SUL LET­TI­NO CON VIR­GI­NIA RAF­FAE­LE

Nel ruo­lo di se stes­sa, la ve­dre­mo a San­re­mo (do­ve lei fa­rà la «co­co­co-con­dut­tri­ce»). Ma VIR­GI­NIA RAF­FAE­LE, nei pan­ni de­gli al­tri, si tro­va pro­prio be­ne, per­ché in fondo è co­me en­tra­re in te­ra­pia: a me­tà tra Ghost e Mar­zul­lo, sen­za di­men­ti­ca­re che la vi­ta

Vanity Fair (Italy) - - Social - di SI LV I A NUC INI

«HO COL­LE­GHE E COL­LE­GHI CHE FIGLIANO CO­ME NON CI FOS­SE UN DO­MA­NI: AN­CHE IO PEN­SO AL­LA FA­MI­GLIA, MA NON È UN PEN­SIE­RO VI­CI­NO PER ME»

Scu­si il ri­tar­do, ho do­vu­to truc­car­mi da me stes­sa, mi pa­re­va brut­to ve­ni­re sen­za nien­te». In­ter­vi­sta­re Vir­gi­nia Raf­fae­le è un’espe­rien­za piut­to­sto vi­ci­na al­la se­du­ta psi­ca­na­li­ti­ca. Chi so­no io? Do­ve so­no io quan­do fac­cio un’al­tra? E se quell’al­tra per­so­na imi­ta me che la imi­to, c’è un pez­zo di me lì den­tro? Ma an­dia­mo con or­di­ne. Vir­gi­nia, truc­ca­ta da se stes­sa, è una bel­la («Ma no che non so­no bel­la, so­no fem­mi­ni­le il che se­con­do me può sta­re an­che in­sie­me con la co­mi­ci­tà, no?») ra­gaz­za di 35 an­ni do­ta­ta di un ta­len­to in­na­to per le imi­ta­zio­ni, co­me te­sti­mo­nia­no i mes­sag­gi su Fa­ce­book dei com­pa­gni di scuo­la: «Ehhh, si ca­pi­va che avre­sti sfon­da­to», me­mo­ri di quan­do la pic­co­la gio­stra­ia – in­ca­ri­ca­ta di in­sac­chet­ta­re i pe­scio­li­ni per i vin­ci­to­ri del ti­ro al Cin­za­no – fa­ce­va quel­lo che fan­no tut­ti: imi­ta­re i pro­fes­so­ri. So­lo che a lei ve­ni­va be­nis­si­mo. Do­po l’appa­ri­zio­ne fu­ga­ce dell’an­no scor­so al Fe­sti­val di San­re­mo nei pan­ni di un’ope­ra­tri­ce te­le­fo­ni­ca ad­det­ta al te­le­vo­to, e di una Ornella Va­no­ni co­sì ve­ro­si­mi­le da su­sci­ta­re il dub­bio an­che in Car­lo Ver­do­ne (pro­va­to da un sms a Gio­van­ni Ve­ro­ne­si: «Ma che è suc­ces­so al­la Va­no­ni?») e le ire dell’Ornella ori­gi­na­le che l’ha chia­ma­ta di­cen­do­le: «Ma io so­no co­sì? Ma vaf­fan­cu­lo», que­st’an­no la Raf­fae­le sa­rà sul pal­co del tea­tro Ari­ston nei pan­ni di pre­sen­ta­tri­ce («Co­co­co- con­dut­tri­ce? Co­pre­sen­ta­tri­ce?», si in­ter­ro­ga lei) ac­can­to a Car­lo Con­ti, Ga­briel Gar­ko e Ma­da­li­na Ghe­nea. «So­no agi­ta­tis­si­ma, ma co­me fa­ce­vo a di’ a mam­ma che non an­da­vo a San­re­mo? Mi con­for­ta il fat­to che il Fe­sti­val si fac­cia in un tea­tro, e il tea­tro – il foyer, i ca­me­ri­ni, il pal­co­sce­ni­co – è un am­bien­te in cui mi sen­to si­cu­ra». È da lì, in­fat­ti, che è co­min­cia­ta la sua car­rie­ra quan­do, a 18 an­ni, ven­ne pre­sa per una tour­née di uno spet­ta­co­lo di Plau­to pro­prio nei gior­ni in cui do­ve­va co­min­cia­re l’ac­ca­de­mia di Bel­le Ar­ti con l’obiet­ti­vo di di­ven­ta­re sce­no­gra­fa. «Non ho re­si­sti­to: ho mol­la­to tut­to e so­no par­ti­ta. Nes­su­no si è stu­pi­to: ven­go da una fa­mi­glia biz­zar­ra – i miei non­ni han­no avu­to il cir­co, e poi un tea­tro di avan­spet­ta­co­lo, i miei le gio­stre – se aves­si det­to che vo­le­vo fa­re l’av­vo­ca­to mi avreb­be­ro guar­da­ta stra­na. Il tea­tro è en­tra­to den­tro di me pro­prio stan­do al Lu­na Park: os­ser­van­do i suoi tic e le sue ma­nie, mi so­no ap­pas­sio­na­ta all’uma­ni­tà». Pri­ma dell’amo­re per il tea­tro c’era sta­to quel­lo per la dan­za, clas­si­ca e mo­der­na. «Ma quan­do ho ca­pi­to che ai sag­gi mi met­te­va­no in pri­ma fi­la per­ché fa­ce­vo ri­de­re, ho rea­liz­za­to che for­se era quel­la la mia stra­da».

