PAR­TI­CO­LA­RE

Vanity Fair (Italy) - - Week - di C A RLO G. GA BA RD I N I

Le pa­ro­le non so­no so­lo pa­ro­le, sem­pre. Per in­ten­der­ci, cer­to che uno può af­fer­ma­re «il la­vo­ro ren­de li­be­ri», pe­rò se de­ci­di di scri­ver­lo in te­de­sco (« Ar­beit ma­cht frei ») e in fer­ro bat­tu­to so­pra il can­cel­lo di ca­sa, quel­le stes­se pa­ro­le ac­qui­sta­no un si­gni­fi­ca­to di­ver­so, e tu sei te­nu­to a sa­per­lo, non puoi trin­ce­rar­ti die­tro un «non sa­pe­vo», «io lo uso sem­pre», «chep­pal­le ’sto po­li­ti­ca­men­te cor­ret­to», «al­lo­ra ades­so non si può scri­ve­re più nien­te nem­me­no so­pra la por­ta di ca­sa pro­pria?!». Co­sì co­me la leg­ge non am­met­te igno­ran­za, an­che il lin­guag­gio la mal tol­le­ra. Il si­gni­fi­ca­to del­le pa­ro­le di­pen­de dal con­te­sto, per­ché il lin­guag­gio è un co­di­ce con­di­vi­so all’in­ter­no di una co­mu­ni­tà e mu­ta nel tem­po e nel­lo spa­zio. Ma le pa­ro­le so­no an­che me­mo­ria di ciò che han­no si­gni­fi­ca­to. La pa­ro­la «fi­noc­chio» usa­ta co­me in­sul­to ha di­ver­se eti­mo­lo­gie, fra que­ste c’è chi so­stie­ne che de­ri­vi dal fat­to che quan­do la San­ta In­qui­si­zio­ne bru­cia­va vi­vi sul ro­go stre­ghe e omo­ses­sua­li, lo fa­ce­va in piaz­za per am­mo­ni­re tut­ti, pe­rò, per non in­fa­sti­di­re trop­po i ben­pen­san­ti con l’odo­re acre del­la car­ne uma­na che sfri­go­la ur­lan­te, ve­ni­va­no get­ta­te nel­le fiam­me pian­te di fi­noc­chio sel­va­ti­co; quin­di si ur­la­va «Fi­noc­chio!» men­tre un omo­ses­sua­le sta­va bru­cian­do vi­vo nel­la piaz­za cit­ta­di­na. An­che tut­te le al­tre ipo­te­si eti­mo­lo­gi­che ren­do­no que­sta espres­sio­ne un in­sul­to par­ti­co­lar­men­te do­lo­ro­so per la co­mu­ni­tà LGBT. Lo stes­so Ma­stro­ian­ni, nel­la strug­gen­te quan­to me­mo­ra­bi­le sce­na di Una gior­na­ta par­ti­co­la­re, non ap­pe­na ur­la «fro­cio» - e lo ur­la per di­re «so­no stufo di na­scon­der­mi, mi ave­te fat­to co­sì tan­to ma­le che so­no di­spo­sto a usa­re il vo­stro in­sul­to pur di po­ter fi­nal­men­te gri­da­re al mon­do chi so­no» - vie­ne su­bi­to as­sa­li­to dal­la me­mo­ria di ciò che a quel­la pa­ro­la se­gui­va: la so­do­miz­za­zio­ne pub­bli­ca con una stec­ca da bi­liar­do. Quan­do l’al­tra se­ra ho vi­sto l’al­le­na­to­re del Na­po­li ur­la­re «Fro­cio! Fi­noc­chio!» ho pen­sa­to a quan­ti ra­gaz­ze e ra­gaz­zi, che ma­ga­ri pro­prio quel­la se­ra in­ten­de­va­no fa­re co­ming out, de­vo­no es­ser­si det­ti: «No, non og­gi, non è il mo­men­to, non è il mon­do giu­sto», ri­man­dan­do a chis­sà quan­do l’ini­zio del­la pro­pria vi­ta. Se nel mo­men­to di mas­si­mo ago­ni­smo, di mag­gior rab­bia, quan­do non hai null’al­tro a di­spo­si­zio­ne se non l’in­giu­ria, il più ter­ri­bi­le in­sul­to che ti vie­ne in men­te è «fro­cio», co­me può un gio­va­ne non pen­sa­re che l’omo­ses­sua­li­tà sia la peg­gio­re del­le sventure? Co­me può non vi­ve­re nel ter­ro­re di es­se­re sco­per­to? La co­sa che mi ad­do­lo­ra di que­sta vi­cen­da (in­clu­se le scu­se e il dibattito che ne è se­gui­to) è che ci si di­men­ti­ca di ri­cor­da­re che «omo­ses­sua­le» non è un in­sul­to o una col­pa. Io al si­gnor Sar­ri, che è per­so­nag­gio pub­bli­co, pri­mo in clas­si­fi­ca e do­vreb­be es­se­re d’esem­pio, più che gior­na­te di squa­li­fi­ca com­mi­ne­rei ben al­tra pe­na: lo ob­bli­ghe­rei a gi­ra­re un vi­deo in cui di­ce chia­ra­men­te che se sei gay que­sto non è af­fat­to un pro­ble­ma, che non ver­rai mai giu­di­ca­to per il tuo orien­ta­men­to ses­sua­le, che chi af­fer­ma il con­tra­rio sba­glia e lo fa per­ché non sa quel­lo che di­ce, per­ché es­se­re gay è bel­lis­si­mo, tan­to quan­to non es­ser­lo. Io non pen­so che se qual­cu­no mi dà del fi­noc­chio deb­ba an­da­re in ga­le­ra, non già per­ché cre­da che l’omo­fo­bia non esi­sta o non uc­ci­da quo­ti­dia­na­men­te in tut­to il mon­do, ma per­ché non rie­sco a com­pren­de­re uno Sta­to che ad­di­ta i pro­pri cit­ta­di­ni qua­li «omo­fo­bi», quan­do è lo Sta­to stes­so il pri­mo omo­fo­bo d’Ita­lia, per­ché io a tut­ti gli ef­fet­ti so­no un cit­ta­di­no di se­rie B per col­pa del­la po­li­ti­ca; quin­di, pa­ra­dos­sal­men­te, se per stra­da tre ra­gaz­zot­ti mi gri­da­no «Non va­li nul­la! Se­rie B! Se­rie B!!», tec­ni­ca­men­te, lo­ro so­no nel giu­sto. An­che per que­sto ci ser­vo­no leg­gi che san­ci­sca­no «a pro­va di sce­mo» che io so­no nor­ma­lis­si­mo, ugua­le a tut­ti gli al­tri, adat­to al­la se­rie A.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.