STE­VE MC­CUR­RY

Una del­la più bel­le mo­stre del mon­do: il mae­stro del re­por­ta­ge rac­con­ta qua­rant’an­ni di que­sto pia­ne­ta at­tra­ver­so l’uma­ni­tà che lo abi­ta e la lu­ce che lo il­lu­mi­na.

QMagazine - - DA PRIMA PAGINA - Di Le­ti­zia Stram­bi

“Ogni fo­to che scat­to può es­se­re vi­sta co­me un’im­ma­gi­ne in­di­pen­den­te e me­mo­ra­bi­le, ma al­lo stes­so tem­po è par­te di una sto­ria più am­pia”

Èquel­la bam­bi­na af­gha­na, che ci guar­da enig­ma­ti­ca e fie­ra, con i suoi oc­chi enor­mi, a di­re do­ve è la sto­ria del ri­trat­to del No­ve­cen­to. E Ste­ve Mc­Cur­ry è l’au­to­re di que­sta nuo­va Gio­con­da che su­pe­ra ri­trat­ti di prin­ci­pes­se e stel­le del ci­ne­ma. Il per­ché non lo sa nem­me­no lui. A di­re il ve­ro non sem­bra far­si tan­te do­man­de. Ani­ma sem­pli­ce, il più gran­de mae­stro del re­por­ta­ge a co­lo­ri, cui ko­da­k­chro­me ha af­fi­da­to l’ul­ti­mo rul­li­no del mil­len­nio per ce­le­bra­re la fi­ne del­la pel­li­co­la.

Ve­de so­lo at­ti­mi, co­me coin­ci­den­ze, lu­ce co­me tes­su­to, oc­chi nu­di. Va a fondo di tut­to in­con­sa­pe­vol­men­te: ve­de un bel­lo scor­cio, una lu­ce per­fet­ta e pas­sa l’in­te­ra gior­na­ta ad aspet­ta­re il tran­si­to di per­so­ne fi­no a quan­do… ec­co un bam­bi­no che si af­fac­cia cor­ren­do, vo­la in aria con un sal­to nel­la cur­va per­fet­ta del­la lu­ce az­zur­ra. Co­sa in­se­guis­se, do­ve an­das­se, a Ste­ve non in­te­res­sa. Op­pu­re, tro­va la fo­to men­tre sta an­dan­do a far­ne al­tre, per ca­so. Co­sì im­mor­ta­la la mam­ma che chie­de l’ele­mo­si­na con il fi­glio in brac­cio du­ran­te un mon­so­ne. L’in­con­tro ha il tem­po del se­ma­fo­ro ros­so e la cor­ni­ce ap­pan­na­ta di un fi­ne­stri­no di un ta­xi. Ve­de le ra­gaz­ze in Etio­pia se­gna­te da ci­ca­tri­ci pro­fon­de e se­ni ap­pe­na pro­nun­cia­ti in at­te­sa, ac­can­to a un ma­ni­chi­no tro­va­to in chis­sà qua­le di­sca­ri­ca, sim­bo­lo di una bel­lez­za di pla­sti­ca lon­ta­na, ar­ri­va­ta fi­no a lì co­me un enig­ma in­com­pren­si­bi­le di este­ti­ca stra­nie­ra. Ci so­no poi i con­tra­sti: i mo­na­ci che sco­pro­no il lo­ro es­se­re an­che bam­bi­ni con una pi­sto­la gio- cat­to­lo. Le al­be di bru­ma e il ros­so del­le tu­ni­che, le lu­ci ver­di. O an­co­ra fo­to­gra­fa quel­lo che tut­ti han­no fo­to­gra­fa­to: co­me il Taj Ma­hal, ma tro­va la cor­ni­ce del va­po­re di una lo­co­mo­ti­va; fa un ri­trat­to Ro­bert De Ni­ro co­me se fos­se un vi­ci­no di ca­sa su una ve­ran­da atem­po­ra­le.

La mo­stra iti­ne­ran­te Ol­tre lo Sguar­do, in cui am­mi­ra­re que­sti ca­po­la­vo­ri ha avu­to a Ro­ma un al­le­sti­men­to sen­za pre­ce­den­ti, non so­lo per le fo­to, tra le più bel­le del mon­do, ma per lo stu­dio espo­si­ti­vo. Ogni sin­go­la im­ma­gi­ne ri­ma­ne­va so­spe­sa nel­lo spa­zio e il­lu­mi­na­ta in mo­do uni­co. Co­sì ci si per­de­va in que­sto la­bi­rin­to fa­cen­do un viag­gio in­cre­di­bi­le at­tra­ver­so il pia­ne­ta, la lu­ce, le esi­sten­ze, le cul­tu­re, i co­lo­ri.

Che co­sa è la bel­lez­za? La bel­lez­za non è una co­sa che si cer­ca, è un qual­co­sa da cui sia­mo ispi­ra­ti, una sor­ta di pia­ce­re che de­ri­va dal cer­ca­re la per­fe­zio­ne. Ma do­po un at­ti­mo scopriamo che è pro­prio l’im­per­fe­zio­ne for­se all’ori­gi­ne del­la bel­lez­za.

