LE DON­NE di va­len­ti­na

Per­fe­zio­ni­sta, in­fa­ti­ca­bi­le e gran­de let­tri­ce. Va­len­ti­na Bel­lè, do­po aver con­qui­sta­to Du­stin Hof­f­man nel­la se­rie «I Me­di­ci», ora è lan­cia­ta verso il Fe­sti­val di Venezia...

Style - - Portfolio - DI VA­LEN­TI­NA RA­VIZ­ZA FO­TO DI TO­NI THORIMBERT STY­LING DI DA­NIE­LA STOPPONI

Na­ta a Ve­ro­na 25 an­ni fa, Va­len­ti­na Bel­lè si è fat­ta co­no­sce­re al gran­de pub­bli­co ve­sten­do i pan­ni di Lu­cre­zia Tor­na­buo­ni nel­la se­rie tv I Me­di­ci. A DE­STRA: REG­GI­SE­NO, ERES; CU­LOT­TE, DIOR.

ÈTORNATA MO­RA. E con il co­lo­re dei ca­pel­li, che ave­va tin­to di bion­do per in­ter­pre­ta­re Do­ri Ghez­zi nel film de­di­ca­to al Prin­ci­pe

li­be­ro Fa­bri­zio De An­dré, ha ri­tro­va­to se stes­sa. «Que­st’an­no ho la­vo­ra­to un sac­co, in progetti di­ver­sis­si­mi tra lo­ro. E non ve­do l’ora di ri­met­ter­mi al­la pro­va, per­ché mi sen­to ve­ra­men­te nuo­va! So­no cam­bia­ta tan­to, non mi spa­ven­ta nien­te». Poi, fre­nan­do l’en­tu­sia­smo con tut­ta l’umil­tà dei suoi 25 an­ni, l’at­tri­ce Va­len­ti­na Bel­lè tor­na a far­si se­ria e si cor­reg­ge: «Cioè, i ruo­li trop­po di­ver­si da me mi spa­ven­ta­no sem­pre, per­ché la re­spon­sa­bi­li­tà si al­za da mo­ri­re. So­no ar­ri­va­ta a un pun­to in cui non pren­do più sot­to­gam­ba que­sto me­stie­re». Non che qual­cu­no l’aves­se mai pen­sa­to: ba­sta guar­da­re l’im­pe­gno che met­te an­che sul set fo­to­gra­fi­co, il mo­do in cui stor­ce il na­so di fron­te a uno scat­to non pro­prio per­fet­to, per ca­pi­re che per i sei in­gag­gi de­gli ul­ti­mi me­si non de­ve rin­gra­zia­re so­lo i suoi be­gli oc­chi o le gam­be chi­lo­me­tri­che. «È fa­ci­le fa­re le co­se più o me­no be­ne, ma far­le ve­ra­men­te be­ne è tut­ta un’al­tra sto­ria. Me lo di­ce­va­no in

ac­ca­de­mia (il Cen­tro Spe­ri­men­ta­le di Ci­ne­ma­to­gra­fia di Ro­ma, ndr) che si po­te­va an­da­re sem­pre più a fon­do, al­lo­ra pe­rò non ca­pi­vo…». L’ ha im­pa­ra­to in sce­na, a fian­co di gran­di co­me Du­stin Hof­f­man, co­no­sciu­to du­ran­te le ri­pre­se del­la se­rie tv I Me­di­ci («Un’espe­rien­za sur­rea­le. Ma se mi ri­guar­do ora pen­so che avrei po­tu­to fa­re di me­glio») e i re­gi­sti Pao­lo e Vit­to­rio Ta­via­ni, che l’han­no di­ret­ta in Una que­stio­ne pri­va­ta.

Chi le ha in­se­gna­to di più in sce­na e die­tro le quin­te?

