Il li­bro di Ren­zi. Avan­ti? No, in­die­tro tut­ta

Do­ve­va se­gna­re la ri­par­ten­za di Mat­teo Ren­zi, la sum­ma pro­gram­ma­ti­ca e di pen­sie­ro do­po l’ela­bo­ra­zio­ne della scon­fit­ta al re­fe­ren­dum. Nien­te di tut­to ciò: il li­bro dell’ex pre­mier è un’oc­ca­sio­ne per­du­ta. E a «de­nun­cia­re» il ten­ta­ti­vo fal­li­to non so­no gu­fi

Panorama - - EDITORIALE - Di An­drea Mar­ce­na­ro

D ice che Avan­ti, il suo li­bro, non è un’operazione com­mer­cia­le. Con­ces­so, sen­za fa­ti­ca. Di­ce che non è ro­ba da fe­sta dell’Uni­tà, va­le a di­re il so­li­to co­mi­zio­ne per gal­va­niz­za­re il po­po­lo pid­di­no. Con­ces­so anche que­sto, quan­tun­que con sfor­zo lie­ve­men­te mag­gio­re. Ga­ran­ti­sce che « Avan­ti è un mo­do per met­ter­si a nu­do da­van­ti al­la pro­pria gen­te». Ha vo­lu­to sot­to­li­nea­re que­ste tre co­se, Mat­teo Ren­zi, nel­la sua e-news di lu­ne­dì 10 lu­glio. E la sua gen­te le ha prese per buo­ne.

È che poi, ve­den­do­lo dav­ve­ro nu­do, non è che si sia le­va­to tut­to un oh! di ap­prez­za­men­to. In po­chi se ne so­no usci­ti con l’au­spi­ca­to: ac­ci­den­ti che fi­si­co ri­ge­ne­ra­to, il Ren­zi! Han­no piut­to­sto, al­cu­ni, no­ta­to un di più di pan­cet­ta.

Quel lu­ne­dì, quan­do già si­ti e gior­na­li so­no pie­ni di an­ti­ci­pa­zio­ni e di ca­pi­to­li del li­bro di­stri­bui­ti a rag­gie­ra dall’edi­tri­ce Fel­tri­nel­li, già si era con­su­ma­to il pic­co­lo scan­da­lo dell’«aiu­tia­mo­li a ca­sa lo­ro» a pro­po­si­to dei mi­gran­ti.

Per­fi­no Pier Lui­gi Ber­sa­ni, l’uo­mo più bar­col­lan­te e sban­da­to del Pae­se, ma in pie­na sin­to­nia con il pre­si­den­te dell’Eu­ro­grup­po Je­roen Di­js­sel­bloem, s’era con­ces­so il lus­so di bol­la­re co­me «bal­za­na» e «di de­stra» l’idea ren­zia­na di ab­bas­sa­re le tas­se in de­fi­cit. E ave­va­no in­co­min­cia­to, i più ma­li­gni, a far cir­co­la­re l’idea che quel­la pre­mes­sa co­sì uma­na, for­se trop­po, e a cuore co­sì aper­to, for­se trop­po («que­sta vol­ta nes­sun re­so­con­to sui nu­me­ri dell’Istat, una sem­pli­ce chiac­chie­ra­ta tra ami­ci»), po­tes­se ef­fet­ti­va­men­te

far pen­sa­re più a un mo­do spre­giu­di­ca­to di pro­muo­ve­re il vo­lu­me che a un esa­me di co­scien­za av­via­to con gli iscrit­ti. Che pa­zien­za, fin qui.

Il pro­ble­ma più se­rio era un al­tro. Era che tut­te quel­le an­ti­ci­pa­zio­ni di stampa, tut­ti quei pa­ra­gra­fo­ni de­di­ca­ti cia­scu­no a un pro­ble­ma, sem­bra­va non riu­scis­se­ro a far re­ce­de­re di un pas­so la delusione non dei ne­mi­ci, ma de­gli ami­ci di Ren­zi. An­zi, de­gli ami­cis­si­mi. Di co­lo­ro che lo ave­va­no di­fe­so a spa­da trat­ta nel re­fe­ren­dum,, prima, e nel­le ele­zio­ni pri­ma­rie poi. Di quel­li che e ave­va­no sven­to­la­to per an­ni la ban­die­ra del­laa no­vi­tà ren­zi­sta. Pa­re­va­no pro­prio non far­ce­la, glii or­di­na­ti ca­pi­to­let­ti di Avan­ti, a sol­le­va­re il mo­ra­le e e la fi­du­cia dei cri­ti­ci sin­ce­ri del se­gre­ta­rio.