Quan­do in­qua­dra e poi fa una fotografia, do­po lo scat­to il ri­sul­ta­to è quel­lo che si aspet­ta­va, quel­lo che pre­ve­de­va nel­la sua im­ma­gi­na­zio­ne? Cre­do che ogni fo­to­gra­fo aspi­ri, co­me di­ce­vo, al­la per­fe­zio­ne. La per­fe­zio­ne in cui com­ba­cia- no i sen­ti­men­ti che han­no ispi­ra­to la fo­to con il ri­sul­ta­to fi­na­le dal pun­to di vi­sta tec­ni­co. È dif­fi­ci­le da ot­te­ne­re, ma for­se non è ne­ces­sa­rio. Non bi­so­gna tor­men­tar­si, de­vi fa­re so­lo del tuo me­glio e ca­pi­re che tal­vol­ta pro­prio nel disordine, nel caos, nel “non vo­lu­to” c’è la fo­to mi­glio­re.

La sua fotografia è più ispi­ra­ta al­la fi­lo­so­fia, al­la pit­tu­ra o all’ar­chi­tet­tu­ra? For­se dal­le ar­ti vi­si­ve, per i co­lo­ri. Ma è mol­to dif­fi­ci­le ca­pi­re da qua­le back­ground de­ri­vi un’ispi­ra­zio­ne. Pen­so che nel­la fotografia ci sia mol­to del­la pit­tu­ra, poi la ma­nua­li­tà che è pro­pria del­la scul­tu­ra, il de­si­gn dell’ar­chi­tet­tu­ra, la vi­sio­ne d’in­sie­me, la sto­ria, la nar­ra­zio­ne che de­ri­va dal­le no­stre let­tu­re che più ci han­no emo­zio­na­to.

Nel bian­co e ne­ro ci so­no un’in­fi­ni­tà di gri­gi, an­ch’es­si co­lo­ri, per­ché non con­si­de­rar­li ta­li? Co­sa non la sti­mo­la del bian­co e ne­ro?

Una vol­ta la fotografia era so­lo in bian­co e ne­ro all’ini­zio, i mae­stri di que­st’ar­te non ave­va­no pos­si­bi­li­tà e l’han­no esplo­ra­ta cer­ta­men­te me­glio di me. Og­gi c’è la scel­ta di una tec­no­lo­gia più avan­za­ta: per­ché non usa­re i mi­glio­ri ma­te­ria­li di­spo­ni­bi­li?

Co­me è cam­bia­to il re­por­ta­ge? Og­gi tut­ti pos­so­no an­da­re ovun­que. Chiun­que può fo­to­gra­fa­re il Co­los­seo o Ci­ne­cit­tà. La nuo­va sfi­da è es­se­re ne­gli stes­si luo­ghi e fa­re fo­to che nes­su­no ha mai vi­sto.

Nei vi­si, nel­le per­so­ne, si ri­flet­te la cul­tu­ra, il ter­ri­to­rio, la sto­ria di un Pae­se? Per un ri­trat­to di so­li­to ac­com­pa­gno la per­so­na se­guen­do­la in quel­lo che sta fa­cen­do e cer­co di co­glie­re l’at­ti­mo, con la lu­ce che gio­ca con me. Dall’In­dia al­la Ci­na, ovun­que gli scat­ti mi­glio­ri li ho fat­ti per ca­so, quan­do non ave­vo nes­sun pro­get­to spe­ci­fi­co. Ma per me un tas­si­sta di Ro­ma al­la fi­ne non è di­ver­so da quel­lo di Bom­bay: le per­so­ne so­no ugua­li, pian­go­no, sof­fro­no, ri­do­no. Si ve­sto­no in mo­do di­ver­so, si truc­ca­no o ab­bel­li­sco­no in mo­di che a noi ap­pa­io­no stra­ni, co­me a lo­ro ap­pa­ri­rò stra­no io. Pur es­sen­do di di­ver­si per raz­ze, co­lo­ri o re­li­gio­ne sia­mo tut­ti es­se­ri uma­ni.

La pri­ma fo­to che ha scat­ta­to? A una ra­gaz­zi­na che abi­ta­va vi­ci­no a me, men­tre guar­da­va ver­so l’oriz­zon­te. C’era già la mia per­so­na­li­tà, la vo­glia di ri­trar­re l’es­se­re uma­no, il suo sguar­do, il pae­sag­gio... Le per­so­ne vi­vo­no la lo­ro vi­ta, il fo­to­gra­fo non de­ve in­ter­rom­per­la, ma in qual­che mo­do far­ne par­te.

Co­sa di­reb­be a un viag­gia­to­re che vuo­le fa­re del­le bel­le fo­to? Ci so­no di­stin­zio­ni tra Orien­te e Oc­ci­den­te, tra Nord e Sud del mon­do? Un ve­ro viag­gia­to­re non ha me­te, non fa di­stin­zio­ni e so­prat­tut­to dif­fi­cil­men­te scat­ta fo­to.

Ste­ve Mc­Cur­ry che par­la con un uo­mo del­la tri­bù Sur­ma, Omo Val­ley, Ethio­pia,

Shar­bat Gu­la, ra­gaz­za af­ga­na al cam­po pro­fu­ghi di Na­sir Ba­gh, Pa­ki­stan

Don­ne a Ka­ra nel­la Omo Val­ley

Ro­bert De Ni­ro nel­la sua sa­la di proiezione a Tri­be­ca, New York

Mo­stra “Ol­tre lo sguar­do” nel­la sua tap­pa di Ci­ne­cit­tà in col­la­bo­ra­zio­ne con Ci­vi­ta

Ste­ve Mc­Cur­ry pri­ma di en­tra­re al­la sua mo­stra di Ci­ne­cit­tà po­sa da­van­ti al­la sce­no­gra­fia fel­li­nia­na

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.