“SO­NO GAY”.

MIA MA­DRE RI­SPO­SE: “BE­NE, AL­LO­RA AN­DIA­MO A PRAN­ZO FUO­RI”»

Vanity Fair (Italy) - - Social - FA­BIO CA­NI­NO

mma­gi­na­te­vi un Pae­se do­ve in­dos­sa­re i pan­ta­lo­ni a pi­noc­chiet­to sia vie­ta­to dal­la Po­li­zia del Buon­gu­sto, le lu­ci fred­de abo­li­te da­gli ascen­so­ri e chi por­ta i tac­chi a spil­lo ab­bia una cor­sia pre­fe­ren­zia­le. Una cit­tà con il pa­laz­zo del­la Bor­sa fat­to a for­ma di una gi­gan­te­sca bor­sa Kel­ly, l’ospe­da­le Can­dy Can­dy In­ter­na­tio­nal Ho­spi­tal, esen­zio­ni fi­sca­li per i lo­ca­li che tra­smet­ta­no mu­si­ca an­ni Ot­tan­ta. Ben­ve­nu­ti nel­la Rain­bow Re­pu­blic, la Gre­cia del 2016 im­ma­gi­na­ta da Fa­bio Ca­ni­no. Pio­nie­re nel­la sa­ti­ra sul mon­do omo­ses­sua­le fat­ta dall’in­ter­no, in quan­to gay di­chia­ra­to, l’au­to­re e con­dut­to­re, te­le­vi­si­vo e ra­dio­fo­ni­co, di pro­gram­mi di suc­ces­so ( Mi­ra­co­lo ita­lia­no sa­ba­to e do­me­ni­ca mat­ti­na su Ra­diodue, e dal 20 feb­bra­io tor­na in giu­ria nel­la un­di­ce­si­ma edi­zio­ne di Bal­lan­do con le stel­le) dai tem­pi di Cro­na­che mar­zia­ne, ha da­to pro­va di gran­de iro­nia e di una sen­si­bi­li­tà ra­ra nel ca­pi­re do­ve va il mon­do. In Rain­bow Re­pu­blic, il suo pri­mo ro­man­zo, de­fi­ni­to in copertina «di­sto­pi­co gay», ar­ri­va a ipo­tiz­za­re un in­te­ro Pae­se go­ver­na­to da­gli omo­ses­sua­li, con pre­gi e di­fet­ti. È una Gre­cia po­st de­fault, che è sta­ta sal­va­ta gra­zie al­la «pink eco­no­my», ov­ve­ro da­gli in­ve­sti­men­ti da par­te di un grup­po di ric­chi gay che de­ci­do­no di crea­re una so­cie­tà che cor­ri­spon­da ai lo­ro idea­li: amo­re e di­rit­ti ugua­li per tut­ti. Per­ché il li­bro è di­sto­pi­co? «Per­ché non mi au­gu­re­rei mai un Pae­se ghet­to. Mi pia­ce vi­ve­re nel con­fron­to, la di­ver­si­tà è bel­la per­ché si ma­ni­fe­sta. La Rain­bow Re­pu­blic è una pro­vo­ca­zio­ne: vo­le­vo far ve­de­re che la pink eco­no­my – in Ame­ri­ca la Lgbt (Le­sbi­che, gay, bi­ses­sua­li, tran­sgen­der) va­le ogni an­no in con­su­mi 860 mi­lio­ni di dol­la­ri, co­me il pil del­la Sve­zia – po­treb­be per­met­te­re a chi la muo­ve di con­qui­sta­re un in­te­ro Pae­se». Co­me mai ha scel­to la Gre­cia? «Per­ché da lì na­sce tut­to, omo­ses­sua­li­tà com­pre­sa. Ave­vo que­sta idea nel cas­set­to da die­ci an­ni, ma aspet­ta­vo un ap­pi­glio rea­li­sti­co per rea­liz­zar­la. Il ri­schio di de­fault del­la Gre­cia l’an­no scor­so me l’ha da­to; quan­do c’è tan­ta con­fu­sio­ne, tut­to può suc­ce­de­re. La con­qui­sta del Pae­se, poi, do­ve­va es­se­re mor­bi­da, non vio­len­ta; i dis­si­den­ti esi­sto­no ma so­no