Beau ti pre­sen­to Edy­the

Ad­dio a Bel­la-l’im­bra­na­ta ed Ed­ward-il sal­va­to­re. STE­PHE­NIE MEYER (a 10 an­ni da Twi­light) ha de­ci­so di scam­bia­re i ruo­li dei suoi be­nia­mi­ni. Il ri­sul­ta­to è un nuo­vo li­bro, con un fi­na­le che non vi aspet­ta­te

Vanity Fair (Italy) - - Carpe Diem - di FRAN­CE­SCA BUS­SI

C’è una cri­ti­ca che, da quan­do è usci­to, cir­ca 10 an­ni fa, è sta­ta spes­so fat­ta a Twi­light, fan­ta­sy da 155 mi­lio­ni di co­pie sull’amo­re «in­ter­spe­cie» tra l’ado­le­scen­te Bel­la e il vam­pi­ro Ed­ward: lei è la clas­si­ca da­mi­gel­la in pe­ri­co­lo, lui il ma­schio al­fa che cor­re in suo soc­cor­so. L’au­tri­ce Ste­phe­nie Meyer, 42 an­ni, ha sem­pre re­pli­ca­to che non si trat­ta­va di una que­stio­ne di uo­mo vs don­na, ma di so­pran­na­tu­ra­le vs uma­no, e che la sto­ria sa­reb­be sta­ta la stes­sa an­che a par­ti in­ver­ti­te. Det­to, fat­to: per di­mo­strar­lo, ha de­ci­so di ri­scri­ve­re il suo be­st sel­ler scam­bian­do il ses­so dei pro­ta­go­ni­sti: Bel­la di­ven­ta Beau, Ed­ward è Edy­the. La nuo­va ver­sio­ne, Li­fe and Dea­th, ha un fi­na­le ine­di­to e in­te­gra l’edi­zio­ne spe­cia­le di Twi­light per il de­ci­mo an­ni­ver­sa­rio. Ri­bal­tan­do pe­rò la pro­spet­ti­va: che co­sa suc­ce­de se un tee­na­ger im­bra­na­to si in­na­mo­ra di una crea­tu­ra for­tis­si­ma e pe­ri­co­lo­sa? Meyer, che co­sa l’ha sor­pre­sa di più in que­sto cam­bio di ge­ne­re? «Mi ha con­fer­ma­to ciò che già so­spet­ta­vo: il rac­con­to re­sta una sto­ria d’amo­re. Era quel­lo che vo­le­vo di­mo­stra­re. Edy­the e Beau so­no per­so­nag­gi a tut­to ton­do, la lo­ro iden­ti­tà di ge­ne­re non in­fluen­za lo svi­lup­po del li­bro. Ma non mi aspet­ta­vo di pro­va­re tan­to pia­ce­re nel­lo scri­ve­re di nuo­vo di lo­ro, so­prat­tut­to do­po che i film han­no ine­vi­ta­bil­men­te re­so la sto­ria me­no “mia”». Ave­re tre fi­gli ma­schi l’ha aiu­ta­ta a rac­con­ta­re il pun­to di vi­sta di un ra­gaz­zo? «Sì, e mi han­no da­to una ma­no a ri­for­mu­la­re le pa­ro­le di Edy­the. Una del­le fra­si più fa­mo­se di Bel­la è: “Ero to­tal­men­te, in­con­di­zio­na­ta­men­te in­na­mo­ra­ta di lui”. Un pen­sie­ro si­mi­le non ver­reb­be mai in men­te a un ma­schio, i miei fi­gli non l’avreb­be­ro mai per­mes­so!». Ad al­cu­ni non pia­ce che si scri­va pren­den­do spun-

to dai lo­ro li­bri, co­me nel­le fan fic­tion. A lei? «Lo tro­vo un mo­do straor­di­na­rio di vi­ve­re una sto­ria che si ama. Quan­do ero gio­va­ne non c’era In­ter­net, al­tri­men­ti l’avrei fat­to an­che io. Cer­to, mi è dif­fi­ci­le leg­ge­re ri­scrit­tu­re del­le mie sto­rie im­ma­gi­na­te da al­tri. Cre­do che tut­ti gli au­to­ri svi­lup­pi­no una sor­ta di at­tac­ca­men­to pos­ses­si­vo ver­so i lo­ro per­so­nag­gi». Scri­ve­rà an­co­ra di Twi­light? «Sto la­vo­ran­do a un th­ril­ler per adul­ti am­bien­ta­to ai gior­ni no­stri, che usci­rà l’an­no pros­si­mo e che so­no cer­ta pia­ce­rà an­che ai più gio­va­ni. E poi ho in bal­lo una se­rie Tv: una don­na si sve­glia in un par­co cir­con­da­ta da ca­da­ve­ri, e non ri­cor­da co­me ci è fi­ni­ta. Non ma­le, ve­ro?».

CO­ME ERA­NO

Ro­bert Pat­tin­son, 29 an­ni, e Kri­sten Stewart, 25, nel pri­mo film del­la sa­ga di Twi­light (2008), di­ret­to da Ca­the­ri­ne

Hard­wic­ke.

TWI­LIGHT + LI­FE AND DEA­TH

di Ste­phe­nie Meyer

(Fa­zi Edi­to­re, pagg. 850, ¤ 15, trad. di L. Oli­vie­ri, T. Al­ba­ne­se e S. Ter­zia­ni)

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.