SUL GEN­DER HA RA­GIO­NE IL PA­PA

QMagazine - - SOMMARIO - Ales­san­dro Cec­chi Pao­ne

Pa­pa Fran­ce­sco ha, fra i tan­ti suoi me­ri­ti, quel­lo di sa­per par­la­re chia­ro. Ep­pu­re ul­ti­ma­men­te qual­cu­no sem­bra non ca­pir­lo più ( o fin­ge). Av­vie­ne a pro­po­si­to del­le sue cri­ti­che al­la co­sid­det­ta “teo­ria del gen­der”. A par­te il fat­to che cre­do che qua­si nes­su­no sap­pia di co­sa stia­mo par­lan­do, e che dun­que sia­mo di fron­te a un fal­so pro­ble­ma, Ber­go­glio non par­la né al­le as­so­cia­zio­ni cat­to­li­che in­te­gra­li­ste né a quel­le gay. Si ri­vol­ge piut­to­sto al buon sen­so de­gli uo­mi­ni e del­le don­ne di buo­na vo­lon­tà. Ma che ha det­to in so­stan­za il Pa­pa? Che ma­schio e fem­mi­na si na­sce e non si di­ven­ta, che es­se­re ete­ro, gay o bi­sex o tran­ses­sua­li non è una scel­ta. Che c’è di scan­da­lo­so da un la­to, di en­tu­sia­sman­te dall’al­tro? E’ sem­pli­ce­men­te ve­ro, è pro­prio co­sì! E’ una di quel­le oc­ca­sio­ni in cui re­li­gio­ne e scien­za van­no per­fet­ta­men­te dac­cor­do.Se ci si pen­sa, l’ado­le­scen­za è già di per sé un mo­men­to ab­ba­stan­za com­pli­ca­to per met­te­re le no­stre ra­gaz­ze e i no­stri ra­gaz­zi di fron­te al di­lem­ma se “ade­ri­re” al ge­ne­re fem­mi­ni­le o ma­schi­le, se in­na­mo­rar­si di qual­cu­no del ses­so op­po­sto o del pro­prio. La na­tu­ra, Dio, o en­tram­bi per chi rie­sce a man­dar­li d’ac­cor­do, de­ci­do­no lo­ro in ma­te­ria, e fin da pri­ma del­la na­sci­ta. La ses­sua­li­tà, sia in ter­mi­ni di orien­ta­men­to che di iden­ti­tà ses­sua­le, è nel­le ma­ni del de­sti­no di ogni in­di­vi­duo. Cer­to è an­che il re­gno del­la li­ber­tà, ma nel sen­so di po­te­re e vo­le­re es­se­re se stes­si fi­no in fon­do, che vuol di­re pro­va­re ad es­se­re fe­li­ci e a far fe­li­ci gli al­tri. Di­cia­mo­ce­lo: chi sa­reb­be sta­to co­sì paz­zo da vo­ler “de­ci­de­re” di es­se­re omo­ses­sua­le, quan­do que­sto si­gni­fi­ca­va ri­ca­var­ne con­dan­ne cer­te, spre­gio, tor­tu­re o pe­ne ca­pi­ta­li? E an­co­ra og­gi, si sa, la mag­gior par­te di gay e le­sbi­che, al­me­no in Ita­lia, sce­glie di con­ti­nua­re a ca­muf­far­si da ete­ro­ses­sua­le, se­mi­nan­do sof­fe­ren­ze per sé e gli al­tri, per ti­mo­re di con­se­guen­ze ne­ga­ti­ve in fa­mi­glia, sul la­vo­ro o in so­cie­tà. Quan­to poi all’iden­ti­tà di ge­ne­re, so­lo i più cru­de­li o i più igno­ran­ti pos­so­no sot­to­va­lu­ta­re il cal­va­rio fi­si­co, psi­chi­co ed eco­no­mi­co cui si sot­to­po­ne chi de­ci­de di cam­bia­re il pro­prio ses­so bio­lo­gi­co. Tan­to che per leg­ge può far­lo so­lo, con do­lo­re e fa­ti­ca, chi tro­va con­fer­ma da psi­chia­tri ed en­do­cri­no­lo­gi di tro­var­si nel cor­po “sba­glia­to”. Al­lo­ra la­scia­mo par­la­re in pa­ce que­sto ve­ro e pro­prio Pa­pa del­la prov­vi­den­za, che non giu­di­ca e non con­dan­na, ma pro­po­ne a tut­ti la sfi­da di un con­fron­to re­ci­pro­ca­men­te ri­spet­to­so di dif­fe­ren­ze cul­tu­ra­li an­che pro­fon­de, ma nel se­gno di quel­la che lui chia­ma “mi­se­ri­cor­dia”, e noi “lai­che di­gni­tà e pa­ri di­rit­ti per tut­ti”, nes­su­no esclu­so. Per­ché chi non sce­glie, ma ri­co­no­sce nel suo mo­do di es­se­re e ama­re la vo­lon­tà di Dio o del­la na­tu­ra, non può com­met­te­re pec­ca­to. Per­ché chi sce­glie di ri­spet­ta­re la pro­pria iden­ti­tà più au­ten­ti­ca, col­ti­va e di­fen­de in sé l’amo­re per ogni crea­tu­ra uma­na.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.