«AL FE­STI­VAL CON­TA IL RI­TOR­NEL­LO. E CO­SÌ LA NO­STRA CAN­ZO­NE È FAT­TA SO­LO DI RI­TOR­NEL­LI»

A San­re­mo ELIO E LE STO­RIE TE­SE pun­ta­no ad ar­ri­va­re «pri­mi dei 5 eli­mi­na­ti». Per­ché la ri­cer­ca del suc­ces­so (ve­di al­la vo­ce ta­lent) non è sem­pre l’idea vin­cen­te

Vanity Fair (Italy) - - Social -

Il sen­so del­la sfi­da di par­te­ci­pa­re a San­re­mo, la rias­su­me Ce­sa­reo men­tre sta an­dan­do via: «Per noi an­da­re al fe­sti­val non è co­me per qua­lun­que al­tro grup­po. So­no tut­ti lì a chie­der­si: “Che co­sa com­bi­ne­ran­no?”. Dob­bia­mo per for­za in­ven­tar­ci qual­co­sa di sor­pren­den­te». Una mez­zo­ra pri­ma pro­prio con lui ave­va­mo fat­to il rie­pi­lo­go del­le tro­va­te sce­ni­che del­le due par­te­ci­pa­zio­ni pre­ce­den­ti. Vent’an­ni fa esat­ti, nel 1996, con La ter­ra dei ca­chi: il brac­cio fin­to di Elio e il to­tal look ar­gen­ta­to sti­le Roc­ke­ts. Nel 2013, con La can­zo­ne mo­no­no­ta: le fron­ti al­tis­si­me, la ver­sio­ne nanetti (per Un ba­cio pic­co­lis­si­mo, can­ta­ta du­ran­te la se­ra­ta de­di­ca­ta al­la sto­ria del fe­sti­val) e quel­la obe­sa. Men­tre per il se­con­do bra­no, Dan­na­ti fo­re­ver, che, pe­rò, fu scar­ta­to dal­la ga­ra, si era­no ve­sti­ti da chie­ri­chet­ti.

Un lie­to ri­tor­nel­lo che non c’en­tra un *@%$#

Il bra­no che pre­sen­ta­no que­st’an­no, Vin­ce­re l’odio, lo ascol­to men­tre scat­ta­no le fo­to­gra­fie. Roc­co Ta­ni­ca mi spie­ga il «sen­so». «Na­sce dal­la con­sta­ta­zio­ne che, al fe­sti­val, quel­lo che con­ta è il ri­tor­nel­lo. Il che si­gni­fi­ca, com­ples­si­va­men­te, de­cen­ni spre­ca­ti ad ascol­ta­re in­tro­du­zio­ni stru­men­ta­li, stro­fe no­io­se, as­so­li. Que­sta can­zo­ne è fat­ta so­lo di ri­tor­nel­li». Tut­ti o qua­si i pos­si­bi­li cli­ché ascol­ta­ti fi­no­ra, con un fi­na­le epi­co al­la Mas­si­mo Ra­nie­ri. Nel 2013, gli Elii si piaz­za­ro­no se­con­di («Men­tre noi am­bi­va­no al quar­to po­sto. Una dé­bâ­cle»). Nel 1996, lo stes­so. An­zi, pro­ba­bil­men­te ar­ri­va­ro­no pri­mi, al po­sto di Ron. Si par­lò di bro­gli o quan­to me­no di conteggi sba­glia­ti. Fu aper­ta un’in­chie­sta, ed Elio ven­ne con­vo­ca­to in pre­tu­ra co­me per­so­na in­for­ma­ta dei fat­ti. «All’ini­zio», rac­con­ta, «sem­bra­va che fos­si­mo sta­ti vit­ti­ma di un er­ro­re nel­la con­ta dei vo­ti, an­zi, di una truf­fa. Ma, poi, Gior­gia mi dis­se che an­che a lei ave­va­no det­to che era ar­ri­va­ta pri­ma. In­som­ma, non si è mai ca­pi­to co­me an­dò ve­ra­men­te». «Que­st’an­no ci au­gu­ria­mo di ar­ri­va­re pri­mi dei cin­que eli­mi­na­ti ( E, quin­di, ripescati per la fi­na­le, ndr)», di­ce Roc­co Ta­ni­ca. «Co­mun­que, io non so­no in ga­ra». Sem­bra uno scher­zo, ma non lo è. La scor­sa esta­te ave­va­no pro­po­sto a Roc­co Ta­ni­ca di con­dur­re, co­me nel 2015, la ras­se­gna stam­pa del fe­sti­val. «All’epo­ca non ave­va­mo an­co­ra scrit­to la can­zo­ne e, co­sì, ho ac­cet­ta­to». Ri­sul­ta­to: a San­re­mo ci sa­rà an­che lui, ma non in ga­ra con gli al­tri. Il cli­ma, rac­con­ta­no, sa­rà quel­lo di una gi­ta di clas­se del­le me­die. «Che, poi, è lo stes­so di quan­do ci tro­via­mo tut­ti in­sie­me a fa­re un ser­vi­zio fo­to­gra­fi­co». (Con­fer­mo, c’è an­che quel­lo: Jan­to­man si fa un son­nel­li­no men­tre tut­ti in­tor­no fan­no ca­si­no). La dif­fe­ren­za è che, al­lo­ra, sul pull­man, can­ta­va­no Quel maz­zo­lin di fio­ri e la se­rie del­le «Oste­rie».

