CA­RO­LYN SMI­TH

SO­NO MA­LA­TA, NON MI NA­SCON­DO

Vanity Fair (Italy) - - Da Prima Pagina - di RAF­FAEL­LA SE­RI­NI

Co­me pre­fe­ri­sce che lo chia­mi, tu­mo­re o cancro? «Lo chia­mi in­tru­so: è qui, ma nes­su­no l’ha in­vi­ta­to». La for­za di que­sta pic­co­la, gran­de (ed ele­gan­te) don­na è rac­chiu­sa in una scrit­ta sul polso: Free­dom, Smi­le, Choi­ce (Li­ber­tà, Sor­ri­so, Scel­ta). «Amo la li­ber­tà e mi pia­ce sor­ri­de­re an­che nei mo­men­ti più brut­ti», di­ce Ca­ro­lyn Smi­th, ov­via­men­te col sor­ri­so. Il mo­men­to più brut­to, l’in­se­gnan­te di dan­za e im­pla­ca­bi­le giu­ra­ta di Bal­lan­do con le stel­le, lo sta vi­ven­do da al­cu­ni me­si, do­po che a set­tem­bre, gra­zie ai suoi ca­gno­li­ni, ha sco­per­to di ave­re un «in­tru­so» al se­no: «Una mat­ti­na mi sal­ta­va­no ad­dos­so e nel toc­car­mi ho sen­ti­to una co­sa du­ra, vi­ci­no all’ascel­la. Do­po qual­che tem­po è ar­ri­va­ta la dia­gno­si». La vi­ta pri­ma del­la dia­gno­si, Ca­ro­lyn Smi­th ce l’ha ta­tua­ta qua e là sul cor­po. A ogni even­to cor­ri­spon­de un di­se­gno («per l’in­tru­so de­vo an­co­ra de­ci­de­re, ma sa­rà po­si­ti­vo»). Il pri­mo ta­tuag­gio, «una ro­sa bel­lis­si­ma che non muo­re mai», non me lo fa ve­de­re. «È “lì, in­fat­ti quan­do i me­di­ci mi fan­no le pun­tu­re di­co­no sem­pre “che bel­lo”», rac­con­ta con gli oc­chi vi­spi e lu­mi­no­si, che di ri­de­re non si stan­ca­no mai. Na­ta 55 an­ni fa a Pai­sley, il pae­se del cash­me­re, in Sco­zia, Ca­ro­lyn è cre­sciu­ta a Gla­sgow, «la cit­tà dei sor­ri­si», vi­ci­no a due fa­mi­glie ita­lia­ne: «Per que­sto so­no sem­pre sta­ta os­ses­sio­na­ta dal vo­stro Pae­se», spie­ga. E ag­giun­ge che lei, no­no­stan­te sia stra­nie­ra, gli spa­ghet­ti col cuc­chia­io non li ha man­gia­ti mai («a che ser­ve?»). La pri­ma vol­ta in Ita­lia era in va­can­za a Ric­cio­ne, nel 1974, e ave­va 14 an­ni. «Im­pa­ra­vo la lin­gua fa­cil­men­te, mia ma­dre di­ce­va che ero la stra­nie­ra di ca­sa. Ri­spon­de­vo: un gior­no spo­se­rò un ita­lia­no e vi­vrò in Ita­lia». E co­sì è an­da­ta, an­che se la pri­ma vol­ta, nell’82, l’ita­lia­no spo­sa­to era quel­lo sba­glia­to. «Ave­vo 22 an­ni, ero gio­va­ne e in­ge­nua: mi so­no le­ga­ta a un bal­le­ri­no to­ri­ne­se che cre­de­vo mi amas­se e in­ve­ce mi “ven­de­va” per la dan­za. Quan­do nell’86 ho ini­zia­to a ca­pi­re be­ne la lin­gua mi so­no re­sa con­to che ero sta­ta una stu­pi­da». Og­gi, pe­rò, di quell’ex ma­ri­to è an­co­ra ami­ca, per­ché «la vi­ta è trop­po bre­ve per li­ti­ga­re». Le uni­che per­so­ne con cui non par­la più so­no le fi­glie del­la so­rel­la, mor­ta di tu­mo­re an­ni fa. «Han­no ini­zia­to a li­ti­ga­re per i sol­di e a me non pia­ce­va, co­sì ho de­ci­so di fa­re die­ci pas­si in­die­tro». Dal 1997, i suoi pas­si – di dan­za e no – li muo­ve con Ti­no, suo se­con­do ma­ri­to («ma vie­ne sem­pre do­po i ca­ni»). «Li­ti­ghia­mo, fac­cia­mo pa­ce e an­dia­mo avan­ti. Ab­bia­mo il