NON È UN DER­BY

Vanity Fair (Italy) - - Week - di DA­RIA BI­GNAR­DI

Avol t e qua­si mi im­ba­raz­zo di quan­to ten­go al­la fa­mi­glia. Mi di­co che do­vrei es­se­re più in­di­pen­den­te, più evo­lu­ta, più mo­der­na. Che in fondo tut­ta l’uma­ni­tà è la mia fa­mi­glia ec­ce­te­ra. Pe­rò poi am­met­to che nien­te mi fa star be­ne co­me un pran­zo in fa­mi­glia, un viag­gio in mac­chi­na coi fi­gli die­tro, un pran­zo di Na­ta­le do­ve si li­ti­ga poi ci si ab­brac­cia, si man­gia trop­po, si gio­ca a tom­bo­la. Tut­ti i miei li­bri, dal pri­mo all’ul­ti­mo, par­la­no del­la fa­mi­glia. Il pri­mo, Non vi la­sce­rò orfani, in Ger­ma­nia è sta­to tra­dot­to col ti­to­lo Una fa­mi­glia mol­to ita­lia­na, co­me in ef­fet­ti era la mia fa­mi­glia d’ori­gi­ne. Con la Fiat, l’ap­par­ta­men­ti­no sul­la ri­vie­ra ro­ma­gno­la, i fio­ri per la fe­sta del­la mam­ma, la vi­si­ta ai non­ni al ci­mi­te­ro. Una fa­mi­glia gron­dan­te af­fet­to, sen­ti­men­ti, li­ti­gi, pran­zi, di­scus­sio­ni. Una fa­mi­glia mol­to tra­di­zio­na­le, al­la qua­le mi so­no ri­bel­la­ta quan­do era giu­sto ribellarsi, ri­ma­nen­do­le pe­rò sem­pre de­vo­ta e fe­de­le. Io la amo an­che trop­po, la fa­mi­glia. E sa­pe­te di che co­sa par­lo, per­ché im­ma­gi­no suc­ce­da an­che a voi. Se qual­che an­no fa mi aves­se­ro ra­pi­to gli alieni e mi ri­la­scias­se­ro og­gi, e mi chie­des­se­ro se vo­glio an­da­re al Fa­mi­ly Day, una ma­ni­fe­sta­zio­ne a fa­vo­re del­la fa­mi­glia, ri­spon­de­rei: «Cer­to. Nul­la mi è ca­ro co­me la fa­mi­glia». E se mi di­ces­se­ro che il Fa­mi­ly Day è una ma­ni­fe­sta­zio­ne or­ga­niz­za­ta con­tro qual­cun al­tro, non ci cre­de­rei. Co­me non ci ho cre­du­to quan­do ve­ner­dì scor­so, la se­ra pri­ma del­la ma­ni­fe­sta­zio­ne ar­co­ba­le­no del 23 gen­na­io, ho vi­sto la scrit­ta «Fa­mi­ly Day» sul Pi­rel­lo­ne. Sem­bra­va uno scher­zo. Per­ché, dal mo­men­to che gli alieni non mi han­no ra­pi­ta, so che per Fa­mi­ly Day og­gi s’in­ten­de una gior­na­ta per di­re che la fa­mi­glia è so­lo do­ve ci so­no un ma­schio e una fem­mi­na che con­trag­go­no ma­tri­mo­nio e pro­crea­no. Ma non è co­sì. Non è un der­by fa­mi­glie tra­di­zio­na­li con­tro fa­mi­glie al­ter­na­ti­ve. Non ci so­no due squa­dre che si af­fron­ta­no. Tut­ti quel­li che si ama­no tan­to da vo­ler for­ma­re una fa­mi­glia de­vo­no ave­re il di­rit­to di far­lo, suc­ce­de in tut­to il mon­do e con gran­dis­si­mo ri­tar­do fi­nal­men­te sta suc­ce­den­do an­che da noi, e ne sia­mo fe­li­ci, per­ché amia­mo la fa­mi­glia. Do­ve c’è amo­re, im­pe­gno, cu­ra e re­spon­sa­bi­li­tà, là c’è una fa­mi­glia. Le fa­mi­glie ar­co­ba­le­no, che di fat­to già esi­sto­no e so­no mol­tis­si­me, non tol­go­no nien­te al­le al­tre fa­mi­glie. Sen­za con­ta­re il fat­to che le nuo­ve fa­mi­glie, le fa­mi­glie osteg­gia­te, spes­so ci met­to­no mol­to più im­pe­gno di quel­le che non han­no do­vu­to lot­ta­re per esi­ste­re. Non fac­cia­mo di­ven­ta­re la gior­na­ta di sa­ba­to 30 gen­na­io il gior­no del con­fron­to, di quan­ti sa­ran­no «lo­ro» e quan­ti era­va­mo «noi». Io mi ri­fiu­to di pen­sa­re che esi­sta­no un lo­ro e un noi. C’è uno Sta­to, e uno so­lo, che de­ve re­go­la­re i di­rit­ti di tut­te le per­so­ne che si ama­no e vo­glio­no uf­fi­cia­liz­za­re e pro­teg­ge­re la lo­ro unio­ne. Tut­to il re­sto non con­ta, nem­me­no gli scher­zi da Pie­ri­no di chi s’in­ven­ta lo stri­scio­ne ul­tras con le lu­ci di un uf­fi­cio pub­bli­co. A pen­sar ma­le, di­rei che quei Pie­ri­ni san­no che la Sto­ria non la puoi fer­ma­re, e cer­ca­no di il­lu­mi­na­re la lo­ro esi­sten­za, di que­sti tem­pi po­co sfol­go­ran­te, ali­men­tan­do un der­by che, co­me tut­ti i der­by, chia­ma gli estre­mi­sti al­le ar­mi. Non ab­boc­chia­mo: non ci so­no buo­ni e cat­ti­vi, noi e lo­ro, tra­di­zio­na­li e al­ter­na­ti­vi, sa­cri e pro­fa­ni. C’è so­lo l’amo­re, che pro­prio non lo puoi fer­ma­re.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.