in­ten­de. A met­te­re in­sie­me i di­scor­si è ge­nia­le. Sul con­cre­to, ve­dre­mo. Qual è il suo se­gre­to per com­por­re un bra­no di suc­ces­so? La rit­mi­ca trai­nan­te, il fat­to di suo­na­re dal vi­vo, il rap­por­to col pub­bli­co. Gi­no Pao­li ar­ri­va­va, fa­ce­va la sua Gatta e an­da­va via. Io ho sem­pre coin­vol­to la gen­te. Spie­gan­do le can­zo­ni, ma­ga­ri in dia­let­to: par­la­vo ai gran­di co­me aves­si dei bam­bi­ni a scuo­la. D’al­tron­de, ho fat­to il mae­stro per 17 an­ni. È fon­da­men­ta­le far­si com­pren­de­re. An­dreb­be det­to a En­ri­co Men­ta­na quan­do nel tg rac­con­ta: «Per­ché il jobs act e bla­bla­bla...». Ma chi ca­pi­sce? Le fa effetto il tem­po che pas­sa? Io so­no un po­si­ti­vo. Dob­bia­mo mo­ri­re, ma in­tan­to vi­via­mo. Mi ten­go in at­ti­vi­tà, man­gio le ver­du­re che col­ti­vo, non mi ne­go nul­la. La mia è sta­ta an­che una vi­ta dif­fi­ci­le. Ho co­strui­to gran­di lo­ca­li che han­no chiu­so; so­no sta­to ri­cat­ta­to dai pa­ren­ti. Ep­pu­re, non por­to ran­co­re. Do­po un po’ mi di­men­ti­co le co­se. Quan­ti al­bum ha ven­du­to? Mi­lio­ni. Non li ho mai con­ta­ti. In clas­si­fi­ca a un cer­to pun­to c’era­no gli Alun­ni del so­le, De An­dré, la Ret­to­re, San­to e John­ny e Mor­ris Al­bert con la sua

Fee­ling. Il pri­mo ven­de­va 16 mi­la lp. Noi, 250 mi­la. Ma era­va­mo co­mun­que de­ci­mi. Da so­li fa­ce­va­mo più fat­tu­ra­to di tut­ti gli al­tri in­sie­me. Va be­ne co­sì, pe­rò. È bel­lo quan­do ades­so in­con­tro i «gio­va­ni» - Mor­gan, Roy Pa­ci, Go­ran Bre­go­vic´– tut­ti ab­brac­ci e com­pli­men­ti. An­che i rap­per. Già: J-Ax, Fe­dez… So­no bra­vi, ven­do­no. Par­la­no pu­re di me nel­le can­zo­ni: « Tut­to fi­la li­scio co­me con i

Ca­sa­dei… » (can­ta). Ora van­no di mo­da. Un po’ con­su­mi­sti­ci, eh... Si può de­fi­ni­re un «Fat­to­re Ro­ma­gna», nel li­scio ma an­che nel­la vi­ta?

Si­gni­fi­ca pren­der­la con fi­du­cia e leg­ge­rez­za. I ro­ma­gno­li han­no poi que­sta ve­na anar­chi­ca. Se uno pro­po­ne una co­sa, l’al­tro ri­spon­de su­bi­to di no: «Fac­cio a mo­do mio». E non ci sta nel grup­po. Ciò pro­vo­ca spes­so gran­di ca­si­ni, ma è an­che un prin­ci­pio di crea­ti­vi­tà. È un at­teg­gia­men­to che qui ha fat­to la for­tu­na di per­so­nag­gi dell’im­pren­di­to­ria, co­me i fon­da­to­ri dei sur­ge­la­ti Oro­gel o Fran­ce­sco Ama­do­ri dei pol­li. Do­po, pe­rò ar­ri­va la bu­ro­cra­zia, che ti ob­bli­ga a met­te­re in bu­ste di pla­sti­ca pa­ni­ni e pia­di­ne. La glo­ba­liz­za­zio­ne im­po­ne lo stan­dard. E que­sto non fun­zio­na per l’iden­ti­tà del­la Ro­ma­gna. Con Lu­cio Dal­la era­va­te ami­ci. Met­tem­mo su que­st’as­so­cia­zio­ne per il di­rit­to d’au­to­re e ci tro­va­va­mo a ca­sa sua, a Bo­lo­gna. Lui era umi­le. «Mi sen­to un ru­de­re», ri­pe­te­va. Ave­va pu­re tro­va­to un so­sia per­fet­to. E quan­do ve­ni­va­no a tro­var­lo de­le­ga­zio­ni dall’este­ro, man­da­va lui! Lu­cio ap­prez­za­va la mia mu­si­ca. Non co­me cer­ti po­li­ti­ci che an­co­ra la con­si­de­ra­no fi­glia di un dio mi­no­re. Pe­rò, se poi apro­no l’en­ci­clo­pe­dia Gar­zan­ti ci tro­va­no il mio no­me, non il lo­ro. Le ro­de que­sta «apar­theid» mu­si­ca­le? Ma no. Par­reb­be che ora che il pre­si­den­te Mat­ta­rel­la mi vo­glia fa­re ca­va­lie­re. Che pia­ce­re sa­reb­be! Noi stia­mo cer­can­do di sen­si­bi­liz­za­re l’Une­sco per­ché il li­scio di­ven­ti pa­tri­mo­nio dell’uma­ni­tà. In fon­do ha da­to vi­si­bi­li­tà, la­vo­ro e tu­ri­smo a que­sta par­te di Ro­ma­gna. Co­me ha det­to Ser­gio Za­vo­li, «più di Fe­de­ri­co Fel­li­ni». E lei ha gua­da­gna­to pa­rec­chi sol­di. Sì, e li ho an­che per­du­ti tut­ti. Quan­do è mor­to mio zio, per suo­na­re al­la fe­ste dell’Uni­tà i co­mu­ni­sti mi vo­le­va­no ri­dur­re il ca­chet da 250 a 180 mi­la li­re. Li ho man­da­ti a quel pae­se. Co­sì, poi, han­no do­vu­to dar­me­ne 500. Se ne vo­le­va­no ap­pro­fit­ta­re! Di me, con un’or­che­stra che era una coo­pe­ra­ti­va. Con cui ho pu­re di­vi­so i di­rit­ti di Sim­pa­tia e Ciao ma­re... Ha un hob­by do­mi­nan­te, og­gi? Ti fac­cio la li­sta. L’or­to, per quattro o cin­que ore al gior­no. La cac­cia nel­la bot­te sul la­go. La bici. Ero iscrit­to al «Pe­da­le ri­mi­ne­se»: so­gna­vo Fau­sto Cop­pi. Se c’era da fa­re una vo­la­ta bat­te­vo i ve­lo­ci­sti; sul pen­dio, pe­rò, mi stac­ca­va­no di cen­to me­tri. «De­vi cor­re­re in pi­sta» mi han­no con­si­glia­to. E io ho smes­so. Ah, poi va­do a pe­sca di an­guil­le. Quan­do c’è bur­ra­sca ven­go­no fuo­ri da sot­to gli sco­gli e al­lo­ra esco in bar­ca. Da ri­va si chie­do­no: «Chi è quel fa­na­ti­co che esce con ’sto tem­po». Che co­sa la fa ar­rab­bia­re dav­ve­ro? La fal­si­tà. Quel­li che ti adu­la­no. Pe­rò c’è an­che un’al­tra co­sa: a 80 an­ni non rie­sco a sta­re più con i coe­ta­nei. Quel­li che stan­no da­van­ti al­la tv e ba­sta, o al bar a gio­ca­re tut­to il gior­no a ma­ra­fo­ne, che è una spe­cie di tre­set­te. Non rie­sco­no a par­la­re di po­li­ti­ca. Non fan­no più l’amo­re. Non be­vo­no la grap­pa... Che ci fac­cio io con lo­ro? Gli vo­glio be­ne, so­no ami­ci. Ha ra­gio­ne Char­les Az­na­vour ne

