PERVERSO è CIÒ

CHE SI VI­VE MA­LE

Style - - FOCUS - di Im­ma­nuel Ca­sto*

«Agli esor­di quan­do nel­le mie can­zo­ni par­la­vo li­be­ra­men­te e con iro­nia di ses­so, so­no sta­to in un cer­to sen­so esclu­so dal main­stream mu­si­ca­le. Ep­pu­re non mi so­no mai sen­ti­to una vit­ti­ma, piut­to­sto un pri­vi­le­gia­to, per­ché que­sta esclu­sio­ne mi ha re­so an­co­ra più in­di­pen­den­te. Ora, so che il pa­ra­go­ne è for­zo­so ma cre­do che val­ga un po’ lo stes­so per la co­mu­ni­tà LGBTQI. I pre­giu­di­zi, il mo­ra­li­smo, la pau­ra di tut­to ciò che si pre­sen­ta co­me di­ver­so li ha esclu­si, ghet­tiz­za­ti, e que­sto li ha re­si più li­be­ri, me­no mo­ra­li­sti, bac­chet­to­ni e ipo­cri­ti. Per­ché ogni ti­po di emar­gi­na­zio­ne se è ve­ro che fa sof­fri­re, è al­tret­tan­to ve­ro che ti dà un’op­por­tu­ni­tà di evol­ve­re e mi­glio­ra­re. L’uo­mo me­dio as­so­cia l’omo­ses­sua­li­tà al­la per­ver­sio­ne? Ha ra­gio­ne, è ve­ro! Per­ché la tra­sgres­sio­ne ap­par­tie­ne all’in­do­le uma­na e quin­di an­che a le­sbi­che, gay, bi­sex, tran­sgen­der e in­ter­se­xual. Sia­mo tut­ti sul­la stes­sa bar­ca, l’uni­ca dif­fe­ren­za è tra chi men­te, pre­di­ca be­ne e raz­zo­la ma­le, e chi si ac­cet­ta e vuo­le es­se­re ac­cet­ta­to per co­me è.

Io pen­so che og­gi il con­cet­to di per­ver­sio­ne si sia del tut­to sma­te­ria­liz­za­to. Cre­do che perverso sia ciò che vi­vi ma­le, e cos’è la co­sa che og­gi si vi­ve peg­gio? I sen­ti­men­ti. So­no lo­ro la co­sa più dif­fi­ci­le, per­ché fan­no pau­ra: a chi li pro­va e a chi li ri­ce­ve in do­no. Si è sem­pre me­no ca­pa­ci di mo­strar­li e sem­pre più spa­ven­ta­ti quan­do ci ar­ri­va­no ad­dos­so. Il ses­so in­ve­ce non è più un pro­ble­ma per nes­su­no, ep­pu­re par­lar­ne pub­bli­ca­men­te è an­co­ra un ta­bù. O me­glio, è di nuo­vo un ta­bù. Quan­do ero ra­gaz­zo, si par­la­va mol­to di più di quel­lo che ri­guar­da­va la ses­sua­li­tà: dall’aids al­la con­trac­ce­zio­ne. Og­gi ti­ra aria di neo­mo­ra­li­smo, che pur­trop­po po­co ha a che fa­re con la mo­ra­le nel sen­so no­bi­le del ter­mi­ne. Di quel­la ce n’è sem­pre bi­so­gno».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.