Co­min­cia­mo dal­la fi­ne: i suoi col­le­ghi di Fe­sti­val le stan­no sim­pa­ti­ci? «Car­lo è l’uni­co che co­no­sce­vo già, è sta­to lui a vo­ler­mi. È una mac­chi­na da guer­ra, ma è to­sca­no, quin­di scher­za sem­pre. Ma­da­li­na ha l’aria di sta­re sul­le sue, ma in real­tà è mol­to de­ter­mi­na­ta. Per lei è un mon­do to­tal­men­te nuo­vo, que­sto. Do­po la con­fe­ren­za stam­pa mi ha det­to: “Ma tu hai par­la­to!”. E che do­ve­va­mo fa’, gio­ca’ a tres­set­te col mor­to? Ga­briel mi ha stu­pi­ta. Uno ve­de Gar­ko e pen­sa: Ma­don­na que­sto sta­rà sem­pre a spa­rar­si le po­se, e in­ve­ce è al­la ma­no. Sia­mo tut­ti co­sì di­ver­si che ognu­no pren­de­rà la sua for­ma». Lei mol­te for­me. Es­se­re sem­pre qual­cun al­tro non le dà un po’ di di­spia­ce­re per non es­se­re se stes­sa? «Que­sto è un po’ il sen­so del­lo spet­ta­co­lo che sto por­tan­do in gi­ro per l’Ita­lia, Per­for­man­ce, con la re­gia di Giam­pie­ro So­la­ri. È che al­la fi­ne io so­no io an­che quan­do so­no gli al­tri. E gli al­tri so­no più lo­ro stes­si quan­do fan­no me che li imi­to. È un gi­ro stra­no, ma è co­sì. Quin­di non ho dif­fi­col­tà a non es­se­re me stes­sa. An­che per­ché io so­no tan­te co­se in­sie­me. O for­se nes­su­na». Imi­ta­re è te­ra­peu­ti­co? «Di­ven­to qual­cos’al­tro per non es­se­re me stes­sa o per es­ser­lo di più? Quan­do di­ven­to qual­cun al­tro mi per­do o mi ri­tro­vo?». Si è da­ta una ri­spo­sta? «No, an­drò da Mar­zul­lo per tro­var­la. A par­te gli scher­zi, imi­ta­re è an­che un’ope­ra­zio­ne di com­pren­sio­ne dell’al­tro. Stu­dio sem­pre le vi­te dei miei per­so­nag­gi: cer­co il mo­ti­vo di quell’espres­sio­ne ma­lin­co­ni­ca, la cau­sa di cer­ti com­por­ta­men­ti. Sten­do il truc­co spe­cia­le sul let­ti­no e lo psi­ca­na­liz­zo». A pro­po­si­to di truc­co, i suoi so­no me­ti­co­lo­sis­si­mi. «La­vo­ro sul­la ve­ro­si­mi­glian­za, mi aiu­ta nell’in­ter­pre­ta­zio­ne. Mi por­ta via ore, nien­te è tra­la­scia­to: ti­ran­ti, len­ti a con­tat­to, ci­glia, so­prac­ci­glia. Cer­co so­lo di