bal­lo nel cuo­re: ci esi­bia­mo in­sie­me e ge­stia­mo le no­stre scuo­le spar­se per il mon­do». Ca­ro­lyn ha ini­zia­to a stu­dia­re dan­za a 4 an­ni: «Ero una bam­bi­na ipe­rat­ti­va, mia ma­dre pur di stan­car­mi mi por­ta­va a tut­ti i cor­si, dal tip tap al­la clas­si­ca. Ma io più fa­ce­vo, più ener­gie ave­vo». Og­gi, con­tro l’in­tru­so, quell’ener­gia le tor­na uti­le. «So quel­lo che vo­glio e se non pos­so aver­lo su­bi­to la­vo­ro fin­ché l’ot­ten­go. Ho de­ci­so di fa­re la ma­ra­to­na di New York: se non que­st’an­no, nel 2017». La ma­lat­tia la fa sen­ti­re im­po­ten­te? «Mi fa ar­rab­bia­re la gen­te che per­de tem­po, che non tro­va il co­rag­gio per fa­re ciò che de­si­de­ra: mai spre­ca­re un’oc­ca­sio­ne, il tem­po, la vi­ta». Non è il suo ca­so. «Io so­no in­stan­ca­bi­le ed era­no an­ni che mi di­ce­vo “cal­ma­ti”. L’in­tru­so mi sta co­strin­gen­do a sta­re fer­ma e ne so­no qua­si gra­ta, per­ché ho sco­per­to al­tri pia­ce­ri. L’al­tro gior­no ho pre­so un caf­fè se­du­ta al ta­vo­li­no di un bar. Ho pen­sa­to che quel­lo fos­se il lus­so: la vi­ta non è so­lo la­vo­ra­re ma go­der­si il mo­men­to. E og­gi me lo go­do tan­tis­si­mo». Per­ché ha de­ci­so di par­te­ci­pa­re co­mun­que al nuo­vo Bal­lan­do con le stel­le? «La­vo­ro mol­to all’estero ( la sua Ca­ro­lyn Smi­th Dan­ce Aca­de­my ha se­di in Ita­lia, Rus­sia, Ucrai­na, Po­lo­nia e Gran Bre­ta­gna, ndr) ma ora non pos­so viag­gia­re: se mi to­gli an­che Bal­lan­do va­do sot­to ter­ra. A Mil­ly, che in que­sto mo­men­to mi è mol­to vi­ci­na, ho det­to: non az­zar­dar­ti a far­mi usci­re dal pro­gram­ma». An­da­re in on­da il sa­ba­to se­ra su Ra­iu­no si­gni­fi­ca di­ven­ta­re un sim­bo­lo del­la lot­ta al cancro. È pron­ta? «Io non mi ren­do con­to. L’al­tro gior­no so­no an­da­ta in Tv, poi so­no sta­ta fi­no al­le due di not­te a ri­spon­de­re al­la gen­te che mi scri­ve­va “gra­zie per il co­rag­gio”. L’am­bien­te in­tor­no ai ma­la­ti non è sem­pre po­si­ti­vo e io vo­glio di­mo­stra­re che la vi­ta va avan­ti, le pas­sio­ni non si fer­ma­no. Nei re­par­ti on­co­lo­gi­ci è una tri­stez­za: io so­no sem­pre lì che mi muo­vo con la mu­si­ca, e tut­ti mi guar­da­no stor­to. Per i cor­ri­doi va­do spes­so in gi­ro an­che “nu­da”, sen­za par­ruc­ca: noi don­ne sia­mo nel­la stes­sa si­tua­zio­ne, ci dob­bia­mo uni­re. La gen­te in­tor­no non ca­pi­sce». Dov’è l’er­ro­re? «Da un la­to c’è chi di­ce “or­mai il tu­mo­re al se­no è nor­ma­le”, che in un cer­to sen­so è ve­ro, ma si de­ve af­fron­ta­re un per­cor­so co­mun­que mol­to du­ro; dall’al­tro, il tu­mo­re è vi­sto so­lo co­me un dram­ma, an­che se la ri­cer­ca ha fat­to mol­ti pro­gres­si. Il mio uf­fi­cio mar­ke­ting non vo­le­va che pub­bli­cas­si la fo­to col fou­lard su Fa­ce­book, per­ché non la con­si­de­ra­va buo­na per gli af­fa­ri. Ma gli af­fa­ri so­no i miei, l’in­tru­so è mio e il ri­schio pu­re». C’è il ri­schio che qual­cu­no si sen­ta ur­ta­to