ghet­tiz­za­ti. Mi so­no di­ver­ti­to a im­ma­gi­na­re un mon­do al con­tra­rio: nel­la Rain­bow Re­pu­blic si fe­steg­gia l’Ete­ro­pri­de con i gay che com­men­ta­no: “Che ba­rac­co­na­ta”». La de­fi­ni­sce re­pub­bli­ca ma è una dit­ta­tu­ra: nes­sun gior­na­li­sta ita­lia­no è au­to­riz­za­to a en­tra­re nel Pae­se tran­ne il pro­ta­go­ni­sta, Ulis­se Ame­dei. «L’Ita­lia è vi­sta co­me un Pae­se re­tro­gra­do, do­mi­na­to dall’in­fluen­za del Va­ti­ca­no. Ulis­se è am­mes­so so­lo per­ché è la fir­ma di pun­ta di un set­ti­ma­na­le, che, con­fes­so, nel­la mia te­sta è Va­ni­ty Fair, in­ter­na­zio­na­le e aper­to, ca­pa­ce di re­gi­stra­re i ve­ri cam­bia­men­ti del­la so­cie­tà». Il pro­ta­go­ni­sta è ete­ro­ses­sua­le. Per­ché? «A me in­te­res­sa­va rac­con­ta­re l’amo­re, che è ugua­le per tut­ti. Cam­bia l’og­get­to del de­si­de­rio ma la pas­sio­ne e il cor­teg­gia­men­to, la fe­del­tà, il ro­man­ti­ci­smo so­no gli stes­si. L’amo­re è la co­sa più de­mo­cra­ti­ca che esi­sta: si in­na­mo­ra­no ric­chi e po­ve­ri». Si è ispi­ra­to a qual­cu­no che co­no­sce? «No, ma se di­ven­tas­se un film ci ve­drei be­ne Ales­san­dro Gass­mann. O Mi­chael Fas­sben­der, an­che se in que­sto ca­so gli fa­rei il pro­vi­no so­prat­tut­to per co­no­scer­lo. Ulis­se è un uo­mo am­bi­guo: il li­bro ini­zia con lui che tra­di­sce la mo­glie, col­pa gra­vis­si­ma per un mo­no­ga­mo co­me me». Il per­so­nag­gio del fo­to­gra­fo tor­men­ta­to che fa­ti­ca a vi­ve­re l’amo­re omo­ses­sua­le ha qual­co­sa di au­to­bio­gra­fi­co? «No, vo­le­vo rac­con­ta­re una ri­val­sa: il suo è un per­cor­so fa­ti­co­so che lo por­te­rà a un cam­bia­men­to im­por­tan­te gra­zie all’amo­re. La vi­ta è una so­la e du­ra po­co, bi­so­gna go­der­la fi­no in fondo. Per me ar­ri­va­re a que­sta con­sa­pe­vo­lez­za è sta­to mol­to più sem­pli­ce». Sta par­lan­do del suo co­ming out? «So­no un pri­vi­le­gia­to, in­nan­zi­tut­to per la fa­mi­glia che ho avu­to. Mio pa­dre, ischi­ta­no, an­dò a vi­ve­re con mia ma­dre a Fi­ren­ze, ado­ra­va­no le fe­ste. La not­te spes­so ero co­stret­to ad al­zar­mi per chie­de­re che fa­ces­se­ro me­no bac­ca­no: “Do­ma­ni de­vo an­da­re a scuo­la!”. Quan­do a 19 an­ni tor­nai a ca­sa da New York de­ci­si che era giun­ta l’ora che sa­pes­se­ro: qua­lun­que co­sa po­tes­se suc­ce­de­re, era me­no im­por­tan­te del­la mia se­re­ni­tà. Esor­dii di­cen­do: “Se­de­te­vi, de­vo dir­vi una co­sa; se do­ve­te pian­ge­re pian­ge­te, se do­ve­te gri­da­re gri­da­te. So­no gay”. E tut­ti han­no ti­ra­to un so­spi­ro di sol­lie­vo: era­no con­vin­ti che fos­si sul pun­to di con­fes­sa­re qual­che tre­men­da dipendenza.

