Kiesza UN’AR­TI­STA A TUT­TO TON­DO

QMagazine - - SOMMARIO - di Pi­no Ga­gliar­di

Èsta­to il tor­men­to­ne dell’esta­te scor­sa, con “Hi­dea­way” ha con­qui­sta­to tut­te le ra­dio del mon­do, gra­zie an­che al­la par­ti­co­la­ri­tà e al­la sem­pli­ci­tà di un vi­deo­clip che ad og­gi con­ta ol­tre 140 mi­lio­ni di vi­sua­liz­za­zio­ni, un ve­ro re­cord per un’ar­ti­sta emer­gen­te. Nel suo se­con­do vi­deo “Giant in my heart” un im­pie­ga­to ves­sa­to e stu­fo man­da a quel pae­se il suo da­to­re di la­vo­ro per tra­ve­stir­si li­be­ra­men­te con gli ami­ci. Can­tan­te, mu­si­ci­sta, bal­le­ri­na, pit­tri­ce, sti­li­sta, ma­ri­ne e mol­to al­tro an­co­ra Kiesza, alias Kie­sa Rae El­le­stad, ca­na­de­se di ori­gi­ni ita­lia­ne, clas­se 1989, l’ab­bia­mo in­con­tra­ta du­ran­te una pau­sa del suo tour pro­mo­zio­na­le.

Rac­con­ta­ci del vi­deo­clip di Hi­dea­way… Cre­do che par­te del suo suc­ces­so sia do­vu­to al fat­to che ci so­no sta­te mol­te im­per­fe­zio­ni. Ave­va­mo bud­get dav­ve­ro li­mi­ta­to e il vi­deo è sta­to rea­liz­za­to con la par­te­ci­pa­zio­ne di ami­ci, non ave­va­mo tem­po per per­fe­zio­na­re tut­to ma ci sia­mo di­ver­ti­ti mol­to sen­za aspettarci nul­la, di con­se­guen­za non era­va­mo per nien­te te­si. Non c’era ner­vo­si­smo du­ran­te le ri­pre­se per­ché ab­bia­mo fat­to ciò che de­si­de­ra­va­mo, vo­le­va­mo es­se­re so­lo par­te del vi­deo.

Ma per­ché co­sì tan­to suc­ces­so? Cre­do che chi lo guar­da av­ver­ta tut­to: cioè che ognu­no è in sin­to­nia con l’al­tro e ci si sta dav­ve­ro di­ver­ten­do. La gen­te che guar­da il vi­deo può sal­tar­ci den­tro ed es­ser­ne par­te. E que­sto è una del­le co­se che pre­fe­ri­sco di que­sto la­vo- ro. Ci so­no mol­ti vi­deo in cui si bal­la, bel­li da guar­da­re, ma è co­me tro­var­si in un al­tro mon­do, non puoi far­ne par­te. E’ spon­ta­neo: è sta­to gi­ra­to tut­to in un’uni­ca vol­ta, sen­za ri­pe­te­re le sce­ne. Non puoi pre­ve­de­re co­me al­cu­ne co­se di­ven­ti­no su­bi­to vi­ra­li.

Sai che sei mol­to ama­ta dai gay? La co­mu­ni­ta gay è sta­ta il mio pri­mo gran­de amo­re, an­co­ra pri­ma del suc­ces­so di “Hi­deway”, mi han­no so­ste­nu­ta an­che da ar­ti­sta emer­gen­te. Mi so­no sem­pre sen­ti­ta ama­ta ed ov­via­men­te i gay oc­cu­pa­no un po­sto spe­cia­le nel mio cuo­re.

Era que­sto il tuo so­gno? Quan­do ero bam­bi­na vo­le­vo dav­ve­ro di­ven­ta­re una bal­le­ri­na, a 15 an­ni mi so­no fat­ta ma­le al gi­noc­chio, co­sì ho la­scia­to il bal­let­to ed ho ini­zia­to a la­vo­ra­re per la Ma­ri­na Mi­li­ta­re.

