L’ul­ti­mo na­to di Luiz de Ba­sto è uno ya­cht fu­tu­ri­bi­le, ma già per­fet­ta­men­te in­ge­gne­riz­za­to

Top Yacht Design - - Projects -

Nel mon­do del­la nau­ti­ca ci sono splen­di­di con­cept fu­tu­ri­bi­li e uto­pi­ci, e bel­lis­si­mi con­cept fu­tu­ri­bi­li, ma per­fet­taen­te in­ge­gne­riz­za­ti e quin­di rea­liz­za­bi­li, che aspet­ta­no solo qual­cu­no in­ten­zio­na­to a far­li di­ven­ta­re real­tà. Co­smos, il 90 me­tri di­se­gna­to da Luiz De Ba­sto ap­par­tie­ne al­la se­con­da ca­te­go­ria, co­me tut­ti gli al­tri pro­get­ti del de­si­gner americano. Si trat­ta di uno ya­cht ar­ti­co­la­to su quat­tro ponti, con sca­fo a prua slan­cia­ta e pop­pa ri­bas­sa­ta, ca­rat­te­riz­za­to da una gi­gan­te­sca cu­po­la in ve­tro e ac­cia­io che co­pre qua­si in­te­ra­men­te lo Sky Deck, va­le a di­re quel­lo che, su tut­ti gli al­tri ya­cht, è il Sun Deck.

«L’idea di par­ten­za è il ri­sul­ta­to di an­ni di ra­gio­na­men­to per tro­va­re il mo­do di au­men­ta­re il con­tat­to con la na­tu­ra di chi sta a bor­do», spie­ga De Ba­sto. «Fi­no a og­gi ci sono sta­te idee ma­gni­fi­che co­me quel­la del­le ter­raz­ze la­te­ra­li ab­bat­ti­bi­li, o i bea­ch club, ma era­no tut­te fo­ca­liz­za­te al­la vi­ci­nan­za con il ma­re; io in­ve­ce cer­ca­vo qual­co­sa che po­tes­se ren­de­re gli ospi­ti par­te­ci­pi di tut­to ciò che c’è in­tor­no e so­pra al­la bar­ca», con­ti­nua De Ba­sto, «quin­di mi sono chie­sto: co­me pos­so con­sen­ti­re una to­ta­le im­mer­sio­ne nel­la na­tu­ra ga­ran­ten­do al tem­po stes­so com­fort e si­cu­rez­za agli ospi­ti? L’idea del­le cu­po­le in ve­tro è già sta­ta am­pia­men­te sfrut­ta­ta nell’ar­chi­tet­tu­ra ter­re­stre, il pro­ble­ma era tra­dur­la in ter­mi­ni nau­ti­ci», con­clu­de.

L’im­pre­sa sem­bra­va ar­dua, ma De Ba­sto non è uno che si la­scia sco­rag­gia­re fa­cil­men­te e per ren­de­re rea­liz­za­bi­le la

sua idea si è ri­vol­to ai mas­si­mi esper­ti del set­to­re: il di­par­ti­men­to di en­gi­nee­ring di Ocean­co e Ja­mes O’Cal­la­ghan, ti­to­la­re in­sie­me a Brian Ec­ker­sley del­la EOC En­gi­neers, una del­le mas­si­me au­to­ri­tà mon­dia­li in fat­to di ve­tro.

Ocean­co si è oc­cu­pa­to di stu­dia­re l’in­ge­gne­riz­za­zio­ne del­la strut­tu­ra por­tan­te che, nell’idea di De Ba­sto, non do­ve­va es­se­re trop­po bas­sa per non li­mi­ta­re la vi­vi­bi­li­tà del living e non do­ve­va osta­co­la­re la vi­sta da nes­sun la­to.