Vin­ce­re l’odio (e per­de­re i na­stri)

Al­tri tem­pi. Del re­sto, ba­sta ve­de­re i pri­mis­si­mi fil­ma­ti de­gli Elii nei dvd al­le­ga­ti al­la nuo­va edi­zio­ne ri­ma­ste­riz­za­ta dei lo­ro pri­mi tre al­bum. Il tut­to è rac­col­to nel co­fa­net­to Ca­co­la­ti­ni, men­tre la par­te vi­deo è an­da­ta in on­da su Sky Ar­te HD con il ti­to­lo Non tut­ti i Mal ven­go­no per nuo­ce­re, un gio­co di pa­ro­le in quan­to Mal dei Pri­mi­ti­ves fin­ge di es­se­re il lo­ro pro­dut­to­re se­gre­to.

Afi­ne in­ter­vi­sta, nel sa­lu­tar­ci le di­co che quan­do pri­ma si pren­de­va una pau­sa di si­len­zio bre­ve e poi met­te­va in­sie­me tut­to d’un fia­to Al­ber­to An­ge­la e la prin­ci­pes­sa Mu­lan, He­gel e Fe­dez, ve­ni­va in men­te una fra­se del film Ca­rol. «La so», m’in­ter­rom­pe. «De­ve es­se­re: “Che stra­na ra­gaz­za è lei, sem­bra piovuta dal­lo spa­zio”». Fran­ce­sca Mi­chie­lin lo sa: è una ra­gaz­za stra­na, e sem­bra piovuta dav­ve­ro dal­lo spa­zio. An­che ades­so che, cin­que an­ni do­po la vit­to­ria a X Factor, si av­vi­ci­na al pri­mo San­re­mo sor­ri­den­do nel­la sua man­tel­la scoz­ze­se. Toc­can­do­si le pun­te dei ca­pel­li rac­con­ta che la sua can­zo­ne per l’Ari­ston, Nes­sun gra­do di se­pa­ra­zio­ne, è au­to­bio­gra­fi­ca («A vol­te ve­do qual­cu­no che ma­ga­ri sta so­lo cam­mi­nan­do e mi com­muo­vo»), ma so­prat­tut­to «so­cia­le» («Non avrei mai po­tu­to por­ta­re sto­rie d’amo­ri de­pres­si: è un mo­men­to sto­ri­co te­so, in cui pez­zi co­sì ser­vo­no a nien­te»). Lo zai­no è pron­to: un li­bro sul viag­gio, « Sul­la stra­da di Ke­rouac», un tac­cui­no, «che le pa­ro­le non av­vi­sa­no mai quan­do ar­ri­va­no», e una ma­sche­ri­na ti­po quel­la dell’ae­ro­sol, «per scal­da­re la vo­ce». «Par­ti­rò in pul­mi­no, lo vi­vrò co­me un cam­peg­gio». Cioè? «Una set­ti­ma­na fuo­ri dal cer­chio del­le si­cu­rez­ze. Co­me il cam­ping che fe­ci a Fog­gia, tra i brac­cian­ti dei cam­pi di po­mo­do­ro sfrut­ta­ti. Lì ho im­pa­ra­to che ci so­no po­sti in cui en­tri pen­san­do di po­ter fa­re del be­ne, pe­rò poi sei tu che ne esci ri­vo­lu­zio­na­to». Co­me si sta pre­pa­ran­do? «Pa­le­stra e die­ta. Mi man­ca la piz­za bian­ca con pe­pe­ro­ni e pa­ta­te, ma la fa­ti­ca ap­pa­ga e man­gian­do sa­no an­che la men­te sta me­glio. Un al­tro bell’al­le­na­men­to è sta­to il mio Nice to meet you tour ap­pe­na con­clu­so. Co­me fa­re roc­cia: sta­re so­la sul pal­co con i tuoi 5 stru­men­ti non è uno scher­zo, vuol di­re ri­ve­lar­ti nel mo­do più in­ti­mo, ge­sti­re il fia­to, la ten­sio­ne». Già al li­ceo suo­na­va nel­le Monkey Nu­ts. «Le Noc­cio­li­ne, pic­co­le ma buo­ne: ero la bas­si­sta. Quan­do le ho la­scia­te per X Factor, a quel “Tor­ne­rò” cre­de­vo. E in­ve­ce… Con la chi­tar­ri­sta ci sia­mo ri­tro­va­te ora al Con­ser­va­to­rio, so­gno di scri­ve­re