PIER­FRAN­CE­SCO FA­VI­NO: TUT­TO CA­SA, RO­MA E CI­NA

Gli pia­ce viag­gia­re e, for­se an­che per que­sto, tra tan­ti me­stie­ri ha scel­to di fa­re l’at­to­re. E di por­ta­re nel mon­do la sua «fac­cia da ita­lia­no». Ma do­po aver in­se­gui­to i so­gni, PIER­FRAN­CE­SCO FA­VI­NO ama so­prat­tut­to tor­na­re a ca­sa. Do­ve ri­tro­va le sue tre

Vanity Fair (Italy) - - Vanity Fair - di SIL­VIA NUCINI

N«Non è che mi po­te­vo se­de­re qua e fa­re il sim­pa­ti­co­ne, no?». «So­no to­tal­men­te ri­ser­va­to, ma poi che piz­za: per­ché la gen­te de­ve sa­pe­re tut­to di me?». «Nien­te, al­la fi­ne per non ri­pe­ter­mi con le al­tre in­ter­vi­ste, ab­bia­mo par­la­to di neu­ro­scien­ze». No, non ab­bia­mo par­la­to di neu­ro­scien­ze, ma l’ora e mez­za di con­ver­sa­zio­ne con Pier­fran­ce­sco Fa­vi­no è sta­ta piut­to­sto im­pe­gna­ti­va. A un cer­to pun­to del no­stro pran­zo (al dol­ce, per l’esat­tez­za, quin­di piut­to­sto in là) ho pen­sa­to che l’uni­ca co­sa che ci tro­va­va ve­ra­men­te d’ac­cor­do fos­se l’or­di­na­zio­ne del ti­ra­mi­sù col bi­scot­to Gen­ti­li­no, det­ta­glio che in­cu­rio­si­va la gior­na­li­sta mi­la­ne­se e in­te­ne­ri­va l’at­to­re per il suo por­ta­to d’in­fan­zia ro­ma­na. Non che Fa­vi­no sia an­ti­pa­ti­co, tutt’al­tro. «So­no un gran­dis­si­mo caz­za­ro», di­ce di sé, «ma c’è un pez­zo di me in­tro­spet­ti­vo, che at­tac­ca dei pip­po­ni in­cre­di­bi­li». Già al ci­ne­ma con Su­bur­ra, e dal 22 ot­to­bre sul­la piat­ta­for­ma Net­flix con Mar­co Po­lo, lo ve­dre­mo in due ruo­li mol­to di­ver­si: nel film di Sol­li­ma (an­che que­sto an­drà su Net­flix, vi­si­bi­le so­lo ne­gli Sta­ti Uni­ti, e poi nel 2017 di­ven­te­rà la pri­ma se­rie ita­lia­na pro­dot­ta dal co­los­so dell’on de­mand) è Fi­lip­po Mal­gra­di, ono­re­vo­le cor­rot­to e vi­zio­so, in­ca­stra­to nel­la ma­la­vi­ta di una Ro­ma pe­ren­ne­men­te pio­vo­sa, men­tre nel­la se­rie sto­ri­ca è Nic­co­lò Po­lo, pa­dre del viag­gia­to­re Mar­co (in­ter­pre­ta­to da un al­tro at­to­re ita­lia­no: Lo­ren­zo Ri­chel­my). Lui, che è no­to per le pre­pa­ra­zio­ni me­ti­co­lo­se dei suoi per­so­nag­gi, non vuol sen­tir par­la­re del con­cet­to di «en­trar­ci den­tro». «Non si en­tra da nes­su­na par­te: il per­so­nag­gio è so­lo un pez­zo del­la sto­ria ed è al suo ser­vi­zio. Noi at­to­ri pos­sia­mo so­lo ospi­tar­lo, il per­so­nag­gio che in­ter­pre­tia­mo. Ed es­se­re un gan­cio per l’im­ma­gi­na­zio­ne del­lo spet­ta­to­re. Non pos­sia­mo mai smet­te­re di es­se­re noi stes­si, non foss’al­tro per­ché ab­bia­mo una fac­cia, un cor­po e una vi­ta no­stri. Io pos­so met­te­re le mie in­te­re ca­pa­ci­tà a di­spo­si­zio­ne del­la com­pren­sio­ne sen­so­ria­le e psi­chi­ca di quel­la che po­treb­be es­se­re la vi­ta di chi in­ter­pre­to. Sa, nel­la sua for­ma più al­ta que­sto me­stie­re si­gni­fi­ca met­ter­si to­tal­men­te al ser­vi­zio de­gli al­tri. Spes­so chi co­min­cia a fa­re l’at­to­re lo fa per il de­si­de­rio di es­se­re ama­to, ma con il tem­po si ca­pi­sce che la pro­spet­ti­va va ri­bal­ta­ta: lo si fa non per ri­ce­ve­re, ma per da­re».