«An­che se ap­pa­ren­te­men­te può sem­bra­re sem­pli­ce, il glass do­me di Co­smos è in real­tà una strut­tu­ra estre­ma­men­te com­ples­sa per­ché non solo de­ve sod­di­sfa­re una se­rie di vin­co­li strut­tu­ra­li, che su una bar­ca che si muo­ve, rol­la ed è sog­get­ta a tor­sio­ni sono an­co­ra più com­pli­ca­ti, ma de­ve an­che es­se­re com­pa­ti­bi­le con le prin­ci­pa­li nor­ma­ti­ve di cer­ti­fi­ca­zio­ne cui gli ya­cht de­vo­no sot­to­sta­re», spie­ga De Ba­sto. EOC En­gi­neers è sta­ta in­ve­ce chia­ma­ta a oc­cu­par­si del­le ve­tra­te.

«In mol­ti han­no obiet­ta­to che una si­mi­le co­per­tu­ra in ve­tro si sa­reb­be tra­sfor­ma­ta in una sor­ta di in­cu­bo a cau­sa del cal­do, del fred­do o del­la lu­ce», rac­con­ta De Ba­sto, «ma for­se non san­no che in que­sto set­to­re la tec­no­lo­gia ha fat­to pas­si da gi­gan­te e che og­gi un sof­fit­to di ve­tro può ga­ran­ti­re le stes­se con­di­zio­ni cli­ma­ti­che di tut­ti gli al­tri», con­clu­de. Le ve­tra­te di Co­smos sono in­fat­ti in gra­do di fil­tra­re i rag­gi UV, sono na­tu­ral­men­te ter­moi­so­lan­ti e pos­so­no es­se­re opa­ciz­za­te fi­no a di­ven­ta­re com­ple­ta­men­te cie-

che, an­che sin­go­lar­men­te. Que­sto si­gni­fi­ca che, a se­con­da del­le ne­ces­si­tà, la cu­po­la di Co­smos può es­se­re tra­sfor­ma­ta a pia­ce­re, fi­no a di­ven­ta­re un sem­pli­ce cie­li­no bian­co con fi­ne­stra­tu­re la­te­ra­li. Ma sa­reb­be un pec­ca­to. Per quel che ri­guar­da la de­sti­na­zio­ne di que­st’area del­la bar­ca, De Ba­sto l’ha pen­sa­ta co­me un living, ma nul­la vie­ta di tra­sfor­mar­la nel­la ca­bi­na ar­ma­to­ria­le o in una gi­gan­te­sca pa­le­stra. A pop­pa, col­le­ga­ta con l’in­ter­no da una gran­de ve­tra­ta scor­re­vo­le, è pre­vi­sta un’area all’aper­to con va­sca idro­mas­sag­gio e zo­na re­lax.

Il re­sto degli in­ter­ni non è an­co­ra per­fet­ta­men­te de­fi­ni­to per­ché la lo­ro mo­du­la­ri­tà è ta­le da con­sen­ti­re un’in­fi­ni­tà di so­lu­zio­ni. In li­nea di mas­si­ma il lo­wer deck è ri­ser­va­to a ospi­ti ed equi­pag­gio; il main deck all’area living e pran­zo e l’up­per deck al­la ca­bi­na ar­ma­to­ria­le e a un’ul­te­rio­re zo­na living più pri­va­ta e in­for­ma­le. Il lay­out di Co­smos pre­ve­de ca­bi­ne per 12 ospi­ti, con l’ar­ma­to­ria­le a pop­pa dell’up­per deck, do­ve è pre­vi­sto an­che l’he­li­pad; una pi­sci­na sul pon­te prin­ci­pa­le e un ga­ra­ge da 12 me­tri do­ve pos­so­no es­se­re sti­va­ti due gran­di li­mou­si­ne ten­der ol­tre a mol­tis­si­mi wa­ter toys. Su tut­ti i ponti è pre­vi­sta una zo­na di ser­vi­zio per age­vo­la­re l’equi­pag­gio nel suo la­vo­ro. Equi­pag­gio che, a bor­do, ha per­cor­si to­tal­men­te se­pa­ra­ti da quel­li degli ospi­ti per ga­ran­ti­re il mas­si­mo del­la pri­va­cy pos­si­bi­le. Co­smos, per ora, è solo un pro­get­to. Ma è già sta­to com­ple­ta­men­te in­ge­gne­riz­za­to ed è pron­to per es­se­re co­strui­to. Man­ca solo un ar­ma­to­re suf­fi­cien­te­men­te vi­sio­na­rio.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.