Di que­gli schie­ra­tis­si­mi so­ste­ni­to­ri, cioè, chee or­mai da pa­rec­chie set­ti­ma­ne non riu­sci­va­noo a na­scon­de­re la delusione per quel lo­ro lea­der in­sab­bia­to, im­pac­cia­to e co­me in­ca­pa­ce di scuo­ter­si per cer­ca­re la nuo­va stra­da re­sa ob­bli­ga­to­ria dal­la so­len­ne tran­va­ta del 4 dicembre.

Era sta­to Clau­dio Ve­lar­di, dal suo blog, ad apri­re le dan­ze per rias­su­me­re il di­sa­gio di un ren­zi­smo ri­pie­ga­to qua­si sul­la de­pres­sio­ne: sei fer­mo al 4 dicembre, ca­ro ami­co mio, se vuoi tor­na­re a parlare all’Ita­lia de­vi cam­bia­re lin­guagg­gio. E per cam­bia­re lin­guag­gio, è la tua te­sta chee de­vi cam­bia­re.

Giu­lia­no Fer­ra­ra glie­lo sta­va ri­pe­ten­do per laa cen­te­si­ma vol­ta dal­le co­lon­ne del Foglio: la sconn­fit­ta re­fe­ren­da­ria, cer­to, un’enor­me oc­ca­sio­ne e per­du­ta. Ora ba­sta, pe­rò. È cam­bia­to il con­te­sto,o, si è ri­bal­ta­to. Sia­mo tor­na­ti in un mon­do do­ve i par­ti­ti con­ta­no più dei lea­der. Si è ria­per­ta l’eraa del pro­por­zio­na­le. Per coin­ci­den­ti no­stal­gie daa si­ni­stra e da de­stra? Ve­ro.

Ma da lì bi­so­gne­rà ri­par­ti­re, per un pro­get­to ca­pa­ce di mor­de­re. Non ci so­no san­ti. E non sa­rà un li­bro de­sti­na­to al­la vi­vi­se­zio­ne ri­ga per ri­ga, a far­lo. Pro­prio que­sto pa­re stia suc­ce­den­do, men­tre un Avan­ti pa­ra­dos­sal­men­te già di­ge­ri­to an­co­ra non è im­pi­la­to su­gli scaf­fa­li del­le li­bre­rie ita­lia­ne. Nes­su­na me­ra­vi­glia se En­ri­co Fran­ce­schi­ni, o Ro­ma­no Pro­di, pren­do­no ades­so più net­ta­men­te le di­stan­ze da un se­gre­ta­rio del Pd ap­pog­gia­to fin qui con la boc­cuc­cia sem­pre di tra­ver­so. Nes­su­na me­ra­vi­glia che Walter Vel­tro­ni ab­bia re­so espli­ci­to, tra­mi­te po­sta prio­ri­ta­ria, quel suo fa­re fal­sa­men­te com­pren­si­vo e so­li­da­le.

Nes­su­na me­ra­vi­glia se un Car­lo Ca­len­da, trop­po ri­tro­so sul­la pro­pria car­rie­ra po­li­ti­ca per suo­na­re sin­ce­ro, mar­tel­la ogni gior­no pre­ci­sa­zio­ni po­le­mi­che con la po­li­ti­ca eco­no­mi­ca del Ren­zi che lo ha vo­lu­to in quel po­sto. Ma l’in­sof­fe­ren­za de­gli ami­ci un se­co­lo fa d’ale­mia­ni, e che ora han­no get­ta­to il cuore ol­tre l’osta­co­lo per Mat­teo, quel­la sì che col­pi­sce. Fa­bri­zio Ron­do­li­no ave­va af­fron­ta­to ro­ven­ti pla­tee te­le­vi­si­ve a ma­ni nu­de, per bat­ter­si nel no­me del­le buo­ne ra­gio­ni ren­zia­ne. Ave­va fat­to ogni gior­no, sull’Uni­tà, da con­tro­can­to al Fat­to quo­ti­dia­no e al­la lu­gu­bre sup­po­nen­za tra­va­glie­sca. Ave­va fon­da­to un si­to co­me Ita­liain­cam­mi­no.it, che di più en­tu­sia­sti­ca­men­te ren­zio­fi­li, fran­ca­men­te, nem­me­no col lan­ter­ni­no. Fin­ché, un bel gior­no di giu­gno, Ron­do­li­no co­mu­ni­ca e fa sa­pe­re a tut­ti, ad­dio, «la­scio l’im­pe­gno pub­bli­co e l’at­ti­vi­tà po­li­ti­ca nel­le for­me pra­ti­ca­te fi­no­ra. Per de­di­car­mi al­la scrit­tu­ra».

