Cam­ping Lun­ch

CO­ME AL RI­STO­RAN­TE MA SEN­ZA TA­VO­LO NÉ CU­CI­NA. UN ESCLU­SI­VO ME­NU DA PRE­PA­RA­RE A BOR­DO TEN­DA

Sale e Pepe - - Prima Pagina -

Un esclu­si­vo me­nu da pre­pa­ra­re e gu­sta­re a bor­do ten­da

te­sto di Cri­stia­na Cas­sé, ser­vi­zio di Ful­via Car­ma­gni­ni, food sty­li­st Ales­san­dra Aval­lo­ne, fo­to di Clau­dio Ta­jo­li, scel­ta dei vi­ni di San­dro San­gior­gi, ha col­la­bo­ra­to An­na Mon­tol­di. Si rin­gra­zia per l’ospi­ta­li­tà Vil­la Gio­na (San Pie­tro in Ca­ria­no, VE)

Sta­te par­ten­do per il cam­peg­gio? Non met­te­te car­ne in sca­to­la nei vo­stri zai­ni. Op­ta­te per un pa­io di straor­di­na­rie con­ser­ve fat­te da voi, due pentole e qual­che sto­vi­glia in­for­ma­le. Il re­sto lo si com­pra sul po­sto. So­prat­tut­to, pen­sa­te a que­sto pran­zo co­me a una par­te fon­dan­te del pro­gram­ma: ve­ner­dì re­lax sot­to il so­le, sa­ba­to gi­ta nel pae­si­no bel­lis­si­mo lì di fian­co, do­me­ni­ca pran­zo con gli ami­ci (o con la dol­ce me­tà) da cu­ci­na­re in­sie­me in ri­va al la­go, fiu­me, ma­re, mon­ta­gna. Sa­rà un’espe­rien­za, da ri­cor­da­re. Ah, ol­tre all’ine­vi­ta­bi­le for­nel­let­to, ser­ve una gri­glia, an­che se que­sta non è una gri­glia­ta.

Si par­te con un tris di an­ti­pa­sti­ni da gu­sta­re in un cre­scen­do di sa­po­ri. Pri­ma di tut­to, una stuz­zi­can­te ma­ce­do­nia sa­la­ta di an­gu­ria e lam­po­ni con feta, pistacchi e con­di­men­to al li­me. A se­gui­re, una bru­schet­ta ri­vi­si­ta­ta, do­ve il pa­ne è al car­bo­ne (quin­di de­li­ca­tis­si­mo) e i po­mo­do­ri­ni so­no con­di­ti in agro­dol­ce, cioè con olio, li­mo­ne, sa­le e zuc­che­ro. Non sem­bra, ma fa una bel­la (e buo­na) dif­fe­ren­za. Poi un pez­zo for­te che si­cu­ra­men­te spen­de­re­te al­tre vol­te, an­che nei pran­zi tra le mu­ra di ca­sa: pa­ta­te les­sa­te, me­lan­za­ne ros­se a fet­ti­ne scot­ta­te in ac­qua, ace­to e aglio, il tut­to con­di­to con olio, sa­le, pe­pe­ron­ci­no, ori­ga­no e ci­pol­lot­to a ron­del­le. Un’in­sa­la­ta sem­pli­ce dal sa­po­re straor­di­na­rio. È ot­ti­ma an­che con le me­lan­za­ne vio­la (ma­ga­ri quel­le lun­ghe, più fa­ci­li da af­fet­ta­re), ma il gu­sto fi­na­le sa­rà più de­li­ca­to; le ros­se in­fat­ti so­no mol­to più er­ba­cee, qua­si pic­can­ti­ne.