Co­sa ti ha da­to la Ma­ri­na? La Ma­ri­na Mi­li­ta­re ca­na­de­se mi ha in­se­gna­to prin­ci­pal­men­te a ca­pi­re qua­li fos­se­ro dav­ve­ro i miei li­mi­ti. Cre­do che noi ab­bia­mo so­lo un’idea di qua­li sia­no i no­stri li­mi­ti, ma quan­do sei nei cam­pi tra i mi­li­ta­ri ti spin­gi mol­to più di quan­to tu pos­sa im­ma­gi­na­re. Mol­ti li­mi­ti so­no so­lo men­ta­li. Que­sto mi ha mol­to aiu­ta­to nel­la mia car­rie­ra per­ché l’in­du­stria mu­si­ca­le è un con­te­sto mol­to dif­fi­ci­le ed in al­cu­ni mo­men­ti ci si sen­te co­me se non stes­si an­dan­do da nes­su­na par­te. La Ma­ri­na mi ha da­to la forza di an­da­re avan­ti sem­pre e co­mun­que.

Co­me hai ini­zia­to il tuo per­cor­so mu­si­ca­le? Non ho fat­to nul­la, è suc­ces­so tut­to ina­spet­ta­ta­men­te. So­no sta­ta scel­ta per par­te­ci­pa­re ad un con­cor­so. Ho avu­to l’op­por­tu­ni­tà e ho de­ci­so di ten­ta­re. So­no an­da­ta per 10 gior­ni a Mon­treal ed ho pre­so par­te al con­cor­so. Ma non lo ave­vo in pro­gram­ma.

Suo­ni an­che qual­che stru­men­to? Es­sen­do un ma­ri­ne e na­vi­gan­do su una na­ve d’al­to bor­do, ho co­min­cia­to a suo­na­re la chi­tar­ra pro­prio sul­la na­ve, poi­ché al­cu­ni dei miei ami­ci la suo­na­va­no ed il pri­mo gior­no che ho ini­zia­to ho scrit­to una can­zo­ne. Da quel mo­men­to mi so­no in­na­mo­ra­ta del com­por­re la mu­si­ca, ho sen­ti­to su­bi­to di po­ter co­mu­ni­ca­re con le per­so­ne at­tra­ver­so la mia mu­si­ca. Que­sto era quel­lo che vo­le­vo fa­re e non so­no mai tor­na­ta in­die­tro.

Il tuo al­bum ci fa­rà da bal­la­re? L’al­bum ha 10 bra­ni all’in­ter­no, non so­no tut­ti pez­zi dan­ce ma di­ver­si ge­ne­ri: ce ne so­no di mo- vi­men­ta­ti, len­ti, bal­la­te, pez­zi R&B e break ma è co­mun­que un la­vo­ro omo­ge­neo. L’ho pen­sa­to co­me un al­bum clas­si­co, ti­po an­ni 90, un po’ co­me era­no gli al­bum clas­si­ci pri­ma che uscis­se­ro i sin­go­li, e cioè quan­do spin­ge­vi play e ogni can­zo­ne dell’al­bum ave­va uno sco­po per far par­te dell’al­bum. Mi sfor­zo per crea­re ogni can­zo­ne e pon­go mol­ta at­ten­zio­ne su ogni bra­no. So­no mol­to emo­zio­na­ta ed or­go­glio­sa del mio la­vo­ro. Can­tan­te, bal­le­ri­na ma an­che sti­li­sta? La mia li­nea si chia­ma “Stea­mPop”, non so se ave­te sen­ti­to mai par­la­re di “Steam­punk”, uno sti­le un­der­ground ti­po go­ti­co an­ti­co, un trend vit­to­ria­no che uni­sce ca­pi di ab­bi­glia­men­to del XVIII se­co­lo al­la tec­no­lo­gia in­du­stria­le. Non ho mai in­dos­sa­to ca­pi “Steam­punk”, ma mi è pia­ciu­ta sem­pre l’idea che la gen­te com­bi­nas­se due sti­li e ne creas­se uno nuo­vo. Mi pia­ce mol­to la fu­sio­ne, lo fac­cio sem­pre con la mu­si­ca, e co­sì ho vo­lu­to far­lo con la mia li­nea, che non è poi co­sì un­der­ground, ma è più ac­ces­si­bi­le per tut­ti. Mi pia­ce la vi­sto­si­tà, i gio­iel­li par­ti­co­la­ri, è so­lo un’espres­sio­ne del mio sen­so del­la moda e mi pia­ce l’ac­ces­si­bi­li­tà dei miei ca­pi per i miei fan e per co­lo­ro che so­no in­te­res­sa­ti al­le mie idee in fat­to di ten­den­ze.