Lu­ca Ma­ri­nel­li, sen­za dub­bio. Una vol­ta mi ha det­to: «Sul set bi­so­gna es­se­re don­ne e uo­mi­ni». Che vuol di­re smet­te­re di com­por­tar­si da ra­gaz­zi­ni e pren­de­re que­sto me­stie­re con la se­rie­tà che me­ri­ta. Per­ché io lo fac­cio per il pia­ce­re di far­lo, non per ar­ri­va­re a Hol­ly­wood o chis­sà do­ve. Io mi sen­to già ar­ri­va­ta quan­do so­no al la­vo­ro, quan­do ho un co­pio­ne sotto ma­no, quan­do en­tro in un per­so­nag­gio.

Co­me la­vo­ra su un ruo­lo e co­me rie­sce a im­me­de­si­mar­si?

Chia­ra­men­te ci met­to sem­pre qual­co­sa del­la mia espe­rien­za, ma so­prat­tut­to os­ser­vo mol­to le per­so­ne. Ave­re una don­na straor­di­na­ria co­me Do­ri Ghez­zi che mi guar­da­va sul set tut­ti i gior­ni, che mi ha per­si­no in­vi­ta­to a casa sua per co­no­scer­ci, mi ha in­se­gna­to che il per­so­nag­gio non sta sul­la car­ta, re­spi­ra. Ed esi­ge ri­spet­to.

E quan­do si trat­ta di un per­so­nag­gio let­te­ra­rio co­me Ful­via, la ra­gaz­za ama­ta da Mil­ton nel li­bro di Bep­pe Fe­no­glio (tra­sfor­ma­to in film, pre­sto al ci­ne­ma, dai fra­tel­li Ta­via­ni) Una que­stio­ne pri­va­ta?

In lei ho col­to un tur­bi­nio di emo­zio­ni e di pen­sie­ri, e per me Ful­via era quel­lo. Sì era an­che l’uni­ca fi­glia fem­mi­na tra tan­ti fra­tel­li an­da­ti in guer­ra, una ra­gaz­za ri­ma­sta a ca­var­se­la nel­la cam­pa­gna, ma quel­lo che con­ta­va dav­ve­ro era la sua so­li­tu­di­ne, il suo bi­so­gno di at­ten­zio­ni. È sta­to un ruo­lo co­sì de­li­ca­to e pie­no che è dif­fi­ci­le rac­con­tar­lo a pa­ro­le.

Quan­to è se­let­ti­va nell’ac­cet­ta­re una par­te?

An­che la per­so­na più in­sul­sa può co­mu­ni­car­ti qual­co­sa. Mi è ca­pi­ta­to di ri­fiu­ta­re dei ruo­li per­ché non mi pia­ce­va la scrit­tu­ra, o per­ché in quel mo­men­to sen­ti­vo di do­ver la­vo­ra­re su al­tro. È im­por­tan­te sa­per sce­glie­re, an­che a co­sto di fa­re un film me­no fi­go di un al­tro sem­pli­ce­men­te per­ché più giu­sto per me.

Ar­ri­via­mo ad Amo­ri che non san­no sta­re al mon­do (in post­pro­du­zio­ne) do­ve vi­ve una re­la­zio­ne omo­ses­sua­le con Lu­cia Ma­sci­no.

Quel­la tra Ni­na, il mio per­so­nag­gio, e Clau­dia è una sto­ria d’amo­re bre­ve ma mol­to in­ten­sa. En­tram­be era­va­mo co­sì den­tro i no­stri al­ter ego che ci sia­mo co­no­sciu­te ve­ra­men­te so­lo al­la fi­ne del­le ri­pre­se. An­che qui una sto­ria trat­ta da un ro­man­zo, scrit­to dal­la stes­sa re­gi­sta Fran­ce­sca Co­men­ci­ni. È una gran­de let­tri­ce?

