SE­CON­DO È ME­GLIO

Vanity Fair (Italy) - - Vanity | C’era Un Ragazzo - di Guia Son­ci­ni

Nel­la Fa­mi­glia, il film di Et­to­re Sco­la del 1987, Vit­to­rio Gass­man è in­na­mo­ra­to di una so­rel­la

ma spo­sa l’al­tra. Ver­so la fi­ne, ri­ma­sto vedovo, stron­ca i rim­pian­ti del­la co­gna­ta: «Con te sa­rem­mo sta­ti in­fe­li­ci, ci sa­rem­mo odia­ti». Cer­to che la ama­va, ma che c’en­tra: ave­va spo­sa­to la don­na giu­sta. La se­con­da scel­ta è spes­so la mi­glio­re: Lau­rie in Pic­co­le don­ne sposava Amy pur es­sen­do in­na­mo­ra­to di Jo, ri­cor­dan­do­si che Mo­zart era sta­to fe­li­ce con la so­rel­la di quel­la che gli pia­ce­va. Ste­ve Jobs è un film tut­to di se­con­de scel­te, co­me sve­la quel gran­de ro­man­zo po­po­la­re che è l’ar­chi­vio del­le mail del­la So­ny hac­ke­ra­to dai co­rea­ni. È una se­con­da scel­ta la Uni­ver­sal, che l’ha pro­dot­to do­po che la So­ny si è ri­ti­ra­ta. È una se­con­da scel­ta Dan­ny

Boy­le, che l’ha di­ret­to quan­do i pro­dut­to­ri non so­no riu­sci­ti a sod­di­sfa­re le ri­chie­ste di Da­vid Fin­cher. È una se­con­da scel­ta Jeff Da­niels, for­se la co­sa mi­glio­re del film nel ruo­lo

dell’am­mi­ni­stra­to­re de­le­ga­to di Ap­ple John Scul­ley: do­ve­va es­se­re Tom Hanks. È una se­con­da scel­ta per­si­no Ka­te Win­slet, che pro­ba­bil­men­te per quel ruo­lo vin­ce­rà un Oscar. Co­me quan­do si guar­da­no i pro­vi­ni di Via col ven­to, da Ste­ve Jobs si esce con la cer­tez­za che Joan­na Hoffman non po­tes­se che es­se­re lei, con quel pi­glio da ba­dan­te dell’Est. La pri­ma

scel­ta, Na­ta­lie Port­man, ap­pa­re as­sur­da: con quell’aspet­to da bal­le­ri­na? Mi­chael Fas­sben­der non lo vo­le­va nes­su­no: nei film pre­ce­den­ti «non ha mai una bat­tu­ta di più di cin­que pa­ro­le: pre­fe­ri­sco uno che sia trop­po vec­chio per

la par­te, a uno in­ca­pa­ce di re­ci­tar­la», scri­ve­va lo sce­neg­gia­to­re pro­po­nen­do Tom Crui­se o Da­niel Day-Lewis. Per un po’ Jobs do­ve­va

es­se­re Ch­ri­stian Ba­le, poi ri­nun­ciò. Pri­ma an­co­ra, do­ve­va es­se­re DiCa­prio. La pri­ma scel­ta: di­ce­va di vo­le­re la par­te, ma si sfi­lò con la scu­sa del su­per­la­vo­ro, stre­ma­to dal Re­di­vi­vo. Quel­la del 28 feb­bra­io è una scel­ta fi­lo­so­fi­ca: l’Oscar va al­la pri­ma scel­ta o al­la se­con­da scel­ta?

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.