Sul pon­ti­le, sdra­ia­ti sull’er­ba o se­du­ti su un mas­so, ognu­no tro­va la po­si­zio­ne che gli è più con­for­te­vo­le per gu­sta­re i pez­zi for­ti. La pa­sta­sciut­ta è a tut­to sa­po­re: con la pan­cet­ta ro­so­la­ta in pa­del­la e il toc­co af­fu­mi­ca­to del­le ci­pol­le cot­te sot­to la bra­ce, è quan­to di più ru­sti­ca­men­te buo­no si pos­sa de­si­de­ra­re. Il secondo piat­to, poi, re­ga­la un ve­ro col­po di sce­na. Il pol­pet­to­ne è di fat­to una con­ser­va, da pre­pa­ra­re a ca­sa e da por­tar­si die­tro co­me fos­se car­ne in sca­to­la, so­lo che è nel ba­rat­to­lo ed è mol­to più buo­na. L’im­pa­sto del pol­pet­to­ne vie­ne mes­so ap­pun­to in un ba­rat­to­lo a chiu­su­ra er­me­ti­ca e quin­di cot­to a ba­gno­ma­ria nel for­no; co­sì fa­cen­do si crea un sot­to­vuo­to fai-da-te che con­sen­te una con­ser­va­zio­ne di al­me­no una set­ti­ma­na (non ser­ve il fri­go, ba­sta un luo­go fre­sco). Al­lo stes­so mo­do si pre­pra­ra una sal­sa di po­mo­do­ri e pe­pe­ro­ni. Al mo­men­to di ser­vi­re, si ri­pas­sa tut­to in pa­del­la e il gio­co è fat­to. Sia il pol­pet­to­ne che la sua sal­sa so­no fat­ti bol­li­re nel ba­rat­to­lo: in que­sto mo­do si pre­pa­ra­no due con­ser­ve da por­ta­re con sé al po­sto del­le più or­di­na­rie sca­to­let­te di car­ne o ton­no.

Co­me in un pran­zo di tra­di­zio­ne, le por­ta­te sa­la­te si con­clu­do­no con il for­mag­gio: una ri­cot­ta fre­sca in­trap­po­la­ta in una frit­ta­ti­na sot­ti­le con tan­ta men­ta e pepe di mu­li­nel­lo. Fon­den­te, de­li­zio­sa e con uno spun­to gour­mand. Può an­che es­se­re un’al­ter­na­ti­va al­la car­ne per chi non la gra­di­sce op­pu­re una chic­ca da pe­pa­ra­re a me­ren­da. Frut­ta e dessert so­no un tutt’uno: si trat­ta di pe­sche ca­ra­mel­la­te in pa­del­la (con bur­ro, mie­le, li­mo­ne e va­ni­glia) e ser­vi­te con una cre­ma di for­mag­gio fre­sco la­vo­ra­to con zuc­che­ro e li­mo­ne. Da as­sem­bla­re al mo­men­to, di­ret­ta­men­te nel piat­to, è la squi­si­tez­za che con­clu­de de­gna­men­te que­st’espe­rien­za con­vi­via­le e gu­sta­ti­va, per­ché ne ha lo stes­so sa­po­re: na­tu­ra­le, sem­pli­ce, di grande pia­ce­vo­lez­za.

Co­la­zio­ne a let­to. In cam­peg­gio è è un lus­so che ci si può con­ce­de­re fa­cil­men­te, ma­ga­ri pro­cu­ran­do­si pro­dot­ti lo­ca­li fre­schi: la con­ser­va di frut­ta ar­ti­gia­na­le, un buon pa­ne rustico, il lat­te ap­pe­na mun­to.

Nel­la pa­gi­na a fian­co, piat­to frut­ta ver­de Jars Cé­ra­mi­stes, caf­fet­tie­ra vin­ta­ge Al mer­ca­ti­no tra noi e voi. In­di­riz­zi a pa­gi­na 6

BRU­SCHET­TA CON IL PA­NE AL CAR­BO­NE Ri­du­ce­te a fet­ti­ne un filone di pa­ne al car­bo­ne, ab­bru­sto­li­te­le sul­la gri­glia e poi sfre­ga­te­le con uno spic­chio d’aglio. Ta­glia­te a me­tà 200 g di po­mo­do­ri ci­lie­gi­ni e con­di­te­li con 2 pre­se di sa­le, 1 cuc­chiai­no di zuc­che­ro, il suc­co di 1/2 li­mo­ne, olio e ab­bon­dan­te ba­si­li­co spez­zet­ta­to. Di­spo­ne­te i po­mo­do­ri­ni con il lo­ro con­di­men­to sul­le bru­schet­te. Per 4 per­so­ne

Ar­ran­giar­si in cam­peg­gio è una ne­ces­si­tà, ma an­che un do­ve­re. Per non sna­tu­ra­re il con­te­sto. Co­sì i pa­del­li­ni fun­go­no da piat­ti, i tron­chi da ta­vo­lo, il mo­lo da se­dia. Il bel­lo è por­tar­si da ca­sa l’in­di­spen­sa­bi­le e per il re­sto im­prov­vi­sa­re sul po­sto.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.