Sei una fa­shion vic­tim? La moda per me è un’al­tra espres­sio­ne ar­ti­sti­ca. In­dos­sa­re o di­se­gna­re nuo­vi ve­sti­ti è so­lo un al­tro mo­do per espri­me­re me stes­sa.

È im­por­tan­te la bel­lez­za ar­ti­sti­ca di una can­tan­te? Cre­do che con­ti più la per­so­na­li­tà, di­pen­de da che ti­po di ar­ti­sta sei, ma pen­so che sia il ca­rat­te­re a gui­da­re dav­ve­ro la car­rie­ra.

nel­la car­rie­ra

Sei tan­te co­se ma hai mai pen­sa­to di fa­re an­che l’at­tri­ce? Si, si­cu­ra­men­te mi pia­ce­reb­be mol­to re­ci­ta­re. La tua am­bi­zio­ne più gran­de? Quel­lo che pen­so di fa­re tra cin­que an­ni og­gi, è to­tal­men­te di­ver­so da ciò che pen­sa­vo un an­no fa. Ho mol­ti obiet­ti­vi in cam­po ar­ti­sti­co. Di­pin­go qua­dri astrat­ti e mi pia­ce­reb­be or­ga­niz­za­re del­le mo­stre del­le mie ope­re. Inol­tre vor­rei lan­cia­re be­ne la mia li­nea di ab­bi­glia­men­to. La mu­si­ca re­ste­rà sem­pre la co­sa più im­por­tan­te di ciò che so­no, ma ol­tre al­la mu­si­ca vo­glio por­ta­re con me an­che al­tri ta­len­ti ar­ti­sti­ci.

Co­sa ti aspet­ti dal pub­bli­co ita­lia­no? Non so­no sta­ta mai in Ita­lia, ma so che va­do mol­to d’ac­cor­do con gli ita­lia­ni. Ho un non­no che è una gran­de per­so­na, e che è ita­lia­no, dun­que ho un po’ di ita­lia­ni­tà in me. La gen­te è mol­to gen­ti­le, di­ver­ten­te, ha un gran­de sen­so dell’umo­ri­smo e ado­ro la lin­gua, è la più bel­la lin­gua del mo­do per me. È bel­lis­si­mo sen­ti­re par­la­re gli ita­lia­ni.

Sei im­pe­gna­ta sen­ti­men­tal­men­te? Non so­no an­co­ra fi­dan­za­ta sfor­tu­na­ta­men­te, ma un gior­no in fu­tu­ro, spe­ro di sì. So­no di­spe­ra­ta­men­te ro­man­ti­ca, dun­que mi piac­cio­no le emo­zio­ni e i bri­vi­di ma al mo­men­to so­no trop­po oc­cu­pa­ta per ave­re un ra­gaz­zo. Pe­rò re­sto co­mun­que ro­man­ti­ca, e ado­ro es­se­re in­na­mo­ra­ta.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.