RYAN GO­SLING

Più QUAN­DO IL DE­MO­NIO ERA IL DI­VOR­ZIO

Vanity Fair (Italy) - - Da Prima Pagina - di MICHELE SER­RA

So­no pas­sa­ti so­lo due mi­nu­ti e sia­mo già bloc­ca­ti. Ho chie­sto a Ryan Go­sling co­me vi­ve l’espe­rien­za del­le in­ter­vi­ste. «E lei?», mi ri­spon­de. Di­co che a me con­vie­ne far­me­le pia­ce­re, per­ché ci cam­po. «An­ch’io ci cam­po», ri­bat­te. Gli con­fes­so che a vol­te può es­se­re com­pli­ca­to, se con qual­cu­no non scat­ta la scin­til­la. «Ve­ro, ve­ro», di­ce. «Fa­rò del mio me­glio». Quin­di la scin­til­la è me­glio fab­bri­car­la, ag­giun­go scher­zan­do. Go­sling striz­za gli oc­chi. «Ok», li ria­pre, e ora ri­de. «Mi è già ca­pi­ta­to di do­ver­lo fa­re nei film».

Non è una bat­tu­ta. Nel 2004, men­tre gi­ra­va Le pa­gi­ne del­la no­stra vi­ta – il film d’amo­re, trat­to dal ro­man­zo di Ni­cho­las Spark, che avreb­be fat­to di lui un ido­lo del pub­bli­co fem­mi­ni­le –, chie­se (sen­za ot­te­ner­lo) una con­tro­fi­gu­ra per la co­pro­ta­go­ni­sta Ra­chel McA­dams, che tro­va­va ir­ri­tan­te. Spie­gò poi, quan­do con Ra­chel fa­ce­va cop­pia fis­sa nel­la vi­ta, che «ti­ra­va­mo fuo­ri l’uno il peg­gio dell’al­tra. È sta­ta un’espe­rien­za stra­na, gi­ra­re una sto­ria d’amo­re e non an­da­re d’ac­cor­do su nien­te».

Nei 12 an­ni da al­lo­ra, so­no suc­ces­se tan­te co­se: una no­mi­na­tion all’Oscar per il prof tos­si­co di Half Nel­son, il ma­ri­to in­fe­li­ce di Mi­chel­le Wil­liams in Blue Va­len­ti­ne, l’au­ti­sta di ra­pi­ne di Dri­ve, l’ad­det­to stam­pa dell’aspi­ran­te pre­si­den­te Cloo­ney nel­le Idi di mar­zo, l’at­te­so ri­tor­no in un ruo­lo ro­man­ti­co ac­can­to a Em­ma Sto­ne in Cra­zy, Stupid, Lo­ve, il th­ril­ler Co­me un tuo­no sul cui set si è in­na­mo­ra­to di Eva Men­des, che un an­no e mez­zo fa lo ha re­so pa­dre di Esme­ral­da. Quel film uscì a ini­zio 2013. Ora, do­po tre an­ni di as­sen­za,

Ryan è tor­na­to con La gran­de scom­mes­sa, in po­le po­si­tion per l’Oscar co­me mi­glior film, la sto­ria de­gli squa­li di Wall Street – lui è bra­vis­si­mo e ric­cio­lu­to nei pan­ni del ban­chie­re sen­za scru­po­li, ci so­no poi Ste­ve Ca­rell (vi­sto an­che in Cra­zy, Stupid, Lo­ve), Ch­ri­stian Ba­le e Brad Pitt – che nel 2005 in­tui­sco­no l’im­mi­nen­te di­sa­stro dei mu­tui sub­pri­me e, ap­pun­to, scom­met­to­no sul crac.

