DON­NA OR­SO AMA MA­SCHIO SU­PER­FLUO

Tor­na­no a tea­tro con una com­me­dia su aman­ti, li­ti e incertezze. SI­MO­NA IZ­ZO e RIC­KY TO­GNAZ­ZI fe­steg­gia­no co­sì 30 an­ni in­sie­me in un let­to­ne king si­ze do­ve si fa l’amo­re, si man­gia, si re­ci­ta. E qual­che vol­ta si va in le­tar­go

Vanity Fair (Italy) - - Vanity | Scene Da Un - di MA RINA C A PPA

La que­stio­ne lif­ting si ri­sol­ve in fret­ta. «Noi sia­mo la pri­ma ge­ne­ra­zio­ne che si può ag­giu­sta­re an­che l’ester­no ol­tre all’in­ter­no: per­ché su una pro­te­si al gi­noc­chio non c’è nien­te da ri­di­re e quan­do ti ti­ri un po’ su il vi­so so­no tut­ti lì a pro­te­sta­re? For­se per­ché si vuo­le ini­bi­re le don­ne?», si chie­de Si­mo­na Iz­zo, 62 an­ni e il vi­so in con­di­zio­ni de­ci­sa­men­te mi­glio­ri di co­me è ap­par­so ne­gli ul­ti­mi tem­pi, quan­do è sta­ta ac­cu­sa­ta di es­ser­si ro­vi­na­ta. La que­stio­ne ses­so amo­re e la­vo­ro in­ve­ce me­ri­ta di­scor­si più lun­ghi. Si­mo­na Iz­zo ha ap­pe­na de­but­ta­to nel­lo spet­ta­co­lo pro­dot­to

da An­ge­lo Tum­mi­nel­li Fi­gli, ma­ri­ti, aman

ti... Il ma­schio su­per­fluo. Lei ha scrit­to il te­sto, il ma­ri­to Ric­ky To­gnaz­zi lo di­ri­ge, in­sie­me lo in­ter­pre­ta­no, nei pan­ni di una cop­pia di lun­ga da­ta abi­tua­ta a bat­ti­bec­chi e scher­ma­glie, cui si ag­giun­ge un’al­tra cop­pia (Kia­ra To­ma­sel­li e Giu­sep­pe Man­fri­di) di più re­cen­te for­ma­zio­ne: sa­rà una not­te di scin­til­le. Og­gi in­ve­ce è una gior­na­ta di so­le ro­ma­no, la ca­sa dei To­gniz­zo (co­py­right Ric­ky) è zep­pa di te­sti­mo­nian­ze del lo­ro la­vo­ro. Tut­to ciò che fan­no è ope­ra di cop­pia, na­sce nel let­to king si­ze che con­di­vi­do­no da trent’an­ni, si evol­ve in ab­buf­fa­te not­tur­ne, pro­ve da­van­ti al­lo spazzolino. An­che que­sto spet­ta­co­lo, che li ve­de tor­na­re in­sie­me a tea­tro do­po 22 an­ni.

Da do­ve na­sce Il ma­schio su­per­fluo? «Mi so­no ispi­ra­ta al li­bro Il ma­schio è inu­ti

le, ho stu­dia­to la rana pe­sca­tri­ce che di­vo­ra il ma­schio per au­toin­gra­vi­dar­si. Og­gi c’è la pos­si­bi­li­tà che la don­na met­ta da par­te l’uo­mo, per cre­sce­re i fi­gli da so­la. E ma­ga­ri i ma­schi si ri­fu­gia­no in don­ne più re­mis­si­ve. Io in­ve­ce non con­si­de­re­rò mai su­per­fluo il ma­schio». An­che per­ché, do­po l’amo­re con An­to­nel­lo

Ven­dit­ti e quel­lo con Mau­ri­zio Co­stan­zo,

so­no trent’an­ni or­mai che sta con Ric­ky. Ri­cor­da an­co­ra il pri­mo ba­cio? «Sì, nel film Pa­ro­le e ba­ci. Ave­vo scrit­to la sce­neg­gia­tu­ra e scel­to Ric­ky per­ché mi ri­cor­da­va mio fi­glio con gli oc­chi tar­ta­ri, me­di­ter­ra­neo ep­pu­re al­to: c’era un sen­so di ap­par­te­nen­za. Sul set, l’ho ba­cia­to per fin­ta 23 vol­te e non an­da­va mai be­ne. Al­la fi­ne, è sta­to un ba­cio ve­ro: non met­te­re la lin­gua è trop­po dif­fi­ci­le». Amo­re a pri­ma vi­sta? «No, è suc­ces­so do­po, quan­do ho ca­pi­to che Ric­ky mi ascol­ta­va. Men­tre in pas­sa­to gli uo­mi­ni che ho ama­to cer­ca­va­no sem­pre di con­trad­dir­mi, lui non en­tra­va in com­pe­ti­zio­ne, era in­te­res­sa­to sul se­rio. Da al­lo­ra,

