Ho fat­to pian­ge­re mia mam­ma

Pri­ma il free­sty­le «per far­mi pub­bli­ci­tà», poi il suc­ces­so sul web. Ora che FRED DE PAL­MA si fa chia­ma­re «can­tau­to­re rap» co­ro­na un so­gno (fa­mi­lia­re): San­re­mo. Con una cer­ta Pat­ty

Vanity Fair (Italy) - - Carpe Diem - di FER­DI­NAN­DO CO­TU­GNO

Fred De Pal­ma, rap­per, coe­ta­neo di Fe­dez, di­ven­ta­to fa­mo­so sul web a col­pi di vi­deo iro­ni­ci e free­sty­le, è per­fet­to per ca­pi­re co­me sta cam­bian­do il ge­ne­re in Ita­lia. La de­fi­ni­zio­ne con la qua­le è sta­to pro­mos­so il suo ul­ti­mo al­bum, BoyF­red, è sem­pli­ce e ri­ve­la­tri­ce: «Pop as­so­lu­ta­men­te con­tem­po­ra­neo», per­ché a tan­ti rap­per il rap or­mai sta trop­po stret­to. Quan­do gli par­li, la pri­ma co­sa che no­ti è l’am­bi­zio­ne, a par­ti­re dal can­do­re con cui rac­con­ta i pri­mi an­ni da free­sty­ler di stra­da co­me par­te del pia­no per di­ven­ta­re fa­mo­so: «Lo fa­ce­vo so­lo co­me pro­pa­gan­da, per al­le­nar­mi e far­mi pub­bli­ci­tà». Ha fun­zio­na­to: BoyF­red è en­tra­to in top ten, il vi­deo del sin­go­lo Stan­za 365 ha su­pe­ra­to il mi­lio­ne e mez­zo di vi­sua­liz­za­zio­ni. Fred si sen­te pron­to per por­ta­re a ter­mi­ne il suo pia­no. E se le di­co San­re­mo: ci an­dreb­be? «In real­tà l’ho ap­pe­na sa­pu­to: ci va­do! Fa­rò un duet­to con Pat­ty Pra­vo, un mi­to, un’ico­na di sti­le, nel­la se­ra­ta del­le co­ver. Da quan­do gliel’ho det­to, mia mam­ma non smet­te di pian­ge­re dal­la fe­li­ci­tà». Sua ma­dre l’ha sem­pre in­co­rag­gia­ta? «Sem­pre. Lei è una scul­tri­ce, un’ar­ti­sta». Le sa­reb­be pia­ciu­to fa­re X Factor? «Non mi piac­cio­no i ta­lent, per­ché da lì esci con la da­ta di sca­den­za, il tuo non è un di­sco, è il gad­get di chi ha guar­da­to il pro­gram­ma, è pra­ti­ca­men­te un pog­gia­bic­chie­ri. A X Factor ci an­drei so­lo da giu­di­ce». È co­mun­que me­glio che la

vo­ra­re da McDo­nald’s, co

me can­ta in Slo­gan. «È un po’ l’an­sia di chi fa que­sto la­vo­ro, che la mu­si­ca fi­ni­sca. Il McDo­nald’s è una me­ta­fo­ra per la pau­ra di do­ver­mi cer­ca­re un la­vo­ro. Che è poi an­che quel­la che ti fa es­se­re af­fa­ma­to, am­bi­zio­so». E qual era l’am­bi­zio­ne di BoyF­red? «Ho vo­lu­to fa­re un di­sco tut­to cen­tra­to su di me, sul­la mia vi­ta, sen­za col­la­bo­ra­zio­ni. Vo­le­vo mo­stra­re un la­to di­ver­so. Le mie vec­chie can­zo­ni rac­con­ta­va­no la par­te un po’ har­d­co­re del­la mia vi­ta…». Har­d­co­re? «Fa­re tar­di la se­ra, la vi­ta spe­ri­co­la­ta, una ra­gaz­za do­po l’al­tra, ho avu­to un ap­proc­cio ea­sy al­le don­ne. Poi è ar­ri­va­to il mo­men­to dell’in­tro­spe­zio­ne, vo­le­vo mo­stra­re un la­to più pro­fon­do». Si sta co­struen­do un fu­tu­ro da can­tau­to­re. «È già co­sì. I con­fi­ni non esi­sto­no più. Lo chia­mia­mo rap so­lo per­ché ci so­no pa­ro­le in ri­ma una do­po l’al­tra. Ma io so­no già un can­tau­to­re».

L’UO­MO DEI CLIC

Fred De Pal­ma (Federico Pa­la­na), to­ri­ne­se, 26 an­ni. Rap­per emer­gen­te, il suo sin­go­lo Stan­za 365 ha su­pe­ra­to 1 mi­lio­ne e mez­zo di vi­sua­liz­za­zio­ni.

BOYF­RED

di Fred De Pal­ma

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.