Quin­di mia ma­dre chio­sò: “Be­ne, al­lo­ra an­dia­mo a pran­zo fuo­ri”. Mi smon­ta­ro­no tut­to lo psi­co­dram­ma che ave­vo co­strui­to con la sem­pli­ci­tà e con l’amo­re». Le fe­ce­ro do­man­de? «Non ne par­lam­mo chia­ra­men­te fi­no a che, un gior­no, mia ma­dre du­ran­te un tè con le ami­che che si la­men­ta­va­no dei fi­dan­za­ti tre­men­di del­le fi­glie, se ne uscì tran­quil­la­men­te da­van­ti a me con la fra­se: “No, io de­vo di­re che il fi­dan­za­to di Fa­bio è dav­ve­ro un bra­vo ra­gaz­zo”. La ado­rai». Per mol­ti ra­gaz­zi in­ve­ce usci­re al­lo sco­per­to an­co­ra og­gi è dif­fi­ci­le. «Per que­sto ho fat­to pre­sto co­ming out, per po­ter fa­re qual­co­sa at­tra­ver­so i miei pro­gram­mi. Par­te del ri­ca­va­to del li­bro an­drà al­la lot­ta al bul­li­smo omo­fo­bi­co». Lei non ha mai su­bi­to pre­giu­di­zi? «Sul la­vo­ro: un gay che va in Tv sen­za truc­co né piu­me, e di­ce quel­lo che pen­sa, fa pau­ra. Ma la for­za di que­sto Pa­pa è spiaz­za­re con la sem­pli­ci­tà; nel­la fra­se “Chi so­no io per giu­di­ca­re un gay?” c’è già tut­to. Chi con­ti­nua a usa­re l’odio per ne­ga­re il di­rit­to all’amo­re e al­la fe­li­ci­tà de­gli al­tri do­vreb­be ri­flet­te­re». Si è mai in­na­mo­ra­to di un ete­ro? «Sì, di un mio com­pa­gno di scuo­la. Sa­pe­vo che tra noi non sa­reb­be mai po­tu­to suc­ce­de­re nul­la, quin­di glie­lo dis­si. Lui all’ini­zio era im­pau­ri­to ma poi ha ca­pi­to che la no­stra ami­ci­zia non sa­reb­be cam­bia­ta. Og­gi sua mo­glie mi di­ce che so­no l’uni­co di cui è ge­lo­sa, ma io la tran­quil­liz­zo: da vec­chio se lo può te­ne­re». A lei piac­cio­no gio­va­ni? «Gio­va­ni e bel­li. Il che è ve­ra­men­te pre­ten­zio­so, vi­sto che io non lo so­no. So­no sem­pre al­la ri­cer­ca dell’amo­re; non di­co il prin­ci­pe az­zur­ro per­ché l’az­zur­ro non mi pia­ce. Il mio pro­ble­ma è che so­no tal­men­te in­si­cu­ro che ci vor­reb­be uno, pa­ga­to da­gli as­si­sten­ti so­cia­li, che ogni 10 mi­nu­ti mi di­ces­se: “Non ti la­sce­rò mai”, “Ti amo al­la fol­lia”. Un ba­dan­te». Nel ro­man­zo i no­mi dei luo­ghi di Ate­ne, a par­ti­re dall’ae­ro­por­to Ma­ria Cal­las, so­no sta­ti ri­bat­tez­za­ti. Che co­sa ren­de un per­so­nag­gio ico­na gay? «Ico­na è qual­cu­no che, ol­tre a su­sci­ta­re am­mi­ra­zio­ne, rea­liz­za qual­co­sa che gli al­tri non rie­sco­no a espri­me­re. Per me lo è Au­drey He­p­burn, che pur­trop­po og­gi è di­ven­ta­ta un’ico­na low co­st, nel sen­so che la sua im­ma­gi­ne è fin trop­po abu­sa­ta. Da ra­gaz­zo eb­bi un col­po di for­tu­na: nel ne­go­zio di mo­bi­li da giar­di­no di un’ami­ca, a Fi­ren­ze, vi­di que­sta don­ni­na mi­nu­ta, ve­sti­ta di ne­ro, che le so­mi­glia­va ter­ri­bil­men­te ma par­la­va be­nis­si­mo l’ita­lia­no, quin­di esc­lusi che po­tes­se es­se­re lei. Quan­do ar­ri­vò al­la cas­sa non po­tei fa­re a me­no di dir­le che l’ave­vo fis­sa­ta per­ché so­mi­glia­va a Au­drey, lei mi ri­spo­se: “Ma io so­no Au­drey”. Non riu­scii nem­me­no a par­la­re men­tre mi spie­ga­va che fa­ce­va un gi­ro dei giar­di­ni più bel­li d’Eu­ro­pa per un li­bro. Poi mi sa­lu­tò co­sì: “Qua­lun­que co­sa fa­rai nel­la vi­ta, an­drà be­ne”. E spa­rì su una Rolls-Roy­ce bian­ca». Al­tre ico­ne? «Gli Ab­ba, i Ric­chi e Po­ve­ri del­la Sve­zia. Per i miei 50 an­ni i miei ami­ci han­no or­ga­niz­za­to una fe­sta a sor­pre­sa nel mu­seo Ab­ba di Stoc­col­ma, su­per­tec­no­lo­gi­co: sa­li sul pal­co e can­ti in mez­zo agli olo­gram­mi del­la band. Fi­chis­si­mo».

FO­TO JU­LIAN HAR­GREA­VES

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.