RIC­KY TO­GNAZ­ZI se­con­do at­to

Vanity Fair (Italy) - - Vanity | Scene Da Un -

En­tra To­gnaz­zi, 60 an­ni ben por­ta­ti, sot­to ca­pel­li e bar­ba can­di­di. Si apre un si­pa­riet­to con Si­mo­na: lei avan­za, lui ar­re­tra, lei en­fa­tiz­za, lui mi­ni­miz­za. De­ve es­se­re un gio­co ro­da­to, for­se an­che dal­le pro­ve e dal­le re­pli­che del Ma­schio su­per­fluo.

Quan­to si sen­te «su­per­fluo»? «Più che al­tro in­ter­pre­to l’uo­mo con­fu­so, sui ruo­li, sul ge­ne­re...». Incertezze di ge­ne­re lei ne ha mai avu­te? «Va­ghe. In ognu­no di noi può con­vi­ve­re una for­ma di bi­ses­sua­li­tà. Ma per me è sta­to un ta­bù al con­tra­rio». In che sen­so? «Non ho mai avu­to il co­rag­gio di la­sciar­mi an­da­re. Un mio col­le­ga de­ci­se di pro­var­ci, eb­be un’av­ven­tu­ra con un uo­mo, e tor­nò ur­lan­do sul­la mo­to: “Non so­no fro­ciooo!”. Io non ho osa­to, e quin­di il dub­bio ri­ma­ne». Non è che si de­ve pro­va­re tut­to. «Non so­no d’ac­cor­do. Ma ades­so non so­no più un pi­schel­lo, do­vrei fa­re io il pri­mo pas­so, men­tre in pas­sa­to le avan­ce le ri­ce­ve­vo». Com’è vi­ve­re e la­vo­ra­re con Si­mo­na? «È dif­fi­ci­le di­stin­gue­re fra com­pa­gna di la­vo­ro e di vi­ta. Se il ma­tri­mo­nio è una cro­ce da por­ta­re in tre, il ter­zo in­co­mo­do per noi è il la­vo­ro, an­dia­mo a let­to con la sce­neg­gia­tu­ra, ci sve­glia­mo con l’in­cu­bo del­la me­mo­ria, in­ve­ce di dir­ci buon­gior­no ri­pe­tia­mo le bat­tu­te men­tre ci la­via­mo i den­ti. Si leg­ge, si di­scu­te, e an­che sul set ci por­tia­mo die­tro l’ul­ti­ma li­te». Per che co­sa li­ti­ga­te? «A me dà mol­to fa­sti­dio il suo disordine, fat­to per tro­va­re un nuo­vo or­di­ne, con spa­ri­zio­ni con­ti­nue di og­get­ti». Lei ha det­to che sta­re con sua mo­glie è co­me

vi­ve­re con un ha­rem di don­ne tut­te di­ver­se. Qual è la Si­mo­na che pre­fe­ri­sce? «Lei è or­so e ti­gre in­sie­me, io pre­fe­ri­sco l’or­so, quan­do è in le­tar­go, tran­quil­la. Ne­gli al­tri pe­rio­di è paz­za, fa tan­te co­se in­sie­me, un gran pa­stic­cio». L’in­vec­chia­men­to di lei lo pa­ti­sce? «Mi sve­glio, e lei è la stes­sa del gior­no pri­ma. E poi ci si abi­tua a tut­to, mi fac­cio più im­pres­sio­ne io quan­do mi guar­do al­lo spec­chio, op­pu­re mi ri­ve­do nei vec­chi film. Non mi spec­chio nei suoi ce­di­men­ti, ma nei miei». Che cos’al­tro la «im­pres­sio­na»? «Te­mo la mia me­mo­ria: ho sem­pre avu­to

dé­fail­lan­ce ma i ses­sant’an­ni non aiu­ta­no. E an­da­re in sce­na è spa­ven­to­so, an­che per­ché non re­ci­tan­do mai il mu­sco­lo è po­co al­le­na­to». Com’è la Si­mo­na at­tri­ce? «È sta­to dif­fi­ci­le por­la di fron­te al pro­ble­ma che bi­so­gna fa­re le pro­ve, pre­pa­rar­si... è “tar­di­va”. Ma quan­do la­vo­ra Si­mo­na è at­ten­ta, ub­bi­dien­te, ha una par­ti­co­la­re sen­si­bi­li­tà emo­ti­va e dram­ma­tur­gi­ca. A un cer­to pun­to ca­pi­ta sem­pre che di­ca quel­la che a tut­ti sem­bra una stron­za­ta spa­ven­to­sa, ma do­po un me­se ci ren­dia­mo con­to che ave­va ra­gio­ne». Lei i tor­ti li ri­co­no­sce? «Le ri­co­no­sco i me­ri­ti. Poi lei è un tri­bu­na­le che non man­da mai nul­la in pre­scri­zio­ne, ha una me­mo­ria sto­ri­ca sui bi­stic­ci, ar­ri­va fi­no al­le ori­gi­ni. Io in­ve­ce ten­do al quie­to vi­ve­re, non amo il con­flit­to, pre­fe­ri­sco la­sciar per­de­re. Si­mo­na è più one­sta, af­fron­ta il no­do». La­sciar per­de­re aiu­ta a far du­ra­re l’amo­re? «Le dif­fe­ren­ze aiu­ta­no. Il se­gre­to è es­se­re di­ver­si l’uno dall’al­tro, è più di­ver­ten­te. La mor­te del rap­por­to è la no­ia, an­dar d’ac­cor­do su tut­to por­ta so­lo a ri­pe­ter­si. A un cer­to pun­to la fe­li­ci­tà è so­sti­tui­ta dall’abi­tu­di­ne. Con Si­mo­na il col­po di sce­na non man­ca mai». Si­mo­na ha avu­to un fi­glio

da An­to­nel­lo Ven­dit­ti, lei una fi­glia dal­la sua

pri­ma mo­glie: non aver­ne fat­to uno in­sie­me ha sal­va­guar­da­to la vo­stra cop­pia? «Per non tur­ba­re l’equi­li­brio di un fi­glio per uno, non l’ab­bia­mo fat­to. È sta­ta una vi­gliac­che­ria, era un ri­schio che si po­te­va cor­re­re. Da par­te mia non mi sor­pren­de, co­me mol­ti ma­schiet­ti non ho que­sta pro­pen­sio­ne al­la pro­crea­zio­ne. Ri­co­no­sco me­no Si­mo­na, lei è più co­rag­gio­sa nei rap­por­ti. E for­se un fi­glio avreb­be fat­to be­ne a tut­ti e due. Non so al bam­bi­no». Ma lei che co­sa pen­sa del lif­ting di Si­mo­na? «L’ho ac­com­pa­gna­ta all’ospe­da­le, era un po’ che ri­man­da­va. Io guar­do con sbi­got­ti­men­to al­la fa­ci­li­tà con cui cer­te per­so­ne si fan­no met­te­re le ma­ni ad­dos­so sen­za pro­ble­mi, pe­rò con Si­mo­na so­no am­mi­ra­to dal ri­sul­ta­to. E so­prat­tut­to lei ne è fe­li­ce, co­sì il suo umo­re e l’au­to­sti­ma mi­glio­ra­no, e que­sto por­ta ot­ti­mi be­ne­fi­ci an­che a me».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.