Nei tre an­ni di in­vi­si­bi­li­tà c’è sta­to pe­rò un film da re­gi­sta, Lo­st Ri­ver, la sto­ria se­miau­to­bio­gra­fi­ca di una ma­dre sin­gle che si ar­ra­bat­ta per so­prav­vi­ve­re in una De­troit de­gra­da­ta e po­ve­ra. Se­miau­to­bio­gra­fi­ca per­ché Ryan è cre­sciu­to dall’al­tro la­to del­la fron­tie­ra con il Ca­na­da, a Cor­n­wall, On­ta­rio, do­ve la mag­gior par­te del­la po­po­la­zio­ne – com­pre­so suo pa­dre – la­vo­ra­va in una car­tie­ra che chiu­se i bat­ten­ti quan­do lui era bam­bi­no, fa­cen­do piom­ba­re la sua fa­mi­glia nel­lo spet­tro del­la di­soc­cu­pa­zio­ne e del­la po­ver­tà. Se­miau­to­bio­gra­fi­ca per­ché Ryan – iso­la­to a scuo­la da un di­stur­bo di de­fi­cit dell’at­ten­zio­ne che lo co­strin­ge­va a pren­de­re psi­co­far­ma­ci e che non gli per­mi­se di leg­ge­re fi­no al­la quin­ta ele­men­ta­re – ave­va 13 an­ni quan­do i ge­ni­to­ri di­vor­zia­ro­no e sua ma­dre «non so­lo era sin­gle, era an­che mol­to bel­la, e cam­mi­na­re per stra­da con lei met­te­va pau­ra, gli uo­mi­ni la guar­da­va­no co­me lu­pi, fi­schia­va­no, le gi­ra­va­no in­tor­no con le au­to, e io avrei vo­lu­to pro­teg­ger­la ma mi sen­ti­vo de­bo­le, inu­ti­le». Vo­le­va fug­gi­re e ci riu­scì pro­prio a 13 an­ni, quan­do ini­ziò a fa­re com­par­sa­te in Tv con Ju­stin Tim­ber­la­ke e Brit­ney Spears nel Club di To­po­li­no. «Il mio de­sti­no era la ca­te­na di mon­tag­gio. Se per evi­tar­lo do­ve­vo di­me­na­re il di­die­tro, ero pron­to a far­lo».

For­se è que­sto pas­sa­to a dar­gli un di più di em­pa­tia che fa par­te del suo fa­sci­no. Ri­ser­va­to, ma ca­pa­ce di con­clu­de­re una re­cen­te par­te­ci­pa­zio­ne al Sa­tur­day Night Li­ve con le pa­ro­le «Eva, Esme, vi amo», o di po­star­si on­li­ne men­tre man­gia corn fla­kes per ren­de­re omag­gio a un vi­deo­blog­ger mor­to di cancro, au­to­re due an­ni fa di un vi­deo vi­ra­le in­ti­to­la­to «Ryan Go­sling non vuo­le man­gia­re i suoi ce­rea­li». Il fi­dan­za­to dei so­gni, in­quie­to e sen­si­bi­le, ce­le­bra­to da cen­ti­na­ia di blog. Su Tum­blr, per esem­pio, c’è «Fe­mi­ni­st Ryan Go­sling». Gli chie­do che ef­fet­to fa es­se­re il ra­gaz­zo im­ma­gi­ne del fem­mi­ni­smo. «Od­dio, non sa­prei», ri­de lui. «Di si­cu­ro esi­sto­no co­se peg­gio­ri a cui es­se­re as­so­cia­ti. So­no cre­sciu­to cir­con­da­to da don­ne for­ti, e il lo­ro nu­me­ro nel tem­po è cre­sciu­to. La mia real­tà è quel­la, per cui so­no na­tu­ral­men­te at­trat­to dal­le sto­rie con per­so­nag­gi fem­mi­ni­li for­ti, non è una co­sa stu­dia­ta a ta­vo­li­no. Ora che ho una bam­bi­na pic­co­la, poi, il te­ma di­ven­ta per me an­co­ra più im­por­tan­te».

Il per­so­nag­gio che l’ha lan­cia­to, il Noah del­le Pa­gi­ne del­la no­stra vi­ta, gli è ca­pi­ta­to per­ché il re­gi­sta Nick Cas­sa­ve­tes non vo­le­va un pro­ta­go­ni­sta ma­schi­le «tra­di­zio­na­le». «Mi ha vo­lu­to per­ché non ero il clas­si­co ido­lo del­le don­ne», spie­ga Go­sling, e in­tan­to col suo ma­glio­ne blu scu­ro e la bar­bet­ta in­col­ta è il ri­trat­to del di­vo in li­be­ra usci­ta. «Per­ché per qual­che mo­ti­vo gli ri­cor­da­vo più un uo­mo co­mu­ne che il clas­si­co ti­po da film del ge­ne­re». Ma ora, chie­do, che ef­fet­to gli fa es­se­re co­sì po­po­la­re tra le don­ne? Si con­tor­ce sul­la se­dia. «Non so ri­spon­de­re».