evi­ta­re i den­ti, che so­no mol­to sco­mo­di. Esi­ste un cal­co di ogni par­te del mio cor­po – dal pa­la­to ai pa­di­glio­ni au­ri­co­la­ri –, lo usa­no i miei truc­ca­to­ri per pro­va­re le mo­di­fi­che ne­ces­sa­rie per ot­te­ne­re la fac­cia di un per­so­nag­gio. Fa­re il cal­co di tut­ta la mia te­sta è sta­ta un’espe­rien­za estre­ma: mi han­no ri­co­per­ta di si­li­co­ne, poi le ben­de, e in­fi­ne la co­la­ta di ges­so. Dap­per­tut­to: su­gli oc­chi, la boc­ca. Re­spi­ra­vo gra­zie a due can­nuc­ce in­fi­la­te nel na­so. Co­sì per mezz’ora. Poi quan­do ti tol­go­no sto sar­co­fa­go fa pu­re ma­le, per­ché si ap­pic­ci­ca al­la pel­le». Ma il truc­co fe­de­le non ba­sta. «Io non cre­do di es­se­re un’imi­ta­tri­ce pu­ra, fac­cio piut­to­sto un la­vo­ro di rein­ter­pre­ta­zio­ne del­le per­so­ne. Co­me in Ghost io en­tro nel cor­po di qual­cun al­tro e pos­sie­do quel cor­po, o quel cor­po pos­sie­de me, non so. È un in­can­te­si­mo che si spez­za se mi guar­do al­lo spec­chio, per­ché al­lo­ra ve­do Vir­gi­nia». Co­me sce­glie chi imi­ta­re? «Un po’ a istin­to, ve­do qual­co­sa che mi col­pi­sce. Del­la Mi­net­ti ave­vo vi­sto due fo­to – una con il di­to in boc­ca, e un’al­tra in cui si met­te­va il bur­ro­ca­cao – e sen­ti­to un’in­ter­cet­ta­zio­ne. Po­ca ro­ba. Ma ave­vo tro­va­to quel­la spe­cie di di­se­gno che c’è sot­to ognu­no di noi». Chi vor­reb­be fa­re e non ci rie­sce? «La De Fi­lip­pi, per­ché la sua vo­ce è sta­ta pro­get­ta­ta dal Kgb e non rie­sco a imi­tar­la, e lei, sen­za quel­la vo­ce, non si può fa­re». Si pre­oc­cu­pa mai del­le rea­zio­ni del­le per­so­ne che imi­ta? «Mai, non è af­far mio: for­tu­na­ta­men­te esi­ste il di­rit­to di sa­ti­ra. Spes­so si of­fen­do­no le per­so­ne di cui bec­chi esat­ta­men­te il pun­to de­bo­le, che per mol­ti è la va­ni­tà. Se li fai va­ni­to­si, si ar­rab­bia­no». La Bruz­zo­ne ha mi­nac­cia­to di que­re­lar­la. «Non apro la po­sta da mol­to, ma mi sem­bra che la querela non sia ar­ri­va­ta». E fuo­ri da que­ste ma­sche­re, che fa? «La­vo­ro e ba­sta, da sem­pre. Da quan­do ero pic­co­la, al Lu­na Park. Lì era co­me al Tru­man Show: il mon­do era quel­lo, fuo­ri non co­no­sce­vo nien­te, non fa­ce­vo nien­te. Ma ho avu­to un’in­fan­zia bel­lis­si­ma e stra­na. An­che con i ge­ni­to­ri: mi sen­ti­vo qua­si una lo­ro pa­ri, in fondo la­vo­ra­va­mo tut­ti e tre». E gli al­tri bam­bi­ni, quel­li del mon­do fuo­ri, co­me la ve­de­va­no? «Da pic­co­la ero un ve­ro nerd e per far­mi ac­cet­ta­re dai com­pa­gni di clas­se di­ce­vo: ve­ni­te a tro­var­mi al­le gio­stre, vi fac­cio sa­li­re gra­tis. Una sto­ria da li­bro Cuo­re ». È usci­ta una no­ti­zia se­con­do la qua­le lei e il suo com­pa­gno e col­le­ga, Ubal­do Pantani, vi sa­re­ste la­scia­ti. «È un mo­men­to com­pli­ca­to. Pos­so so­lo di­re che en­tram­bi ab­bia­mo sem­pre di­fe­so la no­stra pri­va­cy e con­ti­nue­re­mo a far­lo an­che ades­so. Per­ché è ve­ro che sia­mo di tut­ti, ma un pez­zet­ti­no che è so­lo tuo de­ve ri­ma­ne­re. Sem­bra stra­no ma quan­do so­no in sce­na io ve­do tut­to: il pub­bli­co, co­sa suc­ce­de die­tro le quin­te. Non mi di­strae, an­zi mi ri­las­sa sa­pe­re di ave­re tut­to sot­to con­trol­lo. Vor­rei far­lo an­che nel­la vi­ta, ma non si può, an­zi non si de­ve. Non ser­ve a nien­te. Io fac­cio fa­ti­ca ad ab­ban­do­nar­mi: a vol­te le emo­zio­ni so­no trop­po gran­di e pos­so­no so­vra­star­ti». È dif­fi­ci­le con­ci­lia­re il suo me­stie­re con una vi­ta nor­ma­le? «Per cer­ti aspet­ti lo è. De­vi ave­re ac­can­to per­so­ne che com­pren­da­no i tuoi al­ti e bas­si, che sap­pia­no ca­pi­re an­che le ma­lin­co­nie. E an­che tu de­vi cer­ca­re di non tor­na­re a ca­sa spen­to, per­ché hai da­to tut­to al la­vo­ro. Ma a par­te que­sto io so­no mol­to nor­ma­le. Io ho so­lo due ami­che, due di nu­me­ro, Clau­dia e Dia­na, che non fan­no que­sto la­vo­ro e con le qua­li si par­la di qual­sia­si co­sa». La fa­mi­glia è tra i suoi pro­get­ti? «Ci pen­so, per­ché ho col­le­ghe e col­le­ghi che figliano co­me non ci fos­se un do­ma­ni, pe­rò non è un pen­sie­ro vi­ci­no per me». Con­ti­nua a fa­re la fi­glia. «Da mam­ma e pa­pà tor­no spes­so, an­che per­ché a ca­sa man­gio be­ne. Da mam­ma pu­re la stes­sa insalata in bu­sta che com­pro io ha un sa­po­re di­ver­so».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.