dal­la sua pre­sen­za a Bal­lan­do? Ma­ga­ri chi, fa­cen­do la che­mio, la for­za di an­da­re a la­vo­ra­re non ce l’ha. «Ognu­no de­ve fa­re ciò che sen­te. Io, fin­ché sto in pie­di, be­ne, e pos­so da­re, do. Se e quan­do sta­rò ma­le o sa­rò stan­ca, mi fer­me­rò per­ché non so­no un su­pe­re­roe. Pe­rò so­no il boss di me stes­sa e se non va­do a la­vo­ra­re non rie­sco a pa­gar­mi le cu­re». A che pun­to è la te­ra­pia? «Fi­ni­sco la che­mio il 29 mar­zo e do­po la fi­na­le di Bal­lan­do fa­rò l’in­ter­ven­to. Stia­mo fa­cen­do gli esa­mi ge­ne­ti­ci: ho per­so una so­rel­la per il cancro e an­che mio pa­dre ha da po­co sco­per­to di ave­re un tu­mo­re all’eso­fa­go. In ba­se ai ri­sul­ta­ti mi di­ran­no se por­te­ran­no via un pez­zo, un se­no, due o an­che le ova­ie. Io un’al­tra che­mio non la fac­cio, quin­di to­glies­se­ro pu­re ciò che è ne­ces­sa­rio, al­la mia età non ho più bi­so­gno di cer­te co­se». Co­sa ne pen­sa de­gli ospe­da­li ita­lia­ni? «A Pa­do­va so­no in cu­ra al­lo Iov e ho tro­va­to un team fan­ta­sti­co. Mi sto at­trez­zan­do per or­ga­niz­za­re dei cor­si di dan­za­te­ra­pia e di­mo­stra­re scien­ti­fi­ca­men­te che il bal­lo aiu­ta il cor­po e la men­te». I più la co­no­sco­no so­lo per Bal­lan­do, le di­spia­ce? «Al­cu­ne per­so­ne mi chie­do­no “Che la­vo­ro fai?” e si stu­pi­sco­no quan­do di­co che so­no un’in­se­gnan­te di dan­za. Ma ci so­no mol­te sod­di­sfa­zio­ni: una si­gno­ra di 90 an­ni che vi­ve so­la di re­cen­te mi ha rac­con­ta­to che lei, il sa­ba­to se­ra, va in ca­me­ra da let­to, si met­te il ve­sti­to lun­go, le scar­pe da bal­lo e tor­na ra­gaz­za guar­dan­do Bal­lan­do ». Il suo look in trasmissione co­me sa­rà? «Mol­to co­lo­ra­to: lo è sem­pre sta­to, ma que­st’an­no an­co­ra di più». Su In­sta­gram pub­bli­ca an­che fo­to di lei cal­va. È an­co­ra un ta­bù? «Per me no, an­che se in gi­ro ci va­do co­per­ta per­ché oh, è in­ver­no, fa fred­do! E non vo­glio im­ba­raz­za­re gli al­tri». Quan­do la ri­co­no­sco­no in ospe­da­le che co­sa suc­ce­de? «Una si­gno­ra l’al­tro gior­no sta­va sfo­glian­do un gior­na­le con la mia fo­to. Si è gi­ra­ta, mi ha vi­sta: “E tu co­sa ci fai qua?”. “Leg­gi, ho un tu­mo­re”. E lei: “Dav­ve­ro, an­che tu?”».

FO­TO AMIL­CA­RE & ALEX • SER­VI­ZIO FA­BIO FI­NAZ­ZI

Ca­ro­lyn Smi­th fa par­te del­la giu­ria di Bal­lan­do con le stel­le dal 2007. A si­ni­stra, nel 2013 con i col­le­ghi Fa­bio Ca­ni­no, Ra­fael Amar­go, Ivan Zaz­za­ro­ni e Guil­ler­mo Ma­riot­to. Que­st’an­no so­lo Amar­go sa­rà so­sti­tui­to, di­co­no, da Sel­vag­gia

Lu­ca­rel­li.

VIN­CA IL MI­GLIO­RE

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.