Do­po qual­che mia in­si­sten­za, e al­tret­tan­te con­tor­sio­ni: «Sa, io ho vis­su­to an­che la si­tua­zio­ne op­po­sta. Da ra­gaz­zo, non è sem­pre an­da­ta co­sì, per nien­te. E io com’era pri­ma lo ri­cor­do be­ne». Pri­ma, rac­con­ta, ai pro­vi­ni non lo pren­de­va­no nep­pu­re in con­si­de­ra­zio­ne per la par­te di quel­lo che con­qui­sta la ra­gaz­za: lui era sem­pre il mi­glio­re ami­co, o il ti­zio stra­no. Sa­rà per quel­lo, az­zar­do, che è il muf­fin pre­fe­ri­to dal­le don­ne pen­san­ti? «Muf­fin?», ri­pe­te di­sgu­sta­to. «Que­sta è nuo­va». Ri­de. «E non mi pia­ce per nien­te». Mi cor­reg­go. Il suo fa­sci­no, di­co, vie­ne in par­te pro­prio dal non es­se­re il clas­si­co bo­naz­zo atle­ti­co. «Sì, in ef­fet­ti da ra­gaz­zo non ero uno spor­ti­vo, e all’epo­ca i ma­schi che pia­ce­va­no al­le ra­gaz­ze era­no quel­li atle­ti­ci. Io stu­dia­vo dan­za. E sta­vo sem­pre in mez­zo al­le ra­gaz­ze. Quan­do par­la­va­no di ma­schi mi coin­vol­ge­va­no nei lo­ro di­scor­si, ed era fru­stran­te. Pen­sa­vo: se con me si sen­to­no co­sì li­be­re di par­la­re, vuol di­re che nep­pu­re mi con­si­de­ra­no da quel pun­to di vi­sta. E la co­sa mi da­va mol­to fa­sti­dio». Poi pe­rò si è ri­fat­to: non ca­pi­ta a tut­ti di ac­ca­lap­pia­re Eva Men­des. Gli chie­do co­me è sta­to di­ri­ger­la. «Mi ha aiu­ta­to. È una che de­te­sta ve­der sot­to­li­nea­re i suoi me­ri­ti, si ar­rab­bie­rà per­ché l’ho fat­to in que­sta in­ter­vi­sta. Ma mi ha aiu­ta­to tan­tis­si­mo».

Di quel film Ryan – che an­ni fa ave­va una band, i Dead Man’s Bo­nes – ha an­che scrit­to ed ese­gui­to la co­lon­na so­no­ra. Del re­sto, il suo sen­so del­la mu­si­ca non è una sor­pre­sa per chi l’ha vi­sto su YouTu­be nei vi­deo del Club di To­po­li­no («Ti vie­ne vo­glia di pren­de­re quel ra­gaz­zi­no e far­gli ab­bas­sa­re la cre­sta. So­no sem­pre sta­to un po’ trop­po si­cu­ro di me per il ta­len­to che ave­vo: è la fi­lo­so­fia del “con­ti­nua a fin­ge­re, che pri­ma o poi ci cre­do­no”»). Sa re­ci­ta­re, can­ta­re e bal­la­re: lo fa­reb­be un mu­si­cal? «Sì», ri­de. «Ma­ga­ri una co­sa al­la Ma­gic Mi­ke ». Po­co tem­po do­po il no­stro in­con­tro, In­ter­net im­paz­zi­sce quan­do Rid­ley Scott ri­ve­la che nel nuo­vo Bla­de Run­ner il pro­ta­go­ni­sta sa­rà Ryan. A me pe­rò elet­triz­za di più l’al­tra no­ti­zia: Go­sling tor­ne­rà in cop­pia con Em­ma Sto­ne pro­prio in un mu­si­cal, La La Land. Sen­to pro­fu­mo di Dir­ty Dan­cing.

(tra­du­zio­ne di Mat­teo Co­lom­bo)

FO­TO ART STREIBER

Ryan Go­sling, 35 an­ni, è un ban­chie­re di Wall Street nel film La gran­de scom­mes­sa,

can­di­da­to a 5 Oscar.

1

2

3

4

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.