Grup­po Bo­sco­lo, fa­se due

TTG Italia - - Primo Piano - La­ra Mo­ra­no

Il Grup­po Bo­sco­lo inau­gu­ra un nuo­vo ca­pi­to­lo del­la sua sto­ria: il sal­to co­rag­gio­so di di­ven­ta­re un’azien­da glo­ba­le, di­vi­den­do il set­to­re im­mo­bi­lia­re da quel­lo del­la ge­stio­ne al­ber­ghie­ra.

“L’oc­ca­sio­ne è ar­ri­va­ta un an­no fa - spie­ga il pre­si­den­te Gior­gio Bo­sco­lo -, quan­do il tour ope­ra­tor ha avu­to l’op­por­tu­ni­tà di ven­de­re le strut­tu­re e ha ri­ce­vu­to una se­rie di pro­po­ste ca­pi­ta­te al mo­men­to giu­sto. Era un mo­men­to in cui la con­vi­ven­za la­vo­ra­ti­va fa­mi­lia­re, sep­pur sem­pre frut­tuo­sa nel cor­so de­gli an­ni, ha fat­to na­sce­re in ognu­no l’esi­gen­za di una cer­ta in­di­pen­den­za”. Il grup­po è sta­to va­lu­ta­to “500 mi­lio­ni di eu­ro - spie­ga il pre­si­den­te - e ave­va un de­bi­to di 340 mi­lio­ni, co­sì il con­to è sta­to pre­sto fat­to”.

L’obiet­ti­vo è quel­lo di con­cen­trar­si sul mar­chio e far­lo cre­sce­re, an­dan­do al­la ri­cer­ca di ac­qui­si­zio­ni di con­trat­ti di ma­na­ge­ment.“Ab­bia­mo pen­sa­to: a ognu­no il suo me­stie­re pro­se­gue Bo­sco­lo - e que­sta oc­ca­sio­ne non è sta­ta la fi­ne di Bo­sco­lo Ho­tels, ma as­so­lu­ta­men­te un nuo­vo ini­zio”.

Al­la ri­cer­ca di part­ner

Il team Bo­sco­lo è quin­di al­la ri­cer­ca di com­pa­gnie che ab­bia­no al­ber­ghi di lus­so a cin­que stel­le che ri­spon­da­no a pre­ci­si stan­dard.“Vo­glia­mo co­strui­re una ca­te­na al­ber­ghie­ra che ab­bia la ban­die­ra ita­lia­na, e quin­di con al cen­tro l'ita­lia­ni­tà, che ab­bia il mar­chio Bo­sco­lo, ma che sia una com­pa­gnia a li­vel­lo glo­ba­le”. Il pro­get­to è an­co­ra in fa­se di stu­dio, e ci vor­rà l’au­tun­no per ini­zia­re a ve­de­re i pri­mi ri­scon­tri, an­che per­ché si par­la di nu­me­ri im­por­tan­ti. La ri­cer­ca del­le com­pa­gnie con le qua­li av­via­re la part­ner­ship sa­rà in tut­to il mon­do, ma sen­za di­men­ti­ca­re che il fil rou­ge do­vrà es­se­re l’ita­lia­ni­tà.“Un con­cet­to che po­treb­be ap­pa­ri­re ba­na­le - pun­tua­liz­za Gior­gio Bo­sco­lo -, ma che di fat­to non lo è per­ché la no­stra è una clien­te­la di nic­chia, non mi­liar­da­ria, ma che di si­cu­ro in va­can­za si trat­ta be­ne, sa co­sa vuo­le tro­va­re”.

La cre­sci­ta ne­gli an­ni

Ne­gli an­ni il tour ope­ra­tor è riu­sci­to a in­ter­cet­ta­re “quel­la” ti­po­lo­gia di viag­gia­to­ri, e og­gi, Bo­sco­lo Tours può con­ta­re su un 40 per cen­to di re­pea­ters, per i qua­li so­no sta­te stu­dia­te ap­po­si­te scon­ti­sti­che, ri­vol­te a co­lo­ro che in un an­no ar­ri­va­no a fa­re 3 viag­gi. Que­sto cam­bia­men­to po­treb­be es­se­re quel­lo che ci vuo­le per far cre­sce­re ul­te­rior­men­te la qua­li­tà dell’of­fer­ta di un tour ope­ra­tor che ha sem­pre go­du­to di ot­ti­ma sa­lu­te, e che nell’ul­ti­ma sta­gio­ne ha re­gi­stra­to 80 mi­lio­ni di fat­tu­ra­to con 6 mi­lio­ni di mar­gi­ne.

Bo­sco­lo Tours, tra l’al­tro, ha in pro­gram­ma l’aper­tu­ra di un Flag­ship Sto­re, per ven­de­re i pro­pri co­fa­net­ti of­fren­do al clien­te la pos­si­bi­li­tà di sce­glie­re se an­da­re in agen­zia di viag­gi op­pu­re con­tat­ta­re di­ret­ta­men­te il tour ope­ra­tor.“La mag­gior par­te dei no­stri clien­ti si ri­vol­ge co­mun­que al­le adv - spie­ga Bo­sco­lo -, ma te­nia­mo par­ti­co­lar­men­te a of­fri­re la pos­si­bi­li­tà di scel­ta a chi viag­gia con noi, pre­sen­tan­do il pro­dot­to nel­la sua com­ple­tez­za”.

L’of­fer­ta pre­sen­te ne­gli sto­re ver­reb­be in­te­gra­ta dal­la pre­sen­za di vi­deo che han­no lo sco­po di pro­iet­ta­re il clien­te all’in­ter­no del viag­gio, con im­ma­gi­ni del­le de­sti­na­zio­ni e del­le va­rie tap­pe de­gli iti­ne­ra­ri “stu­dia­ti nei mi­ni­mi det­ta­gli.Pun­tia­mo sul­la qua­li­tà e con­tia­mo sul fat­to di ave­re sem­pre qual­co­sa di nuo­vo da of­fri­re”.

Il pre­si­den­te del Grup­po Bo­sco­lo, Gior­gio Bo­sco­lo, rac­con­ta i pro­get­ti per far cre­sce­re il brand

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.