co­lon­ne so­no­re men­tre con­ti­nuo con Fi­lo­so­fia». Ipe­rat­ti­va… «Dal cer­vel­lo tri­di­men­sio­na­le: quan­do fac­cio qual­co­sa ne sto fa­cen­do già un’al­tra e sto pen­san­do di far­ne un’al­tra an­co­ra. So­no na­ta in­quie­ta, non l’ho scel­to». In­tan­to ha già la­vo­ra­to con Eli­sa e Fe­dez. «Eli­sa è sta­ta la mia mae­stra d’ar­te: se so­no qui, lo de­vo a quel­la se­ra del 2001 in cui l’ho vi­sta a San­re­mo, can­ta­re bian­ca e scal­za Lu­ce. Di Fe­dez mi ha col­pi­to su­bi­to la sua Mo­le­ski­ne: ci ap­pun­ta­va tut­to, pro­prio co­me me». Sa­rà a pie­di nu­di all’Ari­ston? «È fi­ni­ta la mia era hippie: ri­spet­te­rò il tem­pio». Al Fe­sti­val sfi­de­rà Elio e Mor­gan del suo X Factor. «So­no miei ido­li. No­no­stan­te fos­si del­la squa­dra di Si­mo­na Ven­tu­ra, Elio ha sem­pre ti­fa­to per me. Da al­lo­ra si com­por­ta co­me uno zio, mi chie­de co­me van­no gli stu­di. Di Mor­gan ri­cor­do, una vol­ta, una fa­me pazzesca: gli cu­ci­nai una pa­sta. In cam­bio de­gli spa­ghet­ti al su­go lo bom­bar­dai di do­man­de». Elio pe­rò ci ha det­to che i ta­lent ri­schia­no di non pro­muo­ve­re la spe­ri­men­ta­zio­ne tra i gio­va­ni. «Non è il ta­lent in sé che cam­bia il li­vel­lo, è chi par­te­ci­pa che fa la dif­fe­ren­za. Nel mio pic­co­lo ho sem­pre cer­ca­to di se­gui­re un per­cor­so, di spe­ri­men­ta­re, di cre­sce­re mu­si­cal­men­te pri­ma, du­ran­te e do­po X Factor ». Fi­no a qual­che tem­po fa era fi­dan­za­ta. « Sul­la stra­da in­se­gna: “Ci vol­tam­mo do­po 12 pas­si, per­ché l’amo­re è un duel­lo, e ci guar­dam­mo per l’ul­ti­ma vol­ta”. Si­gni­fi­ca che l’amo­re c’è. So­lo che da sem­pre ci abi­tua­no a pen­sa­re che sia tra due, ma non è co­sì. La mag­gior par­te del­le prin­ci­pes­se Di­sney si in­na­mo­ra­no, si spo­sa­no, re­gna­no. Fa­ci­le. Ma esi­ste an­che Mu­lan: com­bat­te al po­sto del pa­dre e salva la Ci­na. Non è for­se amo­re il suo?». Il suo uo­mo idea­le? «Al­ber­to An­ge­la: ha il fuo­co den­tro per il suo la­vo­ro, e per que­sto ha fa­sci­no». At­trat­ta da­gli uo­mi­ni più gran­di? «Con i più pic­co­li non è mai suc­ces­so, co­mun­que se in­con­tri una bel­la ani­ma te ne fre­ghi di quan­ti an­ni ha. Ma co­me scri­vo in un te­sto nuo­vo: “Tro­va­re in me la fon­te del­la fe­li­ci­tà: que­sta è la mia sfi­da”». Ma por­ta sem­pre il cap­pel­lo? «Mi pro­teg­ge, co­me la co­per­ta per Li­nus. Dal­la mia te­sta scap­pa­no pal­lon­ci­ni, che al­me­no re­sta­no at­tac­ca­ti a quel sof­fit­to». Per­ché ha de­di­ca­to il vi­deo­clip 25 feb­bra­io, il suo com­plean­no, al ma­re? «Gior­gia un gior­no mi chie­se di che se­gno fos­si. “Pe­sci”. “Sap­pi che nel ma­re c’è tan­ta con­fu­sio­ne, ma an­che tan­ta li­ber­tà”. Co­sì in me. An­che se so­no cre­sciu­ta sul­le col­li­ne di Bas­sa­no del Grap­pa, tra fra­go­le di bo­sco ed He­ming­way».