Lei quan­do ha de­ci­so di fa­re l’at­to­re? «A set­te an­ni. I miei la­vo­ri pre­fe­ri­ti era­no: l’at­to­re, il ben­zi­na­io, il gior­na­la­io e il gior­na­li­sta, in que­st’or­di­ne. Ho scel­to l’at­to­re per­ché sen­ti­vo una ma­gia, e la sen­to an­co­ra. Ed era il pro­se­gui­men­to idea­le del gio­co che fa­ce­vo coi bu­rat­ti­ni, per i qua­li in­ven­ta­vo sto­rie. Con il tem­po la clas­si­fi­ca dei me­stie­ri pre­fe­ri­ti è cam­bia­ta, si so­no ag­giun­ti il fo­to­gra­fo e il di­ret­to­re del­la fo­to­gra­fia, tut­te pro­fes­sio­ni che han­no a che fa­re con il rac­con­ta­re». Le piac­cio­no le sto­rie. «So­no il luo­go del­la spe­ran­za. An­che le più di­spe­ra­te han­no una pa­ro­la in fon­do: fi­ne. So­no lì, cir­co­scrit­te. So­lo la vi­ta ha una fi­ne che non pos­sia­mo co­no­sce­re, le sto­rie sì». Le sto­rie so­no ras­si­cu­ran­ti an­che per chi le in­ter­pre­ta? «Sì, ma re­ci­ta­re è un me­stie­re, spes­so fa­ti­co­so. È un me­stie­re dai mil­le pri­vi­le­gi e dal­le mil­le ri­nun­ce, in­si­cu­ris­si­mo, ma for­se va be­ne an­che que­sta in­si­cu­rez­za per­ché a me se mi chiu­di per trop­po tem­po nel­lo stes­so po­sto io non ci so sta­re. For­se per que­sto amo viag­gia­re». Le sa­rà pia­ciu­to met­ter­si nei pan­ni di Nic­co­lò Po­lo. «Mol­to, ab­bia­mo gi­ra­to la se­rie in Ka­za­ki­stan e in Ma­le­sia, po­sti in­cre­di­bi­li do­ve è

«A 7 AN­NI I MIEI LA­VO­RI PRE­FE­RI­TI ERA­NO: AT­TO­RE, BEN­ZI­NA­IO, GIOR­NA­LA­IO. HO SCEL­TO L’AT­TO­RE PER­CHÉ SEN­TI­VO UNA MA­GIA»

