Esta­te 2017 si­tua­zio­ne Ita­lia: da far pau­ra

QMagazine - - SOMMARIO - Ales­san­dro Cec­chi Pao­ne

Per­chi leg­ge una ri­vi­sta co­me que­sta, e vi­ve con­se­guen­te­men­te, la no­ti­zia che due strut­tu­re tu­ri­sti­che del sud Ita­lia ab­bia­no re­spin­to una cop­pia gay per­ché ta­le nell’esta­te del 2017, la­scia sen­za pa­ro­le. È un fat­to co­sì in­sen­sa­to, ana­cro­ni­sti­co, fuo­ri dal mon­do ci­vi­liz­za­to, che non si ha più la for­za di gri­da­re al­lo scan­da­lo, di stig­ma­tiz­za­re, di chia­ma­re al­lo sde­gno col­let­ti­vo. Anche per­ché sia­mo as­so­lu­ta­men­te con­vin­ti che le unio­ni ci­vi­li, ope­ran­ti fi­nal­men­te anche in Ita­lia, ab­bia­no im­pres­so una svol­ta de­fi­ni­ti­va al co­stu­me ita­lia­no. E al­lo­ra co­me è pos­si­bi­le che c’è an­co­ra chi di­scri­mi­na per l’orien­ta­men­to ses­sua­le i suoi clien­ti? Uno de­gli al­ber­ga­to­ri omo­fo­bi ha in­vo­ca­to la sua fe­de cri­stia­na. Qual­cu­no gli di­ca che è fuo­ri tem­po e che c’è un Pa­pa che ha chia­ra­men­te det­to che non si giu­di­ca sull’ amo­re, qua­le che sia. Re­sta un’ipo­te­si: che ci tro­via­mo di fron­te a una gra­ve for­ma di stu­pi­di­tà. In que­sto ca­so eco­no­mi­ca. Co­me ab­bia­mo am­pia­men­te do­cu­men­ta­to più vol­te su que­ste pa­gi­ne, il tu­ri­smo ar­co­ba­le­no è una gran­dio­sa real­tà in­ter­na­zio­na­le, fat­ta di li­ber­tà e van­tag­gi con­di­vi­si. Se non per aper­tu­ra men­ta­le, per­ché non star­ci den­tro al­me­no per con­ve­nien­za? La ri­spo­sta può es­se­re una so­la. Abis­sa­le igno­ran­za, stu­pi­do au­to­le­sio­ni­smo im­pren­di­to­ria­le. Do­ve non ar­ri­va il prin­ci­pio di ugua­glian­za, ar­ri­ve­rà il mer­ca­to a fare giu­sti­zia.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.