Na­to con la ma­ti­ta

Ap­pas­sio­na­to di di­se­gno fin da pic­co­lo, ha al suo at­ti­vo cen­ti­na­ia di bar­che Sed ut per­spi­cia­tis un­de om­nis iste do­lo­rem­que

Top Yacht Design - - Contents -

«Ho sem­pre avu­to la ma­ti­ta in ta­sca, fin da ra­gaz­zi­no». A sen­ti­re i suoi rac­con­ti, quel­lo di Fran­ce­sco Pasz­ko­w­ski sem­bra un de­sti­no già scrit­to. Fi­glio di un gra­fi­co pub­bli­ci­ta­rio che lo por­ta­va a vi­si­ta­re mostre di ogni ge­ne­re, il de­si­gner fio­ren­ti­no di ado­zio­ne e mi­la­ne­se di na­sci­ta, di­se­gna­va qua­lun­que co­sa at­ti­ras­se la sua at­ten­zio­ne fin dal­la più te­ne­ra età.

«Po­te­va es­se­re l’au­to che ve­de­vo at­tra­ver­so il fi­ne­stri­no del tre­no men­tre ero in viag­gio con mio pa­dre per an­da­re a vi­si­ta­re una mo­stra, piut­to­sto che il ca­sco di un mo­to­ci­cli­sta fer­mo al se­ma­fo­ro men­tre at­tra­ver­sa­vo la stra­da. Di­se­gna­vo qua­lun­que co­sa at­ti­ras­se la mia at­ten­zio­ne in qua­lun­que mo­men­to», spie­ga. Non a ca­so, il suo ap­proc­cio a un nuo­vo pro­get­to par­te sem­pre da un di­se­gno. «Per me il di­se­gno a ma­no li­be­ra ri­ma­ne vi­ta­le. Il trat­to a ma­ti­ta su un fo­glio bian­co è un lin­guag­gio uni­ver­sa­le com­pren­si­bi­le in tut­te le lin­gue, un mo­do per tra­sfor­ma­re l’idea in un se­gno. Rea­liz­za­bi­le ovun­que e in qual­sia­si mo­men­to», rac­con­ta.

La de­ci­sio­ne di fa­re il de­si­gner ar­ri­va in oc­ca­sio­ne del­la vi­si­ta di una mo­stra di Gior­get­to Giu­gia­ro a Mi­la­no. «In quell’oc­ca­sio­ne dis­si a me stes­so “da gran­de vo­glio es­se­re un de­si­gner”», rac­con­ta Pasz­ko­w­ski.

Il suo so­gno, co­me quel­lo di mol­ti al­tri ya­cht de­si­gner era quel­lo di di­se­gna­re au­to, ma il de­sti­no lo ha por­ta­to a cor­re­re sul ma­re in­ve­ce che sul­la stra­da. Do­po un bre­ve ti­ro­ci­nio nel­lo stu­dio di Pier­lui­gi e Tom­ma­so Spa­do­li­ni, nel 1990

Fran­ce­sco Pasz­ko­w­ski apre il suo stu­dio a Fi­ren­ze. Da al­lo­ra, tra ya­cht cu­stom e di se­rie, pla­nan­ti e di­slo­can­ti, in­ter­ni ed ester­ni, ha di­se­gna­to cen­ti­na­ia di bar­che. Ma il suo pri­mo in­con­tro con le bar­che è na­to qua­si per ca­so. «Nel 1991 ho co­no­sciu­to Mi­chael Bre­man che a quel tem­po era il di­ret­to­re del can­tie­re Ba­gliet­to. Bre­man fe­ce ve­de­re il mio port­fo­lio a un clien­te che vo­le­va una bar­ca. Era un au­stria­co, vi­de i di­se­gni e dis­se che po­te­vo pro­va­re a far­ne uno per lui, ma che avrei do­vu­to stu­pir­lo. Ci riu­scii e nac­que Opus I, che con i suoi 29 me­tri era a quel tem­po il più gran­de open di­spo­ni­bi­le sul mer­ca­to», spie­ga Pasz­ko­w­ski.

Qual­che an­no do­po quel­lo stes­so ar­ma­to­re si ri­vol­se di nuo­vo a lui per il pro­get­to di un fly che vo­le­va far co­strui­re da Hee­sen: Opus II. Da quel mo­men­to, a Ba­gliet­to ed Hee­sen, con cui col­la­bo­ra an­co­ra og­gi, si so­no ag­giun­ti mol­ti al­tri can­tie­ri: San­lo­ren­zo, CRN, Cu­stom Li­ne, Be­net­ti, Tur­quoi­se Ya­ch­ts, Isa Ya­ch­ts, Ca­na­dos e Tan­koa.

Se la bar­ca da pro­get­ta­re è di se­rie o cu­stom, l’ap­proc­cio cam­bia, ma non l’en­tu­sia­smo. «Po­ter la­vo­ra­re in tut­ti e due gli am­bi­ti è uno dei van­tag­gi di que­sto bel la­vo­ro per­ché so­no di­ver­si e non ci si an­no­ia mai», spie­ga Pasz­ko­w­ski. Il cu­stom pre­ve­de un’in­te­sa pro­fon­da con l’ar­ma­to­re per­ché de­vi tra­dur­re un de­si­de­rio spe­ci­fi­co di una per­so­na in un pro­get­to uni­co che in qual­che mo­do evo­chi la pre­zio­si­tà e l’esclu­si­vi­tà di un og­get­to fat­to a ma­no che ri­spet­ti, ov­via­men­te, i li­mi­ti di bud­get dell’ar­ma­to­re. Nel di­se­gna­re un

pro­get­to per una se­rie, si de­ve te­ner con­to del fat­to che è ne­ces­sa­rio ri­spon­de­re ai gu­sti e al­le esi­gen­ze di più ar­ma­to­ri po­ten­zia­li e per un ran­ge di tem­po più am­pio.