Nes­sun tra­di­men­to, in­ten­dia­mo­ci, nes­su­na sfi­du­cia sban­die­ra­ta con­tro il lea­der ap­pog­gia­to di slan­cio fi­no al gior­no prima. An­zi, «con­ti­nuo a con­si­de­ra­re Mat­teo Ren­zi la ri­sor­sa più pre­gia­ta della po­li­ti­ca ita­lia­na». Tant’è. Po­chi gior­ni, e ar­ri­va il «Non ti reg­go più» di Ve­lar­di. Ac­com­pa­gna­to da un sot­to­fon­do di bron­to­lii di­sil­lu­si de­gli ami­ci più stret­ti nei caf­fè e sui so­cial. E non

SI RIM­PRO­VE­RA A REN­ZI DI RINCORRERE UN POPULISMO AL­LA GRILLINA, LA LATITANZA SUL­LA RI­FOR­MA DELLA GIU­STI­ZIA

c’è li­bro che ten­ga, o al­me­no co­sì pa­re, fi­no­ra. Pio­ve­ran­no pro­ba­bil­men­te le ven­di­te di

Avan­ti. Di­la­ga­no, per ades­so, i mal di pan­cia nel cir­co­lo più stret­to. Si rim­pro­ve­ra a Ren­zi di rincorrere un populismo al­la grillina. Si rim­pro­ve­ra la latitanza di po­si­zio­ni chia­re sul­la ri­for­ma ra­di­ca­le della Giu­sti­zia.

E non bastano le giu­ste pro­fes­sio­ni di ga­ran­ti­smo, non sem­pre li­nea­ri, in ve­ri­tà, ri­ven­di­ca­te con or­go­glio in un im­por­tan­te ma de­lu­den­te ca­pi­to­lo. Si rim­pro­ve­ra l’am­bi­gui­tà gra­ve di esten­de­re il co­di­ce an­ti­ma­fia ai sospetti di cor­ru­zio­ne. Nean­che im­pu­ta­ti, sospetti. Non è sta­to ap­prez­za­to l’al­li­nea­men­to (tar­di­vo) al­le cri­ti­che del ma­gi­stra­to Raf­fae­le Can­to­ne. Giu­sto, in ex­tre­mis, ma la bat­ta­glia con­tro le in­va­den­ze al­la Da­vi­go sa­reb­be­ro tutt’al­tra co­sa.

Quan­do è il si­to del Pd ad an­ti­ci­pa­re

le pa­gi­ne del li­bro sui mi­gran­ti con la fa­ti­di­ca fra­se «aiu­tia­mo­li a ca­sa lo­ro», sem­bra ad­di­rit­tu­ra un ga­lop­po pa­ra­le­ghi­sta. Non è ve­ro. E la fan­ta­sti­ca bat­tu­ta di Ler­cio, il si­to sa­ti­ri­co: «La fra­se è sta­ta estra­po­la­ta da un di­scor­so raz­zi­sta più com­ples­so», pro­vo­ca ri­sa­te a den­ti stret­ti. Re­sta pro­ba­bi­le un fat­to: ogni di­fet­to co­mu­ni­ca­ti­vo na­scon­de un’in­cer­tez­za pro­gram­ma­ti­ca.

Lu­ca So­fri, che di Mat­teo Ren­zi è sta­to spes­so esti­ma­to­re, l’ha spie­ga­to be­ne: è ve­ro che le rea­zio­ni su­sci­ta­te da quel­la fra­se «guar­da­no al di­to in­ve­ce che al­la lu­na», ma se quel di­to è riu­sci­to a oscurare la lu­na, «for­se c’è qual­co­sa che non va in quel di­to (e in quel­la te­sta)».

L’im­mi­gra­zio­ne è te­ma epo­ca­le e dram­ma­ti­co, ri­chie­de re­spi­ro e spre­giu­di­ca­tez­za che nes­su­no, ma nem­me­no il li­bro del se­gre­ta­rio Pd sem­bra ave­re. Si par­la di un nuo­vo pia­no Mar­shall per l’Afri­ca. Ot­ti­ma idea. Ac­com­pa­gna­ta da nuo­ve for­me di con­trol­lo dei pae­si oc­ci­den­ta­li sui ras lo­ca­li? Eser­ci­ta­te co­me? Da ade­gua­ti neo­co­lo­nia­li­smi? Chis­sà. Avan­ti non ri­spon­de. Mai ce­de­re al­la ras­se­gna­zio­ne o al pes­si­mi­smo. Ren­zi, lui, bra­vo è senz’al­tro. Quan­to a noi, aspet­te­re­mo l’usci­ta di Più avan­ti.

Giu­lia­no Fer­ra­ra Anche l’ex di­ret­to­re del Foglio esor­ta Ren­zi a met­te­re da par­te la scon­fit­ta re­fe­ren­da­ria e pren­de­re at­to che og­gi i par­ti­ti con­ta­no più dei lea­der.

Clau­dio Ve­lar­di Nel suo blog lo sto­ri­co espo­nen­te della si­ni­stra, fa que­sta dia­gno­si: Mat­teo Ren­zi non ha su­pe­ra­to la sin­dro­me de­pres­si­va del do­po «4 dicembre».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.