DE­VO PAGARE UN INTERVENTO FUO­RI REGIONE?

In va­can­za ho rot­to una gam­ba e mi han­no ope­ra­to. Ora l’Asl mi chie­de di sal­da­re la pre­sta­zio­ne. Ma le spe­se me­di­che non so­no sem­pre a ca­ri­co del­lo Sta­to?

Starbene - - News - scri­vi a star­be­ne@mon­da­do­ri.it Sa­bri­na, Me­stre

Nel ca­so di ur­gen­ze, co­me è suc­ces­so a te, ba­sta la tes­se­ra sa­ni­ta­ria per es­se­re ri­co­ve­ra­ti in ospe­da­le an­che in una Regione di­ver­sa da quel­la in cui si ri­sie­de sen­za do­ver so­ste­ne­re al­cun co­sto. La ri­chie­sta del­la Asl in que­stio­ne non è cor­ret­ta an­che al­la lu­ce del fat­to che per ef­fet­to del­la “mo­bi­li­tà sa­ni­ta­ria in­ter­re­gio­na­le” cia­scun cit­ta­di­no può de­ci­de­re di far­si cu­ra­re nel­la strut­tu­ra sa­ni­ta­ria di un’al­tra Regione con ad­de­bi­to al­la pro­pria Asl di re­si­den­za at­tra­ver­so un mec­ca­ni­smo di “com­pen­sa­zio­ne” tra le va­rie real­tà. Fan­no ec­ce­zio­ne le pre­sta­zio­ni che non rien­tra­no in com­pen­sa­zio­ne (ma non è co­mun­que il tuo ca­so, vi­sta l’ur­gen­za) o che ri­chie­do­no au­to­riz­za­zio­ni pre­ven­ti­ve: que­ste de­vo­no es­se­re pa­ga­te tra­mi­te fat­tu­ra­zio­ne di­ret­ta al­la Asl di re­si­den­za del pa­zien­te. Que­st’ul­ti­mo quin­di non è mai chia­ma­to a ri­spon­der­ne di suo. Sul te­ma, va­le poi la pe­na ri­cor­da­re che se mo­ti­vi di stu­dio, di la­vo­ro o ma­ga­ri an­che di sa­lu­te por­ta­no a ri­sie­de­re lon­ta­no da ca­sa per un lun­go pe­rio­do, è op­por­tu­no chie­de­re l’as­se­gna­zio­ne di un me­di­co di ba­se prov­vi­so­rio che pre­scri­va i far­ma­ci e i trat­ta­men­ti dei qua­li si ha bi­so­gno. An­che in que­sto ca­so nul­la è a ca­ri­co del cit­ta­di­no, te­nu­to a pagare di ta­sca pro­pria so­lo le cu­re ri­ce­vu­te in strut­tu­re pri­va­te.

Mar­co Stuc­chi, av­vo­ca­to del Fo­ro di Mi­la­no (lu­do­lex.com)

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.