sta­to bel­lo es­se­re tut­ti in­sie­me con il ca­st. In Nic­co­lò Po­lo ho cer­ca­to que­sto trat­to del viag­gia­re che ci ac­co­mu­na­va, e il fat­to di es­se­re tut­ti e due pa­dri. Per­ché mi pia­ce viag­gia­re ma mi pia­ce an­che tor­na­re a ca­sa dal­le mie fi­glie: la mia fa­mi­glia è il po­sto più bel­lo do­ve sta­re». Co­sa san­no le sue bam­bi­ne del suo me­stie­re? «Tut­to, spes­so so­no ve­nu­te sul set con me e han­no vi­sto che è un la­vo­ro lun­go e no­io­so. I miei ami­ci so­no qua­si tut­ti at­to­ri, ca­pi­ta che guar­dia­mo la te­le­vi­sio­ne e Gre­ta (la fi­glia più gran­de, 9 an­ni, ndr) di­ca: “Guar­da c’è la mam­ma di Ti­zio in Tv”. Per le bam­bi­ne non ci so­no quan­to vor­rei, ma spe­ro di es­se­re d’esem­pio su una co­sa: che bi­so­gna in­se­gui­re i pro­pri so­gni, an­che di fron­te al­le por­te sbat­tu­te in fac­cia». Ce ne so­no sta­te mol­te? «Ha vo­glia». E co­me si so­prav­vi­ve? «Chie­den­do­ti do­ve hai sba­glia­to – ti di­co­no no, ma mi­ca ti spie­ga­no il per­ché: lo de­vi tro­va­re tu –, ma an­che ca­pen­do, con il tem­po, che ogni re­gi­sta quan­do pen­sa al suo film ha in men­te una fac­cia, e la tua può non as­so­mi­glia­re a quel­la che pen­sa­va lui. Suc­ce­de». Lei è l’at­to­re più in­ter­na­zio­na­le che ab­bia­mo, ma fa sem­pre par­ti da ita­lia­no. «Spe­ro che que­sta co­sa pos­sa cam­bia­re. Cer­to con que­sta fac­cia non pos­so fa­re il fin­lan­de­se, ma nel mon­do ci so­no an­che i gre­ci, gli spa­gno­li, i por­to­ghe­si, i fran­ce­si. Ne­gli ul­ti­mi 30 an­ni lo sto­ry­tel­ling è sta­to so­prat­tut­to ame­ri­ca­no, l’espe­rien­za di Net­flix, con il cam­bio di re­gi­sti su una stes­sa se­rie e ca­st ve­ra­men­te mon­dia­li, può apri­re a nuo­ve op­por­tu­ni­tà». Se­con­do lei, l’ar­ri­vo di una piat­ta­for­ma on de­mand non avrà nes­sun ef­fet­to ne­ga­ti­vo sul ci­ne­ma? «No, per­ché so­no espe­rien­ze mol­to di­ver­se. Si­cu­ra­men­te il ci­ne­ma do­vrà sem­pre più of­fri­re un’espe­rien­za di qua­li­tà – sa­le co­mo­de, buo­ni scher­mi, buon au­dio – e sto­rie in­te­res­san­ti. A me sem­bra che il fat­to che un film ita­lia­no co­me Su­bur­ra di­ven­ti di­spo­ni­bi­le per un po­ten­zia­le pub­bli­co di 60 mi­lio­ni di uten­ti sia una co­sa che fa be­ne al no­stro ci­ne­ma, che an­che coi suoi film più di suc­ces­so pa­ti­sce sem­pre di­stri­bu­zio­ni piut­to­sto li­mi­ta­te all’este­ro». Non nuo­ce­rà nem­me­no al­lo share dei pro­gram­mi Tv? «La com­pe­ti­zio­ne sa­rà con le pro­du­zio­ni te­le­vi­si­ve, che da noi se­guo­no un’im­pron­ta mol­to tra­di­zio­na­le. Gli au­to­ri e i re­gi­sti avran­no un bel­lo scos­so­ne e do­vran­no chie­der­si co­sa vuo­le dav­ve­ro il pub­bli­co. La que­stio­ne non è ci­ne­ma, Tv o com­pu­ter, ma quan­to spa­zio ab­bia­mo a di­spo­si­zio­ne che an­co­ra non oc­cu­pia­mo e che le tec­no­lo­gie già po­treb­be­ro co­pri­re: per noi, ve­de­re è un’espe­rien­za di­ver­sa da quel­la che era per chi ha vis­su­to 50 an­ni fa. Es­se­re coin­vol­ti in un even­to ha a che fa­re con lo spa­zio e con il tem­po, se lo spa­zio e il tem­po cam­bia­no, cam­bia il coin­vol­gi­men­to». Guar­da­re un film da­van­ti a un com­pu­ter è un’espe­rien­za mol­to so­li­ta­ria. «No, per­ché vo­len­ti o no­len­ti si fa par­te di una co­mu­ni­tà im­men­sa». Vir­tua­lis­si­ma. «No, per­ché tut­ta la tec­no­lo­gia sta an­dan­do ver­so l’aper­tu­ra, l’am­piez­za, lon­ta­no dall’iso­la­men­to. Guar­da­re sul com­pu­ter non to­glie nien­te. E dà la pos­si­bi­li­tà di ve­de­re bei film an­che a chi si era di­sa­mo­ra­to del ci­ne­ma, a quel­li che vi­vo­no in po­sti do­ve han­no chiu­so le sa­le, agli an­zia­ni che fan­no fa­ti­ca a usci­re di ca­sa. So­lo una co­sa to­glie: se non pa­ghi. Io da pic­co­lo met­te­vo da par­te i sol­di per il ci­ne­ma e se un film non mi pia­ce­va ave­vo il di­rit­to di ar­rab­biar­mi e sa­pe­vo, sce­glien­do co­sa an­da­re a ve­de­re e pa­gan­do il bi­gliet­to, che co­sa for­ma­va la mia per­so­na­li­tà. Se tut­to è a di­spo­si­zio­ne, tu chi sei? C’è gen­te che sca­ri­ca film e non li ve­de, sca­ri­ca di­schi e non li ascol­ta, sca­ri­ca li­bri e non li leg­ge». Al­la fi­ne di que­sta in­ter­vi­sta mol­to se­ria, e pro­prio per­ché que­sta in­ter­vi­sta è sta­ta mol­to se­ria e la­scia in­ten­de­re che lei sia un uo­mo mol­to se­rio, le de­vo chie­de­re: com’è sta­to gi­ra­re quel­le sce­ne di ses­so piut­to­sto espli­ci­to in Su­bur­ra?

