Io so­no Princesa

Sul­le or­me di Fer­nan­da Fa­rias, la tran­sgen­der re­sa immortale dal­la poe­sia in mu­si­ca di Fa­bri­zio De André

QMagazine - - SOMMARIO - Gian­lu­ca Mi­se­ren­di­no

“So­no la pe­co­ra so­no la vac­ca, che agli ani­ma­li si vuol gio­ca­re, so­no la fem­mi­na, ca­mi­cia aper­ta, pic­co­le tet­te da suc­chia­re”. Si pre­sen­ta co­sì, la Princesa di Fa­bri­zio De André: nu­da, espli­ci­ta e scandalosa co­me la ve­ri­tà, sul­le or­me di un Cour­bet tra­sfi­gu­ra­to per un’ori­gi­ne del mon­do al­la ro­ve­scia. Il poe­ta ge­no­ve­se af­fer­ra per i ca­pel­li la sto­ria di un tran­ses­sua­le e – da Ca­ra­vag­gio con la chi­tar­ra qual è – ce la ri­con­se­gna af­fre­sco uni­ver­sa­le, coi suoi chia­ro­scu­ri den­si e l’odo­re for­te di vi­ta e su­do­re e car­ne e san­gue. In que­sto ca­so, quel­li di Princesa, pa­tro­na lai­ca di tut­ti i tran­sgen­der del mon­do. “Il me­glio del­la cul­tu­ra vie­ne da per­so­ne che si tro­va­no in mi­no­ran­za e che pro­prio per i lo­ro do­ni ven­go­no emar­gi­na­te e, all’oc­cor­ren­za, per­se­gui­ta­te” ha spie­ga­to lo stes­so Fa­ber nel 1996 a pro­po­si­to del suo eter­no viag­gia­re nel do­lo­re di tut­te le ani­me in tran­si­to, schiac­cia­te da un mon­do che non vuo­le sfu­ma­tu­re. “Un esem­pio clas­si­co so­no gli in­di­vi­dui che na­sco­no con ca­rat­te­ri­sti­che este­rio­ri ap­par­te­nen­ti a un ses­so che non cor­ri­spon­de al­la lo­ro iden­ti­tà più pro­fon­da”. Princesa, per l’ap­pun­to, Ma­ri­nel­la al ne­ga­ti­vo pri­va­ta del suo sal­vi­fi­co re sen­za co­ro­na e sen­za scor­ta, ma a mo­do suo al­tret­tan­to ca­pa­ce di pu­rez­za e im­ma­gi­na­zio­ne, nel suo me­sco­la­re i so­gni con gli or­mo­ni. E Princesa è esi­sti­ta dav­ve­ro: è dall’omo­ni­mo li­bro di me­mo­rie edi­to da Tro­pea che De André ha trat­to ispi­ra­zio­ne per la sua can­zo­ne. Si chia­ma­va Fer­nan­da Fa­rias, per la pre­ci­sio­ne, e ha scrit­to il ro­man­zo di se stes­sa nel buio di Re­bib­bia, in cel­la per ten­ta­to omi­ci­dio. A quat­tro ma­ni, in­sie­me a Mau­ri­zio Ja­nel­li, ex bri­ga­ti­sta ed er­ga­sto­la­no. Per­ché a vol­te il luo­go, i tem­pi ed i mo­di del­la ste­su­ra di un li­bro di­ven­ta­no par­te in­te­gran­te del rac­con­to stes­so, ro­man­zo nel ro­man­zo di una vi­ta vis­su­ta tra mar­cia­pie­di, eroi­na, di­spe­ra­zio­ne e vo­glia di vi­ta. È an­co­ra De André a spie­gar­ci, me­glio di chiun­que al­tro, la “sua” Princesa: “La can­zo­ne è il rie­pi­lo­go dei pas­sag­gi fon­da­men­ta­li del­la vi­ta del­la pro­ta­go­ni­sta, un elen­co di gio­ie e sfor­tu­ne in­con­tra­te nel­le tap­pe del­le sue va­rie metamorfosi. Da bam­bi­no si tro­va ad as­su­me­re com­por­ta­men­ti fem­mi­ni­li, poi da fem­mi­na mal­riu­sci­ta cor­re all’in­can­to dei de­si­de­ri, ten­tan­do pri­ma con mez­zi chi­mi­ci e in se­gui­to at­tra­ver­so una ver­ti­gi­ne di ane­ste­sia chi­rur­gi­ca di as­so­mi­gliar­si, di cor­ri­spon­de­re a un pro­fon­do de­si­de­rio che la

vuo­le don­na. Per man­te­ner­si eser­ci­ta la pro­fes­sio­ne più an­ti­ca del mon­do, fin­ché per vo­le­re del de­sti­no si tra­sfor­ma an­co­ra, e per l’ul­ti­ma vol­ta, da pro­sti­tu­ta nell’aman­te uf­fi­cia­le di un av­vo­ca­to”. Ec­co­la qui, la sto­ria di Princesa, gi­glio non pro­prio im­ma­co­la­to ma odo­ro­sis­si­mo e fi­glia del suo tem­po sen­za tem­po. Per­ché an­co­ra og­gi nes­sun trans dà il re­sto al­la cas­sa di un su­per­mer­ca­to, né fis­sa un ap­pun­ta­men­to co­me se­gre­ta­ria in un’azien­da, né ri­fà i let­ti nel­le cor­sie di un ospe­da­le. Fer­nan­da, che a ot­to an­ni fa­ce­va di due no­ci di coc­co il suo pri­mo se­no da­van­ti al­lo spec­chio, una vol­ta usci­ta dal car­ce­re è poi tor­na­ta – for­se fuo­ri tem­po mas­si­mo – in quei quar­tie­ri do­ve il so­le del buon dio non dà i suoi rag­gi, a bat­te­re i mar­cia­pie­di, per­ché in que­sto tro­va­va “di­ver­ti­men­to, li­ber­tà, vit­to­ria”. Poi, nel 2000, si è sui­ci­da­ta. Lo ave­va det­to lei stes­sa: “Non ho mai vi­sto un tran­ses­sua­le ar­ri­va­re a ses­san­ta, set­tan­ta an­ni: o si uc­ci­de o lo am­maz­za­no”. E co­sì è sta­to, e trop­pe vol­te è an­co­ra, per que­ste ani­me sal­ve dal­la vi­ta dif­fi­ci­le, coi ri­so­li­ni e i col­pi di go­mi­to del­la bra­va gen­te a can­cel­la­re sor­ri­si. Fer­nan­da-Princesa è di­ven­ta­ta nel frat­tem­po un film, un do­cu­men­ta­rio, un’as­so­cia­zio­ne ge­no­ve­se fon­da­ta da don Gal­lo che si bat­te per i di­rit­ti dei tran­sgen­der. Ma re­sta, più di ogni al­tra co­sa, la bra­ce di quell’uni­ca stel­la che squil­la di lu­ce, las­sù in al­to, so­pra ogni pre­giu­di­zio e ogni cat­ti­ve­ria del no­stro ben­pen­sa­re.

Fa­bri­zio De André

Don Gal­lo e le trans dell’as­so­cia­zio­ne Princesa di Ge­no­va

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.