UN CA­SI­NI IN FA­MI­LY

Vanity Fair (Italy) - - Week - di DA­VI DAL­LE GRAN TI Quel­la no­ti­zia ti sem­bra« una ca­ga­ta pazzesca »? Qui si pro­va a to­glier­ti il dub­bio Se­gui Al­le­gran­ti Su Twit­ter: @ da­vi­dal­le­gran­ti.

Ma­ro­ni, tu quo­que

Non sta­rò a te­diar­vi, nuo­va­men­te, con le clas­si­fi­che che ci ve­do­no ul­ti­mis­si­mi sul­le unio­ni ci­vi­li, per via di clas­si di­ri­gen­ti de­bo­li ri­spet­to al­le pres­sio­ni del Va­ti­ca­no (che fa il suo la­vo­ro, in­ten­dia­mo­ci; chi mi stu­pi­sce so­no quel­li che fi­no­ra si so­no spel­la­ti le ma­ni per il «Pa­pa di si­ni­stra»). Non è di­sdi­ce­vo­le che il Pd di­scu­ta sul­le unio­ni e sul­la ste­p­child adop­tion, l’ado­zio­ne del fi­glia­stro: mi pa­re le­git­ti­mo che ci sia­no dub­bi e pro­po­ste al­ter­na­ti­ve. Quel­lo che è dif­fi­ci­le da ac­cet­ta­re è l’ipo­cri­sia di chi scen­de in piaz­za non per di­fen­de­re pro­pri di­rit­ti ma per ne­gar­li agli al­tri, pur par­ten­do da con­trad­di­zio­ni evi­den­ti. Co­me è suc­ces­so a Pier Fer­di­nan­do Ca­si­ni, re­cen­te­men­te se­pa­ra­to da Az­zur­ra Cal­ta­gi­ro­ne (era il se­con­do ma­tri­mo­nio), o Ales­san­dra Mus­so­li­ni, il cui ma­ri­to Mau­ro Flo­ria­ni ha pat­teg­gia­to per pro­sti­tu­zio­ne mi­no­ri­le. Ai fre­quen­ta­to­ri di pas­sa­ti Fa­mi­lies Day (più che Fa­mi­ly Day) ver­reb­be da di­re: mol­ti Fa­mi­ly Day non pre­ser­va­no dal pro­dur­re «ca­si­ni», ap­pun­to. E poi il Pi­rel­lo­ne con le lu­ci: tu quo­que, Ma­ro­ni, con la tua Le­ga dei ma­tri­mo­ni con ri­to cel­ti­co? Mad­dai, al­me­no il sen­so del ri­di­co­lo. In piaz­za pe­rò, in­sie­me all’ipo­cri­sia, fi­ni­sce an­che al­tro. Il «Mo­vi­men­to con Cri­sto per la Vi­ta» di Tre­vi­so, sul vo­lan­ti­no (pub­bli­ca­to dal si­to del Fat­to Quo­ti­dia­no) con cui in­vi­ta a scen­de­re a Ro­ma sa­ba­to 30, pre­mes­so che «Gli at­ti im­pu­ri con­tro na­tu­ra so­no pec­ca­ti che... at­ti­ra­no su di voi e sul­le vostre Na­zio­ni la fiam­ma del­la giu­sti­zia di Dio», scri­ve che «Tut­ti i fe­de­li so­no te­nu­ti a OP­POR­SI al ri­co­no­sci­men­to LE­GA­LE del­le unio­ni omo­ses­sua­li». Marx di­ce­va che la sto­ria si ri­pe­te due vol­te; pri­ma co­me tra­ge­dia, poi co­me far­sa. Non ave­va det­to nien­te a pro­po­si­to del­le min­chia­te col botto.

Iran tut­to ok?