L’istrio­ne: « Per­do­na­te­mi se con nes­su­no di voi non ho nien­te in co­mu­ne » (can­ta). Il ses­so per lei è sem­pre im­por­tan­te? Con una don­na se ci met­ti la vi­ci­nan­za di pen­sie­ro e il ses­so, sei al mas­si­mo. Non cre­do a quel­li che a 60 an­ni tro­va­no la pa­ce dei sen­si. An­che se non hai più le ca­pa­ci­tà di un gio­va­ne, co­rag­gio! Pu­re la tua com­pa­gna, con l’età, ha i pro­ble­mi... Co­sa ap­prez­za di più in una per­so­na? La lu­ci­di­tà. In­con­tre­rei vo­len­tie­ri An­drea Ca­mil­le­ri. I suoi li­bri so­no splen­di­di. An­che se cre­do sia più vec­chio di me, ha uno spi­ri­to gio­va­ne. Sta­rei ad ascol­tar­lo e ba­sta. Stra­no per me, ma sta­rei zit­to! Co­me ve­de il fu­tu­ro? «L’im­por­tan­te è che la mor­te ci col­ga vi­vi!», ha det­to l’umo­ri­sta Mar­cel­lo Mar­che­si. Il fu­tu­ro per me è il pre­sen­te. E so­prat­tut­to mi di­ver­to an­co­ra. Qual è il po­sto più stra­no do­ve si è esi­bi­to? Per due an­ni di fi­la sul Mon­te Bian­co. Un luo­go me­ra­vi­glio­so. Un al­tro ri­cor­do par­ti­co­la­re in Tren­ti­no: lì non ci vo­le­va­no nel­le di­sco­te­che per­ché fa­ce­va­mo al­za­re i ca­chet de­gli al­tri grup­pi. Al­lo­ra, m’ar­rab­biai. Era ago­sto e co­sì, in un cam­po di gra­no ap­pe­na ta­glia­to, ho af­fit­ta­to una pi­sta da bal­lo e un ten­do­ne da cir­co. E ab­bia­mo suo­na­to per tre se­re di se­gui­to. Gra­tis. È ar­ri­va­ta gen­te da ogni par­te. Ci ab­bia­mo ri­mes­so, ma ci sia­mo di­ver­ti­ti co­me paz­zi. Que­sta è de­mo­cra­zia. n

L’or­che­stra-spet­ta­co­lo di Raoul Ca­sa­dei in una fo­to de­gli an­ni 70.

RAOUL CA­SA­DEI na­sce il 15 ago­sto 1937. Pren­de la guida dell’or­che­stra Ca­sa­dei (fon­da­ta dal­lo zio Se­con­do), nel 1972 e crea il fe­no­me­no del «li­scio» con suc­ces­si co­me Ro­ma­gna mia, Ciao ma­re, Sim­pa­tia.

Og­gi l’or­che­stra Ca­sa­dei è gui­da­ta dal fi­glio Mir­ko, che ne ha al­lar­ga­to i suc­ces­si all’este­ro (www.ca­sa­dei.it).

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.