Sì, ho ap­pe­na fi­ni­to La­men­to di Port­noy di Phi­lip Ro­th, ge­nia­le, e nel­la bor­sa ho pron­to da ini­zia­re La fi­glia del ca­pi­ta­no di Alek­sàn­dr Pu­škin. De­vo di­re pe­rò che le mie let­tu­re di­pen­do­no mol­to dal pe­rio­do: ci so­no mo­men­ti in cui ho bi­so­gno di al­leg­ge­ri­re e quin­di va­do su ro­man­zi più fan­ta­sio­si co­me quel­li di Isa­bel Al­len­de, al­tri in cui ho vo­glia di ap­pro­fon­di­re e mi but­to su J. D. Sa­lin­ger (Fran­ny e Zooey è il mio ro­man­zo pre­fe­ri­to). Non po­trei mai leg­ge­re Har­ry Pot­ter o ro­be co­sì per­ché avrei l’im­pres­sio­ne di non im­pa­ra­re nien­te… Non si pren­de­rà un po’ trop­po sul se­rio?

Am­met­to di es­se­re una per­fe­zio­ni­sta. Se uno fa una bat­tu­ta sul mio la­vo­ro non rie­sco a ri­der­ci su, an­zi mi ar­rab­bio pro­prio per­ché io ci met­to l’ani­ma in quel­lo che fac­cio. Que­sto non vuol di­re che non ac­cet­ti le cri­ti­che, né che non sia una per­so­na au­toi­ro­ni­ca.

Con la sur­rea­le se­rie Rai Si­re­ne (in pro­gram­ma per il pros­si­mo au­tun­no) ha mo­stra­to pro­prio que­sto suo la­to di­ver­ten­te.

Pri­ma di ac­cet­ta­re ero ter­ro­riz­za­ta: se pro­vi a far ri­de­re e non ri­de nes­su­no è una tra­ge­dia! Ho cer­ca­to di por­ta­re in sce­na la mia par­te più leg­ge­ra e scher­zo­sa, e mi ha fat­to un gran be­ne. È bel­lo non pren­der­si sul se­rio e nel­la com­me­dia puoi, spe­cie in una paz­za al­la Ivan Co­tro­neo. Met­ti­ci poi che il mio ido­lo è An­na Mar­che­si­ni… Mai avu­to pau­ra di re­sta­re «in­ca­stra­ta» in una se­rie tv?

For­se un po’ d’an­sia: fa­rei fa­ti­ca a re­sta­re nel­lo stes­so ruo­lo per trop­po tem­po. Ho bi­so­gno di im­pa­ra­re, pro­va­re, spe­ri­men­ta­re. Il can­to ad esem­pio, do­ve sto ini­zian­do a muo­ve­re qual­che pic­co­lo pas­so. E il tea­tro, che re­sta un gran­de so­gno. Ma il mio obiet­ti­vo ades­so è fa­re que­sto la­vo­ro al me­glio e ri­ma­ne­re una per­so­na nor­ma­le, non an­da­re fuo­ri di te­sta per il suc­ces­so. E riu­sci­re a ri­spet­ta­re me stes­sa.

Il suo ul­ti­mo film usci­to nel­le sa­le? Il per­mes­so - 48 ore fuo­ri, th­ril­ler sul te­ma del­le car­ce­ri con Clau­dio Amen­do­la e Lu­ca Ar­gen­te­ro. SO­PRA E A DE­STRA: DOL­CE­VI­TA, MON­CLER; CU­LOT­TE, DIOR.

SO­PRA: TOP, EN­ZA CO­STA. A SI­NI­STRA: ABI­TO, DIOR. HA COL­LA­BO­RA­TO: ILA­RIA REMEZZANO; GROOMING: KA­RIN BOR­RO­MEO PER W-MMANAGEMENT

Con Una que­stio­ne

pri­va­ta, il film dei fra­tel­li Ta­via­ni trat­to dall'omo­ni­mo ro­man­zo sul­la Re­si­sten­za di Bep­pe Fe­no­glio, Va­len­ti­na Bel­lè po­treb­be sbar­ca­re al Fe­sti­val di Venezia (dal 30 ago­sto al 9 set­tem­bre 2017).

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.