Quan­do scop­pia un ca­so al­la Sar­ri, si as­si­ste sem­pre a rea­zio­ni spro­po­si­ta­te: da una par­te chi vor­reb­be ar­re­sta­re l’al­le­na­to­re del Na­po­li per aver det­to «fro­cio» a Man­ci­ni, dall’al­tra chi lo di­fen­de nel no­me del po­li­ti­ca­men­te scor­ret­to (che pe­rò è co­rag­gio­so quan­do se la pren­de con i po­te­ri co­sti­tui­ti, non quan­do usa l’omo­ses­sua­li­tà co­me in­sul­to). Il pun­to non è che Sar­ri è o non è omo­fo­bo, ben­sì che, dal­la sua po­si­zio­ne di uo­mo pub­bli­co, ren­de ac­cet­ta­bi­le e nor­ma­le quel­lo che non lo do­vreb­be es­se­re. Me­glio lui, co­mun­que, del­la giu­sti­zia spor­ti­va che ha de­ci­so di pu­nir­lo blan­da­men­te per­ché «Man­ci­ni non è gay» e quin­di non c’è sta­ta di­scri­mi­na­zio­ne: Sar­ri avreb­be mai da­to del «ne­gro» all’al­le­na­to­re dell’In­ter? Ps: è do­me­ni­ca se­ra, men­tre scri­vo c’è Juve-Ro­ma, Da­nie­le De Ros­si ha ap­pe­na det­to a Ma­rio Man­d­žu­kić «mu­to, zin­ga­ro di mer­da». Si può già pre­ve­de­re il ver­det­to: Man­d­žu­kić è croa­to, non no­ma­de. Pps: sul­la vi­si­ta in Ita­lia di Has­san Ro­ha­ni, pre­si­den­te dell’Iran, Pae­se in cui i gay ven­go­no im­pic­ca­ti, si­len­zio as­sor­dan­te.

Sil­vio il ros­so

Il 21 gen­na­io il Se­na­to ha ap­pro­va­to la ri­for­ma co­sti­tu­zio­na­le, ades­so toc­ca al­la Ca­me­ra, do­ve l’esi­to è scon­ta­to, e poi sa­ran­no gli ita­lia­ni a pro­nun­ciar­si. È già na­to il co­mi­ta­to TTR, Tut­ti Tran­ne Ren­zi, che pun­ta a di­sar­cio­na­re il pre­si­den­te del Con­si­glio, il qua­le ha det­to che se per­de il re­fe­ren­dum va a ca­sa. Per la pri­ma vol­ta nel­la sto­ria di Star Wars, Berlusconi e Ma­gi­stra­tu­ra De­mo­cra­ti­ca – che lui chia­ma­va «giu­di­ci co­mu­ni­sti» – mar­ce­ran­no com­pat­ti con­tro la ri­for­ma. Met­te­te a cuo­ce­re i pop- corn.

L’ami­co ci­ber­ne­ti­co

Il go­ver­no ha chie­sto a Mar­co Car­rai, im­pren­di­to­re, ami­co del pre­mier e suo fi­nan­zia­to­re, di fa­re il «con­su­len­te per la si­cu­rez­za ci­ber­ne­ti­ca» a Pa­laz­zo Chi­gi, ruo­lo de­li­ca­to in un mo­men­to a ri­schio ter­ro­ri­smo. «È giu­sto che ognu­no por­ti il suo team, co­me suc­ce­de ne­gli al­tri Pae­si», ha det­to Ren­zi a Por­ta a por­ta. «Noi stia­mo met­ten­do i mi­glio­ri». Car­rai è sta­to con­si­glie­re co­mu­na­le del­la Mar­ghe­ri­ta, ad del­la Fi­ren­ze Par­cheg­gi, par­te­ci­pa­ta del Co­mu­ne, og­gi sie­de nel cda dell’En­te Cas­sa di Ri­spar­mio ed è pre­si­den­te de­gli ae­ro­por­ti toscani. Ha crea­to al­cu­ne azien­de, ma so­lo una di que­ste – na­ta nel 2015, quin­di da po­co – si oc­cu­pa di si­cu­rez­za in­for­ma­ti­ca. Por­ta­re «i mi­glio­ri» va be­nis­si­mo, pur­ché ab­bia­no com­pe­ten­ze: al­tri­men­ti è so­lo so­sti­tu­zio­ne di un grup­po di po­te­re con un al­tro.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.