In que­sto ca­so i de­si­gner de­vo­no sa­per an­ti­ci­pa­re le ten­den­ze, sa­per guar­da­re mol­to avan­ti nel tem­po e ca­pi­re l’evo­lu­zio­ne dei gu­sti, men­tre i vin­co­li eco­no­mi­ci so­no det­ta­ti dal­la stra­te­gia di pro­dot­to e di in­ve­sti­men­ti del can­tie­re com­mit­ten­te», spie­ga Fran­ce­sco Pasz­ko­w­ski. «Co­mu­ni al­la pro­get­ta­zio­ne di cu­stom e se­rie so­no la co­no­scen­za del­le com­pe­ten­ze del can­tie­re, un for­te la­vo­ro di squa­dra con il suo uf­fi­cio tec­ni­co e con tut­ti gli al­tri at­to­ri coin­vol­ti. Ol­tre na­tu­ral­men­te al­la con­sa­pe­vo­lez­za che le bar­che so­no na­te pri­ma di tut­to per il ma­re e che que­sta fun­zio­ne è im­pre­scin­di­bi­le an­che quan­do lo ya­cht, gra­zie al de­si­gn, ac­qui­sta un va­lo­re este­ti­co che la iden­ti­fi­ca. In­fi­ne, bi­so­gna te­ner pre­sen­ti tut­ti gli aspet­ti ir­ri­nun­cia­bi­li co­me ma­te­ria­li de­di­ca­ti, uso del­la tec­no­lo­gia ne­ces­sa­ria al­la si­cu­rez­za, vin­co­li strut­tu­ra­li e fun­zio­na­li e con­su­mi che ser­vo­no a crea­re una com­bi­na­zio­ne equi­li­bra­ta», con­clu­de sen­za la­sciar in al­cun mo­do tra­spa­ri­re se que­ste pa­ro­le sia­no o me­no una frec­cia­ti­na all’in­gres­so sem­pre più mas­sic­cio di de­si­gner ex­tra­set­to­re nel mon­do nau­ti­co.

Sen­za dub­bio, e per sua stes­sa am­mis­sio­ne, Fran­ce­sco Pasz­ko­w­ski con­si­de­ra che la pre­sen­za sul­la sce­na del­lo ya­cht de­si­gn di at­to­ri mol­to di­ver­si tra lo­ro sia un be­ne, per­ché ga­ran­ti­sce al set­to­re un am­bi­to di con­fron­to più

am­pio. Del re­sto è an­che con­vin­to che il po­te­re del de­si­gner non sia e non deb­ba es­se­re as­so­lu­to e che la riu­sci­ta di un pro­get­to non di­pen­da mai da una so­la per­so­na ma da un team crea­to da ar­ma­to­re, can­tie­re, de­si­gner e ar­chi­tet­to na­va­le, co­sì co­me dal con­tri­bu­to che de­ri­va dal­la di­ver­si­tà di chi ne fa par­te do­po aver su­pe­ra­to, co­me in ogni al­tro la­vo­ro, gli osta­co­li che si in­con­tra­no lun­go il per­cor­so.

Sem­pre se­con­do Pasz­ko­w­ski an­che il fat­to che le bar­che si as­so­mi­gli­no sem­pre di più una all’al­tra non è un pro­ble­ma di co­pia­tu­ra, ma di man­can­za di ri­cer­ca. «In­ven­ta­re qual­co­sa di nuo­vo non è fa­ci­le co­me può sem­bra­re», spie­ga, «e nel no­stro set­to­re man­ca for­se quel­la ri­cer­ca tec­no­lo­gi­ca e sti­li­sti­ca che ge­ne­ra in­no­va­zio­ne, e che è in­ve­ce pre­sen­te in al­tri set­to­ri co­me quel­lo del car de­si­gn», con­ti­nua, «Nel­lo ya­cht de­si­gn la dif­fe­ren­za la fan­no di so­li­to i det­ta­gli che non sem­pre so­no per­ce­pi­bi­li al pri­mo sguar­do. E poi non si può sem­pre ri­cor­re­re a stra­vol­gi­men­ti to­ta­li», con­clu­de.

Sui suoi pro­get­ti fu­tu­ri Pasz­ko­w­ski è la­co­ni­co. Al Mo­na­co Ya­cht Show ci sa­ran­no tre an­te­pri­me fir­ma­te dal suo stu­dio: il nuo­vo Cu­stom Li­ne 120, il 72 me­tri So­lo di Tan­koa e l’af­fa­sci­nan­te Ba­gliet­to 48 me­tri T-Li­ne. Poi ci so­no al­tri due pro­get­ti, un 55 me­tri di­slo­can­te e un 46 Fa­st Fly pla­nan­te fir­ma­ti per Ba­gliet­to e tut­to­ra in co­stru­zio­ne, ol­tre a qual­che al­tro ya­cht su cui pe­rò il de­si­gner man­tie­ne il più stret­to ri­ser­bo. Co­me è pras­si in que­sto set­to­re.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.