è l’uni­co cor­po del­la mia vi­ta, un ter­ri­to­rio in cui mi ri­co­no­sco e mi per­do». L’aspet­to più fi­si­co co­me è cam­bia­to? «Il no­stro è sem­pre sta­to un rap­por­to mol­to fi­si­co, la pas­sio­ne è sta­ta an­che ali­men­ta­ta dall’uf­fi­cia­li­tà del ma­tri­mo­nio, 11 an­ni do­po il no­stro in­con­tro. Og­gi.. il me­ni­sco mi fa ma­le e sia­mo me­no acro­ba­ti­ci, fa­re l’amo­re è il com­pi­men­to di una bel­la gior­na­ta». Il ma­tri­mo­nio aiu­ta la pas­sio­ne? «Sì, e l’ho vo­lu­to io. Cre­do nel­la le­ga­li­tà, nel­la pe­ren­ni­tà». Il cor­po in­vec­chia­to è un pro­ble­ma a let­to? «A una cer­ta età spo­gliar­si non è pia­ce­vo­le, ma que­sto va­le an­che per gli uo­mi­ni. Il gran­de pri­vi­le­gio è in­vec­chia­re in­sie­me». E la no­ia, do­po trent’an­ni? «Nel­la com­me­dia rac­con­to due per­so­ne che af­fi­la­no le ar­mi, la cui li­te di­ven­ta una ga­ra con­ti­nua a stuz­zi­car­si, a non an­no­iar­si. Noi non ci sia­mo mai an­no­ia­ti. C’è sem­pre sta­to di mez­zo un film, qual­co­sa su cui di­bat­te­re: non c’era so­lo la vi­ta, c’era la fin­zio­ne. E que­sta ci pro­teg­ge». Co­me fe­steg­gia­te gli an­ni­ver­sa­ri con Ric­ky? Le re­ga­la fio­ri, usci­te a ce­na? «Non c’è una li­tur­gia. E quan­do por­ta i fio­ri, poi mi ar­ri­va il con­to del fio­ri­sta. Io fe­steg­gio tut­te le vol­te che al­le 3 di not­te chie­do che c’è da man­gia­re e lui scen­de nu­do in cu­ci­na e mi pre­pa­ra un pa­ni­no con i re­si­dui del­la ce­na as­sem­bla­ti in mo­do ge­nia­le. An­dia­mo a let­to tar­dis­si­mo, ve­dia­mo in­sie­me do­di­ci se­rie Tv, di­scu­tia­mo di ciò che pre­pa­ria­mo, fac­cia­mo le pro­ve...». È qui che è na­ta l’idea di Fi­gli, ma­ri­ti, aman­ti...? «Sì, all’ori­gi­ne c’è la mia mania ma­ni­po­la­to­ria, per­ché io ho una sin­dro­me di con­trol­lo mol­to for­te, met­to sem­pre boc­ca nel­la vi­ta de­gli al­tri nel ten­ta­ti­vo di ag­giu­star­la. Può es­se­re ge­ne­ro­si­tà o rot­tu­ra di caz­zo, in­tru­sio­ne. Pe­rò al mio per­so­nag­gio è sfug­gi­ta una co­sa mol­to im­por­tan­te, e ca­pi­sce che non si può te­ne­re tut­to sot­to con­trol­lo: for­se più che de­gli al­tri bi­so­gna oc­cu­par­si an­che di se stes­si». Mai an­da­ta in ana­li­si? «Ci ho pro­va­to, pe­rò ho rac­con­ta­to un sac­co di bu­gie all’ana­li­sta. Il pro­ble­ma è che lui mi ha sma­sche­ra­to per­ché non mi ri­cor­da­vo tut­to quel­lo che ave­vo in­ven­ta­to, sto­rie d’amo­re ine­si­sten­ti, in­con­tri mai fat­ti... For­se vo­le­vo ren­der­mi più in­te­res­san­te».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.