Av­ver­ten­za

Il pro­ble­ma di chi in­ter­vi­sta gli Elii è la ne­ces­si­tà di di­scer­ne­re fra ri­fles­sio­ne se­ria e caz­zeg­gio. Al di là del fat­to che tal­vol­ta è dav­ve­ro im­pos­si­bi­le

di­stin­gue­re, il ve­ro pro­ble­ma, pas­sa­te­mi il ter­mi­ne, è più fi­lo­so­fi­co.

La com­mi­stio­ne del­le sud­det­te ca­rat­te­ri­sti­che, in­fat­ti, è da sem­pre la lo­ro ci­fra ar­ti­sti­ca, per cui, a se­pa­ra­re e ca­ta­lo­ga­re, non gli si ren­de giu­sti­zia

al 100 per cen­to. Ciò det­to, la qua­si to­ta­li­tà del­le bat­tu­te fat­te da­gli Elii (o Ee­lST) du­ran­te que­sta in­ter­vi­sta

so­no sta­te stral­cia­te. Per il sem­pli­ce fat­to che, una vol­ta scrit­te, non fan­no più ri­de­re. Voi, pe­rò, fa­te uno sfor­zo, e im­ma­gi­na­te­le

men­tal­men­te qui e là.

Fran­ce­sca Mi­chie­lin, nel 2011 con il tro­feo di X Factor 5, vin­to a 16 an­ni.

TA­LENT PRE­CO­CE

IL PRI­MO MA­GNI­FI­CO

Esce il 19 feb­bra­io di20a­re di Fran­ce­sca Mi­chie­lin, con 3 ine­di­ti e Tut­to è ma­gni­fi­co, la ver­sio­ne ori­gi­na­le e ri­vi­si­ta­ta di Ma­gni­fi­co, il duet­to con Fe­dez.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.