PAS­SI IL T-VEG, MA VI­VA IL LU­PO

Im­paz­za la moda di ri­vi­si­ta­re le fa­vo­le. Ora che an­che il più fe­ro­ce dei di­no­sau­ri è di­ven­ta­to ve­ge­ta­ria­no, ab­bia­mo chie­sto il pa­re­re a una pe­da­go­ga: è van­tag­gio­so per i bam­bi­ni? «Ni». For­se più per i gran­di

Vanity Fair (Italy) - - Week - di GR E TA P R I V I T ER A

Re­gi­nal­do ha i den­ti af­fi­la­ti, il rug­gi­to po­ten­te e cor­re ve­lo­ce co­me tut­ti i T-Rex. Ma a dif­fe­ren­za dei suoi si­mi­li, al­la car­ne fre­sca pre­fe­ri­sce z uc chi - ne, ca­ro­te e insalata: è un TVeg, mol­to for­te pro­prio gra­zie a tut­ta quel­la frut­ta e ver­du­ra. Dal 2 feb­bra­io, ar­ri­va in soc­cor­so del Lu­po ve­ge­ta­ria­no e i 7 ca­pret­ti, ri­vi­si­ta­zio­ne veg­gie del­la fa­vo­la dei fratelli Grimm usci­ta lo scor­so au­tun­no per Ter­ra Nuo­va Edi­zio­ni, an­che T-Veg, la sto­ria di un di­no­sau­ro ve­ge­ta­ria­no (Elec­taKids, pagg. 32, € 14,90) che fa ap­prez­za­re ai bam­bi­ni gli odia­tis­si­mi broc­co­li. Ac­can­to al­le fia­be clas­si­che, in li­bre­ria tro­via­mo sem­pre più lu­pi buo­ni e di­no­sau­ri che per­do­no il lo­ro istin­to da pre­da­to­ri, per spie­ga­re ai più pic­co­li prin­ci­pi che ab­bia­mo a cuo­re co­me la di­ver­si­tà, la cor­ret­ta ali­men­ta­zio­ne, l’ami­ci­zia. «Ben ven­ga­no le ri­vi­si­ta­zio­ni, so­no sem­pre esi­sti­te», ci spie­ga Gior­gia Gril­li, in­se­gnan­te e ricercatrice di Let­te­ra­tu­ra per l’in­fan­zia al­la fa­col­tà di Scien­ze del­la For­ma­zio­ne Pri­ma­ria dell’Uni­ver­si­tà di Bo­lo­gna. «Ba­sti pen­sa­re a co­me gli stes­si Grimm han­no edul­co­ra­to le lo­ro fa­vo­le, è ap­pe­na usci­ta la tra­du­zio­ne del te­sto ori­gi­na­le del 1815 pres­so Don­zel­li Edi­to­re. Ma bi­so­gna fa­re at­ten­zio­ne a non eli­mi­na­re del tut­to dal­le fa­vo­le l’ele­men­to del­la pau­ra».

Quin­di me­glio il lu­po cat­ti­vo di quel­lo «veg»? «Non me­glio, ma cer­to il lu­po cat­ti­vo è più im­por­tan­te per la cre­sci­ta del bam­bi­no». Che co­sa in­ten­de? «La pau­ra, co­me gli al­tri sen­ti­men­ti, è fon­da­men­ta­le per di­ven­ta­re gran­di. Eli­mi­na­re il per­so­nag­gio spa­ven­to­so ri­schia di crea­re una so­cie­tà di­sto­pi­ca, in cui si pen­sa che il ma­le non esi­ste. Il va­lo­re del­le sto­rie è quel­lo di mo­stra­re an­che del­le con­trad­di­zio­ni. Se io so­no una mam­ma ve­ge­ta­ria­na, a mio fi­glio da­rò da man­gia­re ver­du­ra, ma che le fa­vo­le gli mo­stri­no il pre­da­to­re che sbra­na car­ne». Ci so­no an­che fa­vo­le con la prin­ci­pes­sa che salva il prin­ci­pe, che in­se­gna al­le bam­bi­ne che pos­so­no es­se­re for­ti. Op­pu­re quel­le sul­le fa­mi­glie ar­co­ba­le­no e quel­le sull’ete­ro­lo­ga, per spie­ga­re ai bam­bi­ni co­me si sta al mon­do, an­che, og­gi. Non van­no be­ne? «Pre­mes­so che la let­te­ra­tu­ra per ra­gaz­zi è pie­na di don­ne for­ti, pen­sa­te a Jo di Pic­co­le don­ne, e di fa­mi­glie non tra­di­zio­na­li – i na­ni di Bian­ca­ne­ve era­no set­te pa­dri –, va be­nis­si­mo, pos­sia­mo da­re ai bam­bi­ni qua­lun­que li­bro, ba­sta va­ria­re. Ri­cor­dan­do che la que­stio­ne dell’af­fer­ma­zio­ne del­la don­na, del ve­ge­ta­ria­ni­smo, del gen­der, del­le unio­ni ci­vi­li so­no te­mi d’at­tua­li­tà. Sia­mo noi adul­ti che sen­tia­mo la ne­ces­si­tà di spie­gar­li ai bam­bi­ni, non è un lo­ro bi­so­gno». So­no sto­rie uti­li so­lo ai gran­di, quin­di? «Sì. Il te­ma del­le unio­ni ci­vi­li, di cui io so­no una gran­de so­ste­ni­tri­ce, è me­glio spie­gar­lo ai fi­gli in mo­do di­ret­to. Il ri­schio di una “fia­ba uti­le” è so­lo uno, la no­ia: Cap­puc­cet­to ros­so sa­rà sem­pre più at­traen­te». Che co­sa pen­sa del­la cen­su­ra dei «li­bri gen­der» sol­le­va­ta dal sin­da­co di Ve­ne­zia? «Una co­sa ri­di­co­la. So­no an­da­ti a cer­ca­re mes­sag­gi pro­vo­ca­to­ri den­tro sto­rie che era­no na­te con tutt’al­tro sco­po, ti­po il ca­po­la­vo­ro Pic­co­lo blu e pic­co­lo giallo di Leo Lion­ni. E ver­go­gna, i li­bri non si cen­su­ra­no mai!».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.