«So­no sta­to im­ba­raz­za­tis­si­mo. Pri­ma ab­bia­mo fat­to una pro­va mez­zi sve­sti­ti io, le ra­gaz­ze (il ses­so è a tre, ndr), il re­gi­sta e l’aiu­to re­gi­sta in una stan­za d’al­ber­go do­ve ci sia­mo ri­tro­va­ti a di­scu­te­re e mi­ma­re po­si­zio­ni. Poi c’è sta­to il set, e lì c’era il ca­st al com­ple­to, com­pre­si i truc­ca­to­ri che mi ave­va­no ap­pli­ca­to una pro­te­si lag­giù, per far­mi sta­re più tran­quil­lo. L’uni­co mo­do per far­ce­la è sca­val­la­re l’im­ba­raz­zo pen­san­do che tu lì non sei te stes­so e quel­la sce­na non è gra­tui­ta». La sua com­pa­gna che co­sa ha det­to quan­do l’ha vi­sta? «Per for­tu­na An­na (Fer­zet­ti, ndr) fa l’at­tri­ce e può ca­pi­re, ma le ha da­to fa­sti­dio. Io pe­rò, pu­re se fac­cio l’at­to­re, in ruo­li ro­ve­scia­ti sa­rei ge­lo­so a be­stia. Ma va be­ne, an­che que­sto è un se­gno che ci amia­mo».

TEM­PO DI LET­TU­RA PRE­VI­STO: 10 MI­NU­TI Pagg. 100-101: tu­xe­do, ca­mi­cia e mo­cas­si­ni,

tut­to Gior­gio Ar­ma­ni. Oro­lo­gio, IWC. Papillon, Pe­tro­nius. Cal­ze, Cal­ze­do­nia. Pag. 102: cap­pot­to, Boss. T-shirt, pan­ta­lo­ni e strin­ga­te, tut­to Gior­gio Ar­ma­ni. Pag. 103: giac­ca e ca­mi­cia, Gior­gio Ar­ma­ni. Oc­chia­li, Gior­gio Ar­ma­ni Eyewear. Han­no col­la­bo­ra­to Ji Hyun Kim e Mir­ta Ro­bio­ny. Groo­ming Ema­nue­la

Di Giam­mar­co @Ma­king­beau­ty.

FO­TO SI­MON

SER­VI­ZIO BAR­BA­RA BAR­TO­LI­NI

IL MI­LIO­NE

Pier­fran­ce­sco Fa­vi­no, 46 an­ni, al ci­ne­ma con Su­bur­ra, dal 22 ot­to­bre fa­rà par­te del ca­st

in­ter­na­zio­na­le di Mar­co Po­lo, su Net­flix.

PO­LI­TI­CO IN SU­BUR­RA Fa­vi­no in Su­bur­ra di Ste­fa­no Sol­li­ma, da cui sa­rà trat­ta la pri­ma se­rie ori­gi­na­le ita­lia­na di Net­flix. Sot­to, nei pan­ni di Nic­co­lò Po­lo, con il fi­glio Mar­co (Lo­ren­zo Ri­chel­my, 25 an­ni).

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.