OG­GI, PIÙ CHE MAI, RE­STIA­MO UMA­NI

Progress - - Contents - Fran­co Del Pan­ta

Dall’11 giu­gno al 30 lu­glio so­no sta­ti 11 i ca­si di ag­gres­sio­ni vio­len­te su cui la po­li­zia sta an­co­ra in­da­gan­do sen­za esclu­de­re che die­tro al­cu­ni “at­tac­chi” pos­sa es­ser­ci una ma­tri­ce di odio raz­zia­le. Par­lia­mo di 11 ca­si in po­co me­no di due me­si. Ne­gli stes­si gior­ni, il Mi­ni­stro dell’In­ter­no Mat­teo Sal­vi­ni ne­ga­va l’esi­sten­za di un’emer­gen­za raz­zi­smo, bol­lan­do il tut­to co­me “un’in­ven­zio­ne da par­te del­la si­ni­stra”. Lo stes­so Mi­ni­stro che, in oc­ca­sio­ne dell’an­ni­ver­sa­rio del­la na­sci­ta di Mus­so­li­ni, ha espres­so sod­di­sfa­zio­ne per il nu­me­ro cre­scen­te di op­po­si­to­ri al pro­prio ope­ra­to ci­tan­do pro­prio una fra­se del Du­ce, “Tan­ti ne­mi­ci, tan­to ono­re”. Sve­lar­si e poi ri­trar­si, af­fer­ma­re e dopo ne­ga­re: non so­lo nei me­si di que­st’ul­ti­mo go­ver­no, ma in lar­ga par­te del­la sua car­rie­ra po­li­ti­ca la stra­te­gia di Sal­vi­ni è sta­ta quel­la di espri­me­re pen­sie­ri che nel­la lo­ro na­tu­ra (quel­la del più pa­le­se raz­zi­smo) era­no aper­ta­men­te con­dan­na­bi­li, sal­vo poi ri­trat­tar­la quel­la stes­sa na­tu­ra. “Con le mie pa­ro­le fo­men­to all’odio raz­zia­le, ma non so­no raz­zi­sta… Ci­to Mus­so­li­ni aper­ta­men­te, ma non so­no fa­sci­sta”. Ed è in quel­la con­ti­nua ri­trat­ta­zio­ne che tro­va­no ri­fu­gio le scu­se e le giu­sti­fi­ca­zio­ni di chi lo ap­pog­gia: “Non è raz­zi­smo, sie­te voi i buo­ni­sti… Mac­ché fa­sci­smo, sie­te voi i si­ni­stroi­di”. Mo­ti­va­zio­ni vuo­te che non co­pro­no pe­rò gli at­ti e il do­lo­re por­ta­ti avan­ti in Ita­lia a dan­no de­gli stra­nie­ri. Che l’im­mi­gra­zio­ne sia una que­stio­ne da ri­sol­ve­re è fuo­ri di­scus­sio­ne, che fi­no ad ora non sia sta­to fat­to ab­ba­stan­za an­che. Ma non so­no gli im­mi­gra­ti il pro­ble­ma, sem­mai le po­li­ti­che che han­no ge­sti­to la si­tua­zio­ne.

Non di­men­ti­chia­mo­ci che die­tro ai nu­me­ri che “viag­gia­no” su un bar­co­ne ci so­no es­se­ri uma­ni, per­so­ne con una sto­ria al­le spal­le mol­to spes­so trop­po do­lo­ro­sa da sop­por­ta­re. La rab­bia e l’esa­spe­ra­zio­ne van­no in­ca­na­la­ti nel­la giu­sta di­re­zio­ne (che non è cer­to quel­la che ve­de scon­tra­re i pe­nul­ti­mi con gli ul­ti­mi dun­que) e ri­for­mu­la­te in mo­do da es­se­re co­strut­ti­ve e non di­strut­ti­ve. La di­su­ma­niz­za­zio­ne cre­scen­te è una del­le pia­ghe più spa­ven­to­se di que­sto se­co­lo.

Ri­cor­dia­mo­ci og­gi, più che mai, che non esi­sto­no raz­ze se non quel­la uma­na. Re­stia­mo uma­ni, dun­que. Sem­pre.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.